Carcere e tribunale militare: cosa rischia chi ha diffuso la foto bendato

L'informativa dell'Arma sulla foto dell'americano bendato. Si muove la procura. Già identificati i carabinieri presenti

Lo ha detto anche il premier Giuseppe Conte: quella foto dell'americano bendato nella caserma dei carabinieri rischia di configrare "gli estremi di un reato o, forse di due reati". L'infinita polemica sul "trattamento" riservato a Gabriel Natale Hjorth, uno dei due govani accusati in concorso dell'omicidio di Mario Rega Cerciello, non finirà oggi. Anzi: chi ha diffuso lo scatto rischia qualcosa in più del semplice trasferimento.

Chi in queste ore è passato per la caserma di via Selci dove è avvenuto il fattaccio parla di un ambiente dove c'è consapevolezza del "casino" provocato. L'Arma ha "impartito la direttiva di non far uscire più nemmeno un francobollo" ed è dunque probabile che non vedremo altre immagini trapelare qua e là. "Tutti credono sia stata una cazzata doppia: sia bendarlo che fare e diffondere la foto", sussurrano a più riprese uomini in divisa. Anche perché, si sa, l'Italia è quel Paese dove è alto il rischio che si parli più della benda che delle 11 coltellate inferte al corpo inerme di Cerciello.

L'Arma si è già scusata e ha subito preso provvedimenti. Ufficialmente Natale è stato bendato per evitare vedesse documenti riservati sugli schermi dei pc della caserma, e comunque i militari giurano sia stato a occhi chiusi per non più di 5 minuti. Come spiegato dal procuratore di Roma, Michele Prestipino, infatti, gli interrogatori sono stati registrati e "Natale Hjorth non ci ha detto del fatto che fosse stato bendato prima di essere sentito da noi magistrati". "In ogni caso - ha però assicurato l'Arma - abbiamo già denunciato alla magistratura quanto accaduto e gli esiti dei nostri accertamenti".

E qui arrivano le cattive notizie, almeno per chi ha diffuso l'immagine. La sua identità è finita oggi nell'informativa consegnata ai magistrati. In ambienti militari stentano a dirlo chiaramente, ma in molti sanno che l'autore dello scatto passerà un brutto quarto d'ora. La Procura di Roma promette "rigore" nell'accertare i fatti. Ma quello che in pochi sanno è che sebbene il pm "civili" si siano già mossi, se il malcapitato è davvero un carabiniere potrebbe poi essere la procura militare a farsi carico della questione. Applicando il codice penale militare.

Per quanto riguarda la procura ordinaria, è probabile che contesterà la violazione dell'articolo 326 comma I del codice penale, ovvero la rivelazione di segreti d'ufficio. È infatti punito con la reclusione da sei mesi a tre anni "il pubblico ufficiale o la persona incaricata di un pubblico servizio, che, violando i doveri inerenti alle funzioni o al servizio, o comunque abusando della sua qualità, rivela notizie di ufficio, le quali debbano rimanere segrete, o ne agevola in qualsiasi modo la conoscenza".

Inoltre va tenuto conto che è anche vietato fotografare ambienti militari, soprattutto se si rischia di violare la riservatezza degli agenti al loro interno o di documenti e dati segreti e sensibili.

Altre grane arriveranno poi dalla procura militare. La legge prevede che lo stesso reato possa essere contestato una sola volta, dunque bisognerà decidere se la competenza spetta al tribunale militare o a quello civile. Ad una prima lettura, gli esperti propendono per la prima ipotesi, visto che la norma militare è speciale e prevale su quella ordinaria. Sempre, ovviamente, che il soggetto in questione sia un appartenente all'Arma.

In quel caso, il reato sarebbe quello descritto dall'articolo 127 del codice penale militare di pace. "Il militare, che rivela notizie concernenti il servizio o la disciplina militare in generale, da lui conosciute per ragione o in occasione del suo ufficio o servizio, e che devono rimanere segrete - si legge - è punito con la reclusione militare da sei mesi a tre anni".

Resta infine un'ipotesi "fantascientifica" e complottista. Si è parlato della possibilità che la fotografia sia stata scattata apposta per annullare gli atti processuali (cosa, peraltro, molto difficile), favorire così la scarcerazione dell'americano e mettere in difficoltà il procuratore D'Aloia. In questo caso, si applicherebbe l'articolo 378 c.p. sul "favoreggiamento personale", con pena prevista fino a 4 anni di carcere.

Tutto, ovviamente, è in mano ai pm. Una cosa però è certa: quella foto non doveva circolare così.

Commenti

bernardo47

Mar, 30/07/2019 - 17:15

Ora vediamo se gira e rigira con le bischerate continue, in carcere ci finiscono i carabinieri e gli assassini tornano invece a casa loro! Da non credere!

leopard73

Mar, 30/07/2019 - 17:28

Questo vale anche per i GIUDICI che spifferano notizie ai giornali di loro gradimento!!!!!

Ernestinho

Mar, 30/07/2019 - 17:34

Un gesto di estrema stupidità! Ma adesso parliamo soprattutto del bestiale assassinio!

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mar, 30/07/2019 - 17:35

Si faccia la trafila legislativa prevista senza avere alcun riguardo: chi sbaglia deve pagare.

parmenide

Mar, 30/07/2019 - 17:35

non è dato di sapere con certezza chi abbia scattato la foto: un militare o altri preenti nella stanza dell' interrogatorio. Non si capisce del perchè si sia scattato questo fotogramma e si capisce ancor meno a quale scopo sia stato diffuso nel web. Danneggiare l' immagine dell' arma o stupidamente mostrare al popolo il " trofeo" per averne in qualche modo compiacimento ?

paolo b

Mar, 30/07/2019 - 17:43

non trovo nulla di male nella foto e nemmeno nella sua pubblicazione, quell'essere non ha avuto nessuna remora ad uccidere e poteva ancore fare danni ai carabinieri presenti, mi pare che in moltissimi paesi del mondo è prassi legare e bendare i detenuti, in america lo fanno senza remore ma anche in germani, francia Inghilterra austria Israele per citarne solo alcuni e non parliamo dei paesi islamici iran in testa arabie ecc. ecc. l'indignazione in italia dovrebbe essere rivolta contro che commette crimini non contro le forze dell'ordine e spero che qualcuno si svegli in parlamento e varino al più presto regole per cui ile forze dell'ordine possono usare le armi in dotazione per difendersi e dare loro la totale immunità per cui se non commettono volontariamente abusi non debbano nemmeno essere indagati

Ritratto di ANGELO POLI

ANGELO POLI

Mar, 30/07/2019 - 17:51

Certo che leggere la prontezza e l'accuratezza delle accuse a cui andranno incontro i colleghi del carabiniere appena morto accoltellato con 11 colpi per avere fatto una foto e bendato assassino confesso durante un interrogatorio e nello stesso giorno la leggerezza con cui si passa alla decisione di un giudice di lasciar tornare libero un clandestino(stupratore seriale) che aveva picchiato dei tutori della legge scusandolo perché clandestino fa veramente chiedersi a che punto sia arrivata la giustizia italiana e che cosa si aspetti da parte del ministro grillino della giustizia a mandare ispettori su certe sedi perché vengano finalmente prese decisioni su alcuni immediati licenziamenti di magistrati ideologizzati e incompetenti a giudicare su certe questioni, partendo dal presupposto che la legge è uguale per tutti e che i cittadini italiani sono di serie A e non B.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mar, 30/07/2019 - 17:53

parmenide - 17:35 Sicuramente un comportamento sbagliato ed infantile, fatto da chi non pensava di creare tanto trambusto. L'Arma è l'Arma, tuttavia anche lì dentro c'è chi non si comporta al meglio. Poco ma sicuro.

Ettore41

Mar, 30/07/2019 - 17:58

Ora per cortesia non difendiamo l'indifendibile. Bendato per non permettergli di vedere documenti riservati sui PC della caserma!!!!! Suvvia signori non prendeteci in giro. L'autore della foto può non essere un militare? E che ci faceva un civile nella stessa stanza dove era custodito il prigioniero? e con quali mansioni? E' mai possibile che con tutti i carabinieri presenti nessuno si sia accorto che il civile stava scattando foto? Se poi la foto e' stata scattata da un militare deve essere la procura militare a giudicarlo. All'articolo 127 io aggiungere l'art 120 di "Mancata Consegna". Esiste infatti una “consegna precisa, che determina tassativamente e senza spazi di discrezionalità quale debba essere il comportamento del militare in servizio” La consegna sta infatti nel fatto che il segreto militare non può essere divulgato.

Ritratto di giangol

giangol

Mar, 30/07/2019 - 17:59

ma che paese siamo diventati grazie alle zecche rosse!?!?!?!? ci sono personaggi che giustificano questo omicidio come una grossa cavolata perchè immaturi ma poi si finisce in carcere per una benda????

Ettore41

Mar, 30/07/2019 - 18:04

@parmenide..... Purtroppo io credo che sia esattamente quello che e' successo. L'autore dello scatto non ha pensato alle conseguenze ma riteneva di avere solo consensi dal pubblico.

Ritratto di faustopaolo

faustopaolo

Mar, 30/07/2019 - 18:06

E' notizia recente che negli States un pazzo ha fatto irruzione in una festa popolare ferendo ed uccidendo diverse persone. La polizia l'ha abbattuto senza troppe storie. E si fanno specie se ad un loro compaesano è stata messa una semplice bendatura? Ringrazino piuttosto.

Giorgio Rubiu

Mar, 30/07/2019 - 18:07

Esistono fotografie da tanti Paesi (tra cui Francia, Germania, Russia, United Kingdom) che mostrano persone arrestate bendate mentre le si portano in prigione. Sembra che sia una prassi abbastanza comune; ma, in questo caso, quella foto servirà egregiamente alla difesa, sicuramente formidabile, che gli US metteranno a disposizione dei loro cittadini. Un altro caso alla "Amanda Knox"? Probabile! nel frattempo noi siamo ancora in balia delle decisioni della provincia Indiana del Kerala a proposito dei nostri Marò che, probabilmente, non hanno ammazzato il pescatore indiano mentre uno di questi giovani delinquenti ha sicuramente ammazzato un carabiniere con un coltello da guerra che si è portato in valigia dagli US. La spavalderia dei due deriva dalla convinzione che, essendo americani, possono fare tutto ciò che vogliono in qualunque paese che non sia il loro poiché considerano gli altri Paesi come se fossero "Terzo Mondo".

Ritratto di Zizzigo

Zizzigo

Mar, 30/07/2019 - 18:08

Alle volte anche gli intelligenti fanno cose assolutamente stupide... non quella d'avere bendato un disgraziato assassino, ma d'averne pubblicata la foto.

bernardo47

Mar, 30/07/2019 - 18:09

Altro che benda dovevano mettergli a quel criminale assassino! Vergogna assassino americano!

perroviejo50

Mar, 30/07/2019 - 18:10

Non ci frega niente della benda.Parlateci del processo e della condanna.

edo1969

Mar, 30/07/2019 - 18:24

Solidarietà senza se e senza ma all’Arma. Onore a Mario: sempre con noi, sempre. Ora: se questi due maledetti assassini americani “si suicidassero” cadendo da un piano molto alto l’Italia intera ne sarebbe contenta. Invece che succederà? Attenzione, sono ricchissimi - almeno uno dei due pare - avranno i migliori avvocati, che dimostreranno la “reazione istintiva” in difesa da un’aggressione, poi la “tortura” con la benda in caserma e con le nostre leggi staranno dentro al massimo 2 o 3 anni, accetto scommesse.

edo1969

Mar, 30/07/2019 - 18:26

Marcello 508 hai pienamente ragione, chi gli ha messo la benda ha sbagliato: doveva mettergli una pallottola in testa, altro che la benda. Basta con la giustizia molle, basta con sto buonismo di mer§a, torniamo a fare in modo che chi delinque sia punito con la massima severità. Come nel Paese da cui provengono questi due giovani assassini.

Ettore41

Mar, 30/07/2019 - 18:26

@Marcello.508. Non credo che si possa parlare di militari che non si comportino per il meglio. Nel caso specifico propenderei per una leggerezza inconcepibile. Ma allora la domanda e': Cosa si insegna nelle scuole di reclutamento e formazione? Alcuni concetti sono dei pilastri della disciplina militare. La responsabilità di alcune azioni non sta mai da una parte sola.

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Mar, 30/07/2019 - 18:27

POVERA ITALIA CHE RAZZA DI GIUDICI. SI ACCANISCONO SU UN BISKERO CHE HA FATTO UNA FOTO E POI SONO TOLLERANTI C9N GLI ASSASSINI SPECE SE MADA IN USA. PER FORTUNA LA CORNUTA CONSORTE DI BILL NON È PRESIDENTE SENNÒ QUEI DUE BASTARDI SAREBBERO GIÀ LIBERI !

Ritratto di Gius1

Gius1

Mar, 30/07/2019 - 18:28

Non ci credo. La Rakete libera e anche quest i assassini possono essere liberati? Tutto progettato ?

Ritratto di PieroCostaRica

PieroCostaRica

Mar, 30/07/2019 - 18:32

Vorrei commentare, ma sono sicuro che mi bannerebbero... Sono SGOMENTO!

maurizio-macold

Mar, 30/07/2019 - 18:32

Signor PAOLO.B (17:43), l'Italia da quando ha perso la seconda guerra mondiale e' una colonia USA e l'influenza di questa nazione su di noi si manifesta in tanti modi, perfino su quello della nostra giustizia. I media americani hanno approfittato della foto con il criminale bendato per accusare i nostri carabinieri di violenze e di confessioni estorte con la forza. Il caso Cermis dovrebbe insegnarci qualcosa, ed allora e' bene evitare qualsiasi possibile appiglio a quanti per interesse o per idiozia difendono i due criminali assassini americani.

leo_polemico

Mar, 30/07/2019 - 18:39

In rete si sono diffuse molte foto fatte in altri stati dove il coprire la testa del prigioniero è "normale". Solo in Italia siamo così garantisti per delinquenti vari? Se è così ci meritiamo tutto quello che succede...

Ritratto di babbeipersempre

babbeipersempre

Mar, 30/07/2019 - 18:45

giangol babbeo, lentue domande annunciano la tua ignoranza. Vota salvini mi raccomando ahahahah

Ritratto di Soloistic69

Soloistic69

Mar, 30/07/2019 - 18:45

Ridicolo. Spero almeno gli abbiano dato un fracco di legnate per tanta severità.

flip

Mar, 30/07/2019 - 18:45

perchè?. il lettore del quotidiano ed il popolo non devono sapere niente?? Il popolo è solo una bestia????bravi! proprio da dittatuta KOMUNISTA!

CarloColombo

Mar, 30/07/2019 - 19:01

Bella porcheria. Chi ha diffuso la foto ha fatto un servizio alla giustizia. Così la prossima volta che i Carabinieri faranno una porcata resterà tra di loro, vedi caso Cucchi.

bernardo47

Mar, 30/07/2019 - 19:03

Se fosse capitato tra le mie mani questo assassino delinquente....lui è il suo amichetto.......altro che benda......

newman

Mar, 30/07/2019 - 19:06

Il bendare i presunti criminali durante gli interrogatori nelle stazioni di polizia degli Stati Uniti é prassi comune. Vedi la foto in www.marcotosatti.com (blog "Stilum Curiae" del 29 luglio c.a.) Nota all'editore: mi sembra che questo commento sia degno di essere pubblicato e non del tutto ignorato come finora successo, vedendo la qualitá infima di alcuni postings di gentili lettori che l'editore reputa degni di pubblicazione! E' bene che le autoritá italiane non reputino uno scandalo con possibili ripercussioni diplomatiche un atto che negli Stati Uniti appartiene alla quotidianitá poliziesca.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Mar, 30/07/2019 - 19:10

Oggi il virus dei selfie ha attecchito in tutti gli ambienti e consapevolmente o inconsapevolmente quando si fanno non si riflette. Infatti potrebbe capitare che anche il Ministro dell'Interno si faccia il selfie con un camorrista a sua insaputa. La Società è molto malata e nessuno dice questo. Shalòm e stiamo al fresco altrimenti aumentala temperatura.

diesonne

Mar, 30/07/2019 - 19:25

DIESONNE LA MALATIA DEGLI SMARTPHONR CHE IL PERSONALE DI SERVIZIO NON DOVREBBE USARE,MA SOLO QUELLO DI SERVIZIO CHE VIENE FILTRATO DAL COMANDO:I SOCIALWORK SONO SEMPRE CAUSA DI SPECULAZIONE POLITICA E I MEDIA AMPLIFICANO,E DIMENTICANO LA LORO DEONTOLOGIA,FARE SCOOP SUL NULLA O SULLE PERSONE DA COLPIRE

adal46

Mar, 30/07/2019 - 19:32

Il graduato che ha diffuso, oltre che fatto, questa foto probabilmente deve andare a fare una visita psichiatrica; va a vedere che sarà punito più gravemente degli assassini...

Ritratto di Thorfigliodiodino

Thorfigliodiodino

Mar, 30/07/2019 - 19:36

Questa foto l'ha scattata uno che voleva fare un dispetto agli altri colleghi! Uno che voleva far danno e cui non fregava un fico secco dell'assassinio dell'altro suo collega.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Mar, 30/07/2019 - 19:53

FINALMENTE si da' il GIUSTO PESO all'incredibile azione del "fotografo". Continuo a NON CREDERE si tratti di una persona che porta le stellette. A mio avviso non rientra nel suo modo di ragionare, soprattutto perche' NON CREDO SIA STATO FATTO PER SBAGLIO, MA DELIBERATAMENTE, CON COGNIZIONE DI CAUSA.

Ritratto di niki 75

niki 75

Mar, 30/07/2019 - 19:55

LA FRITTATA E' STATA FATTA ED ORA TUTTI CERCANO DI LECCARE LA PADELLA A MODO LORO. Lo scopo della foto è stato raggiunto: rendere più importante la foto che il sacrificio della vittima…..VIVA L'Italia.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Mar, 30/07/2019 - 20:02

Per chi non se ne rende conto, si tratta di UN REATO MILITARE, che nulla ha a che vedere con la fattispecie locale. Sarebbe la stessa cosa se uscisse una copia degli spostamenti di una pattuglia durante la routine tipica di una giornata qualunque. E, proprio perche' si tratta di una questione BASILARE, DUBITO FORTISSIMAMENTE DUBITO che qualsiasi appartenente alle forze dell'ordine si sia soltanto fatto passare per l'anticamera del cervello una simile BESTIALITA'. SOLO UN CIVILE, E PER DI PIU' CHE NON HA PRESTATO ALCUN SERVIZIO DI LEVA poteva farlo "per leggerezza", mentre per gli "altri civili presenti" mi pare evidente la VOLONTA' CONSAPEVOLE DELLA GRAVITA' DEL PROPRIO GESTO.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Mar, 30/07/2019 - 20:03

E non si provi a fare come nel "giorno della civetta"...

alox

Mar, 30/07/2019 - 20:05

L'assassino in un Paese normale e' spacciato per il resto della propria vita...avere le forze dell'ordine preparati alla violenza, in modo da non avere casi del genere, e' d'obbligo in un Paese normale...della foto chissenefrega.

Ritratto di Arminius

Arminius

Mar, 30/07/2019 - 20:18

Uno scatto di rara imbecillità.

Massimo Bernieri

Mar, 30/07/2019 - 20:54

Purtroppo,continuiamo a farci male da soli !

Cosean

Mar, 30/07/2019 - 21:17

Scriviamo anche che cosa rischia chi ha scritto questo articolo. Naturalmente i Politici eletti si avvaleranno dell'immunità parlamentare, ma questa continua, insistente, ed esagerata diatriba "politica" riguardo alla bendatura del presunto omicida, non ci si può passare sopra. Non occorre essere medico per sapere che chiunque consuma droga ha una risaltata sensibilità alla fatica e al dolore con pupille dilatate e spiccata avversione alla luce. Destra e Sinistra sono proprio strumenti adoperati per affrontare propagande elettorali il cui unico vincitore è quello che possiede, o ha maggior influenza sui media. L'abuso della credulità popolare è sicuramente accertata e giornalisti di carta stampata, televisione, radio ed internet non ne sono esenti.

Cosean

Mar, 30/07/2019 - 21:54

hahaha Dov'è il mio Post?

Marcolux

Mar, 30/07/2019 - 22:06

Se è un comunista, come pare probabile, non rischia niente, anzi...un bell'encomio!

Fjr

Mar, 30/07/2019 - 22:07

Paolo b Se ancora non le fosse chiaro ,per la difesa italiana dell’imputato potrebbe essere un elemento su cui poter lavorare in fase di dibattimento, ma per un difensore americano quell’elemento potrebbe essere la chiave di Volta per imbastire una confessione estorta,e magari chiedere che l'imputato venga estradato perché ci sono gli estremi per un giudizio troppo di parte condizionato dall’emozione creata dall’evento, ci auguriamo di non dover rivedere le scene già viste durante lo svolgimento del caso Kertcher,quindi in buona sostanza aspettiamo che arrivi l’avvocato dagli Usa a sostenere magari un’ipotesi di incapacità di intendere e di volere causata dall’uso di droghe ,il fatto che l'imputato sostenga la tesi che aveva avuto paura che il vicebrigadiere fosse un pusher da’ già l’idea di dove vogliono andare a parare

bernardo47

Mar, 30/07/2019 - 22:30

qalcuno la benda se la deve infilare dove lui ben sa! trattasi di un reo confesso e di un complice da ficcare in galera con il massimo delle pene!FINE!

Poldone

Mar, 30/07/2019 - 22:43

Per me in tanti si sono bevuto il cervello tutti concentrati su trovare chi ha fatto la foto e su chi l'ha diffusa e non su chi ha bendato ( fatto gravissimo) il ragazzo e perche? E poi il Vice Brigadiere era in borghese e si era scordato a casa la pistola.....un po' troppa superficialita' o cosa Come dice il poliziotto negli USA con la pistola in pugno " ginocchi a terra, metti le mani dietro la nuca prima la sinistra e poi la destra, non ti muovere e respira solo quando te lo dico io"

eddie02

Mar, 30/07/2019 - 23:04

giangol@ Mi cita per favore una persona che ha giustificato l'omicidio? Ma di che parla? E poi basta con questa sciocchezza di mettere a confronto due fatti che non hanno alcuna attinenza. c'è stato un orrendo omicidio e la magistratura istruirà un processo e si spera che il colpevole venga condannato secondo la legge, quindi con una pena bella pesante. Poi c'è stato una persona che ha compiuto un atto contrario alla legge nei confronti di una persona in custodia e se verrà individuato subirà giustamente le conseguenza del suo gesto. Le due cose non possono essere paragonate, È assurdo.

antenore1954

Mar, 30/07/2019 - 23:12

Può darsi che chi ha scattato quella foto ha voluto documentare l'illecito che si stava commettendo. Può darsi pure che lui ne abbia visti degli altri e quello di quel momento era la goccia che faceva traboccare il vaso. O forse si vuole argomentare che dentro certe mura l'illecito solo perché è dentro quelle mura diventa lecito? Il fascismo non ci porta da nessuna parte. Al massimo, nella sua versione chiamata nazismo, può farci passare per un camino. Come fumo.

Ritratto di wilegio

wilegio

Mar, 30/07/2019 - 23:43

Malcapitato un par di palle! Quello è un decerebrato, oppure si è venduto ai giornalacci di sinistra, che per una foto del genere sono disposti a pagare qualunque cifra.

Ritratto di wilegio

wilegio

Mar, 30/07/2019 - 23:46

Marcello.508 17:53 Sicuro che sia solo un comportamento infantile? Sa quanto vale sul mercato dei giornali-spazzatura come repubblica una foto del genere?

Ritratto di wilegio

wilegio

Mar, 30/07/2019 - 23:52

Non è difficile risalire all'autore della foto tramite i dati EXIF. E chi ha pensato bene di prendersi questo "souvenir" di pessimo gusto merita una punizione esemplare, per qualunque motivo lo abbia fatto.

Frankdav

Mer, 31/07/2019 - 00:00

Mi piacerebbe davvero sapere la motivazione di chi ha scattato e diffuso quella foto, se l’intento era quello di screditare l’arma e dare un appiglio legale agli avvocati del giovane delinquente complimenti c’è riuscito...

Poldone

Mer, 31/07/2019 - 01:34

E chi ha bendato il ragazzo cosa rischia ? Chi ha diffuso la foto ha messo a conoscenza l'opinione pubblica di un fattaccio che riporta alla memoria il non ancora risolto caso Cucchi, e tutti lo vogliono punire , haime' questa storia ha tutto il puzzo di un'altro fattaccio. Marcello 508 17.35 a pagare deve anche essere chi ha bendato il ragazzo dando a tutto il mondo una pessima immagine dell'Italia.

Cosean

Gio, 01/08/2019 - 02:37

Grazie per averli pubblicati!