Balotelli alle Iene: ''Non ho accusato il Verona ma poche teste di c...''

Super Mario ha dichiarato: ''Non è bello quello che mi è successo. Ho accusato quei co..ni che l’hanno fatto, e non erano due o tre perché li ho sentiti dal campo''

''Non ho accusato il Verona né la curva ma poche teste di c...'' le parole di Mario Balotelli sui fatti accaduti durante la partita di domenica Hellas Verona-Brescia.

Dopo la coraggiosa reazione contro i cori razzisti, Balotelli raggiunto dalle Iene finalmente ha spiegato quanto accaduto, dal suo punto di vista, allo stadio Bentegodi: ''Non è bello quello che mi è successo, ma io non ho assolutamente accusato il Verona, né la curva, ma i pochi scemi che l’hanno fatto, e li ho sentiti e mi sono arrabbiato. Ho accusato quei co..ni che l’hanno fatto, e non erano due o tre perché li ho sentiti dal campo. Dico la verità, i tifosi del Verona sono stati anche simpatici, perché lo sfottò ci sta, anche se vuoi distrarre un giocatore, lo puoi fare in mille modi, ma non con certi cori, quello no. Non sono diverso da altri giocatori ai quali hanno fatto gli stessi cori, gli stessi ululati. Sono italiano, dovrei tornare in nazionale. quelli che fanno queste cose sono sempre pochi, ma ci sono, sono delle teste di c..zo. Lo sfondo razzista non ci sta mai''.

L'incontro con Le Iene è stata una importante occasione di riavvcinamento con le istituzioni della città veneta. Il sindaco di Verona, Federico Sboarina, ha infatti donato un pallone autografato a Balotelli: ''Attraverso le Iene, che oggi lo intervisteranno, - ha raccontato -, mi è stato chiesto di donargli qualcosa. C’era un pallone, tra l’altro a me caro, l’ho autografato con una dedica al giocatore''. ''Mi sono un po’ adeguato - ha aggiunto - allo spirito delle Iene, che oltre alla cronaca diciamo che fanno un po’ di teatro. Anche se quello che è successo domenica va preso molto seriamente, perché la tematica del razzismo è oggettivamente di priorità assoluta che bisogna affrontare e contrastare''.

Intanto la Procura della Repubblica di Verona ha aperto due fascicoli di indagine, per l'ipotesi di reato di violazione della legge Mancino sull'istigazione alla discriminazione razziale, in merito alle dichiarazioni di Luca Castellini, punito con il Daspo fino al 2030 e per gli ululati contro Mario Balotelli partiti dal settore 'Poltrone Est' dello stadio Bentegodi. Mentre per il fascicolo riguardante il Castellini fa fede la registrazione dell'intervista radiofonica di lunedì, e altre precedenti a emittenti televisive, per quanto riguarda gli ululati all'attaccante del Brescia si procede verso ignoti. Sono ancora in corso, infatti, accertamenti per ricostruire l'evento e identificare le persone che effettivamente hanno indirizzato i cori razzisti. Si tratterebbe in ogni di un gruppo esiguo, secondo quanto segnalato dagli investigatori, situato non nella Curva Sud degli ultras, il settore più caldo del tifo gialloblù, ma nel confinante spicchio delle 'Poltrone Est', di cui il Giudice Sportivo ha decretato la chiusura.

Segui già la nuova pagina Sport de IlGiornale.it?

Commenti

gneo58

Mer, 06/11/2019 - 12:15

questo e' proprio antipatico, e il colore della pelle non c'entra per nulla.

cir

Mer, 06/11/2019 - 12:20

ma ti sei guardato allo specchio ?

Ritratto di FraBru

FraBru

Mer, 06/11/2019 - 13:11

E lasciatelo in pace...

jaguar

Mer, 06/11/2019 - 13:19

Con le sue spacconate e il suo carattere non si fa certo voler bene, il colore della pelle non c'entra niente, almeno per quanto mi riguarda.

ruggerobarretti

Mer, 06/11/2019 - 13:24

Se l'ululato e' il verso del lupo, come mai viene invece associato alla scimmia??? La famosa scimmia, riferita ai giocatori di calcio di colore, mi sembra fu' una creazione dei tifosi (si fa per dire) inglesi di qualche anno fa: non era il buhhhh, ma casomai uhh, uhh, uhh eseguito con tanto di movenze tipiche dell'animale. Non voglio sdoganare quello che succede negli stadi e palazzetti, ma trovo molto strumentale questa interpretazione corrente da politicamente corretto. Secondo me sto cavolo di buhh e' semplicemente un verso che in certi contesti esce bene di bocca per far casino; l'ho sentito fare anche rivolto ad atleti biondissimi. Negli stadi italiani e parlo di calcio si sono sentite e si sentono cose veramente ripugnanti, ma in quei casi nessuno si indigna, nessuno apre fascicoli.

roberto67

Mer, 06/11/2019 - 14:04

Il colore della pelle c'entra, in quanto questi cori verso giocatori di pelle chiara sono considerati normali, gli stessi cori verso uno di pelle scura vengono apostrofati come razzisti. Propongo ai tifosi di fare assoluto silenzio quando questo calciatore si cimenta in un'azione importante: vediamo se anche il silenzio verrà condannato dai soliti ipocriti buonisti.

Libero 38

Mer, 06/11/2019 - 14:27

Il lupo perde il pelo non il vizio.

buonaparte

Mer, 06/11/2019 - 18:33

ad udine okaka è osannato dai tifosi come mai ? eppure sono tutti e due nerissimi ..