Schumacher in cura a Parigi: terapie a base di cellule staminali

Schumacher è arrivato sotto falso nome presso l'ospedale Georges Pompidou di Parigi e sarà seguita dal professor Philippe Menasché, numero uno della terapia cellulare applicata all'insufficienza cardiaca

Nella giornata di ieri l'ex fuoriclasse della Ferrari Michael Schumacher è stato trasportato presso l'ospedale europeo Georges Pompidou di Parigi, all'interno dell'unità cardiologica. Il sette volte campione del mondo è arrivato presso la famosa struttura ospedaliera a bordo di un camion ambulanza, giallo e blu registrato a Ginevra in Svizzera, e accompagnato da un corteo di una dozzina di persone, fra medici e assistenti. Era già successo altre due volte che Schumi venisse trasportato in qualche ospedale per visite straordinarie e anche in questa circostanza è stato trasportato in ospedale nel massimo segreto e registrato sotto falso nome.

Questa notizia è stata svelata dal quotidiano francese Le Parisien che aveva annunciato come il 50enne tedesco si sarebbe dovuto sottoporre a delle cure definite top secret. Secondo i rumors, però, queste terapie a cui si sottoporrà Schumacher fanno parte di un composto di cellule staminali preparato dal professor Philippe Menasché, numero uno della terapia cellulare applicata all'insufficienza cardiaca. L'ex pilota di Benetton, Ferrari e Mercedes si trova nel reparto di cardiochirurgia del Pompidou nelle mani del dottor Menasché che è anche luminare dell'Istituto del cervello e del midollo spinale.

Questo medico ha brevettato un sistema di infusione per via endovenosa di un composto di sostanze terapeutiche preparate in laboratorio e sulla base di cellule staminali. Secondo quanto riporta Le Parisien Schumacher si troverebbe a Parigi proprio per sottoporsi a questo tipo di cura anche se né Menasché, né la struttura ospedaliera hanno confermato o smentito la cosa. Quello che si augurano tutti i suoi fan e i tifosi dei motori è che queste terapie possano aiutare l'ex fuoriclasse della Formula Uno di cui in realtà non si conoscono le condizioni di salute da ormai quasi sei anni.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?