Dopo Van Dijk, anche Amoruso contro Cr7: "Ormai non dribbla più"

Dopo Virgil Van Dijk, che lo ha preso in giro a margine della cerimonia per la consegna del Pallone d'Oro, anche l'ex attaccante juventino Nicola Amoruso attacca Cristiano Ronaldo: "Non salta più l'uomo e si trascina per il campo"

Momento nero per Cristiano Ronaldo. Non bastavano le polemiche per il rendimento al di sotto delle aspettative con la maglia della Juventus, culminato prima della sosta nel battibecco a distanza con il tecnico bianconero Maurizio Sarri. Nelle ultime 24 ore, Cr7 è stato protagonista suo malgrado di una serie di frasi poco piacevoli da parte di autorevoli colleghi.

Il primo in ordine di tempo è stato il difensore del Liverpool, Virgil Van Dijk, che a margine della cerimonia parigina di consegna del Pallone d'Oro a Lionel Messi, ha ironizzato così sul portoghese: "Ah era pure lui in lizza per vincere il Pallone d'Oro?".

Pochi minuti dopo, è stata la volta del suo ex compagno di squadra ai tempi del Real Madrid, Luka Modric. Che pur non facendo in modo esplicito il nome dell'attaccante bianconero, si è riferito a Cr7 in un post di Twitter dove ha scritto: "Quando non vinci per rispetto devi comunque essere qui, perchè una notte come questa è una celebrazione del calcio", allegando al messaggio una foto insieme alla Pulce fresca di incoronazione.

Come tutti sanno, infatti, Cristiano Ronaldo ha disertato la cerimonia di Parigi, preferendo presenziare al Gran Galà del Calcio Aic dove ha ricevuto il premio di miglior giocatore della Serie A 2018/2019. Un gesto poco apprezzato dal centrocampista croato, certamente più "sportivo" nell'accettare la sconfitta di vedersi soffiare dalla bandiera del Barcellona il riconoscimento individuale più ambito nel mondo del calcio, lui che da anni è simbolo degli storici avversari del Real Madrid.

Anche Amoruso contro Cr7

Ma i problemi di Ronaldo vanno al di là di certe ripicche comportamentali. Sì perché la crisi del fenomeno di Funchal è tecnico-atletica ancora prima che di immagine, come dimostra lo score di appena 6 gol in 11 partite di campionato, di cui 3 su rigore. L'accusa a Cr7 è di non riuscire a incidere più come un tempo a causa dell'età, visto che il 5 febbraio compirà 35 anni. Ad accorgersene, tra tifosi e addetti ai lavori, è stato anche l'ex attaccante della Juve, Nicola Amoruso. Intervistato da Sky, Amoruso non ha usato parole dolci nei confronti di Cr7: "Da un mese a questa parte Cristiano si trascina per il campo, non salta l’uomo e non incide neanche sotto porta. Dovrebbe avere l’umiltà di capire che, a una certa età, è più importante riposare che giocare", ha detto prima di addolcire un po' la pillola: "La sua gestione è complicata, ma sono convinto che possa fare ancora la differenza".