Tempo di salsa a Milano con i Sonora Carruseles

Questa sera dalle 21.30 l’orchestra colombiana sul palco del Festival Latinoamericando: verranno eseguiti anche brani per ballare la «cumbia»

Alessandro Ruta

È tempo di salsa al Festival Latinoamericando. Questa sera alle 21.30 sul palco davanti al Forum d’Assago si esibirà, infatti, la Sonora Carruseles. Si tratta di un gruppo colombiano, formato da undici elementi, che della salsa ha fatto la propria ragione di vita. Con sei dischi all’attivo e nove anni di successi, la Sonora Carruseles è riuscita ad imporre il suo stile, diventato ormai celebre nel mondo. Negli ultimi anni in Sudamerica ha sfornato una quantità industriale di hits-come Micaela, dall’inconfondibile attacco- raggiungendo le vette delle classifiche. La musica di questa orchestra colombiana può contare su elementi esplosivi, ma anche seducenti. Melodie sinuose di pianoforte, ritmi sincopati e travolgenti accordi della sezione fiati, per non parlare dei tipici ed irresistibili cori.
Un sentito omaggio, quindi, alla salsa tradizionale. Al tempo stesso, però, la Sonora si diverte anche a rinnovare il genere, con una serie di innovazioni digitali che rendono questa orchestra una vera e propria «macchina da swing». Oltre alla salsa, tuttavia, Sonora Carruseles è la maggior rappresentante di uno dei balli più famosi della loro terra, la cumbia, la quale è un vero e proprio pezzo di storia della Colombia coloniale. Il nome deriva da una danza, la cumbiamba, che uomini e donne provenienti dall’Africa eseguivano a piedi nudi sulla spiaggia, attorno ad un grande falò. In molti dialetti che si parlano in Africa, infatti, la parola «kumb» significa «suono, rumore». Quando i neri, poi, furono utilizzati nelle piantagioni colombiane, queste ultime vennero chiamate kumbè, tali erano i suoni e i rumori che gli schiavi producevano durante il lavoro. Si può ben intuire che tipo di ballo sia la cumbia, che col tempo ha subito gli influssi delle sonorità spagnole - su tutte, l’introduzione di parti cantate - diventando una danza più complessa, simile alla salsa e al merengue.
Atmosfere sensuali con cui la Sonora Carruseles non mancherà di deliziare, questa sera, la platea del Festival Latinoamericando.