Cronaca locale

Colpito con 29 sassate: la rapina choc della baby gang al minimarket

Immagini di una violenza incredibile quelle immortalate dalle telecamere di videosorveglianza presenti all'interno dell'esercizio commerciale. Presi due ragazzini di 14 e 15 anni, mentre il cassiere è finito in ospedale in gravi condizioni

Colpito con 29 sassate: la rapina choc della baby gang al minimarket

Ennesima aggressione commessa da una gang di giovanissimi, stavolta ai danni del cassiere di un minimarket di Roma, zona Anagnina. Il fatto, secondo quanto riferito dalle autorità locali, si è verificato nella serata dello scorso 10 gennaio, quando due ragazzi sono entrati all'interno del negozio e si sono accaniti contro il cassiere, assalito, preso a sassate e rapinato.

Scioccanti le immagini delle telecamere di sorveglianza presenti all'interno dell'esercizio commerciale, che hanno ripreso quegli istanti. Nel filmato si vedono i due giovani presentarsi alla cassa, intorno alle 21, fingere di pagare una bottiglietta d'acqua, tanto da far distrarre l'esercente, e poi scattare con una furia inaudita. In due si sono accantiti contro la vittima, sferrando forti colpi resi ancor più brutali dall'uso di alcuni sassi. Ben 29 sassate, riferiscono gli inquirenti, sono state inferte al volto e alla testa del cassiere, poi accasciatosi a terra.

Liberi di agire, i due baby-rapinatori si sono impossessati dell'incasso, circa 300 euro, per poi darsi alla fuga, sicuri di averla fatta franca. Una volta ripresosi, il cassiere ha immediatamente chiesto aiuto, contattando le forze dell'ordine. Sul posto i carabinieri di Ciampino, che hanno ascoltato il racconto del cassierie e poi avviato immediatamente le indagini. Rimasto gravemente ferito, l'esercente è stato invece trasportato in ambulanza in pronto soccorso.

Fondamentali nelle indagini le immagini estrapolate dalle telecamere di sorveglianza presenti all'interno del minimarket. I due giovani aggressori sono stati rintracciati in breve tempo, tanto che gli inquirenti sono riusciti a risalire anche ai mezzi pubblici da loro utilizzati. A distanza di soli due giorni, i ragazzi sono stati sorpresi a bordo del medesimo autobus su cui avevano viaggiato il giorno della rapina, e indossavano gli stessi abiti che avevano indosso durante l'aggressione.

Fermati dalle forze dell'ordine e sottoposti a una rapida perquisizione, sono stati trovati in possesso di alcune dosi di hashish e circa 160 euro. Il tutto è stato posto sotto sequestro.

I due sono risultati essere due studenti romani di 14 e 15 anni. Ragazzi giovanissimi, come abbiamo detto. Nei confronti di entrambi la procura per i minori di Roma ha chiesto e ottenuto la convalida del fermo e il trasferimento in una comunità.

L'accusa mossa nei loro confronti è quella di aggressione e rapina.

Commenti