Cannabis per uso terapeutico: la Sicilia presterà assistenza gratuita

La concessione della cannabis gratuita ad uso medico è il risultato di un decreto firmato dall'assessore regionale alla salute Ruggero Razza, al momento sono cinque in tutta la regione le farmacie abilitate alla preparazione della sostanza terapeutica

Da oggi la cannabis in Sicilia, sarà distribuita gratuitamente, per scopi terapeutici, ai pazienti affetti da specifici problemi di salute. È questo quanto previsto dal decreto firmato dall’assessore regionale alla salute, Ruggero Razza, attribuendo così alla Regione siciliana l’onere di sostenere le spese per i pazienti che ne avranno di bisogno. Si tratta di quelle persone affette da dolore cronico e neuropatico e da spasticità determinata da sclerosi multipla. Tutti questi pazienti, potranno rivolgersi alle strutture sanitarie pubbliche. A prescrivere la terapia in questione saranno solamente i medici delle aziende sanitarie pubbliche regionali, specialisti di anestesia e rianimazione, neurologia e dei centri di terapia del dolore. La cura prescritta però, non potrà superare la soglia temporale dei sei mesi.

Il preparato, secondo quanto previsto dal decreto, dovrebbe essere messo a disposizione nelle farmacie delle strutture ospedaliere, ma al momento, le stesse, non sono pronte a produrre il farmaco. Per cui, per un primo periodo, il preparato verrà distribuito da privati specifici con i quali la Regione stipulerà delle convenzioni. Attualmente, in questa direzione, sono state individuate le farmacie di Agrigento, Catania, Palermo, Ragusa e Siracusa.

Sono passati 10 anni da quando l’uso della cannabis è stato introdotto in Italia ad uso terapeutico e, l’assessorato regionale alla salute, da quasi un anno ha lavorato per garantirne l’utilizzo gratuito a chi ne avrà di bisogno. Sono molteplici infatti gli effetti terapeutici riconosciuti alle molecole sprigionate da questa sostanza. Per questo motivo il suo utilizzo è stato autorizzato per il trattamento del dolore cronico che può essere oncologico, neuropatico o associato a spasmi muscolari in patologie neurologiche. Ma anche per il controllo dei movimenti muscolari involontari in alcune patologie neurologiche. Ci sono anche altre patologie che possono essere curate con la stessa modalità, ma al momento il decreto si ferma solo ai casi elencati.

A contribuire al risultato raggiunto al tavolo tecnico regionale sono state anche alcune associazioni tra le quali “ Bister” di Catania, ed "Esistono i diritti", di Palermo. "Ringraziamo l'assessore Razza per la sensibilità dimostrata e per il decreto firmato - dice Giuseppe Brancatelli, di Bister -È un risultato importante, come associazioni continueremo la nostra azione affinché sia allargata la platea di patologie per la somministrazione gratuita del farmaco".

Con questo decreto- afferma l’assessore Razza- siamo in grado di garantire un’assistenza ai pazienti della Sicilia che non potevano fare ricorso ad alternative”. Non è escluso in futuro l’estensione dell’assistenza gratuita con riferimento ad altre patologie che possono essere trattate con la cannabis.