Cassa Forense: ecco tutte le misure per l'emergenza Covid-19

Dall'assistenza agli iscritti a sconti per visite, controlli ed esami: ecco cosa fare

Anche Cassa Forense mette in campo alcune misure importanti dovute all'epidemia da Covid-19 che in questo momento sta tenendo in scacco tutto il Paese. Il Consiglio di Amministrazione di Cassa Forense ha infatti predisposto la sospensione dei termini per i versamenti e per tutti gli adempimenti che riguardano il settore forense fino al 30 settembre del 2020. Ma non finisce qui. La Cassa Forense ha attivato altre iniziative per agevolare i propri iscritti in questo periodo difficile segnato dall'epidemia. Infatti sono state messe sul campo una serie di misure che vanno a tutelare la salute. Gli iscritti infatti potranno utilizzare strutture sanitarie private e anche i servizi in caso di emrgenza dovuta a Coronavirus oppure per altre necessità sanitare come ad esempio le visite specialistiche o gli accertamenti diagnostici.

Cassa Forense ha anche dato la possibilità ai propri iscritti e alle famiglie di attivare tramite una convenzione sottoscritta con VIS-Valore in Sanità s.r.l., una card, il cui onere è a completo carico della Cassa e, quindi, gratuita per l’iscritto. Questo permetterà di usufruire di diversi sconti presso le strutture di eccelenza convenzionate (Qui tutti i dettagli).

Per ottenere questa card dalla validità annuale, è necessario accedere, a partire da giovedì 12 marzo, alla propria posizione personale dall’accesso riservato del sito Internet di Cassa Forense e cliccare sul link evidenziato in verde denominato “chiedi VIS CARD”. A questo punto sarà rilasciato un codice in automatico che può essere utilizzato sul sito VIS-Valore in Sanità. La card sarà valida per l'intero nucleo familiare, il tutto senza aggravi di costi.

Sempre su questo piano è stato introdotto un nuovo servizio, parecchio utile, grazie alla convenzione con AON. Di fatto sarà possibile usufruire di una consulenza telefonica o di video-consulto in caso di evidenti sintomi da epidemia Covid-19. I consulti saranno disponibili 24 su 24 con medici in videochiamata o via telefono.


Il numero telefonico della centrale operativa da contattare per fruire del servizio di consulenza sanitaria è il seguente: 039.65546064 e sarà attivo da venerdì 13 marzo per un periodo di quattro mesi e un numero massimo di 2.500 consulti. Una volta in contatto con l'operatore basterà identificarsi col codice FOREN001. Un gesto importante per stare vicino a chi teme un contagio o deve combattere contro il Coronavirus.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di aldo2014

aldo2014

Gio, 12/03/2020 - 14:23

E’ molto criticabile quanto predisposto dalla Cassa Forense, considerando che già era consentito agli avvocati iscritti di poter pagare entro il 30 settembre. Inoltre, anche le altre misure predisposte dalla Cassa sembrano uno specchietto per le addole, per coprire i contributi altissimi che sono costretti a pagare anche i giovani avvocati e che costringono molti di loro a dover smettere di fare la professione. Fate una bella indagine sulla Cassa Forense e sulle sue agevolazioni, cercando di accertare se è vero che si riferiscono a sconti e intervistando qualche giovane avvocato, così vi diranno se stanno tutelando o meno la categoria.