"È una discarica...": le vergognose parole di Toscani

In un'intervista il fotografo mette nel mirino l'isola vomitandole addosso luoghi comuni senza sosta. Ecco cosa ha detto

"È una discarica...": le vergognose parole di Toscani

Vergognosa. Non c'è altro modo per definire l'intervista di Oliviero Toscani apparsa sulle pagine della cronaca di Palermo di Repubblica. Un j'accuse ai siciliani e alla Sicilia pieno di luoghi comuni e di approssimazione intellettuale che sfocia nell'insulto ad un'intera terra. Mettiamolo subito in chiaro, chi scrive è palermitano. Ma ciò non toglie nulla all'attacco gratuito sferrato da Toscani all'intera Sicilia. Per capire di cosa stiamo parlando, basta riportare le parole dello stesso fotografo ed esperto di marketing e pubblicità sull'isola. A chi gli chiede il motivo di un boom di turisti in Sicilia, Toscani risponde con un'affermazione del tutto vuota e ormai fuori dal tempo: "Il Padrino piace sempre...". Poi l'affondo parlando del patrimonio artistico e culturale presente in Sicilia: "Tutta roba creata da madre natura o che hanno realizzato gli avi dei siciliani di oggi. I residenti attuali non hanno alcun merito per la bellezza che abbonda in Sicilia. Si ritrovano in mezzo a un tesoro inestimabile che davvero non meritano. Anzi". Insomma i siciliani di oggi, secondo Toscani sono letteralmente da "buttare".

Va detto che alcuni errori per il rilancio dell'Isola sono stati fatti, ma di certo c'è ancora a Catania, a Palermo e su tutta la regione chi crede nella valorizzazione del patrimonio che viene custodito dal mare che separa la Sicilia dal resto d'Europa. Poi arriva ancora un'altra critica che investe in pieno i giovani che sull'isola si battono per far ripartire il tessuto economico: "La Sicilia è la più grossa discarica di intelligenze che esista al mondo. In Sicilia trovi persone geniali, e sono tante, ma non riescono a emergere per colpa di un sistema fondato sul compromesso". Qui nessuno vuol negare che a volte in Sicilia è difficile fare impresa o soltanto avere l'ardire di credere nel futuro, ma di fatto va sottolineato che l'isola, proprio grazie al turismo che Toscani lega al Padrino in modo ignobile, ha conosciuto e sta conoscendo una sorta di Rinascimento che ad esempio ha portato diversi ragazzi ad aprire attività recettive o legate alla ristorazione. Ma per Toscani l'isola è popolata da aggressori cronici che hanno un solo obiettivo: rovinare la terra in cui vivono.

E in queste parole che seguono c'è tutto il Toscani pensiero: "Quando possono infieriscono contro la loro terra. Gli scempi che sono stati fatti in Sicilia sono troppi e tremendi. Pensi a cosa hanno combinato nella Valle dei Templi". Vero, l'abusivismo e la speculazione edilizia in alcune zone sono due piaghe storiche della Sicilia. Ma allo stesso tempo va detto che ad esempio le isole minori, basti pensare a Pantelleria, ma anche Favignana o Lampedusa sono degli autentici gioielli naturalistici dove l'ecosistema viene assolutamente preservato dalla presunta violenza del mattone che Toscani tanto sottolinea. Nessuno qui vuole nascondere i problemi della Sicilia. Ma si cerca almeno di ridare dignità a una terra che non può subire l'insulto gratuito del primo maître à penser che passa dalle pagine di un quotidiano. Qualcuno sui social ha cercato di parare i colpi definendo le parole di Toscani "incommentabili". Troppo poco. Bisognerebbe pretendere delle scuse da rivolgere alle istituzioni siciliane che forse non hanno ben inteso il peso delle sue parole.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti