Foggia, ha un attacco di panico sul treno: "Ho il coronavirus"

Paura per un 38enne pugliese di ritorno da un viaggio in Cina che si è sentito male sul treno da Roma a Bari: "Ho il coronavirus". Ma i medici diagnosticano un attacco di panico

Si è sentito male sul treno Frecciabianca partito da Roma in direzione di Bari. Capogiri, mal di pancia. Non ce l’ha fatta più e all’altezza di Foggia ha chiamato il capo treno. Poi la confessione choc: “Potrei avere il coronavirus”.

L’uomo, un 38enne pugliese, è appena tornato da un viaggio nella Cina militarizzata impegnata a cercare di contenere l’epidemia che spaventa il pianeta. È atterrato a Roma due giorni fa dal Paese asiatico e teme di essere stato contagiato. A bordo del convoglio sale l’agitazione, finché il macchinista non tira il freno alla prima stazione utile, quella di Foggia.

Sono le 10.50 del mattino, il paziente sospetto scende dal treno e viene preso in carico dai sanitari del 118, già allertati dal personale di Trenitalia. Gli accertamenti vanno avanti sulle banchine della stazione dietro il cordone di protezione della Polizia Ferroviaria. Ma da subito è apparso evidente come l’uomo, più che la polmonite virale asiatica, avesse i chiari sintomi di un attacco di panico.

A far scartare l’ipotesi del Coronavirus, oltre ai controlli medici approfonditi, è stato anche il racconto del cittadino barese che ha raccontato di aver visitato una zona dove non si è registrato alcun caso di contagio e di aver indossato sempre una mascherina per proteggersi da eventuali germi. Già a Mosca, inoltre, dove aveva fatto scalo per tornare in Italia, l’uomo era stato controllato dalle autorità locali che per lui e per gli altri passeggeri presenti sul suo volo avevano già escluso qualsiasi forma di infezione.

Il paziente è stato comunque controllato scrupolosamente nell’ospedale di Foggia, dove è stato applicato il protocollo operativo per lo screening del Coronavirus. L’uomo è stato dimesso in serata mentre il dipartimento Salute della Regione Puglia ha ribadito che nella regione non sono presenti persone infette dal virus 2019-nCoV.

Resta invece l’apprensione per la coppia di Hong Kong raggiunta dai medici dell’ospedale Spallanzani di Roma a bordo della nave “Costa Smeralda” di Costa Crociere che si trova ormeggiata nel porto di Civitavecchia. I due presentano i sintomi tipici del virus, come febbre alta e problemi respiratori e si trovano attualmente in isolamento nell’ospedale di bordo.

Sono stati ricoverati nell’Istituto nazionale per le malattie infettive, invece, altri due cittadini cinesi in vacanza nella Capitale che martedì sera si sono sentiti male in un albergo di via Cavour, nel centro di Roma. Anche in questo caso è stata attivata la prassi per stabilire la natura del virus ed evitare un eventuale propagarsi della malattia.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.