L'allarme degli oncologi: "La prossima pandemia sarà il cancro"

La denuncia degli oncologi durante il Cracking Cancer Forum 2020: "Da quando c'è il Covid, non si fanno più percorsi diagnostici per il cancro"

"La prossima pandemia sarà il cancro". A lanciare l'allarme è il professor Oscar Bertetto, direttore del Dipartimento Rete Oncologica Piemonte-Valle d'Aosta, nel corso del dibattito L'oncologia durante e dopo il Covid durante la prima sessione di lavoro del Cracking Cancer Forum 2020, che quest'anno si tiene in forma digitale.

Più di 1 milione e 400mila screening oncologici persi

Se i numeri del Covid terrorizzano l'Italia intera, quelli del cancro sono da far letteralmente accapponare la pelle. Dall'inizio del 2020 ad oggi, più di 1 milione e 400mila screening oncologici sono andati persi nel marasma ingenerato dalla pandemia. Duemila carcinoma alla mammella, 1600 tumori della cervice e ben 3000 adenomi del colon sono stati oscurati dalla gigantesca ombra del Coronavirus. Così, mentre i bollettini dell'infezione virale gridano all'Apocalisse quelli del cancro finiscono nel dimenticatoio. Eppure ci sono, ci sono eccome. Proprio oggi, il portale del polo ospedaliero Humanitas ha riferito i dati relativi all'insorgenza dei melanoma nell'ultimo anno: l'incremento è pari al 20% passando dai 12.300 casi del 2019 ai quasi 14.900 nel 2020. Non c'è report settimanale che tenga, non c'è stretta ministeriale che possa allentare la morsa del cancro e neanche un vaccino può fare miracoli."La prossima pandemia sarà quella dei tumori", avvertono gli oncologi.

"Non si garantiscono i percorsi diagnostici"

Che in Italia non ci sia neanche più un ospedale "Covid free" è un dato di fatto. Ma che arretrino le terapie per i malati di tumori o, peggio ancora, che non sia più garantita neanche la possibilità di una diagnosi preventiva è a dir poco raccapricciante. "C'è una estrema carenza di servizi diagnostici, - denuncia il professor Oscar Beretto - in molte strutture non possiamo inviare pazienti perché non sono state separate dalle aree Covid. Abbiamo bisogno di avere spazi Covid free al di fuori degli ospedali". Così, mentre negli ospedali si sceglie "chi salvare e chi no" tra i degenti nelle terapie intensive (è il grido unanime di molti virologi), le persone affette da cancro faticano a mettersi in lista anche solo per uno screening. Tutta colpa del virus? A quanto pare, no.

"I tumori sopravviveranno al Covid"

A dirlo è Pierfranco Conte, ordinario di Oncologia Medica dell'Università degli Studi di Padova e coordinatore della Rete oncologica del Veneto. "I tumori purtroppo sopravviveranno al Covid - afferma il professore nel corso del suo intervento al forum sul cancro ripreso dal quotidiano La Stampa - e nonostante decreti e documenti non è vero che l'oncologia viene preservata perché si appoggia a radiologia, endoscopia e altri servizi che sono pesantemente influenzati". La sua denuncia è rivolta all'intera organizzazione sanitaria: "Si parla di modello Italia per il Covid, - conclude -ma il nostro Paese ha la stessa mortalità del Messico, quattro volte quella della Germania, il doppio di Francia e Inghilterra.Bisogna spiegare il perché. Io sono d'accordo sulla deospedalizzazione ma ora abbiamo un numero di posti letto per abitante inferiore del 60% rispetto a a quello della Germania e la metà di quello della Francia. Per anni il sistema sanitario è stato scheletrizzato, al di là dei colori politici dei governi".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 12/11/2020 - 17:17

....."Per anni il sistema sanitario è stato scheletrizzato, al di là dei colori politici dei governi"....Vero,ma dovrebbe anche dire che OGGI il sistema sanitario,lavora al 10-20% per le milionate di "diversamente italiani",che non avrebbero titolo di essere in Italia,oltretutto senza pagare un euro di tasse!!

Ritratto di Don Sergio Simonetti

Don Sergio Simonetti

Gio, 12/11/2020 - 17:17

Articolo troppo giusto! Per non parlare dei 450 morti giornalieri per infarto!

ANPOWER

Gio, 12/11/2020 - 17:20

Povera gente !! malati che non possono fare nulla!

baio57

Gio, 12/11/2020 - 17:46

Ma come osa parlare questo negazionista ?

Nes

Gio, 12/11/2020 - 18:05

Ecco cosa siamo diventati, buonisti e accoglienti di clandestini a cui é riservata l'assistenza sanitaria prevista dalla nostra Costituzione, variata a decrescere dalla politica prima con severi tagli e poi il passaggio dal potere centrale a quello regionale, che ha posto differenze di gestione tra il nord e il sud. La sanità italiana unico apparato che ci invidiava il mondo intero, oggi non funziona più, declassato quasi a livello di paesi meno industrializzati come il nostro. Abbiamo la più alta percentuale di tumori in Europa per incuria del territorio da parte dello stato, principalmente al sud. Siamo messi proprio male e tra poco non ci sarà un posto in ospedale per malati gravi, almeno che non sei un politico...

Una-mattina-mi-...

Gio, 12/11/2020 - 18:40

POI IMPUTERANNO L'AUMENTO DELLA MORTALITA' AL COVID...

cgf

Gio, 12/11/2020 - 19:36

Perché un cancro è contagioso? PANDEMIA /pan·de·mì·a/ sostantivo femminile Epidemia con tendenza a diffondersi rapidamente attraverso vastissimi territori o continenti. Questo signore è medico oncologo o procacciatore di finanziamenti?

cgf

Gio, 12/11/2020 - 19:39

i malati oncologici, non solo quelli a dire il vero, auguratevi di non farvi male in nessun modo, non possono essere curati per inefficienze di chi Governa! Fare una cosa tipo Fiera, ci sono EX-Ospedali che se va bene sono trasformati in poliambulatori, ma tutti hanno ancora letti e quanto serve per la degenza, dirottare lì i malati di Covid costa troppo? COSTERÀ MOLTO DI PIÙ NON CURARA/DIAGNOSTICARE le altre patologie

ilrompiballe

Gio, 12/11/2020 - 19:53

C'erano una volta...gli ospedali dedicati alle malattie infettive.Un bel giorno di tanti anni fa una classe politica composta da dilettanti pensò bene di eliminarli accentrando i malati negli ospedali ordinari con reparti isolati e dedicati. Quella classe politica si è riprodotta negli anni, demolendo ospedali di paese e riducendo i medici di famiglia a semplici stampanti di ricette. I risultati sono ora sotto i nostri occhi.

ulio1974

Ven, 13/11/2020 - 11:24

aspettavo con ansia un commento come quello di Zagovian per rallegrare la giornata.Grazie.

ulio1974

Ven, 13/11/2020 - 11:26

tutti i paesi del mondo cercano di salvare l'istruzione, la sanità ed il lavoro. solo in italia ci preoccupiamo delle vacanze e del natale.