Cronache

L'uomo del Fisco a Striscia: "Così roviniamo chi ha casa"

È guerra tra l'Agenzia delle Entrate e Striscia la Notizia. Da qualche giorno il tg satirico sta approfondendo alcuni prblemi legati al rapporto tra i contribuenti e l'agenzia del Fisco

L'uomo del Fisco a Striscia: "Così roviniamo chi ha casa"

È guerra tra l'Agenzia delle Entrate e Striscia la Notizia. Da qualche giorno il tg satirico sta approfondendo alcuni prblemi legati al rapporto tra i contribuenti e l'agenzia del Fisco. A far discutere è stato un servizio che riguardava chi ha acquistato gli immobili. Durante una delle ultime puntate di Striscia, uno degli intervistati ha spiegato di aver ricevuto una maxi multa da 20mila euro subito dopo l'acquisto di un locale per farci una piccola palestra di yoga a 210mila euro. Ma per l'Agenzia delle Entrate il valore reale dell'immobile è di 313 mila euro. Stessa cosa, come ricorda Libero, per il proprietario di un terreno: lo ha pagato 35 mila euro, ma l' Agenzia gli ha attribuito un valore undici volte superiore, multa di 84 mila euro.

Il problema, però, è proprio la valutazione del Fisco. Tutti gli intervistati spiegano che l'Agenzia delle entrate non ha effettuato sopralluoghi, dunque i funzionari hanno valutato case e terreni senza vederli. Di fatto la valutazione dell'immobile è avvenuta con un paraone con altri che hanno un valore di mercato più alto. Di fronte a tutte queste testimonianze raccolte da Striscia, il Fisco ha mandato un comunicato in cui ventila azioni legali contro Striscia. Ma non finisce qui. Proprio ieri sera un funzionario dell' Agenzia delle entrate, a volto coperto, ha rilasciato un' intervista all'inviato Trombetta. "Ho visto i vostri servizi e mi sono reso conto che state dicendo la verità. Noi facciamo delle ricerche di mercato esclusivamente puntate ad aumentare il valore che viene dichiarato nell' atto di compravendita", ha raccontato. "Ci viene imposto dal dirigente. Il dirigente si sente forte del suo operato, perché dice che opera nell' interesse dello Stato. Non rischia nulla, anzi, addirittura prende un premio a fine anno. Quando l' Agenzia convoca il cittadino e gli propone di pagare una cifra di molto inferiore (rispetto alla perizia), il cittadino preferisce pagare per non avere problemi. In questo modo l' Agenzia fa una bella figura e recupera una somma, diciamo, ingiusta". Insomma il caso, dopo queste parole, farà ancora discutere.

Commenti