Marino condannato a due anni ​per lo scandalo degli scontrini

Ignazio Marino è stato condannato a due anni nel processo d'appello per la vicenda degli scontrini in cui era rimasto coinvolto durante la sua esperienza di sindaco di Roma

Ignazio Marino è stato condannato a due anni nel processo d'appello per la vicenda degli scontrini in cui era rimasto coinvolto durante la sua esperienza di sindaco di Roma. L'ex primo cittadino della Capitale in primo grado era stato assolto. L'imputazione era per peculato e falso sugli scontrini di alcune cene consumate durante il suo mandato. Tra gli altri capi di imputazione anche quello di truffa perché presidente della onlus Imagine, reato questo per cui è stato assolto.

Adesso però è arrivata la condanna. Il Pg Vincenzo Saveriano aveva chiesto per l'ex sindaco una condanna a 2 anni e mezzo. La condanna riguarda i reati di peculato e falso. Marino inoltre è stato condannato anche al risarcimento delle spese processuali. Il caso degli scontrini di fatto aveva indebolito e non poco la tenuta della giunta di Marino. L'ex primo cittadino dopo settimane di braccio di ferro con il suo stesso partito, il Pd, decise poi di dimettersi dopo due anni di mandato e di far tornare i romani al voto. E dopo il verdetto della Corte di Appello è arrivato il commento dell'ex sindaco: "La Corte di Appello di Roma oggi condanna l’intera attività di rappresentanza del sindaco della Città Eterna. In pratica i giudici sostengono che in 28 mesi di attività, il sindaco non abbia mai organizzato cene di rappresentanza ma solo incontri privati. Un dato che contrasta con la più ovvia realtà e la logica più elementare. Non posso non pensare - continua Marino - che si tratti di una sentenza dal sapore politico proprio nel momento in cui si avvicinano due importanti scadenze elettorali per il Paese e per la Regione Lazio. Sono amareggiato anche se tranquillo con la mia coscienza perchè so di non aver mai speso 1 euro pubblico per fini privati. Con lo Studio Musco continuerò la mia battaglia per la verità e la giustizia in Cassazione".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

il sorpasso

Gio, 11/01/2018 - 17:48

Sono curioso di vedere gli sviluppi.....ah ah ah

Reip

Gio, 11/01/2018 - 18:02

Ma non mi dite... Un Kompagno condannato per peculato!!! Ma dai!!!

ziobeppe1951

Gio, 11/01/2018 - 18:07

Avete capito perché i kkkompagni si fanno le leggi a loro uso e consumo con la depenalizzazione dei reati alla faccia del Cesare Beccaria?...tralasciando la “questione morale”

Ernestinho

Gio, 11/01/2018 - 18:08

La domanda nasce spontanea: perché in primo grado era stato assolto?

poli

Gio, 11/01/2018 - 18:09

pochi!!!!!!!

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Gio, 11/01/2018 - 18:23

Il buon Marino si accontentava di poco, in fondo fa persino tenerezza, tanto è sprovveduto. Nel PD c'è ben altro ci sono "i Renzi" ci sono "i Boschi", ci sono i De Dendetti che vengono informati in anticipo sulle mosse del governo, e qui si tratta di milioni se non miliardi di Euro in ballo, altro che le poche migliaia di euro che hanno invischiato il povero Marino.

federik

Gio, 11/01/2018 - 18:27

A guardarlo fa pena quanto Fassino....

Ritratto di FoxMulder

FoxMulder

Gio, 11/01/2018 - 18:29

Condanna patetica dopo l'assoluzione in appello, ovviamente proprio sotto elezioni, con le centinaia di migliaia di cause che pendono da decenni. Sicuramente questo magistrato lo vedremo presto candidato nel M5S.

DRAGONI

Gio, 11/01/2018 - 18:32

IL SOCCORSO ROSSO PERCHE' NON C'E' STATO?

Ritratto di comunistialmuro

comunistialmuro

Gio, 11/01/2018 - 18:32

Articolo da bravidi a pensare in mano di chi siamo,quando finiamo in ospedale.

Ritratto di Straiè2015

Straiè2015

Gio, 11/01/2018 - 18:46

NON CI CREDOOOOOOOO!!! I sinistrosi sono tutti ONESTI, per definizione... Scommetto che anche Elkid lo può confermare. LOL LOL

Massimom

Gio, 11/01/2018 - 18:53

Se a lui hanno dato due anni per degli scontrini cosa meritano de benedetti e renzi per il giochetto dell'insider?

aldoroma

Gio, 11/01/2018 - 19:04

BIRBACCIONE

autorotisserie@...

Gio, 11/01/2018 - 19:11

E' INNOCENTE .....RISPETTO A renzi,....

baronemanfredri...

Gio, 11/01/2018 - 19:23

ALTRO BIRILLO DELLA SINISTRA DELL'ONESTA ABBATTUTO.

blackbird

Gio, 11/01/2018 - 19:36

Concordo che non abbia speso nemmeno 1 euro "pubblico", perché il "pubblico" non ha soldi, ma solo debiti! Il fatto è che ha speso euro, e tanti, dei contribuenti!

M_TRM

Gio, 11/01/2018 - 19:41

Marino non sarà né un genio, né furbo, né capace. E neanche modesto, data la sua saccenza e presunzione. Ma non credo sia un ladro né un truffatore. Niente da stupirsi se è stato assolto in primo grado e condannato in appello, per due motivi. Primo: perché succede spesso che le sentenze divergano nei vari gradi di giudizio, non è forse edificante quando divergono di molto (a meno di non riconoscere che alcuni giudici sono incapaci ed altri dei geni) ma ci può stare. Secondo: perché adesso la magistratura, o parte di essa, potrebbe essere tentata di tirare la volata ai giustizialisti (anche se ignoranti, fan comodo così...) del M5S; allora i pranzi diventano una truffa? non mi risulta siano intervenute nuove eclatanti prove. Sono le stesse di prima, dunque?

claudioarmc

Gio, 11/01/2018 - 19:47

Dove sono le oche starnazzanti piddine che invocavano il suo nome?

Cheyenne

Gio, 11/01/2018 - 19:55

MARINO E' UN INCAPACE (ANCHE COME CHIRURGO), MA NON CREDO SIA UN LADRO. I MAGISTRATI PURTROPPO IN QUESTO PAESE SFASCIATO ORMAI DETTANO LA LORO LEGGE

Ritratto di elio2

elio2

Gio, 11/01/2018 - 20:28

Non credo ci saranno sviluppi, se però ricorresse in cassazione, sarà certamente assolto.

Yossi0

Gio, 11/01/2018 - 21:45

Pare che a Pittsburgh sia successa la stessa cosa con doppio addebito delle ricevute tanto da essere licenziato. Se fosse vero si potrebbe dire che il lupo erede il pelo ma non il vizio.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 11/01/2018 - 22:42

C'è ancora un grado di giudizio. Tutto può succedere.

Ritratto di giangol

giangol

Ven, 12/01/2018 - 07:05

Alla fine sarà colpa degli scontrini che lo hanno provocato. I kompagni non sbagliano mai e sono corretti nella vita

misuracolma

Ven, 12/01/2018 - 07:15

e agli altri cosa dovrebbero dare? l'ergastolo?

Duka

Ven, 12/01/2018 - 08:12

COMUNISTA E LADRO naturalmente, ma sono curioso di vedere come va a finire, la tessera ce l'ha pure lui.

Ritratto di Giancarlo09

Giancarlo09

Ven, 12/01/2018 - 08:24

FOXMULDER e M_TRM mi sa che della vicenda avete capito poco e che del funzionamento del nostro sistema giudiziario capiate ancora meno. Infatti, il "giudice" della Corte d'appello non è un singolo ma è collegiale ovvero è formato da più persone. Pertanto, proprio in base al principio per cui una persona può sbagliare (il giudice del 1° grado) mentre più persone è difficile che prendano una cantonata, si fa si che sull'impugnazione delle sentenze di 1° grado si pronunci il collegio. PS. Marino non è nuovo a certi sotterfugi, in passato fu cacciato via da un'Università americana per lo stesso motivo (falsi rimborsi).

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Ven, 12/01/2018 - 08:26

sulla sentenza non intervengo..ma mi guardo indietro:la panda amerdano..i vigili a capodanno....i centurioni al colosseo....la bici all'uscita del comune,per poi caricarla in un furgone del comune alla prima curva...ok dott0'--cercano guardie mediche all'ospizio!!

lento

Ven, 12/01/2018 - 08:32

Poerello... Adesso non gli resta che farsi saltare ....

Ritratto di pascariello

pascariello

Ven, 12/01/2018 - 09:11

E si preoccupano per un maiale che si ingozza di rifiuti mentre chissà quanti suini come questo hanno pasteggiato con prelibatezze e vini pregiati alla faccia nostra !

Ritratto di gabriele74-cina

gabriele74-cina

Ven, 12/01/2018 - 09:25

Alla fine puniscono un pesce piccolo. Quelli da mandare in galera a vita girano per l’Italia in treno o hanno padri banchieri