Scatta il blocco sulle pensioni: tutti gli assegni di gennaio

Nessuna rivalutazione a causa dell'inflazione, del pil negativo e dell'immobilismo del governo: ecco che cosa cambia

Anche nel 2021, le pensioni resteranno identiche a quello dell'anno che si avvia a terminare. Nemmeno uno spicciolo in più.

Qualche giorno fa (ecco il link) avevamo parlato del conguaglio inesistente per quanto riguarda l'anno in corso: la media complessiva per le somme non erogate nel 2020 raggiungerà i 15 euro in totale, attestandosi su una media di 10 euro. Sembra incredibile ma è l'aumento previsto. Tutto questo a causa della crisi del Covid con un tasso di inflazione che per il 2021 è previsto intorno allo 0% contro lo 0,5% del 2020.

Cosa cambia per i pensionati

Per la seconda volta dall'entrata in vigore delle norme contributive del 1996, la media quinquennale del Pil fornisce un valore negativo mettendo a repentaglio il montante contributivo. "Tale riduzione sarà comunque neutralizzata dall'articolo 5 del decreto 65 del 2015", spiega alla Verità Alberto Brambilla, Presidente del centro studi Itinerari previdenziali, che sottolinea come sia "previsto, infatti, che il tasso di rivalutazione non sia mai negativo, salvo il recupero di quanto neutralizzato negli anni successivi".

Chi è andato in pensione dal 1° gennaio 2020 vedrà rivalutato il montante contributivo accreditato al 31 dicembre 2018 dell'1,9945%, (media quinquennio 2014-2018), mentre non si procederà ad alcuna rivalutazione dei contributi versati nel 2019, l'anno precedente all'andata in pensione (legge Dini 335/95) nonché gli eventuali contributi versati nel 2020 fino alla decorrenza della pensione.

Novità pensioni 2021

Chi si ritirerà dal mondo del lavoro nel 2021 riceverà una rivalutazione del montante contributivo, accreditato al 31 dicembre 2019, dell'1,9% circa (media quinquennio 2015-2019). Invece, non ci sarà nessuna rivalutazione dei contributi versati nel 2020 e nel 2021 fino alla decorrenza della pensione. A causa di questi calcoli tra montante e rivalutazione legata all'inflazione, gli assegni restano al palo almeno per i prossimi due anni.

Sempre attuale, invece, la batosta per le cosiddette pensioni d'oro che, anche nel 2021, subiranno tagli quando si va oltre le 100mila euro di imponibile: si passa da minimo del 15% ad un massimo del 35% per gli importi compresi tra i 350 e i 500mila euro. Ancora più su scatta il 40% del taglio. "Mi sarei aspettato tuttavia un esito diverso della vicenda. In pratica, è dalle norme Prodi che si interviene sulle pensioni più corpose con azioni di congelamento o di prelievo. La Carta però lo dice chiaro: le penalizzazioni non dovrebbero superare un periodo limitato. Invece succede dal 1996", sottolinea Brambilla, che incalza affermando come il governo a 5 stelle, lo scorso anno abbia nascosto gli interventi penalizzanti sugli importi più bassi.

Quota 100 e opzione donna

La nuova manovra del governo in via di approvazione non è tanto meglio: a parte per l'allargamento dei contratti di espansione alle aziende con 250 dipendenti (fino allo scorso anno ne servivano 500), il governo ha mantenuto intatti i numerosi paragrafi del libro pensionistico. Quota 100 andrà a scadenza naturale alla fine del 2021 "e non è certo possibile decidere a giugno 2021 che cosa accadrà sei mesi dopo", afferma Brambilla. Inoltre, saranno ulteriormente prorogati altri due Istituti per il pensionamento anticipato: Ape sociale e Opzione donna.

Nessun cambiamento sulla maturazione dell'età delle pensioni: per il trattamento di vecchiaia, l'età minima è confermata in 67 anni e 20 di contribuzione, per la pensione anticipata il requisito contributivo - indipendente dall'età - resta bloccato a 42 anni e 10 mesi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne. Tutto fermo anche sul versante della pensione anticipata riservata ai cosiddetti contributivi puri: potranno andare in pensione all'età di 64 anni e con 20 anni di contributi ma a condizione di aver maturato, al momento del pensionamento, un importo pari o superiore a 2,8 volte l'assegno sociale. In sostanza, i giallorossi non sembrano voler fare alcuna scelta politica.

"È arrivato il momento di mettere mano a una riforma e alla semplificazione del sistema pensionistico. Non è più accettabile, da un punto di vista della sostenibilità finanziaria, che ogni anno (con una deroga piuttosto che un'altra) vadano in pensione anticipata almeno 50mila persone. Dall'altro lato, non è accettabile che il 2022 si apra con uno scalone che passi da 62 anni a 67 e mezzo. Serve flessibilità in uscita: è l'unica soluzione", conclude.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Klotz1960

Mar, 29/12/2020 - 15:09

Nei Paesi civili le misure di politica economica e assistenziale non vengono analizzate solo per classi ma anche per generazioni. Dato che i 5 stelle rappresentano al 90% i giovani, era evidente fin dall'inizio che sarebbero aumentati i sussidi per i giovani e ridotte le pensioni, in un modo o nell'altro. Nessuna sorpresa.

Ritratto di faman

faman

Mar, 29/12/2020 - 15:11

la batosta sulle pensioni d'oro, quanto mi piacerebbe subire questa batosta.

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Mar, 29/12/2020 - 15:16

le rivalutazioni erano solo previste nei contributi da versare ogni anno!!

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Mar, 29/12/2020 - 15:17

chissa' poi, i vari sostenitori europei,tale amato napulitano,monti & c.che tagli avranno ...invece dei 90mila/mese,ne avranno solo 89.999??

BEPPONE50

Mar, 29/12/2020 - 15:23

La memoria e' poca ERA GIA STATO FATTO COL GOVERNO CONTE 1 (Salvini)

maurizio-macold

Mar, 29/12/2020 - 15:23

Nessuna novita'. Sono anni che la mia pensione e' bloccata anzi che diminuisce grazie alla demenziale riforma del federalismo fiscale voluta dal governo Bossi-Berlusconi per la quale oltre alle tasse del governo centrale paghiamo anche quelle regionali, provinciali e comunali.

Ritratto di ex finiano

ex finiano

Mar, 29/12/2020 - 15:31

Dicono quelli della maggioranza:"""Non è più accettabile, da un punto di vista della sostenibilità finanziaria, che ogni anno (con una deroga piuttosto che un'altra) vadano in pensione anticipata almeno 50mila persone.""" Però è accettabile che più di 3 milioni di persone percepiscano il reddito di cittadinanza senza lavorare...... gaglioffi!

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Mar, 29/12/2020 - 15:42

@Helter_Skelter:per completezza di info,nella legge di bilanci oin approvazione antro il 31 dicembre,hanno stanziato 4,dicasi 4miliardi dedicati al reddito da poltrona!!ecco i grilli,che hanno sconfitto la poverta'...ingrassando certe regioni del sud che non hanno mai lavorato,e campando solo di espedienti e sussidi..pe rnon parlare a detenuti,rom,e assimilabili che la gogranno

ItaliaSvegliati

Mar, 29/12/2020 - 15:52

REDDITO DI FANNULLANZA BONUS MONOPATTINI BONUS VACANZE MANCETTE PARLAMENTARI PENSIONI PER I CONGIUNTI DEI CLANDESTINI.... però sulle pensioni sempre tagli KOMUNISTI!!!! Fate schifooo...

Ritratto di hernando45

hernando45

Mar, 29/12/2020 - 16:01

Caro Sig Maurizio, quale governo ha spostato per legge (quella sull'AIRE) il domicilio fiscale di chi si iscrive quale residente all'estero (obbligatorio per legge) a Roma!!! Sa cosa vuol dire!!! Vuol dire che le addizionali comunali e regionali che mi vengono trattenute sulla pensione da quasi 20 anni, sono quelle piu alte d'Italia che corrispondono a quasi 50 Euroo in meno al mese!!!! Altro che Bossi e Berlusconi!!!!

filgio49

Mar, 29/12/2020 - 16:04

Sign. Macold...il governo di cdx non governa piu' dal 2011, come mai i governi che sono venuti dopo non si sono mai preoccupati di ripristinare la riforma del federalismo fiscale? Hanno annullato e modificato tante leggi volute dal cdx ma si sono dimenticati questa! E' colpa ancora di Berlusconi, Salvini e Meloni?

flip

Mar, 29/12/2020 - 16:19

allora se bloccano le pensioni, i consumi diminuiscono perchè i soldi non bastano......

ghorio

Mar, 29/12/2020 - 16:25

Scandaloso il comportamento del governo. Non mi pare che il costo della vita sia stabile: gli aumenti sono sempre dietro l'angolo.

Ritratto di faman

faman

Mar, 29/12/2020 - 16:41

ghorio-Mar, 29/12/2020 - 16:25: non so se i dati Istat rispecchiano fedelmente l'andamento del costo della vita, ma onestamente a me non sembra che il mio tenore di vita (da pensionato medio ex impiegato)abbia subito grossi scossoni. Ciò non toglie che lo scarso adeguamento delle pensioni di questi ultimi anni non sia giusto.

Massimo Bernieri

Mar, 29/12/2020 - 16:48

Allora..non aumenteranno affitti con canone legato a indice ISTAT inflazione?

Ritratto di Flex

Flex

Mar, 29/12/2020 - 16:56

Una buona parte dei pensionati è morta a causa o per colpa del "Virus" gli altri li lasciano alla "fame", che sia una strategia per sanare il debito pubblico?..ahahah.

Ritratto di neizmjernelopteligaša

neizmjernelopte...

Mar, 29/12/2020 - 16:57

Un sacco di balle a ruota libera, mia moglie a gennaio avrà un aumento di 43 Euro( è nella fascia intorno ai 1900 Euro )

ilcapitano1954

Mar, 29/12/2020 - 17:04

In verità sono andato a controllare sul sit INps e trovo una rivalutazione lorda di 1,40 euro rispetto a Gennaio precedente poi ci sono 20 euro accreditatomi di arretrati, perciò sono al lordo 21,40 euro, ma al netto mi trovo 30 euro in meno, (miracoli della matematica) rispetto a Gennaio dell'anno 2020. In realtà l'unica cosa che vedo aumentata, è la tassazione Irpef.

jaguar

Mar, 29/12/2020 - 17:10

Per me nessun problema, l'aumento di 60 centesimi mensili avuto quest'anno mi ha permesso di mettere da parte un bel gruzzolo.

rigampi1951

Mar, 29/12/2020 - 17:18

Quanto mi piacerebbe avere una pensione da 100.000 euro e incassarne solo 85.000 !!!!! invece la mia pensione è ferma dal governo Monti, però tutto continua ad aumentare e il potere di acquisto è sceso di parecchio Questo è senza dubbio per le menti komunisti il sistema per aumentare i consumi, saluti

maurizio-macold

Mar, 29/12/2020 - 18:30

Signor filgio49 (16:04), perche' dovete difendere ad ogni costo i politici del cdx anche quando sbagliano? Poi e' naturale che le tasse una volta emanate non vengono piu' abolite, non lo ha fatto mai nessuno tanto e' vero che paghiamo ancora tasse per emergenze terminate da tempo. Cerchi di usare un po' di buon senso e di onesta' intellettuale.

ziobeppe1951

Mar, 29/12/2020 - 18:39

MAGOLD... sai che bello vivere in Portogallo a zero tasse... rosica.. rosica.. kompagno tu lavora che io magno