Logo ilGiornale.it

Finito l'incontro Renzi-Berlusconi. Più di due ore di faccia a faccia

Berlusconi, in compagnia di Gianni Letta, è arrivato alla sede del Pd per incontrare Renzi e discutere della legge elettorale. Colloquio terminato dopo oltre due ore. E intanto l'esecutivo trema

Finito l'incontro Renzi-Berlusconi. Più di due ore di faccia a faccia

Un incontro storico, una giornata cruciale per le sorti del governo Letta. Silvio Berlusconi, in compagnia di Gianni Letta, è arrivato puntualissimo alla sede del Partito Democratico per incontrare il segretario Matteo Renzi. Zona blindata dalla forze dell’ordine che hanno circondato con un cordone di sicurezza via Sant’Andrea delle Fratte impedendo l’ingresso a curiosi e passanti. Davanti all’ingresso del Partito democratico, ci sono solamente fotografi e cineoperatori, giornalisti e personale autorizzato. All'arrivo dell'auto del Cavaliere, un gruppo di persone ha lanciato alcune uova sull'auto di Silvio Berlusconi, mentre stava entrando nella sede del Pd, in via del Nazareno. Alcuni manifestanti del Popolo Viola, capeggiati da Gianfranco Mascia, gridano 'Vergogna! Vergogna!".

Il tema è quello della riforma della legge elettorale. Gli avvertimenti della minoranza democratica, dei bersaniani e di Scelta Civica al momento non hanno sortito effetti: il sindaco di Firenze è intenzionato ad andare avanti. Nonostante anche parte della base abbia sollevato critiche nei suoi confronti. Scelta Civica ha detto la sua: "L'Italia ha bisogno di una legge che salvaguardi il bipolarismo ma che non crei un bipartitismo, noi partiamo dal Mattarellum corretto ma anche dal sindaco d'Italia, se con Berlusconi si andasse a un'intesa sul modello spagnolo nella forma in cui è stato presentato, sarebbe un tavolo parallelo e allora credo che ci sarebbero dei problemi". Dal canto suo, ieri il segretario democratico è stato chiaro: "Non mi interessa avere una legge elettorale che favorisca il Pd, sto mettendo la mia faccia su una cosa che non sono riusciti a fare quelli di prima, dobbiamo dire basta al ricatto dei partitini, quando uno vince lo fai governare, serve una legge elettorale in cui chi vince risponde ai cittadini, ecco perché è importante che Forza Italia decida", perché è il secondo partito italiano. Il colloquio è finito dopo più di due ore.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti

Accedi
ilGiornale.it Logo Ricarica