"Infettati, uno su due ha meno di 65 anni"

Dopo due settimane il contagio cresce ancora E ora l'eccezione saranno le strutture «normali»

Altri due morti a Milano città, numeri che fanno paura in Lombardia, ansia per la tenuta degli ospedali. La seconda settimana dell' incubo Coronavirus si chiude in modo agghiacciante, così come si è aperto il 21 febbraio con la scoperta del primo «focolaio» nel Lodigiano. E intanto si scoprono positivi anche due prefetti, quelli Brescia e di Bergamo, dove è risultato positivo anche il questore (e tutti assicurano di star bene e di essere operativi continuando a lavorare).

Sono cupe le notizie fornite ieri sera dalla Regione: i contagi continuano a salire inesorabilmente, siamo a quota 2.612 (negli ultimi giorni, a ritroso, sono stati 2.251, 1.820, 1.254 e 1.077). Il 36% dei contagiati ha oltre 75 anni, il 20% ha tra i 65 e i 74 anni, il 25% tra i 50 e i 64, il 17% tra i 25 e i 49 anni mentre l'1 per cento tra 18 e i 24 anni e l'1 per cento meno di 18 anni. Quanto ai territori, la Bergamasca è in una molto critica, la Regione ha criticato il ritardo con cui Roma sta affrontando il tema di una nuova zona rossa ma ora anche l'Istituto superiore di sanità sarebbe orientata a chiedere misure drastiche ora.

In Lombardia, i deceduti sono 135. A Milano città sono tre, tutti maschi. Ieri si sono purtroppo aggiunti un 76enne con patologie oncologiche e respiratorie e un 89enne con patologie cardiovascolari. In provincia i decessi salgono da 5 a 6. La Regione fa sapere che i deceduti sono «tutte persone anziane con un quadro clinico già compromesso». L'87% aveva più di 75 anni, l'11% fra 65 e 74 e il 2% fra 50 e 64 anni.

Aumentano anche i guariti. I pazienti dimessi e al domicilio sono 469 (93 in più in un giorno) mentre in isolamento domiciliare si trovano 77 persone. Continuano però a salire anche i pazienti ricoverati: sono 309 (65 in più rispetto a ieri) quelli in terapia intensiva e 1.622 in altri reparti. È questa pressione sugli ospedali che fa più paura. La Regione continua quindi nella sua corsa forsennata ai posti letto da allestire. E la novità del giorno riguarda proprio gli ospedali: se prima l'obiettivo della Regione era destinare alcuni ospedali ai pazienti Covid, adesso la prospettiva è ribaltata. «Avevo detto che avevamo individuato due o tre ospedali Covid - ha spiegato l'assessore al Welfare Giulio Gallera - ma il numero di pazienti cresce in maniera così imponente che facciamo il contrario. Di fatto, avremo tre grandi ospedali che si occuperanno della cardiochirurgia. Tutti gli altri si occuperanno di Covid». E lunedì arriverà una delibera che darà l'indicazione alle strutture di «gestire nella maniera opportuna tutti i pazienti che noi invieremo, nelle dimensioni che noi invieremo». Il problema della capienza ospedaliera, però, riguarda soprattutto il personale. Per quanti sforzi si possa fare sul piano logistico - aprendo interi piani e riconvertendo alle nuove esigenze «tantissime recovery room delle sale operatorie, ciascuna da 3 persone» - il punto è che servono medici e infermieri. Ed è questo lo sforzo massimo su cui è impegnata la Regione. A Seriate sono arrivati i militari: 10 medici e 12 infermieri. E rinforzi sono in arrivo sul fronte infermieristico: i primi 65 si sono laureati giovedì a Pavia in anticipo e, tra lunedì e martedì dovrebbero laurearsi 250 infermieri da immettere velocemente nel sistema. I rettori stanno accelerando. L'altra leva su cui lavorare è la riduzione dei contagi e quindi della «socialità», con raccomandazioni sempre più accorate: «Se non adottiamo atteggiamenti veramente radicali - ha detto Gallera - rischiamo che non ci sia un picco con una discesa».

Alberto Giannoni

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

eroncelli

Sab, 07/03/2020 - 09:19

Tutti numeri senza senso, se non si indicano altri dati. In Italia ci sono oltre 4000 morti al giorno di cui oltre 700 di età superiore a 75 anni (dati Istat 2016) per cui 4-5 morti al giorno non cambiano nulla: ci sarebbero comunque !!! Nell'arco dell'anno, i pazienti con patologie gravi muoiono in numero rilevante, a prescindere da questa o altra emergenza (ad esempio il caldo estivo). Per cui chiedo agli organi di informazioni di dare numeri "seri", non sull'onda del sensazionalismo. Altrettanto dovrebbe fare il governo.

cecco61

Sab, 07/03/2020 - 09:40

Articoli da evitare. Chi scrive, sa quanto gente normale è confinata in casa con febbre (ma solo a 38,5), tosse e difficoltà respiratorie e totalmente dimenticata per mancanza di personale (e niente tampone)? E non certo in grado di lavorare, seppur da casa, e col rischio di poter infettare i conviventi sani? Se i Prefetti o i Questori stanno bene ma subito controllati e seguiti, fa chiaramente capire come ci siano cittadini di serie A e quelli di serie B che, se muoiono, sono solo una seccatura per le statistiche. Istituzioni e cittadini sempre più distanti.

Ritratto di TRANTOR

TRANTOR

Sab, 07/03/2020 - 09:43

Finalmente emerge qualche dato sulla morbilità e sulla mortalità per decade di età. Poiché sono soprattutto le persone anziane ad essere colpite dal virus in maniera grave, é indispensabile concentrare su di esse i provvedimenti più restrittivi ed efficaci. Chiudere tutte le scuole di ogni ordine e grado mi pare eccessivo.

FD06

Sab, 07/03/2020 - 09:53

Erôncelli : tutto vero basta sensazionalismo, cercate di controllare le vostre emozioni giornalistiche, mandate il pubblico più suscettibile verso un’allerta inutile che può danneggiare solo l’economia !

elpaso21

Sab, 07/03/2020 - 10:22

"i contagi continuano a salire inesorabilmente": ma perchè 'sto tono catastrofista. Date i numeri e fatela finita.

jaguar

Sab, 07/03/2020 - 10:40

elpaso21, se in due settimane siamo passati da 0 a quasi 5000, che tono si dovrebbe usare?

detto-fra-noi

Sab, 07/03/2020 - 10:50

@ elpaso21 - non sarà che ai burocrati di Bruxelles stia venendo in mente di usare questa vicenda (tutta studiata a tavolino, come altre brutte storie degli ultimi tempi) per creare un solido pretesto per instaurare la legge marziale, e in questo modo spazzare via definitivamente l'Italia, che tedeschi e francesi hanno sempre visto come uno stato concorrente, sia dal punto di vista economico che commerciale?

antipifferaio

Sab, 07/03/2020 - 10:52

Giornale governativo e sotto controllo della finanza mondiale...ogni articolo qui è super catastrofista come se volessero abituare la gente a vivere d'ora in poi in "libertà limitata"...traducendo, altro passo verso un governo totalitario europeo di tipo stalinista e un nuovo ordine mondiale...

rudyger

Sab, 07/03/2020 - 11:12

in italia per il virus sembra che muoiono solo gli italiani e non gli stranieri. Strano, no !

Mborsa

Sab, 07/03/2020 - 11:17

Leggere della rapida conclusione dei corsi per specializzandi e infermieri, mi ricorda i racconti degli esami universitari nell'inverno 39-40. E' un paragone angosciante.

il veniero

Sab, 07/03/2020 - 11:53

antipifferaio , non è diffcle immaginare che questa storia non sia " naturale" ... a livello economico quello che succede è molto piu' devastante della caduta delle Torri Gemelle .

bernardo47

Sab, 07/03/2020 - 12:23

che riguardasse solo gli anziani o una particolare tipologia di anziani, era una evidente barzelletta.....purtroppo, riguarda proprio tutti inclusi i neonati come si e' visto, e quindi serve grande attenzione.

vinnynewyork256

Sab, 07/03/2020 - 12:46

mi skuz.. ma avete dimenticati che l'Italia è un paese vecchio. Le donne da 50 anni fanno un bimba solo - è dopo i 40 anni. Crescita zero o meno .. mortalità anziani 80%.. evvia!!!!!!!!!!!!!!!!!

Ritratto di pipporm

pipporm

Sab, 07/03/2020 - 12:47

La verità è che vogliono farci morire tutti per abolire quota 100 voluta da Capitan Findus

gianniud

Sab, 07/03/2020 - 14:46

Almeno voi de Il giornale dovreste stare dalla parte delle aziende, state distruggendo l’economia.

stefano1951

Sab, 07/03/2020 - 14:57

Ha ragione al mille per cento "eroncelli"! Perchè gli "imbrattacarte",i loro omologhi "imbrattaweb" e gli "imfrattatg" enfatizzano questa demente psicosi? Può essere che altrimenti i politicanti, il cui unico e chiaro fine è arraffare quanti più soldi pubblici possono, non permetterebbero a quei scribacchini di leccare le briciole che cadono dalla greppia in cui i loro padrini si ingozzano?

ulio1974

Sab, 07/03/2020 - 15:04

@ jaguar: 5000 casi rappresentano ca. 1 /10000 ( quasi) della popolazione italiana, ovvero lo 0,01%

angryant

Sab, 07/03/2020 - 15:45

e' evidente che qua il governo prova a censurare l'informazione.di sicuro ci raccontano balle :(muiono solo vecchi e malati (invece altrove muoiono anche giovani e forti),siamo pronti all'emergenza (vediamo che non riescono a proteggere neanche i medici) siamo la migliore sanita' (e non abbiamo ne' medici ne' materiale )etc. . e sappiamo benissimo che nei prossimi giorni (aspettano solo una "copertura" dell'oms) dovranno chiudere il paese in un cordone sanitario (come aveva detto subito zaia per il veneto subendo feroci critiche ) perche' e' l'unica maniera conosciuta per combattere epidemie e lo sa anche un gatto.e i cittadini avrebbero ben capito (perche' sono meno tonti di quanto crede la sinistra)che c'era di mezzo la salute. attuando in contemporanea con misure economiche forti per sostenere l'economia forse in pochi mesi si sarebbe risolta la cosa (come in cina)o almeno si poteva sperare( se i giornalisti ci dessero una mano a smascherare le balle saremmo felici)

Ritratto di PeccatoOriginale

PeccatoOriginale

Sab, 07/03/2020 - 15:49

Certo che e` ironico come i LUMBARD chiedano sempre a gran voce che gli stranieri (e i terroni) se ne stiano a casa loro, ma ora che c'e` il virus ORDE DI UNTORI LUMBARD sciamano nelle loro case di vacanza e negli alberghi in Liguria e altrove, a infettare gli altri. Le localita` di villeggiatura pullulano di infettati lombardi, piu` che in agosto.

cir

Sab, 07/03/2020 - 17:37

PeccatoOriginale Sab, 07/03/2020 - 15:49 sono d' accordissimo!

elpaso21

Dom, 08/03/2020 - 00:34

"uno su due ha meno di 65 anni": e quindi?