Novartis brilla a Zurigo

Le indicazioni positive sull’economia Usa non sono riuscite a contrastare l’effetto negativo del nuovo rialzo del greggio, che ieri ha neutralizzato i mercati azionari. A New York, a un’ora dalla chiusura, il Dow Jones era in calo dello 0,37% e il Nasdaq dello 0,658%. Tra i pochi titoli in rialzo, Visteon balza del 25% dopo l’accordo con la Ford per la produzione di componenti auto; riprende quota anche US Steel (più 4,4%). Negativo il settore computer, dopo la flessione di Network Alliance (meno 4,6%) e Ciena (meno 3,4%), ma in calo tra i chimici Du Pont (meno 1,3%). Tutte le piazze europee chiudono in rosso, per poche frazioni. Pesante Londra, con perdite superiori al 3% per City Sainsbury, Gus e Next, mentre British Land guadagna quasi il 2%; chiudono in rialzo anche Daily Mail e Old Mutual. A Zurigo brillano i farmaceutici, soprattutto Novartis (più 1,4%) dopo l’esito positivo dei test di un farmaco per la vista. A Francoforte scende ancora Infineon (meno 1,7%) ma in rialzo Deutsche Post (più 1,7 per cento).
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.