Il parlamentino fa il pieno di gettoni: 18 commissioni in agosto

Diciamo che ci avevano provato. A fare in modo che non venissero convocate le commissioni in agosto, votando una mozione in cui si invitavano i presidenti ad astenersi dal programmare le sedute a meno che non fossero di estrema urgenza. Poi avevano aggiustato il tiro ammettendo solo quelle «propedeutiche» al primo consiglio di settembre. Fatto sta che il consiglio di zona 3 ci è ricascato un’altra volta: non ha resistito alla tentazione di poter incassare il gettone (46,50 euro netti per ciascun consigliere per 31 minuti di presenza) e di assemblee ne ha già messe in cantiere diciotto, cinque nella prima settimana e tredici negli ultimi dieci giorni del mese. È l’unico fra tutte e nove le circoscrizioni ad avere in calendario un numero così alto di riunioni nel mese più caldo dell’estate. E recidivo per di più: l’anno scorso il parlamentino ha fatto spendere al Comune oltre 12mila in trenta giorni. «Siamo sempre alle solite - commenta il consigliere Luca Prini (Pcl) -. Ancora una volta si vede come l’unico motivo di fare le commissioni sia prendere il gettone».

Commenti