Bongiorno non molla: "Rivendico tutto, da castrazione chimica a parola 'isterica'"

Dopo aver spiegato su Twitter la sua norma Codice Rosso e aver riproposto la castrazione chimica, il ministro della Pubblica amministrazione è finito nella bufera

È finita nella bufera dopo aver spiegato la norma Codice Rosso che obbliga un pm o un pg ad ascoltare entro tre giorni una donna che denuncia una violenza. Ora il ministro Giulia Bongiorno vuole fare chiarezza.

In un tweet poi cancellato, il ministro per la Pubblica amministrazione aveva scritto che quei tre giorni servono a stabilire "se si ha a che fare con un’isterica o con una donna in pericolo di vita". E, come riporta il Corriere, era stata proprio la parola "isterica" a far nascere le polemiche.

"Quell''isterica' non è mio - ha precisato Bongiorno - . Moltissimi detrattori della norma Codice Rosso che ho incontrato sulla mia strada, nell’insistere sulla tesi secondo cui molte delle donne che denunciano una violenza in realtà non l’hanno subita, citano sempre quella parola. 'E se è un’isterica?', 'Perdiamo tempo a causa di un’isterica?', cose così. Per me, tutte le donne che denunciano una violenza vanno sentite entro tre giorni, poi si vede se chi denuncia dice la verità o calunnia".

"Isterica fa parte del mio vocabolario solo come citazione altrui. Ma lo userò tra virgolette spiegando che Codice Rosso serve per appurare in tempi rapidi se una donna che denuncia una violenza è in pericolo di vita oppure, come dicono i detrattori della norma, 'un’isterica'", ha continuato il ministro.

La castrazione chimica

Le polemiche poi si sono moltiplicate quando il ministro ha parlato di castrazione chimica per i condannati per violenza sessuale con pena sospesa.

"La gente mi chiede per strada 'ma tu vuoi castrare le persone?'. Io non voglio castrare nessuno. Sono per la castrazione chimica come lo è la commissione anti tortura del Consiglio d’Europa. E cioè a tre condizioni: che il reo lo accetti, che ci sia il consenso informato, che il trattamento non sia irreversibile", ha spiegato.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

stefano751

Dom, 31/03/2019 - 12:02

Le contraddizioni della sinistra sono tali che arrivano ad essere contrari alla pillola per la castrazione chimica, ma sono favorevoli alla pillola che blocca lo sviluppo sessuale per incentivare l'omosessualità e il cambiamento di sesso.

michele lascaro

Dom, 31/03/2019 - 12:19

Certo che c'è differenza tra la Bongiorno, che parla della realtà, come succede in alcune Nazioni, note e meno note, e la Grillo (mi dispiace tanto considerarla collega), che vive nella fumosa liturgia dei sinistrati.

ghorio

Dom, 31/03/2019 - 12:33

La Bongiorno: ovvero come un politico cade in basso.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 31/03/2019 - 12:38

Basterebbero tanti anni di galera.

Ritratto di Laura51

Laura51

Dom, 31/03/2019 - 13:00

Parole roboanti ed ad effetto ma a cui non ci sarà un seguito. Intanto, quale violentatore accetta di farsi castrare, seppur chimicamente? Informare è sempre corretto. Se non è irreversibile, allora a cosa serve?

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Dom, 31/03/2019 - 13:31

"La gente mi chiede per strada 'ma tu vuoi castrare le persone?'. Io non voglio castrare nessuno. Sono per la castrazione chimica come lo è la commissione anti tortura del Consiglio d’Europa. E cioè a tre condizioni: che il reo lo accetti, che ci sia il consenso informato, che il trattamento non sia irreversibile". Mi sembra chiara la spiegazione, incipit compreso e condizioni offerte. Che poi sia accettata po meno questo è altro.

Ritratto di navigatore

navigatore

Dom, 31/03/2019 - 13:41

METTERSI CONTRO I COMUNISTI,I GIUDICI ROSSI, I CENTRI SOCIALI E LE FEMMINISTE COMPAGNE è dura,ma desistere è peggio

MASSIMOFIRENZE63

Dom, 31/03/2019 - 14:43

Chi stupra una donna è un porco e deve essere condannato. Giusto, però a questo punto, se si legalizzasse la prostituzione, questi giovanotti avrebbero modo di sfogare i loro istinti senza fare del male a nessuno e forse non commetterebbero questo reato.

carlottacharlie

Dom, 31/03/2019 - 16:16

Beh, i soliti mentecatti non hanno visto la sfilata delle isteriche al congresso? Si incaponiscono su una parola e non notano, mai notano, il corollario.

venco

Dom, 31/03/2019 - 17:58

La Bongiorno è una grande donna con buone idee ben superiori alla stragrande maggioranza dei maschi.

mariolino50

Dom, 31/03/2019 - 18:12

Mi sembra una norma discriminatoria verso gli uomini, se io vado a fare una denuncia di percosse o altro, devo aspettare mesi per essere sentito, o mi mettono direttamente nel cassetto di fondo della scrivania, nel dimenticatotio. A leggere giornali sembra proprio che sia così.

Ritratto di indicazionediconfine

indicazionediconfine

Dom, 31/03/2019 - 19:44

ghorio 12:33 - Se argomenti meglio la tua considerazione, ti sarei grata.

Ritratto di indicazionediconfine

indicazionediconfine

Dom, 31/03/2019 - 19:47

carlottacharlie 16:16 -- 3 epiteti in 2 righe. Tu sì che fai funzionare il cervello. Ti invidio.

kobler

Dom, 31/03/2019 - 22:36

Quante balle!