L'analisi del politologo Natale: "Fdi può diventare il primo partito"

Paolo Natale ha affrontato alcuni temi dell'attuale politica di governo, tratteggiando lacune e punti di forza di alcuni degli schieramenti

Paolo Natale è uno dei politologi più brillanti d'Italia ed è stato intervistato da Italia Oggi per fare il punto sul governo di Mario Draghi e sulle posizioni assunte dalle varie forze politiche in questo scacchiere di non facile interpretazione. Natale, docente dell'università Statale di Milano, e consulente dell'Istituto di ricerca Ipsos, spiega che "siamo in una fase di marmellata politica, in cui gli schieramenti si sono sfarinati e le maggioranze di governo sono variabilissime. Questo non consente la governabilità del Paese, mi auguro che alle prossime elezioni politiche, probabilmente la prossima primavera, gli schieramenti si ricompongano e si vada verso due blocchi alternativi".

Il commento di Natale sulla Lega

È il governo delle larghe intese, in cui la Lega governa con il Pd e viceversa. Dovrà essere Matteo Salvini a giocare bene le sue carte per trarne un vantaggio, per "da un lato rispondere alle richieste del mondo produttivo del Nord, che vede nel governo di larghe interesse di Mario Draghi una garanzia per la ripresa economica. Dall'altro, deve rispondere alla base movimentista che a stare con il Pd proprio non voleva e per la quale un governo di larghe intese resta indigeribile". Un'impresa non facile per il leader della Lega, che per riuscirci dovrà "dire che non è con i poteri forti e con questa Europa, ma al fianco dei lavoratori e dei piccoli imprenditori. Per tenere tutto assieme, deve essere un po' di lotta e un po' di governo".

La strategia dell'antieuropeismo, per Paolo Natale, non si adatta all'attuale scenario politico e il refrain per i prossimi mesi sarà uno: "Modificarla dal di entro". Per il politologo, Matteo Salvini dovrà essere scaltro nel calamitare nella Lega l'elettorato moderato "che fa riferimento alla produzione, all'imprenditoria, ai professionisti". Per farlo, però, la Lega deve "saper essere forza di governo nazionale oltre che regionale".

Il commento di Natale su Fratelli d'Italia

All'opposizione, invece, c'è Giorgia Meloni, che attirerà a sé "la destra più inferocita che prima faceva riferimento alla Lega. Con la scelta del governo Draghi assistiamo a una inversione dei ruoli tra il leader della Lega e la leader di Fratelli d'Italia, ma tutto resta nel centrodestra". La decisione di schierarsi all'opposizione è stata strategica per Giorgia Meloni, una mossa che sta pagando anche in termini di sondaggi: "I primi dati dicono che continua a salire, è proiettata a scalzare il Pd, che non riesce a sfondare quota 20%, e non è escluso che diventi primo partito. Molto dipende da cosa succede nei prossimi mesi". Insieme a Fratelli d'Italia è in crescita anche Forza Italia, che segue un andamento ascendente costante. Stabile, invece, la Lega che è il primo partito della coalizione. Le tre compagini insieme raggiungono quasi il 50% delle preferenze degli italiani.

Per Paolo Natale, l'andamento futuro di FdI dipenderà molto dalla gestione della crisi da parte del governo: "Se il governo Draghi non riuscirà a gestire la crisi così che in estate l'epidemia si spenga e inizi la ripresa economica, per la Meloni si aprono grandi spazi. Anche perché, e questo non è secondario, pur essendo unica alternativa al governo delle larghe intese non è mai apodittica, mai estremista". Se, invece, la strateggia di Mario Draghi avesse successo "il suo ruolo all'opposizione si indebolirebbe molto". Paolo Natale considera l'opposizione di Giorgia Meloni di tipo istituzionale: "È da un anno almeno che la Meloni sta maturando questa strategia, finora coronata dal successo. E la sua leadership ha premiato molto Fdi. I leader sono decisivi per il destino dei partiti"

Il commento di Natale sul Movimento 5 Stelle

Se nel centrodestra le posizioni sono determinate e i leader ben definiti, dalle parti del Movimento 5 Stelle c'è confusione, almeno stando alla lettura del politologo. I grillini sono ora alla ricerca di un leader: "Ne avevano uno, Giuseppe Conte, che avrebbe potuto dare al movimento un profilo solido e costruttivo, nell'alveo del centrosinistra, ma lo hanno perso per strada. L'unica salvezza per il Movimento è recuperarlo. Almeno per quel Movimento che corrisponde al 60% di elettorato grillino che era favorevole a entrare nel governo Draghi".

L'endorsement all'Italicum

La "marmellata politica" citata da Paolo Natale si può risolvere con il modello Italicum, legge elettorale proposta anni fa da Matteo Renzi, che per il politologo "aveva delle storture, indicate dalla Corte costituzionale, che potevano essere corrette. Ma un ritorno al proporzionale puro sarebbe un grave errore per il Paese, assegnerebbe uno strapotere ai partiti, continueremmo ad avere maggioranze raffazzonate nate in Parlamento e non nelle urne".

Il consenso di Mario Draghi

Al momento, gli italiani ripongono grande fiducia in Mario Draghi, tanto che ora il premier è arrivato al 70%, "un largo consenso proveniente, con l'eccezione di una buona metà dei pentastellati, da quasi tutti gli altri elettorati, nonché dalla cosiddetta 'area grigia' (astenuti o indecisi), che molto spesso è il vero termometro per giudicare l'azione di un governo o di un presidente del consiglio: se si ottiene l'appoggio di coloro che non sono politicamente schierati, le fortune di un esecutivo possono infatti durare a lungo nel tempo".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Boxster65

Gio, 25/02/2021 - 10:14

Evvai Giorgia, siamo tutti con te. Sei la migliore e la politica più credibile!

Ritratto di Rettiliano

Rettiliano

Gio, 25/02/2021 - 10:14

Tanto non si vota, per cui può avere anche il 100%, ma Fabrizio Bracconeri dovrà aspettare ancora un bel po'prima di sedersi alla scrivania di Quintino Sella!

Ritratto di dlux

dlux

Gio, 25/02/2021 - 10:52

Il consenso del premier è al momento non valutabile in quanto relativo alla stima conseguente al suo incarico precedente. Ancora non si è visto nulla come frutto del suo incarico attuale e non credo che riuscirà ad ottenere granché. Al di là delle lodi sperticate e dei proclami strombazzati dai vari partiti che l'appoggiano, vedremo presto tutta la loro incoerenza e litigiosità. E torneremo nel bailamme quo ante. Prima si vota e meglio è.

GioZ

Gio, 25/02/2021 - 11:08

A rigor di logica, uscire da una gabbia è libertà, modificarla "da dentro" è continuare ad esserne prigionieri. Purtroppo, anche per la destra l'Euro è diventato un dogma e, per dirla alla Draghi, "irreversibile". La cosa veramente "irreversibile" è la vista corta di chi ci governa, chiunque sia.

Iacobellig

Gio, 25/02/2021 - 11:13

Significa che la gran parte degli italiani comincia a ragionare con la propria testa. Meraviglia che ci siano ancora persone che esprimono consenso per la Sinistra, PD, e M5s nonostante i danni compresa la retrocessione di questa Italia nel mondo! Come si può sostenere un ignorante come Di Maio a 18000/€ al mese con auto blu e autista che intasca centinaia di mila euro senza meriti? Così dicasi per Speranza, Ascani, Malpezzi, Castelli, Perilli, Licheri, Zingaretti, Patuanelli e altri ancora. Povero paese.

ItaliaSvegliati

Gio, 25/02/2021 - 11:13

@Rettiliano....comincia a rosicare, si voterà prima del previsto hahahaha alle prossime elezioni di sicuro, avanti Giorgia!!!!!

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Gio, 25/02/2021 - 11:14

Mi stupisce che il politologo non veda nel totale parlamentarismo il nostro punto debole. Dopo il fascismo questo han voluto la nuova carta e certi interessi d'oltralpe che puntavano molto su tale assetto istituzionale per escluderci dai giochi mercantili e politici. Ed eccoci qua ancora senza un governo democratico senza una prospettiva democratica e con i fondamenti della libertà messi a rischio da soggetti pubblici e no.

jaguar

Gio, 25/02/2021 - 11:22

Non vi vuole molto visto il suicidio politico della Lega.

Giorgio1952

Gio, 25/02/2021 - 11:26

Iacobellig d'accordo però vogliamo parlare anche di Brunetta, Gelmini, Carfagna etc.etc.

Ritratto di Flex

Flex

Gio, 25/02/2021 - 11:33

"Fdi può diventare il primo partito". Speriamo, sarebbe un nuovo "Risorgimento".

Ritratto di jasper

jasper

Gio, 25/02/2021 - 11:35

Forse con la Giorgia l'Italia avrà un Premier donna e di destra. Sarebbe una bella vittoria. L'Italia avrebbe la sua Thatcher.

schiacciarayban

Gio, 25/02/2021 - 11:37

Si certo... Il potere, quale potere poi non si sa... da alla testa! Invece di pensare alle percentuali per il tuo partito, non potresti fare qualcosa di concreto!

Ritratto di jasper

jasper

Gio, 25/02/2021 - 11:37

La strategia di Draghi non avrà successo. Non è un politico, ma bancario e finanziere della Golden Sachs.

glasnost

Gio, 25/02/2021 - 11:39

A me non interessa granché se aumenta FdI o Lega, i nostri assassini sono a sinistra. Sono loro che ci riempiono di immigrati clandestini da mantenere, di malati di un Covid che non sanno contrastare e di distruzione della produttività degli Italiani. E' necessario che, se anche questo Governo agisce come il disastroso precedente, venga fatto cadere.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 25/02/2021 - 11:46

Certo, lo sarà. E prenderà voti da tutti i partiti, anche dal PD.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 25/02/2021 - 11:48

@Rettiliano - sicuro durerà i lgoverno altri due anni e oltre? Bene, vedi di farti vedere quando cadrà e non dire bugie come il tuo amico @Giorgio 1952.

trasparente

Gio, 25/02/2021 - 11:56

Probabile che diventi il primo partito, per tutti gli allocchi che ci cadranno perchè FDL sta giocando come hanno fatto i pentastellati, belle parole e poi alto tradimento. VC

Ritratto di ierofante

ierofante

Gio, 25/02/2021 - 11:59

Iacobellig - Perchè prima di definire ignoranti alcuni politici a Lei non graditi, non si guarda intorno? Il primo ignorante è sicuramente Lei in quanto ignora volutamente i fatti. Ignora cioè che Speranza è laureato in scienze politiche, Ascani in filosofia, Malpezzi in lettere moderne, Castelli in economia aziendale, Perilli e Licheri in giurisprudenza, Patuanelli in ingegneria. Gli unici non laureati tra i personaggi da Lei citati sono Di Maio che ha un diploma di maturità classica (come Salvini) e Zingaretti che ha un diploma da odontotecnico e che nella scala dei titoli di studio può essere equiparato, agli ultimi posti, alla sua beneamata Meloni che risulta avere un diploma di liceo linguistico. Dante Le avrebbe detto: "Ciò ti basti e più non dimandare".

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 25/02/2021 - 12:24

pssssttt, non ditelo ai grullo pidioti, se je viene er coccolone!!!

lorenzovan

Gio, 25/02/2021 - 12:25

ecco mi chiedevo quale sarebbe stata la prossima disgrazia dopo la pandemia del Covid..ora mi avete informato..per fortuna se succedera«'-..quando succedera'..gia' saro' passato a miglior vita..e sollevato da certi obbrobri...

agosvac

Gio, 25/02/2021 - 12:28

I sondaggi sulle intenzioni di voto, lasciano il tempo che trovano finché, finalmente, non si vota. Diverso è il consenso di cui gode Draghi che, però, è più verso la persona che verso il suo Governo. Mi correggo, non il "suo" Governo perché dubito fortemente che Draghi avrebbe riconfermato certi Ministri da barzelletta! Diciamo pure che le pecche dell'attuale Governo Draghi sono dovute più a Mattarella che allo stesso Draghi.

Ritratto di cicciomessere

cicciomessere

Gio, 25/02/2021 - 12:36

Primo partito , certo , e sembra anche che il nuovo rover su Marte, possa trovare un bar.

Calmapiatta

Gio, 25/02/2021 - 12:39

Questa è la lezione impartita a tutti coloro che non avevano capito perchè la Meloni avesse fatto le sue scelte. La posizione della Meloni è vincente, sempre e in qualunque scenario.

nerinaneri

Gio, 25/02/2021 - 13:13

...quindi, io che l'ho scritto un anno fa, sono una veggente...o sono gli elettori di dx che sono transumanti?...

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Gio, 25/02/2021 - 13:27

(…..) Da tempo dico e scrivo che FdI è destinato a diventare il primo partito del paese, ma non lo avete mai pubblicato. Vi davano e vi danno fastidio le verità o evenienze scomode, vero? Ora ve ne uscite con qualcosa che è diventata ovvia e scontata, specialmente dopo la disperata operazione di palazzo che ha portato alla grande ammucchiata dell’ingrugnito ma senza FdI. E’ proprio l’ammucchiata, destinata a sicuro fallimento, che dà spinta propulsiva al partito della melonina. La coerenza è qualcosa di grandioso che appartiene a temperamenti eticamente superiori. Giustamente voi della redazione ne siete sprovvisti.

nerinaneri

Gio, 25/02/2021 - 13:28

...p.s.: per gli elettori di cdx: non crediate di fermarvi alla meloni, voi che come ex di banana, un briciolo di eleganza lo sapete riconoscere...vabbè che con salvini avete sdoganato il papeetismo...

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 25/02/2021 - 14:38

All'opposizione di un governo molto confuso, anche con Matteo Salvini, c'è la signora Giorgia Meloni, che sta attirando a sé la destra, che prima si identificava con la Lega. Dietro al governo Draghi si assiste ad una inversione dei ruoli tra Salvini, il leader della Lega, e la signora Meloni, leader di Fratelli d'Italia. Comunque sia sarà il “centrodestra" ad aprire la strada agli Italiani veri, logicamente lontani dal comunismo folle.

necken

Gio, 25/02/2021 - 14:41

meglio i partiti che si assumono delle responsabilità di governo mettendo a rischio il proprio elettorato.

Ritratto di Smax

Smax

Gio, 25/02/2021 - 15:42

La parte sinistrorsa prevalente del governo circo Draghi trascinerà la Lega a fondo. Cambio di passo. E speranza chiude fino a pasqua. Prima legnata. Poi si susseguiranno sbarchi al oltranza seconda legnata, è così via.

fabioerre64

Gio, 25/02/2021 - 15:47

@Ierofante, forse Iacobellig ha sbagliato termine, in effetti non sono ignoranti sono incapaci, comunque l'ignoranza non si misura con il titolo di studio. Sapessi quanti laureati ho conosciuto in vita mia che non capiscono nemmeno le cose più elementari, si può studiare a memoria e prendere 30 tutti gli esami e 110 alla tesi ma restare delle capre.

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 25/02/2021 - 16:03

Spiegazione spero UTILE!!!!La mossa di Salvini di entrare al governo, sta "spaccando" il 5s!!! Col risultato che fra un po, se Draghi non ascoltera la Lega, si trovera senza la maggioranza di sinistra PD-LEU-5S e quindi o cade o "ubbidisce" Ma ci vorra ancora tempo perche molti qui nel FORUM lo capiscano!!! SCOMMETTIAMO!!!

schiacciarayban

Gio, 25/02/2021 - 16:09

La Meloni se ne frega del Paese, a lei basta aumentare i suoi voti. Veramente responsabile, non c'è che dire...

schiacciarayban

Gio, 25/02/2021 - 16:16

La Meloni ha fatto come Salvini ai tempi. Si è tagliata fuori da ogni responsabilità di governo, quando avrebbe avuto la possibilitè di esserci e di dire la sua. Facile fare opposizione eh? Un po' più difficile governare, probabilmente non è all'altezza. Contenta lei...

glasnost

Gio, 25/02/2021 - 16:31

Ma possibile che nessuno, almeno su questo forum, dimostri di capire che in Democrazia ci vuole una maggioranza che fa ed una opposizione che veglia in modo critico?

Ritratto di babbone

babbone

Gio, 25/02/2021 - 16:49

l'Italia per ritornare ad essere la NAZIONE che merita l'Italia va rigirata come un calzino e per far questo bisogna andare alle votazioni ... vince la DESTRA dopo non guardare in faccia a nessuno.

schiacciarayban

Gio, 25/02/2021 - 16:54

glasnost 16:31 - Certo ma qui abbiamo una destra al governo e un'altra destra in teoria alleata che fa opposizione al suo alleato. Sarebbe questa la destra compatta e unita che ha il 50%?

Ritratto di PeccatoOriginale

PeccatoOriginale

Gio, 25/02/2021 - 17:36

Sarebbe un ottima pubblicita` all'estero, per il Paese di Mussolini.

bruco52

Gio, 25/02/2021 - 18:15

La sfida di Draghi non è solo contrastare e vincere la pandemia, ma sopra tutto sconfiggere la crisi economica, sociale ed in particolare la questione immigrazionista, l'accoglienza indiscriminata, causa principale dell'aumento della criminalità, piccola e grande, che crea inoltre degrado nelle città e disagio nella popolazione e non credo che troverà sponda da sinistra, per attuare un piano serio che contrasti il fenomeno degli immigrati clandestini, che non portano nessun beneficio, ma solo costi ed oneri pesanti per lo stato.