Un guitto che scandalizza ormai solo i benpensanti

Donald è arrivato all'ultimo chilometro della sfida superando bugie, esagerazioni e "politically correct"

Donald Trump in 10 punti. Vizi, virtù e caratterisctiche del candidato repubblicano alla Casa Bianca. Un tipino certamente sopra le righe ma sul quale la stampa americana ma anche europea ha raccontato molte fandonie.

1 - Trump non è mai stato razzista, anzi molti latinos e molti afroamericani lo sostengono con convinzione. Semmai il tycoon che rischia di «scandalizzare» il mondo sbarcando armi e bagagli alla casa Bianca non ha mai nascosto il suo fastidio nei confronti di chi fa del «buonismo nero» elettorale, come ad esempio la sua avversaria Hillary Clinton. Quando era alle dipendenze del padre, Donald accettò la disposizione di seppellire in fondo alla pila le richieste di acquirenti neri, per non far calare i prezzi delle case che vendeva.

2 - Donald Trump Si è sempre vantato di avere alle sue dipendenze più lavoratori messicani (legali) che americani. Lo tesso fa quando lo accusano di sessismo: «Nei posti dirigenziali ho sempre avuto più donne che uomini».

3 - Tutti si aspettavano un flop abissale quando furono diffuse le vecchie registrazioni di Trump che spiega che avrebbe voluto fare a certe donne. E invece il flop non c'è stato. Mia figlia, che è un'americana di 15 anni mi ha detto: «Papà perché ti scandalizzi? Quello che ha detto Trump è esattamente ciò che tutti gli uomini di ogni luogo o epoca hanno sempre detto e diranno sulle donne, quindi smettila».

4 - Quando gridò davanti alle telecamere: «Russia, se hai questi famosi file di Hillary per piacere, tirali fuori e facceli vedere», era una ovvia battuta teatrale nel momento in cui tutti accusavano i russi di hackeraggio. The Donald.

5 - In uno dei primi dibattiti si infuriò contro la conduttrice che lo aveva messo in difficoltà, disse: «È una donna tremenda. Sprizzava sangue. Letteralmente. Dagli occhi e non soltanto da quelli». Fu presa per una greve allusione mestruale, che lui ha sempre negato, ma il dibattito ancora prosegue.

6 - Il «Body Language» di Donald è molto «italiano», nel senso che gesticola moltissimo ed ha la capacità teatrale di imitare, fare mille facce, simulare ogni sentimento ed essere graffiante, In uno scontro a due con Hillary, le disse: «Certo che non avresti potuto perché se io fossi già presidente tu saresti già in galera». Colpi proibiti sotto la cintura o, nel caso di Hillary, sotto il punto-vita.

7 - Come fecero a suo tempo con Berlusconi, una quantità virale di filmati sulla sua persona e le sue espressioni girano per il web con montaggi e artifici non sempre esilaranti. Trump ha detto di Berlusconi che lo ammira molto. Berlusconi ha invece detto di lui: «Non prendo posizione. Non so chi diventerà presidente ma so che i Clinton sono sempre stati molto gentili e sinceri con me».

8 - Usa un linguaggio «destrutturato». Non soltanto non segue un copione, o un «gobbo», ma non si può neanche dire che parli a braccio: comincia, e poi quel che viene, viene. Trascritti, i suoi discorsi sono pieni di nonsense e di anacoluti, ma l'effetto visivo è straordinario: più che un filo logico segue un filo emotivo, trascina i suoi ad un plateau emotivo che raggiunge i suo picco e poi si scatena in un orgasmo corale.

9 - Adora gli aeroporti cinesi, giapponesi e orientali in generale: «Ma avete visto che schifo di aeroporti abbiamo noi? Avete visto quelli degli altri? Da vergognarsi».

10 - La sua famiglia viene dalla Germania e nei decenni ha fatto sforzi enormi per de-tedeschizzarsi. Suo padre si spacciava per discendente di una famiglia irlandese e Donald ha costruito e gestisce decine di campi di golf in Irlanda. Quando gli irlandesi per fargli dispetto gli scrivono «Que viva Mexico!» riferendosi alla questione del muro, non dà segni di reazione. Anche perché, peraltro, da molti mesi Trump non parla più del muro col Messico. Ha abbassato i toni, ma non ha ammainato il principio secondo cui «ciascuno è padrone in casa propria» e di «chi rompe, paga». Il famoso muro in parte esiste già e per centnaia di chilometri non potrebbe comunque esistere per le condizioni orografiche. Da ricordare che quanto Matteo Salvini andò a farsi fotografare con lui considerandolo l'eroe dei muri e delle divisioni, Trump negò; «Mai visto. E anche se l'avessi visto non le lo ricorderei».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

PDIsla§

Mar, 08/11/2016 - 09:04

Presidente TRUMP NON ACCETTA LE CONGRATULAZIONI DELL'ITALIANO 1° ministro.

Ritratto di elkid

elkid

Mar, 08/11/2016 - 11:04

------è l'ignoranza del figuro che fa paura in verità----durante un comizio ad atlanta infatti--ha stupito il mondo affermando che il belgio è una bellissima città----affidare la valigetta coi bottoni rossi ad un tipo del genere ci vuole fegato---hasta

Armando62

Mar, 08/11/2016 - 11:13

Ci divertiamo a tifare per tutti i tipi insopportabili e senza futuro ? Dopo Trump e Putin chi verra' ? Maduro e' sul punto di scadere .... Duarte forse ? Ci vuole qualche leader che ci faccia sentire ancora piu' "destra di nicchia" ... Qualche dittatore ... Qualcuno super riccone ... Qualcuno che ci spinga definitivamente sotto il 20% ma che fa' felici gli "intellettuali" di destra che ci bramano di lotta e opposizione con Papi conservatori, magnati lussuriosi e flirt con dittatori sanguinari.

Ritratto di pietrom

pietrom

Mar, 08/11/2016 - 11:18

Caro Guzzanti, ha dimenticato il punto piu' importante. Che contributo ha dato Trump all'economia americana, in termini di tasse pagate, numero di famiglie mantenute, palazzi contruiti per le prossime generazioni? Si puo' fare un confronto con quanto fatto dalla moglie di Bill?

conviene

Mar, 08/11/2016 - 12:12

Quindi voi siete malpensanti :Io preferisco essere malpensante e augurarmi che prevalga la Clinton. Nel paesino portafortuna ha vinto la Clinton 4 a 2. Chi vince li da sempre diventa Presidente

manocchiabenny@...

Mar, 08/11/2016 - 12:13

Ottima analisi.Bravo Guzzanti. italianoinusa

Ritratto di Flex

Flex

Mar, 08/11/2016 - 12:19

"Scandalizza solo i benpensanti" già ma meglio stare molto alla larga dai benpensanti e dalla loro ipocrisia, ti pugnalano alle spalle sempre col sorriso. Meglio uno schietto che dice ciò che pensa.