Interni

Il leghista Romito candidato del centrodestra nel capoluogo pugliese

"Siamo profondamente fieri e orgogliosi di poter dire alla città di Bari che Fabio Romito è il candidato sindaco del centrodestra"

Il leghista Romito candidato del centrodestra nel capoluogo pugliese

Ascolta ora: "Il leghista Romito candidato del centrodestra nel capoluogo pugliese"

Il leghista Romito candidato del centrodestra nel capoluogo pugliese

00:00 / 00:00
100 %

«Siamo profondamente fieri e orgogliosi di poter dire alla città di Bari che Fabio Romito (nella foto) è il candidato sindaco del centrodestra. Il nostro candidato sindaco. Una figura giovane, ma già con una lunga esperienza amministrativa. Una risposta chiara alla richiesta forte di rinnovamento che la città si merita in questo momento». Lo hanno detto i coordinatori regionali e cittadini di Fratelli d'Italia, Forza Italia, Lega, Noi Moderati, Udc e Liberali Riformisti-N PSI. Romito, 36enne, avvocato e dottore di ricerca, ha cominciato il suo cursus honorum in politica nel 2009 quando è stato eletto consigliere a Bari - carica rinnovata anche nel 2014 e 2019 -, nel 2014 è stato assessore provinciale a Bari, con delega alle Politiche comunitarie e Pubblica Istruzione nella giunta guidata da Francesco Schittulli. Romito, 36enne, avvocato e dottore di ricerca, ha cominciato il suo cursus honorum in politica nel 2009 quando è stato eletto consigliere a Bari - carica rinnovata anche nel 2014 e 2019 -, nel 2014 è stato assessore provinciale a Bari, con delega alle Politiche comunitarie e Pubblica Istruzione nella giunta guidata da Francesco Schittulli. Dopo un passato in Forza Italia, è passato alla Lega nel 2018.

«Il centrodestra, unito e coeso, con la candidatura di Fabio Romito, torna in partita dopo 20 anni di opposizione per dare a Bari un governo della città forte, capace, competente, onesto, trasparente e all'insegna del rinnovamento - hanno

continuato -. Da 20 anni, infatti, la gestione del potere - con tutto ciò che di patologico ne deriva - è in mano a poche persone, pochi gruppi di potere che ormai hanno esaurito la propria spinta innovatrice e propositiva».

Commenti