Roma, moglie segrega marito in soffitta: "Non sa lavare i piatti e stende male il bucato"

La polizia ha notificato un'ordinanza a una 48enne di origini peruviane residente a Roma che per anni ha vessato psicologicamente e fisicamente il marito

La polizia ha notificato un'ordinanza ad un 48enne di origini peruviane residente a Roma che per anni ha vessato psicologicamente e fisicamente il marito. La donna, infatti, gli faceva stendere il bucato e lavare i piatti e se riteneva che il lavoro non fosse stato fatto bene a regola d'arte, cacciava il marito da casa e lo segregava nella soffitta. La moglie sudamericana, inoltre, impediva all'uomo anche di consumare i pasti versandoci sopra del disinfettante.

E ancora, come riporta Il Messaggero, la moglie-mostro costringeva l'uomo a fare le scale di fretta per farlo cadere. Insomma, anni di vessazioni, umiliazioni e maltrattamenti. La moglie aveva ridotto l'uomo in uno stato di soggezione fisica e psicologica, tollerata solo per amore del figlio che aveva paura di perdere.

A interrompere l’incubo, gli agenti del commissariato Monteverde, ai quali l'uomo ha chiesto aiuto, denunciando il tutto: la notifica è stata emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale ordinario di Roma, sulla base delle risultanze investigative raccolte della polizia, a cui si è rivolto il fratello della vittima.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.