Chiellini gela Ronaldo: "Sarebbe dovuto andare via prima..."

"Sarebbe stato decisamente meglio per noi se fosse partito prima, avremmo avuto modo di prepararci meglio alla stagione", questo il pensiero di Chiellini sull'addio di CR7 alla Juventus

Chiellini gela Ronaldo: "Sarebbe dovuto andare via prima..."

La Juventus di Massimiliano Allegri sta viaggiando a ritmo di record in Champions e si sta riprendendo in campionato. Domenica sera a San Siro sarà derby d'Italia contro l'Inter che proprio lo scorso anno ha strappato dal petto il tricolore alla Vecchia Signora. Giorgio Chiellini è ormai da diverse stagioni il faro bianconero e ai microfoni di Dazn ha toccato un tema spinoso: Cristiano Ronaldo.

"Certo, se fosse rimasto sarebbe stato un valore aggiunto, ma l'addio così tardivo è stato uno choc. Sarebbe stato decisamente meglio per noi se fosse partito prima, avremmo avuto modo di prepararci meglio alla stagione. Abbiamo pagato questa cosa", questo il Giorgio Chiellini pensiero in merito all'addio del portoghese a tre giorni dalla chiusura del calciomercato e a stagione ormai in corso.

Sensazioni da capitano

Chielli ha poi spiegato come lo spogliatoio bianconero avesse già capito tutto: "Lo avevamo percepito, eravamo arrivati a un punto in cui Cristiano aveva bisogno di nuovi stimoli e una squadra che giocasse per lui, mi aspettavo che partisse in estate. Quando trova quelle condizioni è sempre decisivo, lo è stato anche alla Juve, ma da noi è in atto un programma di ringiovanimento e ci stava che volesse una squadra che pensasse più al presente che al futuro".

Chiellini ha poi continuato spiegando come non sia stato facile metabolizzare l'addio di un giocatore in grado di segnare 30 gol in campionato che spiegherebbe dunque il ritardo dalla vetta della classifica di ben 10 punti: "Non è stato difficile da metabolizzare l'addio di Ronaldo, ma sicuramente ha scioccato. Abbiamo lasciato punti nelle prime partite per questo scossone, se fosse andato via prima ci saremmo organizzati meglio e saremmo stati più pronti da subito in campionato".

L'attacco del presente

Cristiano Ronaldo è già un lontano ricordo e ora la centralità dell'attacco della Juventus è tutta sulle spalle di Federico Chiesa, Alvaro Morata, Dejan Kulusevski ma soprattutto di Paulo Dybala che finora si è acceso ad intermittenza per alcuni problemi fisici. La Joya vuole prendersi la scena dato che ormai non è più una giovane promessa ma in teoria una certezza per Allegri e la squadra che puntano molto sulle sue qualità per competere in campionato e in Champions League

Commenti