È arrivata la decisione di Lukaku: cosa farà dopo l'addio di Conte

Romelu Lukaku ha sciolto la riserva sul suo futuro. Una decisioni che i tifosi attendevano da tempo

È arrivata la decisione di Lukaku: cosa farà dopo l'addio di Conte

Nonostante l'addio del suo grande mentore, Antonio Conte, Romelu Lukaku non ha alcuna intenzione di lasciare l'Inter. L'attaccante belga, ai microfoni di VTM, l'ha detto a chiare lettere fugando così ogni dubbio e speculazione sul proprio futuro: "Resto. Ho già avuto contatti con l'uomo che diventerà il nuovo allenatore forse non dovrei dirlo, ma è stata una conversazione molto positiva. Insieme a lui accetterò la sfida di tornare vincere lo scudetto, all'Inter mi sento bene".

Parole al miele

Lukaku ha poi ringraziato Conte per il grande lavoro svolto con l'Inter e con lui nello specifico nei suoi due anni in nerazzurro: "Il vello che ho raggiunto come giocatore lo devo a Conte. Lui ripete molto gli esercizi tattici, all'inizio era un lavoro perlopiù individuale con molti video da guardare per migliorare tatticamente. Le sue critiche sono sempre state costruttive, lo faceva per rendermi migliore", il commento di Big Rom.

L'ex Chelsea è stato colpito dall'addio repentino del suo allenatore e l'ha candidamente ammesso: "Quando ho sentito che stava per andarsene è stato difficile perché abbiamo un gruppo affamato, ragazzi che lavorano per la squadra. E quel ciclo si era improvvisamente fermato". Lukaku si candida per essere uno dei grandi protagonisti agli Europei con il Belgio che è una delle nazionali accredidate alla vittoria. Il 28enne di Anversa non ha dubbi sul suo obiettivo: "Non mi interessa come, ma conta vincere. Possiamo vincere anche brutti".

Il saluto

Lukaku, appena appreso dell'addio di Conte, aveva dedicato al suo allenatore un post per congedarlo: "Nel 2014 abbiamo parlato per la prima volta e da allora abbiamo avuto un legame. Abbiamo avuto molti momenti in cui potevamo lavorare insieme, ma solo Dio sa perché non è mai successo prima. Sei arrivato al momento giusto e in pratica mi hai cambiato come giocatore e mi hai reso ancora più forte mentalmente e, cosa più importante, abbiamo vinto insieme! Vincere è ed è tutto ciò che conta per te e sono contento di averti avuto come allenatore. Manterrò i tuoi principi per il resto della mia carriera (preparazione fisica, mentale e solo la voglia di vincere...), è stato un piacere giocare per te! Grazie per tutto quello che hai fatto. Ti devo molto".

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?