Il trenino rosso ha appena spento 100 candeline ma in Svizzera e in Valtellina la festa continua

C’è un solo treno con vagoni panoramici a 360° dall’inconfondibile color rosso fuoco. La sua prima corsa è datata 5 luglio 1910 e dal 2008 è stato riconosciuto Patrimonio Mondiale Unesco. É Il celebre trenino rosso del Bernina che unisce l’Italia e la Svizzera percorrendo un viaggio fra panorami incantevoli ed emozioni ad alta quota ha finalmente spento le sue prime 100 candeline.
Il weekend dei festeggiamenti a Tirano, che è il punto di partenza delle corse dall’Italia, si è concluso con grande successo, ma per tutto l’anno la festa continuerà. La Valtellina si anima di eventi e propone visite alla scoperta della natura e della cultura montanara, ora che la temperatura permette anche lunghe passeggiate e freschi soggiorni nel cuore delle Alpi. Per gli sportivi il 28 maggio farà tappa ad Aprica il Giro d’Italia. Per chi ama la buona cucina vale la pena una sosta a Grosio per assaggiare i tradizionali pizzoccheri, gli sciàttt e del buon formaggio bitto. Imperdibile la visita alla Basilica di Tirano, costruita in seguito all’apparizione della Madonna nel 1504; in città nell’ultima settimana di maggio si può assistere al Palio delle Contrade o si può sempre accomodarsi a gustare un buon calice in quella che è stata denominata la «Città del vino».
«Non vorrete mica perdere il treno?», recita lo slogan del Bernina Express. Ci vogliono due ore per vivere la traversata della Ferrovia Retica su pendenze del 70 per 1000, da dove si ammirano vette alpine che arrivano a 2.253 metri sul livello del mare, come nel Passo del Bernina, da cui appunto il trenino prende il nome. In discesa si va poi fino a St.Moritz, passando per il viadotto elicoidale di Brusio, ingegnosa costruzione circolare che supera il notevole dislivello del terreno divenuta l’immagine per eccellenza di questa linea storica, ma sempre giovane. In un’atmosfera magica il Bernina tocca tutte le stagioni fra il verde delle valli fiorite, il marrone degli stambecchi selvatici, l’azzurro dei laghi e il bianco delle cime innevate. Tutto l’anno pacchetti in offerta: due notti in hotel a due stelle, con colazione e biglietto Bernina (a/r. Tirano-St.Moritz) costano da 115,50 euro a persona; da 120 euro per i tre stelle. All’Hotel Sassella di Grosio, una doppia con colazione a partire da 45 euro a persona. Per informazioni e prenotazioni: Valtellina Turismo Tel. 0342 215921 o visitate il sito www.valtellina.it o www.valtellinaturismo.it. Per il Bernina express su www.mybernina.ch

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti