Mare Jonio, l'ong in pressing: "Rischi sanitari, fateci sbarcare"

La Mare Jonio è ferma a largo di Lampedusa, con il divieto di entrare in acque italiane: l'Ong Mediterranea parla di emergenza a bordo e di pericoli sanitari, chiedendo di entrare subito in Italia

La nave Mare Jonio è la prima protagonista della stagione del braccio di ferro tra Ong e governo italiano e rischia di essere, stando alla situazione attuale, anche l’ultima.

A marzo, quando per la prima volta il mezzo dell’Ong “Mediterranea Saving Humans” si ritrova a ridosso delle acque italiane con alcuni migranti a bordo, Matteo Salvini è saldamente al Viminale e le organizzazioni non governative hanno poche navi in giro per il Mediterraneo. Oggi lo scenario appare cambiato, con il governo gialloverde fautore del pugno duro contro le Ong oramai prossimo a lasciare il campo e con le organizzazioni che, dal canto loro, continuano con il proprio operato.

Ed oggi, proprio per l’appunto come a marzo, la Mare Jonio bussa alle porte delle acque italiane sapendo di ricevere l’ultimo divieto di ingresso firmato dall’uscente ministro Salvini.

Il tema cosiddetto umanitario sta alla base delle nuove richieste da parte dell’Ong Mediterranea: “Occorre un porto sicuro – si legge in una nota lanciata mentre il leader leghista saluta i dipendenti del Viminale – C’è un concreto rischio sanitario a bordo della Mare Jonio”.

Sul mezzo attualmente rimangono 34 migranti dei 98 imbarcati nei giorni scorsi a largo della Libia. Ben 64 sono sbarcati la scorsa notte a Lampedusa, con il Viminale che ha dato il via libera per motivi relativi allo stato di salute di alcuni di essi ed alla loro minore età.

“Sottolineiamo – si legge ancora nella nota di Mediterranea – che questa emergenza non può evidentemente essere risolta con il semplice invio di bottiglie di acqua. Desta allarme inoltre la presenza a bordo di rifiuti derivanti dal salvataggio e dalla permanenza a bordo dei naufraghi (come i vestiti impregnati di benzina e di deiezioni): il rischio di malattie comunitarie è aggravato dalla mancanza d'acqua, con conseguenti possibili danni per la salute di naufraghi ed equipaggio”.

La strategia dell’Ong è molto simile a quella usata dalla stessa nei mesi precedenti, così come anche dalle altre organizzazioni: fare leva sui pericoli relativi alla salute e sollecitare l’intervento degli organi giudiziari, mentre la nave rimane in prossimità delle acque territoriali italiane.

La stessa cosa è accaduta più di recente con la Open Arms, entrata a Lampedusa dopo aver girato a largo per 19 giorni e dopo il provvedimento di sequestro operato dalla procura di Agrigento.

La Mediterranea adesso fa leva anche sul maltempo: le condizioni meteo sia a Lampedusa che nella provincia di Agrigento sono in una situazione di rapido peggioramento, nelle prossime ore a largo della Sicilia potrebbero giungere anche dei temporali e per questo si chiede con più insistenza un porto in cui poter approdare.

Ma l’impressione è che si assisterà al solito braccio di ferro, a cui oramai si è abituati: la nave dell’Ong di turno che rifiuta altre destinazioni, che parla di emergenza e che prova a scavalcare il divieto imposto dal Viminale.

Uno scenario, come detto prima, partito quest’anno a marzo proprio dalla Mare Jonio: la nave dell’Ong Mediterranea compie quasi sei mesi fa il suo primo viaggio ed in quell'occasione il capomissione è Luca Casarini, ex leader antagonista. In quell’occasione il mezzo viene sequestrato, lo stesso Casarini indagato ad Agrigento e la nave, per diverse settimane, è ormeggiata all’interno del porto di Licata.

Con il dissequestro decretato dalla procura di Agrigento, la Mare Jonio riprende quindi le sue attività ed ora è protagonista dell’ultimo “tira e molla” con l’esecutivo gialloverde.

Commenti
Ritratto di Giusto1910R

Giusto1910R

Ven, 30/08/2019 - 12:11

ONG = Balle, balle, balle.

cgf

Ven, 30/08/2019 - 12:21

RISCHI SANITARI PERCHÉ LA NAVE NON È ATTREZZATA. Sia sequestrata e demolita, nel frattempo che la ONG paghi, giusto a titolo di risarcimento, la multa di 900mila euro.

VittorioMar

Ven, 30/08/2019 - 12:32

..e delle onde cosa dicono ??..con un mare PIATTO misurano le onde con un metro ELASTICO fino a 3 metri e non con un metro da SARTORIA...CHE BUGIARDI CHE SONO !!

Ritratto di Walhall

Walhall

Ven, 30/08/2019 - 12:41

@cgf: sono in parte d'accordo con lei. Penso che in realtà siano invece ben attrezzati, ma la foga di fare carichi, perché una nave ferma ha dei costi, li spinge a fare queste inqualificabili dichiarazioni mendaci. Loro ragionano in termini industriali, ossia un fermo macchina è sempre un indice di passività. La carità e l'altruismo veri, non conoscono partita doppia né timori di finire in perdita né servizio costiero, ma si applica in loco con passione, sudore e pazienza, virtù non presenti in questi paladini della pirateria. Ma questo, come ben sappiamo, è lo show dei citrulli per platee rincitrullite.

Ritratto di Ubidoc

Ubidoc

Ven, 30/08/2019 - 12:41

Nessuno si ricorda quando i velieri innalzavano la bandiera gialla per malattie a bordo ? Cosa succedeva ? Restava fuori dal porto sino a che i malati non erano morti e non vi erano più contagiati.

jaguar

Ven, 30/08/2019 - 12:57

Pericoli sanitari, pericoli psicologici, donne incinte, minorenni(di almeno trent'anni), emergenze varie e pericolo di non percepire il compenso pattuito.

anna30554

Ven, 30/08/2019 - 13:04

La solita frase della copiata dalla open arms ( Rischi sanitari, fateci sbarcare ) abbiamo poi visto se cerano rischi, zero era tutta falsita' come dimostrato dai medici neutrali saliti a bordo x verificare la verita' tutte bugie,mi domando il dottor che aveva detto che erano tutti sani e la magistratura voleva verificare fino ad ora non hanno mai detto niente se era vero che erano sani o tutto falso, lo immaggino come sono andate le cose ,tutto a tacere x il popolo .

Brutio63

Ven, 30/08/2019 - 13:06

Festeggiano la prevedibile ripresa della pacchia per i buonisti nostrani I poveri italiani sdentati, con stipendi e pensioni da fame, sfrattati dormono in auto vecchie mentre gli stranieri sono in hotel a pensione completa, cure mediche e Wi-Fi. Adesso con il nuovo governo riprenderà alla grande, per recuperare il tempo perso con le misure di Salvini, l’invasione di finti profughi funzionale alla sostituzione etnica degli italiani Grazie Conte, grazie PD e 5S

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Ven, 30/08/2019 - 13:12

Trasferiamo il concreto rischio sanitario nell'Espressione Geografica italiana, che problema c'è? Appena scesi, muniti di cuffietta hip-hop, smartphone, collanone in oro finto, tute Adidas e ciabatte infradito, li vedrò qui sotto i portici a bighellonare tutto il giorno lanciando lattine di birra e sacchetti di plastica ai bordi della strada mentre stanno fumando appoggiati al cestino dei rifiuti inutilizzato, non sanno nemmeno cosa sia.

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 30/08/2019 - 13:16

state sereni,la solita procura a breve,con elicottero di Stato si scapicollerà sulla nave e troverà i clandestini rimanenti in preda a problemi "gravissimi pissicologici" ordinando l'immediato sbarco e restituzione della carretta alla cumpariella ong!!

Ritratto di Ubidoc

Ubidoc

Ven, 30/08/2019 - 13:32

Mare in tempesta ? Ma che assurdità scrivete ? Eravamo in zona con una barca a vela di 12 metri e ci saranno state onde di un metro al massimo . Soffrono di mal di mare ? Ma cos'è,una barzelletta ? Io soffrivo da piccolo di mal d'auto ma vomitavo da Piacenza a Napoli senza bisogno delle ONG . Forse perchè non ero africano ? Vomitassero come tutti. Ma quante balle contano gli "onghisti" pur di scaricare il loro carico al più presto possibile ? ?

Scirocco

Ven, 30/08/2019 - 13:59

Se la nave non è attrezzata cosa li ha caricati a fare? Se io decido di fare il mestiere del NEGRIERO come quelli delle navi ONG devo attrezzarmi per farlo bene. Quando li hanno caricati sapevano perfettamente che in Italia non potevano venire quindi avrebbero potuto dirigere subito a Tunisi , porto ben più vicino di Lampedusa e fare scendere i clandestini là. L'Africa è un continente enormemente grande,ricco di materie prime e con tantissimi stati ricchissimi, quindi l'Africa può benissimo pensare ai suoi poveri senza vomitarli da noi che abbiamo già i nostri poveri a cui pensare.

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Ven, 30/08/2019 - 14:04

Rischi sanitari : Metteteli in quarantena

Garganella

Ven, 30/08/2019 - 14:05

Malati a bordo? Quarantena, come per i virus nel pc.

Malacappa

Ven, 30/08/2019 - 14:08

La solita manfrina cambiate disco avete rotto

ziobeppe1951

Ven, 30/08/2019 - 14:18

Tranquilli...stanno tutti bene..gli unici a non stare bene con la testa, sono quelli delle ONG

agosvac

Ven, 30/08/2019 - 14:33

Ormai non c'è più alcun problema : sia Conte che il PD ed ancora di più Mattarella sono favorevoli a fare dell'Italia la discarica dell'UE tedesca per tutti i clandestini che partono dall'Africa. L'UE tedesca non li vuole e quindi dovranno sbarcare TUTTI in Italia. Grazie Conte, grazie PD e, soprattutto, grazie 5 stelle. Ma la pagherete cara, anzi carissima, alle prossime elezioni, quando scadrà questa legislatura balorda.

buonaparte

Ven, 30/08/2019 - 14:34

raperonzolo hai descritto la scena che vediamo qui che abbiamo in pochi km 3 centri ; 1- una cooperativa rossa che non dovrebbe stare qui ,ma il giudice gli ha detto che puo stare ,2- un centro privato , il titolare ha un suv jaguar .3- la curia in un convento armai vuoto. il giudice che ha concesso alla coop di stare qui è lo stesso che ha concesso il bonus bebe anche a quelle che arrivano con i barconi.la stampa non lo ha pubblicizzato e su questo sbaglia la stampa di cdx e salvini a non far sapere le nefandezze che fanno

Popi46

Ven, 30/08/2019 - 14:50

Rischi sanitari? Allora issate la bandiera gialla e restate lì, che altrimenti ci infettate

killkoms

Ven, 30/08/2019 - 14:50

Non possono andare in giro per il mare, caricare chiunque capita e poi dichiarare emergenza sanitaria!

27Adriano

Ven, 30/08/2019 - 15:22

Vogliono appestarci. C'è ancora qualche giudice che tutela la salute??? Oppure la peste democratica non è contagiosa???

VittorioMar

Ven, 30/08/2019 - 15:53

..ci sono Associazioni Umanitarie che avrebbero necessità di sostegno economico come : TELETHON..Fabbrica del SORRISO..la Lega del FILO D'ORO o la SAVE che chiedono 9/10 EURO Mese per andare avanti...o Scienziati che fanno RICERCHE SU MALATTIE RARE ..e questi invece li SPERPERANO e li SPRECANO BUTTANDO EURO A MARE ...non avrete mai il mio sostegno e lo stesso vale per l'INUTILE DONAZIONE DELL'8x1.000....senza contare i costi AGGIUNTIVI per ..VITTO ...ALLOGGIO..SANITA'....!!!..SPRECO DI SOLDI !!

Giorgio Mandozzi

Ven, 30/08/2019 - 15:56

Ma qual'è la liceità di queste imbarcazioni che subito dopo i soccorsi invocano continui rischi sanitari ed emozionali? Ma quanto ancora dobbiamo ascoltare queste finte lagne? Ed i media smetteranno di essere gli amplificatori di queste sceneggiate? Una volta va bene e forse anche due dopo diventa uno strazio per le orecchie ed il buon senso!

Ritratto di ohm

ohm

Ven, 30/08/2019 - 16:09

No... i rischi sanitari siete voi che avete il cervello mica tanto a posto ! Appena sbarcati fatevi curare e statevene a casa vostra invece di andare a raccattare esseri umani per i vostri loschi affari !

Ritratto di ohm

ohm

Ven, 30/08/2019 - 16:10

Quando c'è emergenza a bordo occorre stare in quarantena...quindi sciò stateci lontani....abbiamo già i nostri guai e non ne vogliamo altri!

Ritratto di ohm

ohm

Ven, 30/08/2019 - 16:12

Io manderei a mie spese un mio medico di fiducia e poi vorrei tanto vedere quale sono le emergenze....è logico che se non ci fosse nessuna emergenza i signori della finta flotta vanno subito arrestati con pagamento del danno arrecato ad uno Stato sovrano: l'Italia!

antonio54

Ven, 30/08/2019 - 17:01

Questa è la solita barzelletta all'italiana. Che li facciano sbarcare, tanto alla fine succede sempre così. Ormai la battaglia è persa...

Una-mattina-mi-...

Ven, 30/08/2019 - 17:28

SOLITE BALLE, SOLITE TRUFFE, SOLITA COMPIACENZA DELLE CRICCHE IMMIGRAZIONISTE. CHE SCHIFO

Ritratto di pumpernickel

pumpernickel

Ven, 30/08/2019 - 17:44

Possibile che una nave abilitata per il recupero di (finti) naufraghi non sia obbligata a dotarsi di desalinizzatore per l'acqua. Si trova ormai su qualsiasi peschereccio di medie dimensioni...

Ritratto di Ubidoc

Ubidoc

Ven, 30/08/2019 - 18:04

Dove hanno trovato la benzina su un barcarozzo che va a gasolio ? E perchè se la sono versata addosso ? Pensavo avessero anche lo scorbuto oltre alla dermatite da pannolino e la scabbia.

martinsvensk

Ven, 30/08/2019 - 18:24

Coraggio ragazzi, pazientate ancora un po' e la pacchia ricomincerà a pieno ritmo con somma gioia di tanti, tanti, dai Sinistri ai radical chic con villone, a tutta la pletora che mangia su questi sedicenti profughi, al Vaticano con preti guerrieri al seguito e last but not least l'Europa xenofoba a casa propria, come insegnano i Macron, i Seehofer, i Sanchez e gli austriaci ma generosissima quando ciò riguarda l'Italia ritornata ora per loro somma gioia italietta oui, oui,oui.

Tms

Ven, 30/08/2019 - 18:26

effettivamente è una pagliacciata: i magistrati decidono che i decreti sicurezza non vadano applicati. Fateli sbarcare e la chiudiamo qui, date fuoco ai decreti sicurezza e che non se ne parli più. Che tornino a sbarcare a migliaia al mese, tanto pare che tutto l'universo voglia questo. Amen.

Ritratto di Flex

Flex

Ven, 30/08/2019 - 18:47

La magistratura non solo Italiana dovrebbe indagare tutte le ONG che mandano per mare "baracche inadeguate" non in grado di tenere il mare e di assolvere i compiti "leciti" per i quali si sono impegnate. Appare sempre più evidente la commistione fra certe ONG e la criminalità politica e organizzata ma si continua a guardare il dito invece della Luna.

carlottacharlie

Ven, 30/08/2019 - 19:01

Deficienti criminali negrieri farabutti chi vi ha detto di andarli a prendere? Andate a quel paese.

Sceitan

Ven, 30/08/2019 - 19:01

Patronaggio e' ormai a corto di menzogne da raccontare per farli sbarcare e con l'incedere lento del costituendo governo e' diventato piu' cauto.

acam

Ven, 30/08/2019 - 19:12

l'altra volta quando sono sbarcati stavano tutti bene

01Claude45

Ven, 30/08/2019 - 19:17

Oggi ho visto in TV la Mare Jonio che trasbordava i clandestini con un "mare piatto". Tutte balle. Casarini vai in Tunisia! RISCHI SANITARI PERCHÉ LA NAVE NON È ATTREZZATA, pertanto in DEMOLIZIONE IMMEDIATA.

savonarola.it

Ven, 30/08/2019 - 19:24

Se stanno bene non fateli sbarcare. Se stanno male non fateli sbarcare perché ci infettano.

Marcolux

Ven, 30/08/2019 - 19:47

Rischi sanitari, epidemie, colera, peste bubbonica? BONIFICA totale!...e a fondo!

apostrofo

Ven, 30/08/2019 - 19:58

Tutti sanno che i porti italiani sono chiusi. Lo sanno anche quando vanno a "salvare" centinaio di migranti. Che cos'è la legge per questi privati che se ne infischiano delle leggi italiane ? Partono con il programma di sostare davanti a Lampedusa aspettando che a bordo, dopo giorni, la situazione diventi pesante, cosa di cui incolpano Salvini, non l'Italia che ha legittimamente promulgato, anziché bloccare i migranti lì davanti usandoli come mezzo per i loro braccio di ferro dimostrativo contro l'Italia, spalleggiati di fatto dall'Europa a cui fa comodo avere l'Italia campo-profughi di tutto il continente.In una settimana di penosa attesa avrebbero potuto dirigersi verso altri porti europei di cui BATTONO BANDIERA. i DIVEIETI SONO Lì DA MESI, MOLTO PRIMA DELLA LORO MISSIONE.SFIDARLI E' ALTAMENTE PROVOCATORIO E ILLEGALE. NON NECESSARIAMENTE A FAVORE DEI MIGRANTI, DATE LE ULTERIORI SOFFERENEZE CHE PROVOCANO LORO

amicomuffo

Ven, 30/08/2019 - 20:52

con metodi democratici non ne verremo mai a capo.Scordatevelo!

Roby6732

Sab, 31/08/2019 - 13:13

Che schifo. Ma verranno le prossime elezioni.....

Zionino56

Sab, 31/08/2019 - 13:18

La cosa che trovo assolutamente assurda, è che si consenta ad un vecchio rimorchiatore, costruito nel 1972 e destinato a ben altri usi, di fare soccorso, ma l’autorizzazione chi è che la concede? Se hanno problemi, Forzino il blocco, così sarà finalmente la volta buona per inviarlo nella fonderia più vicina.

alexrodi2019

Dom, 01/09/2019 - 11:47

e andatevene allora, che voleta da noi

alexrodi2019

Dom, 01/09/2019 - 11:51

una nave che soccorre e che non può stare per pochi giorni??? andrebbe fermata in quanto non idonea. Mi occupo in parte di sicurezza sul lavoro e in questa disciplina devi prevedere l'imprevedibile. Ammettiamo che abbia una avaria in mare?? che per cause di forza maggiore devi fare più miglia nautiche?? devono imporre per legge che un anave del genere debba avere un determinato tempo di autonomia, se non vuol dire che non puoi fare quel lavoro. Ma nessuno si muove verso queste direzioni??

alexrodi2019

Dom, 01/09/2019 - 12:01

la Francia ha chiuso dove poteva al confine con l'Italia e l'Austria si presta a farlo. Allora che volete popolo dei social??? Vivete il vero mondo reale e non quello ideale dei social. Noi non sapendo fare un cerchio col bicchiere, essendo confinanti con la Sar siamo maestri a non prendere decisioni, ma soprattutto se uno decide a inventarsi di tutto. L'Italiano è intellligentissimo nel costruire, nella meccanica, ma anche a complicarsi la vita. Spetta a noi uscire dai trattati internazionali e proteggere i nostri confini, purtroppo dell'Europa confiniamo solo noi con la Libia e sono problemi solo nostri e li risolviamo quindi a modo nostro.

alexrodi2019

Dom, 01/09/2019 - 12:15

Sea-Watch, Lifeline e Seefuch a Malta, il cimitero delle ong. A Malta finalmente ne hanno bloccate 3 a TEMPO INDETERMINATO E SENZA DARE SPEGAZIONI. GRANDI. E noi?? blocchiamo e sblocchiamo.