Cos'è l'ong Mediterranea Saving Humans

Si tratta della più giovane delle ong impegnate nel Mediterraneo, l'unica italiana: ecco la storia della Mediterranea Saving Humans

La Mediterranea Saving Humans è un’organizzazione non governativa nata in Italia nello scorso mese di ottobre: l’intento della ong è quello di operare nel Mediterraneo con l’ausilio di alcune navi al fine di soccorrere migranti lungo la rotta libica.

La nascita della Mediterranea Saving Humans

Come detto, la Mediterranea Saving Humans nasce nel mese di ottobre del 2018: la spinta viene data da alcuni gruppi ed alcune associazioni vicine alla sinistra e ad ambienti cosiddetti “No borders”. L’intento è quello di creare una ong italiana che utilizzi navi battenti bandiera italiana, in modo da aggirare divieti ed ostacoli derivanti dalle nuove normative sull’immigrazione volute in primo luogo dal ministro dell’interno Matteo Salvini.

Per questo motivo, i principali promotori dell’iniziativa chiedono ed ottengono un prestito di 400mila euro da Banca Etica, avviando inoltre una campagna di crowdfunding con la quale vengono acquistate due navi: la Mare Jonio ed il veliero Alex.

Con questi mezzi la neonata Mediterranea Saving Humans inizia la sua attività nel Mediterraneo centrale, il cui scopo ufficiale è quello di salvare vite umane dai barconi in avaria tra la Libia e l’Italia. Tra i garanti del prestito che permette la nascita dell’ong, figurano alcuni personaggi di spicco della politica come l’ex presidente della regione Puglia Nichi Vendola ed il deputato di Leu Erasmo Palazzotto.

L’ideologia dell’ong

Funzione principale della Mediterranea Saving Humans è quella di intraprendere attività di soccorso in mare. L’ong è formalmente un’organizzazione non governativa umanitaria no profit, la quale fornisce aiuti umanitari attraverso il soccorso marittimo immediato.

Al fianco degli obiettivi umanitari, non mancano ovviamente anche intenti politici e finalità che fanno capo ad ideologie vicine all’estrema sinistra ed ai movimenti cosiddetti “no borders”. Al pari di altre organizzazioni non governative che esercitano la propria attività nel Mediterraneo, viene propagandata l’idea di un più facile accesso dei migranti in Europa tramite soprattutto la creazione di corridoi umanitari in grado di accogliere coloro che intraprendono i viaggi della speranza lungo il “mare nostrum”.

L’ong Mediterraneo Saving Humans condanna le azioni di respingimento dei barconi, che vengono viste come un modo per peggiorare la situazione umanitaria mettendo a rischio la vita stessa dei migranti. Per questo più volte l’ong italiana si mostra a favore di una maggiore responsabilità europea ed appare impegnata in scontri con il governo, in special modo con il ministro dell’interno Matteo Salvini.

Il ruolo di Luca Casarini

Uno dei personaggi di spicco della Mediterranea Saving Humans, è Luca Casarini. Si tratta di un attivista noto per le sue posizioni attinenti ai gruppi “no global”, arrivato alla ribalta mediatica in occasione del G8 di Genova del 2001.

È proprio lui uno dei promotori principali della Mediterranea Saving Humans, con l’attivista descritto come una delle anime del progetto che porta alla nascita dell’ong. Non a caso Luca Casarini risulta capo missione della nave Mare Jonio, in occasione di una delle prime attività di salvataggio svolte a largo della Libia. Ed è proprio in questa occasione che l’attivista torna nuovamente al centro della scena mediatica.

I casi della Mare Jonio e della Alex

Il primo braccio di ferro tra Mediterrnea Saving Humans e governo italiano, si ha nel marzo del 2019 ed inizia quando, non distante dalle acque internazionali, la nave Mare Jonio intercetta un barcone in difficoltà con a bordo diversi migranti.

Recuperati e salvati nel corso della missione guidata da Casarini, l’equipaggio fa rotta verso le acque italiane ricevendo però una risposta negativa per l’approdo da parte delle autorità di Roma. A quel punto però, la Mare Jonio entra ugualmente in acque italiane stazionando per alcuni giorni dinnanzi Lampedusa. La vicenda si chiude con l’intervento della procura di Agrigento, la quale sequestra la nave Mare Jonio e fa approdare a Lampedusa i migranti. Casarini viene iscritto nel registro degli indagati per favoreggiamento.

Una situazione molto simile si ha nel luglio 2019, quando il veliero Alex della Mediterranea Saving Humans salva 50 migranti a largo della Libia e li fa approdare a Lampedusa. Anche in questo caso si ha il sequestro del mezzo ed un’indagine aperta a carico del capo missione, ossia questa volta il deputato di LeU Erasmo Palazzotto.

Commenti
Ritratto di giùalnord

giùalnord

Ven, 16/08/2019 - 08:41

Ma perché non elargite tutti quei soldi per i poveri in italia? Credetemi vi ringrazierebbero e tutti vi osannerebbero:così facendo raccoglierete solo odio,perché disprezzate le necessità degli italiani che ne hanno bisogno,mettendo in secondo piano le problematiche nazionali.

Ritratto di Azo

Azo

Ven, 16/08/2019 - 08:52

Fossi MILIONARIO, creerei delle Ong, per fare da taxi a migranti, dalla coste libiche a quelle Francesi, solamente per vedere le reazioni di questa falsa unione delle banche europee, """non dei popoli"""!!!

VittorioMar

Ven, 16/08/2019 - 09:04

..E LA CHIAMANO "UMANITA'" !!!...quanti EURO di Donatori SPRECATI...SPERPERATI e BUTTATI A MARE..sfruttando "CARNE UMANA"..per AFFERMARE un PRINCIPIO DI PREPOTENZA POLITICA !!..MA LA CHIAMANO "UMANITA'"!!!

19gig50

Ven, 16/08/2019 - 09:11

E' necessario passare ai fatti concreti e risolvere, anche in maniera drastica, questo problema. L'Italia e gli italiani non possono continuare ad essere umiliati ed offesi da questi infami.

Ritratto di combirio

combirio

Ven, 16/08/2019 - 09:13

L’ orrore maggiore è far passare l’ ambiguità che usano nel far passare azioni malvage come salvare falsi naufraghi che generano profitti alle mafie per azioni buone . Nessuno si è mai chiesto come stanno distruggendo l’ ecosistema del mediterraneo abbandonando centinaia di gommoni nel mediterraneo? Non solo vogliono distruggere l’ Italia e l’ Europa ma anche l’ ecosistema di un mare chiuso. La cattiveria dell’ uomo sta facendo danni enormi che pagheremo tutti.

mimmo1960

Ven, 16/08/2019 - 09:22

Lo sapevo. L'Italia è talmente democratica che ogni qualvolta che un partito di centro destra è al governo si mobilitano i ....... Datemi un paese democratico.

cesare caini

Ven, 16/08/2019 - 09:36

Dopo le Elezioni vedrete come la pensano veramente gli Italiani !

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Ven, 16/08/2019 - 10:30

Ci hanno scambiato per il depuratore d'Europa. Dove riversare i liquami psichiatrici e criminali di mezza Africa. Che nessuno, ma proprio nessuno, degli stessi governi di sinistra del vecchio continente ormai vuole. Ritenendoli un pericolo per l'ordine pubblico e lo stesso consenso elettorale. Solo la nostra sinistra agogna trasformare il paese in una cloaca ingestibile.

buonaparte

Ven, 16/08/2019 - 10:41

dimenticate di dire che queste persone sono collegate con le cooperative ed altri che li tengono in italia mediamente per 3 anni per la richiesta di asilo, possono fare fino a 3 ricorsi- cosa che possono fare solo in italia - e per quel tempo prendono 35 euro contro i 17 euro della spagna francia e germania.già qui si puo capire che il business è enorme.come disse carminati si fanno piu soldi con i migranti che con la droga.una montagna di soldi che in parte finisce nelle casse dei partiti di sinistra per le campagne elettorali .vi faccio presente come nelle campagne elettorali degli ultimi anni la sinistra spende mediamente il doppio del cx mentre prima spendeva la metà, cioè hanno quadruplicato le spese elettorali. da dove vengono questi soldi? ricordo i casi di padova ,udine e ecc. dietro a queste ong ce ben altro da scoprire, ma con questi giudici ed investigatori non si scoprirà nulla

Ritratto di Giusto1910R

Giusto1910R

Ven, 16/08/2019 - 10:41

Le ONG in Paesi africani come la Tunisia,x esempio, sono tutte finanziate da Soros.In Europa ci pensa,a livello mediatico la nuova potentissima ONG B-V (Bergoglio-Vaticano).Il magnate ebreo ungherese ha forse il compito di tutelate,attraverso l'immigrazione africana in Italia,lo status quo di potere politico-sociale aberrante che vige nei Paesi di provenienza dei falsi profughi?Quali sono e chi sono i veri proprietari delle le multinazionali che necessitano di non alterare il potere vigente nei Paesi africani?Più giovani emigrano dall'Africa e meno ci sarà la possibilità di cambiare le ipercorrotte dirigenze politiche che garantiscono,soprattutto alla Francia, lo sfruttamento delle ricchezze del Continente Nero.Chi non si oppone all'invasione finalizzata alla sostituzione etnica in Italia é complice di questo meccanismo diabolico.

Ritratto di charlye08

charlye08

Ven, 16/08/2019 - 10:57

Era risaputo che le due navi negriere sono di proprietà della marmaglia zeccoide che favoriscono il traghettamento dei clandestini sulle coste italiane, così da assicurarsi in futuro il voto amministrativo e politico considerato che più si va avanti e più gli elettori gli voltano le spalle. Una domanda mi sorge, ma la banca etica considerato che foraggia queste organizzazioni può essere incriminata per atti illeciti al codice penale?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 16/08/2019 - 11:07

Fanno bene, ma devono portarsel itutti a casa loro e mantenerli, non scaricarli sul groppone a chi non li vuole. Poi potrebber oinsultarci come vogliono, con tutte le forme ignobili che solo loro sanno fare. Se non fossero ipocriti lo avrebbero già fatto, ma si sa che non lo faranno mai. Inqualificabili. Andate a lavorare, lazzaroni.

ekat

Ven, 16/08/2019 - 11:12

Non stanno sfidando Salvini ma il popolo italiano. Quando in futuro la rabbia e il rancore esploderà in modo fragoroso non vengano a piangere lacrime di coccodrillo. Neppure uno dei paesi europei è “no borders”, al contrario, i confini di terra sono ben custoditi a Ceuta e Melilla a ovest, a est sono stati dati lautamente in appalto alla Turchia con il compito di fermare i migranti. Il “compagno” Sanchez non si è preso nemmeno la briga di rispondere alla Open Arms in merito ai minori da far sbarcare. Quanto potranno ancora abusare della pazienza di un popolo? Il nostro.

jaguar

Ven, 16/08/2019 - 11:32

L'Ong è una organizzazione no profit, ma chi ci crede? Questi signori svolgono un lavoro pagato lautamente, in loro c'è molto di politico e ben poco di umanitario.

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Ven, 16/08/2019 - 11:50

Rossi dei centri (a)sociali, gli uni e l’altro. S’incornano tra di loro come tori alla vista d’una giovenca. A conti fatti, però, entrambi sfruttano, per guadagno, i cosiddetti migranti. Quanto, o forse più, dei famigerati scafisti. A questo hanno ridotto la politica italiane le ultime elezioni. Il nuovo che «avanza» negli scarti di 2 secoli di storia. Grazia anche a quelli che «io non vado a votare, tanto sono tutti uguali...».

mimmo1960

Ven, 16/08/2019 - 11:59

Questi non sono "ONG" sono traghettatori inutile girarci intorno. Le ONG quelle vere si adoperano nei paesi poveri o per la difesa dei diritti umani.

leopard73

Ven, 16/08/2019 - 12:50

Schifosi parassiti siete il MARCIO DELL'ITALIA!!!!!

tarcento22

Ven, 16/08/2019 - 13:00

Italy FIRST.

Una-mattina-mi-...

Ven, 16/08/2019 - 14:10

IL LORO ODIO, IL LORO ARBITRIO, LE LORO PREZZOLATE CAMPAGNE PROVOCATORIE E OSTILI, NON FANNO CHE RINFORZARE IL NOSTRO SENSO PATRIOTTICO! W L'ITALIA LIBERA E REDENTA!

Silvia11

Dom, 18/08/2019 - 08:13

ONG - Organizzazione Nazionale Germania- Open Armas - Apertura Armi - questo è il vero significato! Ecco perché la Germania ci tiene molto a questa organizzazione, ecco perché “ordigno bellico“ spuntano come funghi, ecco perché UE non aiuta Italia.