Arresti a raffica nel Nord Italia: reclutavano tagliagole per l'Isis

Nuova operazione contro l'estremismo islamico. Marito e moglie di Lecco in partenza per la Siria: volevano portare con sé i figli di 2 e 4 anni. Dalla Siria un foreign figher stava organizzando con loro una strage durante i "pellegrinaggi dei cristiani" per il Giubileo

Volevano partire per lo Stato islamico, a combattere una guerra sanguinaria. Lo avrebbero fatto portandosi dietro i figlio, uno di 2 e uno di 4 anni. Laggiù, nell'inferno del conflitto siro-iracheno. Così, con l'accusa di "partecipare a una associazione con finalità di terrorismo internazionale", una coppia è stata arrestata in provincia di Lecco: l'uomo è Abderrahim Moutaharrik, il noto campione svizzero di boxe tailandese, la moglie è Salma Bencharki. "Caro fratello Abderrahim - dice una registrazione mandata via WhatsApp al pugile - ti mando il poema bomba: ascolta lo sceicco e colpisci". Le manette sono scattate grazie a una maxi operazione antiterrorismo condotta congiuntamente dalle Digos di Lecco, Varese e Milano che ha portato all'arresto di sei terroristi islamici tra la Lombardia e il Piemonte che progettavano attentati in Italia e reclutavano tagliagole per l'Isis.

Il piano per attaccare l'Italia

L'8 aprile scorso un sedicente "Sceicco" invita Moutaharrik a compiere un attentato in Italia prima di raggiungere lo Stato islamico. "Sgozza (...), fai esplodere la tua cintura nelle folle dicendo 'Allah Akbar', colpisci, esplodi - recita il poema - ridà all'islam la sua gloria, i suoi battaglioni che hanno scosso le vicinanze e sono andati ad annientare gli infedeli senza cedere". E ancora: "Accendi il fuoco sulla folla affluente, versa sulla testa del crociato granate, non aver mai pietà finché non si spezza (...) guadagna il paradiso, come i primi combattenti, e vai verso, oh Abderrahim, la gloria". Alla coppia di Lecco, che si stava preparando ad andare in Siria per unirsi ai tagliagole dello Stato islamico, si sarebbe dovuto unire il 23enne marocchino Abderrahmane Khachia. Parlando con lui Moutaharrik diceva: "Voglio picchiare (inteso come colpire e far esplodere, ndr) Israele a Roma". Nell'intercettazione il pugile fa riferimento a un suo disegno per "compiere un attentato all'Ambasciata di Israele" chiarendo di "avere contattato un soggetto albanese per procurarsi le armi, non riuscendo nell'intento". In un altro un audio, registrato e inviato lo scorso 25 marzo, i due parlano di colpire addirittura la Santa Sede. "Per questi nemici giuro - dice il pugile - se riesco a mettere la mia famiglia in salvo, giuro sarò io il primo ad attaccarli (...) in questa Italia crociata, il primo ad attaccarla, giuro, giuro che l'attacco, nel Vaticano con la volontà di Dio". Quindi chiede a Khachia di aiutare la sua famiglia: "Voglio almeno che i miei figli crescano un pò nel paese del califfato dell'islam".

Il viaggio verso lo Stato islamico

Abderrahmane Khachia, che vive in provincia di Varese, è il fratello di Oussama Khachia, un foreign fighter morto in Siria a trent'anni dopo essersi unito ai tagliagole del Califfato. Khachia era cresciuto a Brunello, in provincia di Varese, dove lavorava come operaio. Espulso dall'Italia il 28 gennaio 2015 con un provvedimento emesso dal ministro dell'Interno Angelino Alfano per alcuni post su Facebook a favore dell'Isis e, in seguito, allontanato anche dalla Svizzera, avrebbe infine raggiunto la Siria dove sarebbe appunto morto. Gli aspiranti jiadisti arrestati oggi erano in contatto con un'altra coppia di coniugi, già residenti in provincia di Lecco e partiti per il Califfato nel febbraio dell'anno scorso portando con se i tre figli, il più grande di sette anni e il più piccolo di solo un anno e mezzo. Si tratta di Alice Brignoli, italiana 39enne che ha cambiato il nome in Aisha dopo la conversione all'Islam, e il marito 31enne, il marocchino Mohamed Koraichi. I nomi dei due finiscono nell'elenco dei foreign fighter italiani quando la madre della donna ne denuncia la scomparsa. Nel loro appartamento di Bulciago (Lecco) viene trovato solo un messaggio a firma di Alice: "Sono partita, non mi cercate, non torno".

La radicalizzazione in Italia

Gli arrestati stavano pianificando un attentato a Roma. Dalla Siria sarebbe stato proprio Mohamed Koraichi a chiederlo esplicitamente chiesto a Moutharrik. "Il profilo di novità è che non si tratta di una indicazione generica - hanno spiegato gli inquirenti - una persona specifica viene invitata a procedere in territorio italiano. E in particolare viene indicata la città di Roma come luogo di riferimento dei cristiani". Questo ha portato la procura di Milano e gli uomini della Digos e del Ros a "chiudere l'indagine il prima possibile". Alice e il marito Mohamed iniziano il percorso di radicalizzazione nel 2009, in concomitanza con la nascita del primo figlio: lei prende a indossare il velo e a studiare l'arabo, lui si fa crescere la barba e sempre più spesso si fa vedere in giro con una tunica bianca. Con il passare del tempo i due tagliano i ponti con le famiglie. Quindi, la partenza per il Califfato: prima la tappa in Turchia, poi il passaggio in Siria. I due sono tuttora latitanti, mentre tra gli arrestati nell'operazione, coordinata dal procuratore aggiunto Maurizio Romanelli e dai pm Enrico Pavone e Francesco Cajani, oltre all'altra coppia di estremisti islamici che voleva partire da Lecco per unirsi al jihad, figura la sorella di Koraichi.

I bimbi che innaggiano al martirio

In una fotografia su Whatsapp, ora agli atti dell'inchiesta, i figli di Mohamed Koraichi vengono immortalati mentre inneggiano al martirio con il dito puntato verso il paradiso. I bambini fotografati sono i tre figli avuti da Alice e uno nato invece dalla relazione in Siria con la vedova di un martire. "È un'immagine che ci preoccupa - ha detto il comandate dei Ros, il generale Giuseppe Governale - perché questi bambini così indottrinati potrebbero essere domani i protagonisti del terrore. Quello che inquieta è l'immagine di 4 bambini in tuta da combattimento, una sorta di 'cantera' mutuando un termine calcistico, che allarma".

Commenti

giulio29

Gio, 28/04/2016 - 09:23

non capisco il motivo per cui li fermano

jackmarmitta

Gio, 28/04/2016 - 09:28

povera italia che brutta fine che sta facendo,

Ritratto di Azo

Azo

Gio, 28/04/2016 - 09:35

Questi maledetti dirigenti governativi, ce li portano in casa, impongono i comuni e le città, di civilizzarli E LORO DA GRANDI BOCACCIONI SONO SOLAMENTE CAPACI DI AUMENTARSI I "LORO STIPENDI E LE PENSIONI" E DI PENALIZZARE LA POPOLAZIONE A CONVIVERE IN GHETTI CON COLORO CHE STANNO INVADENDOCI EMANANDO EXTRA TASSE, PER FALI SOPRAVVIVERE IN HOTEL A **** STELLE!!! Povera Italia e maledetto il giorno in cui Cavour habbia pensato di unificare il paese !!!

Aegnor

Gio, 28/04/2016 - 09:42

Alf-ano vuole tenersi pure questi,invece di impedirgli di entrare in Italia,gli vieta di uscirne.Avrà qualche parente che ci guadagna pure con le carceri?

giovanni PERINCIOLO

Gio, 28/04/2016 - 09:45

"In manette anche parenti di foreign fighter". Fino a quando?? fino al pronunciamento del solito giudice buonista e "progressista"?? Foglio di via messo in atto manu militari e fuori tutti dalle balle!

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 28/04/2016 - 10:08

Ma il motto"Al nemico in fuga,ponti d'oro e subito dopo chiusura blindata dei confini" non riesce ad entrare nel mononeurone dei sinistroidi e comunistardi che ci sgovernano????

venco

Gio, 28/04/2016 - 10:13

Normale, queste sono le risorse dell'accoglienza islamica.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 28/04/2016 - 10:15

#giovanni PERINCIOLO- 09:45 In un'Itaglia che, orgogliosamente, ha rinnegato il concetto stesso di frontiera, il tuo condivisibilissimo "fuori dalle balle" rischia , purtroppo, di essere soltanto temporaneo.

SAMING

Gio, 28/04/2016 - 10:34

L'Islam moderato in nome di Allah, il misericordioso. Non veniteci a dire che questi appartengono a frange schizzate di terroristi. Queste sono famiglie con figli piccoli da crescere. quindi, si pensa, gente normale di fede islamica che non farebbe male ad una mosca. INSOMMA LA RAPPRESENTAZIONE IDEALE DELL'ISLAM MODERATO. L'Islam è l'Islam. Non esiste un Islam moderato e chi lo enuncia è in malafede ed è complice delle efferatezze di questa pseudo religione di terrore e di morte.

FRANZJOSEFVONOS...

Gio, 28/04/2016 - 10:40

BOLDRINI IL PAPA GENTILONI RENZI SONO STATI AVVISATI?

lambi65

Gio, 28/04/2016 - 10:57

Bisogna denunciare il governo illegittimo e golpista di attentato alla sicurezza nazionale, attentato alla sicurezza sociale, attentato agli interessi della nazione, attentato alla costituzione per la violazione della libertà di religione, art, 7 della costituzione, proibendo di fatto i crocifissi, i simboli religiosi, i presepi, le manifestazioni religiose del Natale e la Pasqua, ecc.. inoltre cacciarli a calci in culo per manifesta incapacità di gestire i beni dello stato.

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Gio, 28/04/2016 - 11:09

Il titolo che NON leggeremo nei prossimi giorni: "Scarcerazioni a raffica nel Nordest. - Non sussistevano i requisiti per trattenere i fermati." e poi su RAi3 ... "Arresti troppo facili. Così si rallenta il processo di integrazione."

Ritratto di frank60

frank60

Gio, 28/04/2016 - 11:45

Sarete mica matti ad arrestare le nostre risorse... quelli che dovrebbero pagarci la pensione..

Ritratto di frank60

frank60

Gio, 28/04/2016 - 11:47

Per una volta che due islamici se ne vogliono andare di loro spontanea iniziativa, vengono trattenuti....

franco-a-trier-D

Gio, 28/04/2016 - 11:51

ce ne sono a migliaia in Italia,trovateli tutti se riuscite ne basta uno solo per fare una strage e alcune diecine per mettere in ginocchio tutta la Italia grazie al PD vostro amato e votato.Jackmarmitta che state facendo devi dire.

Ritratto di il navigante

il navigante

Gio, 28/04/2016 - 12:03

Ma basta con questi "titoloni terroristici" caro Sergio Rame. Hanno preso solo - quattro sfigati- da internare in manicomio. Ma i veri criminali e coloro che li foraggiano con soldi e armi quando li prendiemo?

giovauriem

Gio, 28/04/2016 - 12:14

avrei una domanda da fare : gli alpini in foto , hanno le armi cariche , oppure stanno li come birilli , diciamo come il vigile di cartone posti a deterrente sulle strade negli anni 60 ?

antipifferaio

Gio, 28/04/2016 - 12:23

Renzie e Al-fgano li fanno entrare, l'intelligence li scova, la polizia li arresta e poi i 2 kompagni di merende alla coop si complimentano...E' proprio un gioco di squadra...OTTIMO...sempre così...fin quando prima o poi gliene scappa qualcuno col giubbotto tipo "piumone" in piena estate............

edo1969

Gio, 28/04/2016 - 12:30

Ovviamente è arrivato puntuale il tweet demenziale di Salvini: arrestano qualcuno sventando un potenziale attentato? il Governo "è complice". Inutile ricordargli che la foreign fighter si chiama brignoli ed è padana quanto lui. "L'ha fatta entrare" Renzi? Si ha l'impressione che come una iena non aspetti altro che un attentato vero.

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Gio, 28/04/2016 - 12:32

Se questi si voglio far saltare in aria, io li accontenterei dandoli in mano agli Artificieri dell'Esercito e ordinando loro di farli brillare; altro che SOLO arrestarli!

kayak65

Gio, 28/04/2016 - 12:45

se volevano colpire roma almeno colpissero I posti giusti, quelli dei loro amici. agli italiani penso che non gliene importa nulla se non per I monumenti che potrebbero avere danni. ma quelli si ricostruiscono

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Gio, 28/04/2016 - 12:51

Ma no, ma no, non capite niente. Sono semplicemente dei RIFORMATORI dentro i limiti dell'ORTODOSSIA ISLAMICA.

apso

Gio, 28/04/2016 - 13:03

caro giulio29, non lo capisco neppure io, eppure li arrestiamo, li incarceriamo, li mettiamo in contatto con altri carcerati che non vedono l'ora di farla pagare agli italiani che non li fanno spacciare droga in santa pace, vitto e alloggio gratis e li rilasciamo. Non costa meno un viaggio di sola andata in Siria?

Una-mattina-mi-...

Gio, 28/04/2016 - 13:07

Attenta BOLDRINI! DA QUANDO LI HAI ISTIGATI TU QUESTI QUI DIVENTANO SEMPRE PIU FIERI DELLA LORO CULTURA.

Ritratto di Giano

Giano

Gio, 28/04/2016 - 13:10

Ma no, soliti inutili allarmismi. Alfano ha detto che non c'è pericolo e che è tutto sotto controllo. E se lo dice il ministro bisogna credergli. Io mi fido di Alfano. Voi no? Ma allora siete proprio diffidenti. E anche disfattisti, populisti, xenofobi, razzisti, e pure fascisti. Tieh, l'accusa di fascisti ci sta sempre bene: è come il Mossad, quando c'è un complotto in qualche parte della terra, fosse anche la guerra fra gang dei ghiaccioli in Groenlandia, ci sono sempre di mezzo il Mossad e la CIA. Così è il fascismo.

swiller

Gio, 28/04/2016 - 13:14

Mettete in galera anche alfano persona. Inutile incompetente parassita.

Finalmente

Gio, 28/04/2016 - 13:33

abbiamo perso altri doni... ma forse la magistratura provvederà a scarcerarli perché il fatto non si è compiuto...

cicocichetti

Gio, 28/04/2016 - 13:34

l'uomo è un noto campione SVIZZERO di boxe thailandese. Come al solito le polizie d'oltralpe lasciano a noi l'ingrato compito di sbattere al fresco questi elementi. Dubito per'altro che la svizzera voglia chiederne l'estradizione...

Malacappa

Gio, 28/04/2016 - 13:41

Questo si ottiene facendo entrare sti rifiuti umani ha 1000 ragioni l'Austria a dare un giro di vite e non lasciare che arrivino al territorio questi maledetti ingrati,noi quando?

Sudditoitaliano

Gio, 28/04/2016 - 13:45

Solo questione di tempo la nostra civilta' E' FINITA Loro son decisi e convinti noibuonisti cretini e senza palle godiamoci gli ultimi scampoli della nostra civilta di una cosa son contento che finalmente le chiese diventeranno moschee alla faccia di quei quattroprelati che sono i servi dell ISLAMin maiuscolo

joecivitanova

Gio, 28/04/2016 - 14:12

Comunque poco fa il Ministro si è Alfannato a chiarire subito che questo è solo l'estremismo islamico percepito, che quindi non c'è da preoccuparsi e che dobbiamo stare tranquilli dato che c'è l'Angelino che ci protegge..!! G.

venco

Gio, 28/04/2016 - 14:28

Quelli che partono per quelle terre non devono mettere più piede qua.

Pinozzo

Gio, 28/04/2016 - 14:36

Un plauso alle forze dell'ordine. Per una volta alfy ha detto una cosa giusta, noi facciamo opera preventiva non come i belgi o i francesi che intervengono a danno avvenuto.

Libero1

Gio, 28/04/2016 - 14:43

Il solito teatrino orchestrato dal governo p-idiota per far credere ai poveri fessacchiotti italiani che sono al sicuro.

zucca100

Gio, 28/04/2016 - 14:54

Suddito italiano è' un vero inno all'ottimismo. Bravo

Ritratto di malatesta

malatesta

Gio, 28/04/2016 - 15:28

Questa volta ALFANO era molto imbarazzato nel consueto bussolotto di gloriosa autocompiacenza per i grandi risultati di INTELLIGENCE, che non vanno negati...anzi...e' solo grazie alle forze dell'ordine che vengono beccate queste marmaglie.E visto che nel mirino c'era anche Roma con il Giubileo, anche qualcuno da quelle parti dovrebbe riflettere e pensare cha a quest'ora sarebbe gia' saltato in aria se non ci fossero le forze dell'ordine italiane a proteggerli.

conviene

Gio, 28/04/2016 - 17:10

gradirei che il mio commento fosse pubblicato e non solo quelli che insultano il Santo Padre. grazie

Ritratto di MIKI59

MIKI59

Gio, 28/04/2016 - 17:48

Quando si farà piazza pulita, senza badare se sono "bravi" o "cattivi"?

Ritratto di giangol

giangol

Gio, 28/04/2016 - 18:18

risorse del clandestino vestito di bianco

Massimo Bocci

Gio, 28/04/2016 - 18:26

Come lo facevano??? Ma che domande sono ma con il mitico JOBS ACT, quello tutto a nostre spese come gli Hotel, poi c'era solo la scelta o: Con le tutele Crescenti (di sbafare a UFO)?? Con le politiche Attive (per l'invasione)?? Col la Maternità (l'utero Islamico tromba e figlia, qualche Italiota te li campa), Con la flessibilità (dei colteli subito azzanna la giugulare), Con la tutela (del terrorista,clandestino) e infine la più IMPORTANTE il cardine di tutte le altre la SEMPLIFICAZIONE (se alla locuzione " 'Allah wakabira" il meschino trasecola o non capisce, SGOZZALO subito è un infedele), chissà se tutte queste figure professionali erano accumulate (e conteggiate anche singolarmente dell'ISTAT) anche più di una per personaggio sul FANTOMATICO JOBS ACT, certo così era facile far ripartire il BUSINESS delle pompe funebri, con contributi s'intende a nostro carico è non volevate che pagassero loro gli OSPITI SGOZZATORI!!!

baio57

Gio, 28/04/2016 - 18:37

@ edo 19..'68ttino - Cocomeriotas ma l'articolo l'hai letto ? Chi caTZo hanno arrestato stamane ? Che c'entra la demente invasata italiana sposata col cammelliere MAROCCHINO(!!!!) già partiti per il califfato ?

Occhioni Giuseppe

Gio, 28/04/2016 - 18:45

Come si fa a farlo capire amolti che ancora parlano di "integrazione"?

Ritratto di lokum

lokum

Gio, 28/04/2016 - 18:50

Marocchini, Algerini, Tunisini, guarda caso che provengono da paesi in guerra...giusto accogliergli.

ziobeppe1951

Gio, 28/04/2016 - 22:21

Conviene...ma cos'ha di santo il padre? Ha fatto qualche miracolo?

blackindustry

Gio, 28/04/2016 - 23:29

Ma che senso ha fermarli se poi ogni giorno ne vanno a raccattare il doppio via mare...

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 28/04/2016 - 23:46

I musulmani residenti in Italia continuano a mentire spudoratamente sul loro coinvolgimento con gli assassini islamici dell'ISIS. Questa coppia di mentecatti avrà frequentato altri musulmani che sostengono di non aver nulla a che fare con i fondamentalisti. IN DICHIARAZIONI PUBBLICHE ALLA TELEVISIONE DICONO CHE L'ISIS NON È L'ISLAM. PERÒ IN PRIVATO LI AIUTANO A COMBATTERE PER L'ISIS. Un giorno il sinistrume dovrà rispondere di tutto ciò.

rudyger

Ven, 29/04/2016 - 08:30

Non ci sono riscontri reali, è la risposta dei servizi italiani alla messa in guardia degli americani di qualche giorno fa. Subito dopo vengono arrestati 6 islamici. Italiani buffoni e pezzenti . cosa aspettano Al fan e rienzi che ci fanno saltare in aria ?

Angelo664

Ven, 29/04/2016 - 09:06

Per favore ! Lasciate che partano . IO non ne sentirò la mancanza. Anzi, assicuriamoci che partendo per questa destinazione vengano distrutti i documenti Italiani e la cittadinanza. Istantaneamente quando varcano la dogana. Cosi' che sia ben chiaro anche a loro che non esiste la via di ritorno e che se ritornano saranno trattati come clandestini. Ovvero bene visto che siamo in Italia.