Migrante pesta agente, lo sfogo del poliziotto sul pm: "Vergognoso abuso liberarlo"

Ira della polizia per la liberazione del senegalese che ha pestato due agenti. Spunta il messaggio esasperato dell'agente che lo aveva fermato

C'è indignazione, rabbia, "senso di impotenza" tra le forze di polizia. Ormai nelle chat interne non si fa che parlare di quanto successo a Torino, quando un senegalese ha sbeffeggiato, pestato e insultato i poliziotti, lo Stato e Salvini. È stato arrestato e poi subito liberato dalla pm (con una semplice telefonata) perché contraria a costringerlo ad un fotosegnalamento coatto. La vicenda è stata descritta in un rapporto di servizio rivelato in esclusiva da ilGiornale.it. I dettagli hanno fatto infuriare gli appartenenti al corpo, esasperati dalla leggerezza con cui il procuratore ha ordinato "l'immediata liberazione" del soggetto che solo due settimane dopo (a Pasqua) avrebbe nuovamente aggredito due divise con una sbarra. Rischiando pure di ammazzarli.

La domanda sorge spontanea: ma che si affaticano a fare, i poliziotti, a catturare i malviventi se poi non rischiano neppure un paio d'ore di fresco? Quesito lecito, che in queste ore molti agenti si stanno ponendo. Tanto che il capopattuglia che lo scorso 29 marzo ha "arrestato il senegalese" ha deciso di "descrivere il resto dei fatti" di questa "vergognosa vicenda".

Riassumiamo. Il 29 marzo la volante viene chiamata per intervenire in un edificio privato occupato da Ndiaye Migui, stabilitosi tranquillo in una baracca di fortuna. Il soggetto è senza fissa dimora né documenti e viene portato in Questura per "la mera identificazione". "Pur capendo perfettamente l'italiano - scrive il capopattuglia - il senegalese" si rifiuta "categoricamente di declinare le proprie generalità mettendo in atto un susseguirsi di insulti contro Salvini, la polizia e il sottoscritto" ("Vaf... Italia, dovete morire tutti"). Gli agenti provano a convincerlo "con tutta la gentilezza di questo mondo", ma non ci riescono. "L'egregio senegalese", infatti, "all'atto del fotosegnalamento" decide di opporsi al rilievo delle impronte "sbeffeggiando divertito" le forze dell'ordine. "Il tutto irrigidendo le braccia e ritirando il palmo delle mani vicino al corpo".

In poche ore l'immigrato si macchia di un paio di reati. I poliziotti provano di nuovo (e inutilmente) a persuaderlo. Ma lui si alza dalla sedia, tenta di scappare e, "bloccato per un braccio dal mio autista", reagisce "stampandogli una manata in faccia". Per il 26enne scattano le manette. Poi, come da protocollo, la Questura telefona alla pm di turno per "notiziarla tempestivamente dell'arresto". Sono le 17.47. La toga dà il "nulla osta", ma precisa che "non avrebbe adottato alcuna misura" se non fosse emerso dai rilievi Afis (impronte) un qualche "precedente specifico". Il motivo? "Il pm riteneva di lievissima entità i fatti". Lievissima.

C'è un problema: per verificare se il senegalese ha precedenti (e sbatterlo in cella) occorre il fotosegnalamento, impossibile però da realizzare a causa delle resistenze. Come uscirne? La Questura telefona di nuovo al magistrato presentando le difficoltà nel risalire all'identità del immigrato. "Il pm - si legge nell'sms - rispondeva: 'Non mi importa quanto tempo ci mettiate, provate a convincerlo a farsi fotosegnalare finché non cederà alle vostre richieste".

Seconda domanda: ma perché gli agenti dovrebbero pregare in ginocchio chi poco prima li ha pestati? Quesito lecito, no? E infatti i poliziotti chiedono al procuratore di poter procedere al fotosegnalamento coatto. Niente da fare. La toga, riporta il capopattuglia, risponde niet: "Non autorizzo alcun atto di violenza e contrario alla volontà di questa persona, questa si chiama tortura".

Gli agenti sono "perplessi" dal "totale menefreghismo del pm". Ma soprattutto restano "allibiti" quando "a conclusione della telefonata" dispone "l'immediata liberazione del soggetto". E questo nonostante l'immigrato fosse "persona ignota" senza identità o profilo giuridico delineato. Il capopattuglia, nel suo messaggio, si sfoga e definisce il comportamento del magistrato un "abuso". Parola forte, ma forse comprensibile: "Il risultato sono stati 8 punti di sutura al collega che stava facendo il suo lavoro in un giorno di festa".

Ps: venti giorni dopo lo stesso migrante ha ripetuto l'impresa, aggredendo due agenti. Fatto che forse si sarebbe potuto evitare se il procuratore avesse disposto il fotosegnalamento coatto. Dai rilievi Afis sarebbero infatti emersi due provvedimenti di espulsione mai eseguiti e l'arresto di Ndiaye Migui sarebbe stato confermato. "In procura ora sono molto incazzati", fanno sapere fonti delle forze dell'ordine. "Perché con questa storia hanno fatto una brutta figura".

Commenti
Ritratto di ammazzalupi

ammazzalupi

Gio, 25/04/2019 - 21:58

Scusate, cari Carabinieri e caro cronista: il nome di cotanto magistrato di mxxxa è SEGRETO o è un PECCATO MORTALE farcelo sapere?

cesare caini

Gio, 25/04/2019 - 22:31

Vergogna, semplicemente vergogna ! Alto tradimento verso la Patria !

Ritratto di eaglerider

eaglerider

Gio, 25/04/2019 - 22:39

Questa non è un magistrato e non applica la legge ma la interpreta perbaddomeaticarla al suo profilo ideologico che è consono a un attivista di strada e non a una persona che indossa la toga in nome del popolo italiano. Se fosse in una struttura privata sarebbe licenziata per giusta causa ! Sono stufo di sentire di questi abusi !

maricap

Gio, 25/04/2019 - 22:44

Si doveva arrestare comunque il delinquente, e poi portarsi nell'ufficio del PM e arrestare anche lei. Basta con questa gente che antepone la propria ideologia, all'interesse nazionale. Sed ferro recuperanda est patria, prima che che le truppe cammellate importate, e le quinte colonne dei traditori, diventino un esercito.

Tuthankamon

Gio, 25/04/2019 - 22:55

Queste situazioni hanno cominciato a diventare frequenti a partire dagli anni 70 dopo le "conquiste" del 68. Tuttavia sono ormai ordinaria amministrazione in quest'ultimo decennio. E non riguardano solo le Forze di polizia, accadono anche al personale dei mezzi di trasporto e della sanità, della scuola e, in genere, a chiunque vorrebbe una convivenza civile. Una parte consistente della magistratura appare incapace o connivente nel contrastare questi fenomeni. Oppure si finisce vittime delle nostre stesse leggi di origine ideologica come quella sulla tortura (puah!).

Divoll

Ven, 26/04/2019 - 00:09

Bisogna introdrre la responsabilita' del magistrato per le proprie decisioni, se necessario, anche la rimozione dall'incarico. ormai abusano non solo della propria posizione, ma anche della pazienza degli italiani.

ziobeppe1951

Ven, 26/04/2019 - 00:09

Tranquilli arriverà EL PRESIDENTE a chiarire il tutto

maurizio50

Ven, 26/04/2019 - 07:07

D'accordo con Ammazzalupi. Il nome del PM autore di tanta benemerenza verso la canaglia africana non è certo un segreto. Lo si dica apertamente, anche se in Procura, poveretti, temono di fare una brutta figura!!!!!

rino34

Ven, 26/04/2019 - 08:28

Questi magistrati rossi hanno rotto veramente le scatole...sarebbe ora di fare qualcosa, tipo promulgare le leggi non interpretabili, cioè precise in ogni minimo dettaglio. Oppure riformare la costituzione e farli eleggere come i politici in modo che possano venir rimossi in base al loro comportamento. Sveglia politici...

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 26/04/2019 - 12:26

eccola! questa è l'italia dei liberatori del 25 aprile, un popolo e una nazione nelle mani di una cinquantina di magistrati partigiani che tengono in scacco i governi non di sinistra. un eletto, non dovrebbe essere giudicato da un impiegato statale, per "livellare"(TOTO')l'italia ci vuole l'immunità per tutti i politici eletti dagli italiani, parlamentari, eletti regionali e comunali. per inquisire un politico eletto, bisogna che il magistrato che chiede di inquisirlo accetti di essere inquisito lui se il politico risulta innocente, e non dovrà essere giudicato dai suoi colleghi ma da una corte composta da politici, che dovrà essere presente in tutti i governi!