Mestre preda dei clan nigeriani. Città sotto assedio: "C'è paura"

A due passi da Venezia la piazza di spaccio più grande del Nord-Est: qui è l’eroina gialla a farla da padrone. Commercianti e abitanti ne pagano le spese: "Può succederti di tutto"

Mestre – Piazzetta San Francesco, a Mestre. Il giardinetto alle spalle della fermata del tram di piazzale Giovannacci, a Marghera. Sono due dei punti più battuti dai pusher e tossici che continuano a tenere sotto scacco la zona. Nelle ultime ore, i pattugliamenti congiunti di polizia e militari hanno portato all'arresto di altre tre persone. Si tratta di spacciatori, peraltro già noti alle forze dell’ordine, che bazzicavano la zona dell’ex scuola Monteverdi di via Ulloa: una struttura in disuso da anni che ora il comune sta facendo abbattere perché diventata punto di ritrovo e spaccio.

Insomma, a Mestre l’allerta rimane alta, nonostante il successo dell’operazione anti droga del 10 luglio scorso, quando cinquecento uomini delle forze dell’ordine hanno messo in manette quaranta persone e scoperto un laboratorio (in via Monte San Michele) in cui il clan dei nigeriani preparava la cosiddetta eroina gialla. Una droga killer capace di uccidere circa venti persone nell’ultimo anno.

Facendo due passi di giorno tra via Piave, via Trento e via Col di Lana, la situazione pare tranquilla: non si vedono più, come invece accadeva qualche mese fa, capannelli di pusher ad ogni angolo, o quasi, a tutte le ore. Camminando su e giù nel quartiere attiguo alla stazione, nel giro di pochi minuti, incrociamo una volante della polizia e una camionetta dell’esercito. Lo stesso anche di sera, visto che il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro ha provveduto a stringere le maglie della sicurezza.

Però, il problema non è certo risolto. "Abbiamo paura e già dal tardo pomeriggio è meglio rientrare a casa", ci spiega una signora che incrociamo per strada. Raggiungendo a piedi il parco di Villa Querini, non così distante dal centro città, ci imbattiamo in decine di nigeriani che presidiano il giardino, divenuto il loro principale luogo di spaccio. Ci sediamo su una panchina per qualche minuto e ci rendiamo conto di non essere i benvenuti. (Guarda il video).

Le difficoltà dei commercianti

Riscendiamo dunque via Piave e ci fermiamo a scambiare due parole con i passanti e commercianti: adesso va meglio, ma c’è sempre un "ma" che fa rima con paura. Già, perché si spaccia ancora e i tossici si bucano ancora. "Non ci fidiamo a restare seduti al parco perché c'è un via vai di giovani che, tra i cespugli, fa uso di sostanze di ogni tipo", ci raccontano. E lo fanno anche nel patio di un ristorante in piazza San Francesco. Il locale chiude a mezzanotte e di notte i tossicodipendenti prendono d’assalto il plateatico esterno dell’esercizio, delimitato da siepi che permettono sia di nascondere la droga che di ripararsi per quei minuti che servono a prepararsi la dose e iniettarsela in vena. Una volta finito, nessuno pulisce: ogni mattina il titolare trova siringhe usate dappertutto. Nella terra dei vasi rinveniamo infatti un ago e una bottiglietta di plastica chiusa con dell’alluminio usata per inalare la droga una volta "cucinata".

Avviciniamo allora il proprietario e lui ci racconta di aver perso recentemente un amico per colpa di quell’eroina gialla killer: conosceva bene il 50enne morto in casa per un’overdose nei giorni scorsi."Di giorno è abbastanza tranquillo, ma di notte si picchiano e fanno casino: è un disastro ed è pericoloso. Ho visto persone nascondere la roba dentro i tombini, incredibile. E la notte i tossicodipendenti vengono qui a drogarsi: io ho provato a dirgli qualcosa, ma devi stare attento a come parli, perché con questa gente qua devi stare attento. Sei sempre a rischio e può succederti di tutto".

Ci spostiamo di pochi passi in via Salettuol, dove incontriamo dietro il bancone della sua lavanderia Roberta Pumati, portavoce del "Gruppo Salettuol per la sicurezza partecipata" (progetto del comune di Venezia). Lei è la paladina del quartiere e si è battuta come una leonessa per ripulire la zona. Ha passato mesi a lavorare chiudendosi dentro a chiave, perché la paura era tanta visto i gruppi di tossicodipendenti che stanziavano nei pressi del suo negozio: "Minacce ne ho avute, più di una, però io non mollo mai. Ora bisogna convincere la gente a uscire e a riprendersi la città".

Commenti

maurizio50

Mer, 24/10/2018 - 08:34

Anche questo è il frutto delle scelte "intelligenti" dei magliari Renzi&Alfano, che hanno riempito il Veneto di selvaggi trogloditi, spesso dediti alla delinquenza. Ma i due imbroglioni si vantavano di "salvare vite umane", a spese delle condizioni di vita degli Italiani residenti!!!!

Gianx

Mer, 24/10/2018 - 08:36

Legge marziale e pugno durissimo! In poco tempo questi ignobili africani devono essere espulsi su navi container assieme ai comunisti che li hanno voluti!!!!

Ritratto di LongJohn

LongJohn

Mer, 24/10/2018 - 08:40

Le promesse non mantenute da Salvino

stopbuonismopeloso

Mer, 24/10/2018 - 08:41

ma no, è solo razzismo, sono solo poveri scheletrini, disposti a tagliarti la gola per niente, ma comunque poveri scheletrini

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mer, 24/10/2018 - 09:03

poi criticate la Germania la Merkel Juncker,ma andatevi a fare delle passeggiate ai giardinetti, finchè l'Europa non vi butta fuori dalla Comunità.

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Mer, 24/10/2018 - 09:12

Non c'è la caveremo più se continuiamo con pene che quando vengono comminate sono ridicole. Questa gentaglia, portatrice di morte, va sbattuta in galera per un tempo così lungo da far rimpiangere loro di essere nati e possibilmente senza le tante comodità di cui possono usufruire attualmente, ma noi siamo buonisti, aspiriamo al loro recupero, siamo civili

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mer, 24/10/2018 - 09:24

Paura,paura,....ma....le maggioranza da decenni e tuttora,continua a votare partiti,"di fatto" "accoglienti"!

Ritratto di italiota

italiota

Mer, 24/10/2018 - 09:46

..sono risorse...

CidCampeador

Mer, 24/10/2018 - 10:01

ECCO LO SVILUPPO SOCIALE VOLUTO DAI BUONISTI ISPIRATI DALLA BOLDRNI

aldoroma

Mer, 24/10/2018 - 10:14

ringraziate i buonisti

Ritratto di giovinap

giovinap

Mer, 24/10/2018 - 10:17

venco, gibulca, giorgio5819, bonoitaliano, kamen, babbeodasempre, e pagliacci vari: venite a commentare; non scappate, cerchiamo di trovare il modo per salvare il nord italia dai nuovi lanzichenecchi, che alla fine ci regaleranno anche la peste nera!

routier

Mer, 24/10/2018 - 10:17

In certi casi la legge marziale è d'obbligo, ma poi per applicarla ci vogliono gli "zebedei". (e qui casca l'asino!)

Massimom

Mer, 24/10/2018 - 10:18

Mi sembra un poco Far West, vero Mattarella?

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 24/10/2018 - 10:31

Quanta nostalgia per quelle vituperatissime squadre che qualcuno oggi liquida con l'appellativo di squadracce. Fassiste, naturalmente...

Ritratto di nando49

nando49

Mer, 24/10/2018 - 10:54

Le responsabilità della politica e delle amministrazioni sono evidenti. Si lasciano radicare sul territorio queste bande di delinquenti per poi denunciarne le malefatte. Bisogna prevenire e intervenire subito altrimenti diventano padroni del territorio. Poi giocano a favore di questi delinquenti leggi e giudici garantisti.

Reip

Mer, 24/10/2018 - 11:04

Ma... Non capisco... In Italia spendete piu’ di 63 MILIONI di euro al giorno per le forze armate... Ma tutti questi “pagliacci in divisa” a cosa servono? Ci sono dei carabinieri? Esiste la polizia? Esiste un esercito nel vostro paese? Se i magistrati finti buonisti di sinistra non fanno il loro lavoro, protestate, affollate le piazze, umiliate questi corrotti! Se il Vs sistema giudiziario di sinistra non funziona, combattete! A questo punto se lo Stato italiano mafioso e corrotto non interviene che ben vengano le milizie popolari! Il vostro e’ un paese sull’orlo di una guerra civile...

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mer, 24/10/2018 - 11:33

siete mai stati in Nigeria andatela a vedere...

Ritratto di elkid

elkid

Mer, 24/10/2018 - 11:51

---felpini---essere inutile --dimettiti---il peggior ministro dell'interno della storia italiota--swag

Ritratto di Flex

Flex

Mer, 24/10/2018 - 11:59

Chiedete spiegazioni alla "Sinistra" e ai "buonisti".

ziobeppe1951

Mer, 24/10/2018 - 12:09

elpirla....sai bene che quando sgovernavate voi zecche rosse, succedeva di peggio..informa LongJohn

Ritratto di giangol

giangol

Mer, 24/10/2018 - 12:10

preziose risorse portatori di sviluppo. vero sboldry???

desaix

Mer, 24/10/2018 - 12:37

arriveranno a milioni, guardate cosa sta succedendo in messico

jaguar

Mer, 24/10/2018 - 12:52

I cittadini di Mestre devono ringraziare gli ultimi governi a guida PD. Qualcuno dà la colpa a Salvini, ma non è facile ricostruire dopo anni di macerie.

Malacappa

Mer, 24/10/2018 - 14:03

Eliminarli in maniera chirurgica

Una-mattina-mi-...

Mer, 24/10/2018 - 14:28

I PARTIGIANI DELL'ANPI VOGLIONO METTERSI IN TESTA DI DIFENDERE LA PATRIA, O DOBBIAMO TOGLIERGLI IL FINANZIAMENTO PUBBLICO E RIVOLGERCI AD ALTRI?

Tip74Tap

Mer, 24/10/2018 - 15:57

Voglio Orban subito!

Divoll

Mer, 24/10/2018 - 16:05

Si fa una bella retata, si separano i clienti dagli spacciatori e questi ultimi vengono immediatamente espulsi (dopo aver preso le impronte e gli altri dettagli biometrici, in modo da poterli individuare nel caso ritornino). E se ritornassero, bisognerebbe applicare il "metodo Duterte". Non ci sono altre soluzioni.

Rossana Rossi

Mer, 24/10/2018 - 16:25

E' tardi, oramai siamo infestati da questa feccia impunita protetta da buonisti sinistrorsi più delinquenti di loro. Se non siamo capaci di usare metodi forti non ce ne libereremo più......