Terrorismo, il pachistano espulso giocava nella Nazionale italiana di cricket

Aveva giurato fedeltà all'Isis e voleva fare un attentato a Orio al Serio. In passato aveva rappresentato l'Italia nel cricket anche se non aveva la cittadinanza

Farooq Aftab, il pachistano espulso per terrorismo, giocava a cricket. Per diversi anni era stato capitano dei Kingsgrove Milano e aveva rappresentato l'Italia nella Nazionale under 19. Tutto questo prima che si radicalizzasse. Le foto pubblicate nel 2009 da Sportweek, il settimanale della Gazzetta dello Sport, oggi suonano come una beffa senza precedenti. Perché Farooq Aftab, quell'Italia che rappresentava sui campi di cricket, voleva farla saltare in aria in nome di Allah e del califfo Abu Bakr al Baghdadi. Da Vaprio d'Adda, dove viveva, stava infatti organizzando un attacco terroristico per ammazzare quanti più italiani possibile.

"È stato un fulmine a ciel sereno, ancora non ci credo", ha raccontato il presidente del Kingsgrove Milano Fabio Marabini alla Stampa. Si sono sentiti poco prima che Farooq Aftab venisse imbarcato per Islamabad. Come raccontato oggi da Fausto Biloslavo su ilGiornaleit, il 26enne pachistano aveva giurato fedeltà ai tagliagole dello Stato islamico. Con loro, come dimostrano le intercettazioni dei Ros, condivideva l'odio per l'Occidente e il proposito di fare una strage. Non solo vessava la moglie obbligandola a indossare il burqa e indottrinava un italiano appena convertito, ma stava organizzando un attacco all'aeroporto di Orio al Serio. "Facciamo qualche danno perché ammazzano i musulmani. Vai a fare saltare uno o due aerei. Vedi è facile colpire un aereo. C’è solo il filo (spinato)".

Farooq Aftab era appassionato di cricket. Per un paio di anni ha giocato nella Nazionale under 19. Ha, insomma, vestito la maglia azzurra rappresentando il nostro Paese nelle competizioni internazionali. Rivederlo oggi, barbuto e radicalizzato, fa impressione. A permettergli di rappresentarci nel mondo dello sport, anche se non ha mai avuto la cittadinanza italiana, sono proprio le regole internazionali del cricket. "Tesseriamo chi ha la residenza da almeno 7 anni e anche chi è nato qui - ha spiegato all'Espresso il presidente della Federazione, Simone Gambino - applicando dunque il famoso ius soli, che in Italia non si riesce invece a far ancora valere per la cittadinanza". I compagni di squadra di Farooq Aftab erano in maggioranza giocatori originari dello Sri Lanka, del Bangladesh e dell’India. L'ultima volta che Marabini lo aveva sentito, circa un mese fa, era perché Aftab gli aveva detto che la sua richiesta di cittadinanza aveva avuto una battuta d'arresto. "Gli ho consigliato di fare ricorso al Tar contro questa decisione e così ha fatto - ha detto - e adesso, come un fulmine a ciel sereno, è arrivata la notizia dell'espulsione".

Commenti

conviene

Mer, 03/08/2016 - 16:55

Lo sappiamo già . Significa che l'intelligence italiana funziona al meglio, Merito delle forze dell'ordine e del governo. Grazie Alfano .Grazie Renzi

Attivo60

Mer, 03/08/2016 - 16:56

cio' dimostra che, come in Francia, li abbiamo gia' in casa e hanno in mente il massacro

paco51

Mer, 03/08/2016 - 17:11

cosa cavolo centriamo noi col criket? la nazionale ( di briscola) solo di italiani! speriamo .....

VittorioMar

Mer, 03/08/2016 - 17:25

....cercate e troverete tanti "insospettabili"!!

Ritratto di armandoesse

armandoesse

Mer, 03/08/2016 - 17:57

La nazionale italiana di criket è composta solo da indiani o pakistani , gli italiani veri non giocano a criket , è stata fatta su misura per stranieri , complimenti .

Ritratto di bandog

bandog

Mer, 03/08/2016 - 18:12

conviene si contenga e... se non ci riesci corri alla novacoop a comprare una confezione maxi di tena!!

Ritratto di Ovidio Gentiloni

Ovidio Gentiloni

Mer, 03/08/2016 - 19:02

Vai a fidarti dei musulmani!!! Il più sincero è falso come Giuda! Glielo dice la religione della pace!

Jimisong007

Mer, 03/08/2016 - 19:03

Più gli dai e peggio sono! Fuck ius soli è na sola

settemillo

Mer, 03/08/2016 - 19:10

Ormai siamo ostaggi dei graditi ospiti invitati ad entrare in casa nostra a PRESCINDERE. Prima hanno aperto la stalla e poi NON si sono ricordati di chiuderla. L'unica persona che sta facendo battaglia è la sig.ra sBoldrina, non a favore di chi paga le tasse, ma a favore delle utili risorse che fra NON molto ci sbraneranno e ci butteranno fuori dalle nostre case, per la gioia della citata signora.

Ritratto di Vendetta

Vendetta

Mer, 03/08/2016 - 21:41

Isis, isis e sempre Isis ! L'informazione targata Berlusca !!! Ahhhh !!

Ritratto di Lorenzo1961

Lorenzo1961

Mer, 03/08/2016 - 22:02

Vattene!!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mer, 03/08/2016 - 23:42

# Vendetta 21:41 Quanto le manca a diventare maggiorenne?

Ernestinho

Gio, 04/08/2016 - 08:16

Gli è andata anche bene perché avrebbero dovuto metterlo in galera!

Ritratto di Feyerabend

Feyerabend

Gio, 04/08/2016 - 08:27

Avete capito che l'espulsione non serve a nulla? Tanto ritorna quando vuole. Lo ripeto: servono leggi di guerra e un bel carcere tipo Guantanamo (ad esempio in una bella isoletta disabitata), E tutti quelle teste bacate che pensano di fare terrorismo saprebbero gia' cosa li aspetta. Francesco permettendo...

Gasparesesto

Gio, 04/08/2016 - 08:35

QUIRINALE . . ABBIAMO UN PROBLEMA ! Ne prove , né tantomeno verifiche accertate . . per Alfano basta uno starnuto per essere un jadista e attestare l'espulsione ! Già, prevenire è sempre meglio che curare . . eliminando anche lo Stato di Diritto !

il corsaro nero

Gio, 04/08/2016 - 08:58

@Vendetta: Vogliamo chiamarlo "terrorismo islamico"? Ti suona meglio? Ma va a ciapa' i rat!

Ritratto di Loredana.S

Loredana.S

Gio, 04/08/2016 - 10:58

Francamente a cosa serve una "nazionale" di cricket se è formata da indiani, pakistani e altre bellezze? il cricket non è uno sport italiano, quindi perché dobbiamo mantenere una, si fa per dire, "nazionale"? I soldi sprecati in queste assurdità potrebbero (e dovrebbero) essere meglio impiegate! Quanti di questi giocatori sono suoi amici? I jihadisti non sono mai da soli.

Ernestinho

Gio, 04/08/2016 - 14:26

x "gasparesto". E chi te l'ha detto che si tratta di uno "starnuto"? Proprio per essere troppo permissivi ci sono stati tanti attentati nel resto d'Europa! E non dare la colpa ad Alfano! Meglio prevenire che curare!