Sgarbi contro Il Volo: "Siete tre coglioncelli di periferia"

Vittorio Sgarbi attacca nuovamente il trio 'Il Volo' mettendo in discussione che vi sia veramente stato un invito da parte del presidente eletto Donald Trump a cantare nel giorno del suo insediamento

Vittorio Sgarbi contro Il Volo, parte seconda. Il critico d'arte, in questo nuovo video, mette in dubbio che il presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, abbia veramente invitati il trio canoro italiano.

“Ho un dubbio: che oltre alla stronzata di aver detto ‘non andiamo’, questo non sia un pensiero che nasce da una lettera, un fax, una mail con la firma Donald Trump ma una risposta a un eventuale invito”, dice Sgarbi in un video pubblicato ieri su Facebook nel quale è tornato a criticare il Volo. "È talmente bello essere come De Niro, - aggiunge - insultare nel modo più violento Trump per dire noi siamo diversi, una categoria umana antropologicamente diversa da Trump perché a noi non importa il denaro, i soldi o la fama ma il canto. Noi siamo idealisti, abbiamo le ali come gli angeli".

Sgarbi si dice assolutamente certo "che loro non potranno esibire nessuna richiesta ufficiale della segreteria di Trump. Hanno detto di no a niente. Hanno inventato un nemico brutto, cattivo, xenofobo e hanno detto: no, noi per te non cantiamo no no no". "Non vi odio, ma mi state sui coglioni. Mi sta sui coglioni chi dice di no a cazzo", dice il critico d'arte senza troppi peli sulla lingua. E anche se Trump avesse invitati per davvero Il Volo, secondo Sgarbi, avrebbero dovuto mostrare riconoscenza dato che per lui voi siete solo“tre pischelli di periferia inventati da Tony Renis”. “Fate vedere il documento ufficiale in cui la Casa Bianca chiede a tre coglioncelli di periferia musicale di cantare per l’insediamento del Presidente degli Stati Uniti. Quel documento non c’è, ve la siete inventati per fare i fenomeni, fenomeni senza ali", conclude Sgarbi.

Commenti

MOSTARDELLIS

Lun, 09/01/2017 - 14:05

Bravo Sgarbi. Questi erano antipatici da piccoli, figuratevi da grandi.

@ollel63

Lun, 09/01/2017 - 14:13

Qualcuno dica a questi c.celli presuntuosi che "cantare" è tutta un'altra cosa rispetto al loro "urlare smodato e assai poco musicale".

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Lun, 09/01/2017 - 14:16

Bravo Sgarbi. Pane al pane........! Peró ti chiedo: e se quel documento esistesse davvero??? Come la metteresti?? Altra querela? Tanto ne hai una lunga collezione, una piú una meo ekkisenefrega. Nevvero?

Ritratto di elkid

elkid

Lun, 09/01/2017 - 14:56

---caro sgarbi---sono d'accordo che trattasi di tre pischelli di periferia come tu dici----ma il fatto che tu te ne occupi non gioca certo a tuo favore---dal parlare dei massimi sistemi ora parli pure del nulla---anche il tuo declino si fa sempre più inesorabile----hasta

DuralexItalia

Lun, 09/01/2017 - 15:25

Dai Vittorio, non esagerare adesso... sono solo tre ragazzi messi in un circuito che odora di sinistrismo come sempre è stato il cd. "mondo dell'arte" come cinema, musica, letteratura etc etc. Un mondo che peraltro va da Stanlio e Ollio fino a Frank Sinatra e da Pierino sino al trio "il volo". E' un mondo vasto nel quale fare l'artista non è facile e bisogna saper comprendere dove tira il (loro) vento. Al limite puoi tacciarli di furbizia (se lo è davvero) ma senza insultarli personalmente. Sono tre ragazzotti che stanno cercando la loro strada finchè dura. Vittò e ddai, perdona loro...

Ritratto di pedralb

pedralb

Lun, 09/01/2017 - 15:46

@elkid ...... smettila di bere, ti fa male!!

Rossana Rossi

Lun, 09/01/2017 - 16:28

Sgarbi ha perfettamente ragione. Se è vero il fatto questi tre 'signori' come del resto anche Bocelli si dimostrano dei gran presuntuosi maleducati verso i loro fans americani visto che Trump è stato eletto 'democraticamente' da quel popolo e ne dovrebbero rispettare le scelte dato che quando vanno a cantare là vengono ricoperti di dollaroni......quelli non gli fanno schifo, anzi.........

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Lun, 09/01/2017 - 16:52

E dai... ogni tanto dovreste sacrificare un articolo a Belen per darne uno in più a Sgarbi. Di questo passo, pur di ottenere visibilità, finirà col prendersela con Berlusconi...

Opaline67

Lun, 09/01/2017 - 17:46

SGARBI TALVOLTA MI FA STARE BENE. PUNTO.

RGM

Lun, 09/01/2017 - 17:48

Se la mia curiosità non fosse stata mossa dall'articolo su quanto detto da Sgarbi su tale gruppo musicale detto "volo", ignoravo cosa fosse. Ecco a cosa serve la critica di una celebrità: dare visibilità al poco o nulla. PS. Non è ancora l'ora dei lecchini, ma degi eroici lobbisti. Attendere.

Una-mattina-mi-...

Lun, 09/01/2017 - 18:06

"Siete tre coglioncelli di periferia"... in effetti la parola periferia è fuori luogo.

schiacciarayban

Lun, 09/01/2017 - 18:16

Sgarbi ha assolutamente ragione. Se veramente hanno detto no sono solo tre imbecilli arroganti e presuntuosi, rimane pur sempre il presidente degli Stai Uniti demporaticamente eletto. Ma probabilmente nessuno li ha mai invitati. Metto sullo stesso piano anche Bob Dylan che snobba il Nobel ma però si tiene i soldini. Ma almeno Dylan qualcosa ha fatto nella storia della musica.

PerQuelCheServe

Lun, 09/01/2017 - 18:21

Facciano quello che vogliono. Il mondo non migliorerà certo - né certamente peggiorerà - per il loro no. Io con questa gente faccio come con i bambini capricciosi: smetto di ascoltare le loro lagne e li lascio nel loro brodo fino a quando - sentendosi ignorati - la smettono da soli.

Ritratto di Fr3di

Fr3di

Lun, 09/01/2017 - 18:39

e' fortunato a poter dire quello che pensa pubblicamente. ultimamente mi trova concorde su molte sue affermazioni, complimenti quando ci vuole ci vuole

sparviero51

Lun, 09/01/2017 - 18:41

PENSO ABBIANO PERSO UN'OCCASIONE,FORSE MAL CONSIGLIATI DALL'AMBIENTE IN CUI SI MUOVONO. UN VERO ARTISTA DEVE ESSERE DI TUTTI, SE È UN PROFESSIONISTA LE SUE IDEE POLITICHE SE LE DEVE TENERE PER SE ANCHE PER RISPETTO PER TUTTI COLORO CHE PAGANO IL BIGLIETTO O LA SUA MUSICA . QUESTO È IL PREZZO DA PAGARE PER MANTENERE IL SUCCESSO .

Giorgio Rubiu

Lun, 09/01/2017 - 19:18

Sarebbe facile sbugiardare Sgarbi mostrando l'invito ufficiale di Trump (o del suo entourage) per chiedere lori o di cantare all'insediamento. Ma non lo faranno perché il documento non esiste e si trincereranno dietro al non obbligo di mostrarlo. Se l'invito c'è, lo mostrino e mettano in imbarazzo Sgarbi oppure facciano la figuraccia che meriterebbero se l'invito non ci fosse.

laura bianchi

Lun, 09/01/2017 - 20:20

Mettere Sgarbi in imbarazzo, davvero mi sembra un'impresa, l'unica canzone non loro che apprezzo e GRANDE AMORE...MA L'AVREI apprezzata anche interpretata da altri grandi tenori o cantante con potenza vocale...il brano è favoloso.

fft

Lun, 09/01/2017 - 22:28

pedralb bello non avere nulla da dire ma dirlo, vero?

Popi46

Mar, 10/01/2017 - 07:17

Bravo Sgarbi! Ce ne vorrebbero tanti come te. Pane al pane, vino al vino e al diavolo il politicamente corretto!

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Mar, 10/01/2017 - 08:55

Concordo pienamente!

Tommaso_ve

Mar, 10/01/2017 - 08:59

Egr. Sgarbi, le motivazioni sono ben altre. Qui non c'è nulla di etico o morale. c'è molto ma molto di più secolare. Ebbene: "Il Volo" se vuole avere eco nello show business Usa, quello dove girano di "dollaroni" veri, devono ingraziarsi l'establishment, ma quale migliore occasione che un invito da parte di Trump? Ma lei crede che lo hanno fatto gratis? Ma dai...

Happy1937

Mar, 10/01/2017 - 09:03

Sono d'accordo con Sgarbi. Da sempre fan del Volo, cominciano a starmi sulle scatole.

timoty martin

Mar, 10/01/2017 - 09:18

Grande Sgarbi, grazie per la lezione data a questi 3 ragazzotti arroganti e senza cervello.

Ritratto di venividi

venividi

Mer, 11/01/2017 - 17:37

D'accordo con Sgarbi, si sono comportati come tre cafoni. L'uscita infelice mi ricorda quella stilista francese della quale non ricordo in nome - e non vale la pena ricordarlo - che ha dichiarato che lei non avrebbe vestito la moglie di Trump. Ma chi l'ha chiamata ? E' solo per farsi un nome. Anche il Boccelli ha fatto la figura del tamarro.