Borse, titoli del gruppo Fca in calo dopo l'uscita di Marchionne

Dopo essere arrivati a cedere anche più del 5% nelle prime battute, i titoli di Fca, Ferrari, Cnh ed Exor riducono le perdite. Poi, dopo le dimissioni di Altavilla, tornano a scendere

C'era molta attesa per la reazione dei mercati dopo l'improvvisa uscita di scena di Sergio Marchionne dalla guida di Fca. Dopo un avvio pesante Fca e i titoli della galassia legata alla casa automobilistica hanno progressivamente ridotto le perdite, per poi tornare in calo con la notizia delle dimissioni di Alfredo Altavilla.

Il Ftse Mib, appesantito dal ribasso delle azioni di Ferrari (-4,8%), Fca (-1,7%), Cnh Industrial (-1,95%) e Exor (-3,2%), è l'indice peggiore d'Europa e lascia sul terreno lo 0,9% a 21.609 punti. Tra i titoli peggiori, spicca Enel (-3,5%), su cui pesa lo stacco della cedola. Dopo l'avvio in rosso degli indici di Wall Street, le altre Borse europee sono negative: Amsterdam cede lo 0,23%, Parigi lo 0,47%. Londra segna un calo dell 0,2% e Francoforte dello 0,18%.

Ricoverato a Zurigo, Marchionne non potrà tornare a lavoro e il gruppo, dopo un cda riunito d'urgenza, domenica ha definito la successione ai vertici della società. Alla guida di Fca è stato scelto Mike Manley, responsabile del marchio Jeep. In Ferrari John Elkann da vice presidente è passato a presidente e come ad è stato nominato Louis Camilleri. A capo di Cnh, invece, il board ha indicato Suzanne Heywood come nuovo presidente. Scelte tutte nel segno della continuità, ma al momento il mercato fa sentire la sua pressione sui titoli.

Fca subito a lavoro coi nuovi manager

Inizia questa mattina al Lingotto la riunione del Gec, massimo organismo decisionale guidato dall’amministratore delegato e composto da quattro strutture principali articolate per ambiti regionali di operatività, brand, processi industriali nonchè funzioni corporate e di supporto. Sarà la prima volta senza Marchionne e la prima volta per Manley nella veste di ad. L’incontro del Gec si svolgerà oggi e domani. Mercoledì, invece, è in programma il cda per l’approvazione dei conti trimestrali e semestrali a cui seguirà la conference call.

Fca e i dazi schiacciano il settore auto

A metà giornata di contrattazioni le Borse europee continuano a passo lento, con Milano che si è assestata attorno a un ribasso dello 0,57%, dopo essere arrivata a perdere più dell’1% in avvio e avere successivamente ridotto i cali fino a un -0,18%. Gli investitori guardano alle tematiche geopolitiche e alla guerra di dazi, ma sotto i riflettori c’è il settore auto, in calo in tutta Europa (-0,9% l’Euro Stoxx 600 Auto) dopo l’avvicendamento a sorpresa al vertice di Fca e Ferrari. Il comparto non è aiutato dalle tensioni sui dazi: questa settimana il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker andrà alla Casa Bianca per cercare di convincere il presidente americano Donald Trump a non imporre tariffe sulle importazioni di auto europee.

A pagare lo scotto a Milano è tutta la galassia Agnelli, con Fca (-3,18%), Ferrari (-4,59%), Exor (-3,53%) e Cnh (-2,15%) che, dopo essere riuscite a limitare i cali in seguito all’avvio in discesa fin sopra il 5%, hanno di nuovo accelerato al ribasso quando sono circolate indiscrezioni sulle dimissioni di Alfredo Altavilla, responsabile di Fca per l’area Emea e in passato considerato tra i papabili per prendere il posto di Marchionne. A Piazza Affari pesante Enel (-2,98%), mentre va bene Unicredit (+1,07%) sulla scia della decisione dell’Eba sulla vicenda dei cashes. Svettano Leonardo (+1,63%), che rimbalza dopo il calo di venerdì, e Mediobanca (+1,59%). Fuori dal listino principale pesante Carige(-5,81%) dopo la bocciatura della Bce al piano sul capitale e la richiesta alla banca di presentarne uno nuovo entro il 30 novembre, e bene Fincantieri (+2,44%), che costruirà due navi di nuova generazione per Princess Cruises.

Sul fronte valutario, l’euro si rafforza sul biglietto verde e si assesta a 1,1715 dollari, dopo l’apertura a 1,1718 dollari, contro gli 1,167 della chiusura di venerdì. La moneta unica è scambiata a 130,175 yen, contro i 130,171 yen dell’apertura e i 130,94 della chiusura precedente, mentre il cambio dollaro/yen è a 111,112. Torna a salire il prezzo del petrolio: i future del Wti a settembre salgono dell’1,4% a 67,57 dollari al barile, mentre quelli a settembre del brent avanzano dell’1,79% a 74,39 dollari

Commenti
Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 23/07/2018 - 10:23

da comprare...

Fjr

Lun, 23/07/2018 - 11:09

I momenti in cui gli speculatori fanno soldi a palate col titolo al ribasso qualcuno piange e qualcun’altro si fa grosse risate così va il mercato,mi viene in mente il marzo 2012 dopo la morte di Steve Jobs a ottobre incredibilmente il valore delle azioni aumentò del 52% dai 372 dollari si arrivò a quasi 600,alla faccia dei gufi che sostenevano che il cambio di timoniere sarebbe stato nefasto per la mela morsicata ,stiamo a vedere se per FCA sarà la stessa cosa

Ritratto di elkid

elkid

Lun, 23/07/2018 - 11:11

---queste notizie sono un toccasana per fare un pò di speculazione comodamente da casa ed utilizzando pure un semplice smart con una piattaforma decente--comprate azioni fca e mi raccomando --disfatevene all'occorrenza

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Lun, 23/07/2018 - 11:21

Solo mera speculazione. Se si guarda nel lungo termine il titolo non potrà che crescere.

Fjr

Lun, 23/07/2018 - 11:37

Il piano di Marchionne per il quadriennio 2018-2022 prevedeva se non ricordo male quasi 9 miliardi di investimenti fra i quali strategie legate all’ibrido ,tema al momento non considerato da FCA,se penso all’elettrico Fiat ricordo solo un balzano tentativo con la Panda Elettra ,solo due posti e il bagagliaio pieno di batterie al piombo ,una specie di muletto immatricolato per girare su strada,chissà se ne circola ancora uno.

greg

Lun, 23/07/2018 - 11:52

I mercati pensano come la maggior parte di noi. Ce la faranno gli uomini messi al suo posto, compreso John Elkan che non mi pare un mostro di imprenditoria (buon sangue di nonno non mente) a sostituire Marchionne?

pier1960

Lun, 23/07/2018 - 11:55

perchè non dare la colpa al governo 5 stelle-lega? tanto i trinariciuti sono sempre pronti a credere alle idiozie!

Ritratto di giovinap

giovinap

Lun, 23/07/2018 - 17:30

... ma il "gruppo" è in pari, perde fca, guadagna rubentus, c'è pareggio di bilancio è uscito X!

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 23/07/2018 - 17:43

il titolo Ferrari oggi ha perso il 4,69% è da comprare fra qualche giorno salirà..

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 23/07/2018 - 20:08

Ferrare -2,86% sta ricuperando dissi di comprare le sue azioni in Borsa..