Galleggiare con Monti o affondare a sinistra

Monti in pratica avverte i parti­ti: assodato che non vi organizzate, e non avrete voti a sufficienza per guida­re il Paese, sappiate che sarete condan­nati a dare vita a una grande coalizio­ne. GIULIANO FERRARA: "I PARASSITI CHE AGITANO LA BANDIERA DEL PROF"

Mario Monti ci ha informati che sarà disponibile a rimanere a Palazzo Chigi anche dopo le elezioni politi­che del 2013, qualora dalle urne non uscisse un risultato chiaro e non fosse possibile costi­tuire una maggioranza solida, in grado di so­stenere un governo duraturo. La notizia non è stata entusiasticamente accolta dai partiti, specialmente quelli di sinistra; sono  convinti di tornare in auge, ma non è così.

Esautorati da quasi un anno, essi avrebbero avuto tempo per rifondarsi, rifarsi una buona reputazione, ripara­re i guasti prodotti nel Paese, ma l’han­no sprecato: non hanno combinato nul­la. Anzi. Hanno peggiorato la propria immagine continuando a coltivare vizi e difetti antichi, a incassare rimborsi elettorali stratosferici, a preoccuparsi di salvaguardare i privilegi di cui godo­no. Il che ha contribuito ad aumentare la sfiducia dei cittadini nel sistema e ad alimentare in loro il desiderio di abban­donarsi all’antipolitica, cioè a sposare i movimenti di protesta più capaci di in­terpretare il disgusto generale.
Nelle ultime settimane, poi, una se­quela di scandali regionali, in aggiunta a quelli nazionali, hanno persuaso gli italiani: i politici sono tutti uguali, non se ne salva uno. D’accordo, è sbagliato pensare che la corruzione abbia conta­minato chiunque frequenti il Palazzo, ma è altresì sbagliato pretendere che la gente faccia troppi distinguo. Se in una cassetta di mele, tre o quattro sono mar­ce, la sensazione di chi la guarda è una sola: che quella cassetta sia da buttare.
 Il qualunquismo galoppa se il terreno glielo consente.
Nei sondaggi la sinistra è in vantag­gio sulla destra perché nella legislatu­ra in corso non ha governato e ha com­messo pazzie per impedire agli avversa­ri di farlo. Ma i dati dimostrano che Pier Luigi Bersani non ha comunque la vit­toria in tasca. Le alleanze su cui conta­va esistono ancora, ma soltanto sulla carta: Nichi Vendola sconfessa la politi­ca del rigore perseguita dai tecnici; An­tonio Di Pietro pure, anche se per moti­vi
 diversi; Pier Ferdinando Casini è montiano e non sopporta il Sel. Non è finita. Il Pd stesso è sconvolto dall’irre­sistibile ascesa di Matteo Renzi, il qua­le minaccia la leadership del segreta­rio. Insomma, i progressisti si presente­ranno alle urne talmente divisi da met­tere in fuga parecchi potenziali eletto­ri.
È evidente. La situazione è brutta per entrambi gli schieramenti e non si scor­gono segnali di miglioramento. Ecco perché la disponibilità del premier a re­stare
 dov’è ha un significato quasi divi­natorio; Monti in pratica avverte i parti­ti: assodato che non vi organizzate, e non avrete voti a sufficienza per guida­re il Paese, sappiate che sarete condan­nati a dare vita a una grande coalizio­ne. Nell’eventualità, io sono pronto a sacrificarmi anche al prossimo giro.
Il Professore ha ragione da vendere. Ha più fiuto e sensibilità politica lui dei professionisti dello scranno che vor­rebbero dargli il benservito. Monti non è miope e ha già messo a fuoco gli scena­ri lontani. D’altronde, considerato tut­to, è preferibile zoppicare con un boc­coniano che correre (rischi) con un ex di Botteghe Oscure. Se male deve esse­re, meglio il minore.
 

Commenti
Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 30/09/2012 - 16:47

L'alternativa "democratica", è una massa enorme di astensioni,o un voto di massima protesta MS5,con l'intento di mettere le basi il più presto possibile, della "Democrazia delle Affinità".Non si può immaginare di continuare a procedere "piatti",con la sola prospettiva di pressione fiscale in aumento(visto che nessuno prospetta una drastica riduzione della Spesa Pubblica,sprechi,mangerie,etc.etc.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 30/09/2012 - 16:52

"Preferibile zoppicare con un bocconiano...". Sì, sino al totale prosciugamento del risparmio delle famiglie italiane. Ad esclusivo beneficio di potentati stranieri ben identificabili.A questo punto:" Arridatece Benito". Oppure, nel caso di indisponibilità del primo nominativo, Adolfo.E, allora, forse riusciremmo a risolvere anche tanti altri problemi tuttora irrisolti. Tipo immigrazione e società multietnica.

roby55

Dom, 30/09/2012 - 17:05

Da parte mia, non voterò nessuno di questi partiti che siedono ora in parlamento. Sto studiando Ioamolitalia di Cristiano Magdi Allam, Partito Italia Nuova di Siri e quello di Oscar Giannino, nella speranza, che con loro cambi qualcosa. Cordiali saluti.

Ritratto di luogotenente

luogotenente

Dom, 30/09/2012 - 17:07

Il governo Monti bis è ormai cosa fatta, sottoscritto da quasi tutti i partiti, nessuno si prenderà la responsabilità dei provvedimenti che ci aspettano per i prossimi anni, la legge elettorale sarà varata in modo da favorire, nei numeri, tale scelta, con una sola incognita, il MS5. Un solo appunto, del tutto personale, sull'articolo che stigmatizza la situazione attuale, non c'è stato niente di più antipolitico come il comportamento di tutti i parti, la politica non è certo quello che ci stanno mostrando il PD e il PDL, asseragliati in strategie per favorire la propria parte, intesa come interessi personali e non certo quella dei cittadini che si dovrebbero rappresentare. I movimenti perlomeno cercano, anche se in maniera confusa e approssimata di ridare voce agli italiani i quali, facile previsione, diserteranno in maniera più marcata il voto, forse l'unica scelta politica a loro rimasta.

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Dom, 30/09/2012 - 17:07

Ma non le sembra estremamente fumettistico dire che la sinistra ha com­messo pazzie per impedire agli avversa­ri di governare? Con una simile maggioranza e le infinite richieste di fiducia in parlamento solo gli stupidi non avrebbero potuto governare

Bozzola Paola

Dom, 30/09/2012 - 17:15

Egr. Dott. Feltri, se Monti segasse un po' TANTO la casta e dintorni e tagliasse di brutto gli stipendi, le auto, e tutte le agevolazioni di cui gode quel mondo di parassiti, e desse un po' di respiro a noi che li MANTENIAMO, allora si che si potrebbe parlare di un Monti bis, ma fino ad ora......................... Parla tanto, troppo; viaggia tanto, troppo; non ha abbassato di 1 cent nessuna cosa ANZI......Se non dimostra al popolo che è diverso dalla casta cosa dobbiamo tenercelo a fare? Lei dice meglio un Monti bis che una sinistra al governo con Bersani o peggio un Vendola. Ma io non ci vedo alcuna differenza fino ad oggi. Ci dimostri che è diverso e poi vediamo.........

Massimo

Dom, 30/09/2012 - 17:20

In pratica, Direttore, ci chiede se darci una o due martellate sulle parti nobili. E se invece si provasse a fare a meno sia di Bersani che di Monti ? Meglio soli che male accompagnati e la compagnia di Monti, Casini, Fini, Montezemolo, Marcegaglia e soci non è certo della migliore. Tutto sommato preferisco "er Batman" ...

claudio faleri

Dom, 30/09/2012 - 17:40

meglio sopportare monti e affondare la sinistra, speriamo che sprofondi dentro un vulcano, verrà polverizzata

antonin9421

Dom, 30/09/2012 - 17:41

... in questa cassetta, l'evidenza, non l'impressione, è che solo due o tre mele (per essere ottimisti) siano sane: tutte le altre sono marce, putrefatte. La cassetta (la casta) non è adatta nemmeno all'uso di concime, solo il fuoco di una fornace può far cessare l'orrendo puzzo.

Ritratto di huckleberry10

huckleberry10

Dom, 30/09/2012 - 17:42

Condivido pienamente l’analisi di Feltri, l’unica perplessità riguarda l’esistenza della potenziale maggioranza che potrebbe sostenere il Professore dopo il passaggio elettorale, poiché appare improbabile che le forze politiche che ora puntellano la maggioranza, abbiano nel 2013 una consistenza tale da consentire la ripetizione dell’esperimento. Molto dipenderà dall’entità dell’astensionismo e del cosiddetto voto di protesta, che a buona ragione aumenta ogni giorno i propri proseliti.

claudio faleri

Dom, 30/09/2012 - 18:08

confermo: meglio monti e affondiamo la sinistra stalinista, parassita

macchiapam

Dom, 30/09/2012 - 18:15

Beh, un nuovo governo Monti non è poi una prospettiva tanto malvagia. L'importante è che spariscano personaggi inammissibili, tipo Fini, Di Pietro, Grillo, e simili.

moranma

Dom, 30/09/2012 - 18:48

caro Feltri, questa storia che tutti sono uguali e che quindi la soluzione non potrà essere che Monti mi sa tanto di resa da parte della destra! Lo sa anche lei che il PDL è finito, non esiste più, e quindi, dimenticandosi improvvisamente di tutto quello che il vostro Giornale ed il suo e vostro padrone hanno detto di Monti fino ad oggi, ora diventa la salvezza, l'unica possibilità per evitare che la sinistra vada al governo! Bel coraggio che avete, e che coerenza!!!!Spero tanto che questa destra sparisca velocemente e che ci sia un governo politico, di sinistra, che troverà il modo di coniugare il rigore con l'equità sociale, promessa da Monti, ma non pervenuta!!

winston1968

Dom, 30/09/2012 - 19:14

affondare con la sinistra

Ritratto di scorpion12

scorpion12

Dom, 30/09/2012 - 19:32

Giuliano Ferrara chiama altre persone "parassiti"? Dopo che ha spillato fior di quattrini alla Rai per una trasmissione fallimentare e ha consigliato cosi tanto bene PdL e Cavaliere? E gli altri sarebbero parassiti?

mezzalunapiena

Dom, 30/09/2012 - 19:39

perfettamente d'accordo con feltri quando dice che il bocconiano ha più fiuto degli attuali politici considerato il livello credo che il 90% degli italiani approvi un monti bis piuttosto che un berlusconi tris e/o un bersani che assomiglia tanto a mortadella.

giuliana

Dom, 30/09/2012 - 20:56

Il governo illegittimo presieduto da Monti ha lavorato nell'esclusivo interesse dei banchieri, non del popolo italiano. Da bocciare senza appello. Chi ha trascinato l'Italia in questa situazione? i politici. I casi sono due: 1) hanno agito in buona fede senza prevedere le conseguenze delle loro politiche. E allora sono degli incapaci. 2) erano consapevoli dei danni che avrebbero causato. E allora sono dei criminali. In entrambi i casi devono sparire tutti, dal primo all'ultimo.