Moody's non risponde. Noi insistiamo

Abbiamo posto queste domande a Moody's, ma nessuno ci ha risposto. Adesso abbiamo scoperto chi ha firmato i downgrade di Italia e Germania: si chiama D.H

Ancora nessuna risposta. L'agenzia di rating di Moody's, che da sempre chiede agli Stati trasparenza sui conti pubblici, è un fortino impenetrabile. Chi c'è dietro ai continui downgrade del nostro Paese? Secondo quali logiche vengono prese certe decisioni? Chi sono i nomi degli analisti che valutano il peso economico dell'Italia? Abbiamo provato a porre queste domande ai vertici di Moody's. Finora nessuno si è degnato di risponderci. Ora provate voi a scrivere a Moody's (clicca qui - click here - bitte hier klicken).

Tuttavia, siamo riusciti a mettere in fila un tassello in più: abbiamo scoperto il nome e il cognome dell'analista ha firmato gli ultimi downgrade dell'Italia e l'outlook negativo della Germania. La domanda che sorge spontanea è: perché tutto questo mistero interno all'agenzia di rating che spinge gli istituti finanziari a "snobbare" gli investimenti nei titoli di Stato più a rischio contribuendo, in questo modo, ad allargare la forbice tra i Btp decennali italiani e i Bund tedeschi e a sfavorire gli investimenti e rendendo Piazza Affari una preda ghiotta per la speculazione internazionale? Siamo convinti che gli italiani, il cui futuro economico dipende anche da questi fattori, hanno il dovere di sapere chi ha il potere di decidere sulla stabilità dell'Italia e dell'Europa. Ieri sera è toccato alla Germania: l'agenzia statunitense ha, infatti, tagliato l'outlook tedesco anticipando così il taglio della “tripla A”. Dietro a questi ultimi documenti di Moody's c'è un tedesco che vive a Francoforte: si chiama D.H (leggi il documento). Dopo un'attenta riunione di redazione abbiamo deciso di pubblicare solo le iniziali dell'autore di questi provvedimenti, perché siamo responsabili e non vogliamo mettere alla berlina nessuno. Non solo. Crediamo anche che dietro a questi report non possa esserci soltanto un analista, ma è plausibile pensare che a lavorarci sia un board più complesso. Per questo torniamo a chiedere a Moody's: Chi c'è dietro ai continui downgrade del nostro Paese? Secondo quali logiche vengono prese certe decisioni? Chi sono i nomi degli analisti che valutano il peso economico dell'Italia? Adesso vogliamo una risposta puntuale. Tutti gli italiani hanno il diritto di sapere.

Come spiega oggi Linkiesta, gli Stati pagano le agenzie di rating per farsi giudicare e, quindi, declassare. La cifra sborsata dal Tesoro non è affatto chiara. Anzi, le stesse agenzie assicurano che niente viene versato nelle loro casse per valutare i debiti sovrani dei Paesi. Tuttavia, Linkiesta pubblica un interessante carteggio che svela tutt'altro. A fronte anche di questo, crediamo sia un diritto dei cittadini e dei contribuenti italiani sapere quanto ci costa venire bocciati dalle agenzie del rating. Per questo torniamo a porre le stesse domande che abbiamo presentato a Moody's più di due mesi fa. Lanciamo pure un appello al presidente del Consiglio Mario Monti, che ha fatto parte del fatto parte del “Senior european advisory council” di Moody's: ci dia una mano ad avere delle risposte. Siamo pazienti. E, con pazienza, aspettiamo che ci diano qualche spiegazione.

Commenti

nonnoaldo

Mar, 24/07/2012 - 15:09

Il primo azionista di Moody's, con una quota maggioritaria del capitale, risulta Warren Buffett, con il suo fondo Berkshire Hathaway. Successivamente, compaiono in ordine Capital World Investiment (con il 12,60%), ValueAct Capital, T. Rowe, Vanguard, State Street e BlackRock. (da Wikipedia) E domandiamo chi c'è dietro gli analisti?

primula

Mar, 24/07/2012 - 15:09

come le tre scimmiette e monti tacciono. Ma chi tace accosente.

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Mar, 24/07/2012 - 15:29

E' possibile che ci siano le Holding mafiose che speculando sui dati falsati raddoppiano i capitali. Questi hanno una enorme massa di capitali per cui la perdita guidata di una parte facilita il riciclaggio del denaro sporco e non è dolorosa.

Marcello58

Mar, 24/07/2012 - 15:54

si, è giusto conoscere e sapere chi opera in questo settore. Se ciò è un segreto, allora c'è qualcosa che non torna. Per parità di diritto anch'io desidero essere anonimo in tutti i miei gesti ! Ma siccome il nostro Stato ci mette allo scoperto esponendo anche le nostre intimità, per parità di diritti esigo che siano allo scoperto anche costoro !

fabrizio

Mar, 24/07/2012 - 16:03

Le agenzie di rating danno da sempre giudizi faziosi, sia nel bene che nel male. La verità come sempre nel mezzo. L'italia, soffre oggi, quanto sperperato negli anni passati. La colpa di questa situazione fallimentare è dei nostri politici e, come nella scorsa crisi di liquidità, si è dato mandato a un governo tecnico per fare il lavoro sporco, nella speranza che, con il passare del tempo, gli italiani dimentichino la responsabilità della politica. Spero tanto che questa volta, sia gli elettori di destra che si sinistra, puniscano senza appello questa classe politica che ha portato l'italia prossima al default!!!

Alex87pd

Mar, 24/07/2012 - 16:06

il nome è scritto sul sito di Moody's, non vedo dove sia il problema...Dietmar Hornung

ZannaMax

Mar, 24/07/2012 - 16:22

a me pare di aver letto il cognome Hathaway.... il nome con iniziale "D" non si capisce. Comunque perché non pubblicare il nome di questa persona? Alla fine se uno firma una cosa, è responsabile della stessa!

Isola

Mar, 24/07/2012 - 16:26

Quindi ricapitolando in base alle indicazioni di nonnoaldo, La Berkshire Hathaway è il maggiore azionista di Moody's, la quale guarda caso a sua volta detiene delle partecipazioni nella Goldman Sachs, nella quale risulatano fra gli ex-dipendenti e gli ex consulenti più illustri, il nosttro Super Mario Monti e l'illustrissimo governatore Mario Draghi...... mmmmm.... Mah guarda che coincidenza... e si ha propio ragione nonnoaldo, sembra superfluo chiedere spiegazioni..sarebbe come chiedere al bambino con le mani sporche di marmellata se è stato lui a rubarla!

a.zoin

Mar, 24/07/2012 - 16:30

Se Monti ,ha lavorato per Moody`s,e non vuole parlare di come mettersi in contatto,vuol dire che dietro questa congregazione c`e`molto Interrogativo,e questo puo`essere NEGATIVO,per l`agenzia. Come sta agendo Moody`s,E`,una dichiarazione di guerra bella e propria. Essendo l`agenzia Moody`s in territorio AMERICANO,Il presidente OBAMA, dovrebbe avere il potere di dare informazioni in riguardo,se non vuole collaborare ,vuol dire che sotto c`e`molto marcio,altro che mafia ,o camorra. Conclusione: ( l`America, ne ha risentito con l`entrata dell`EURO,ora sta VENDICANDOSI.)

michele lascaro

Mar, 24/07/2012 - 16:39

Alex87pd ha ragione. Addirittura su youtube c'è un intervento "finanziario" di questo signore e di altri (Warren Buffet compreso), intenzionati a sconvolgere l'assetto finanziario mondiale, da provetti speculatori.

Ritratto di marforio

marforio

Mar, 24/07/2012 - 16:41

ma e molto semplice. il male risiede nella casa bianca. Ed e pure un po colorato. Parte dalla mecca va verso washington, devia per new york , ritorna direzione medina. Il crollo delle ultime tibutanze nei confronti di far entrare cani e porci in europa .Tutto cio si vede dal 2008 anno elezioni americane.

alberto_his

Mar, 24/07/2012 - 16:46

Perchè anzichè porre domande inutili non iniziate a informare come si deve? Spiegate chi sono i soci di questa e altre società di rating; chi stampa moneta e per conto di chi; chi sta conducendo una guerra finanziaria all'Europa e notammente al nostro paese; come ci siamo giocati le nostre industrie con la privatizzazione; che ruolo ha la finanza derivata e speculativa nella crisi che ci attanaglia. Da giornalisti ci si aspetta risposte, non domande a interlocutori dai quali mai avrete un ritorno.

silverio.cerroni

Mar, 24/07/2012 - 16:50

@- In questo mondo di corrotti e corruttori non c'è da fidarsi di alcuno. Se fossi il direttore di un'agenzia di rating, disonesto, potendolo, non esiterei certo a chiudere un occhio sugli stati più generosi. Gli Stati interessati, con azione comune, dovrebbero esigere dalle agenzie di rating, allorquando emettono un giudizio, positivo o negativo che sia, un rapporto dettagliato sulle motivazioni che hanno portato all'emissione del giudizio.

ortensia

Mar, 24/07/2012 - 17:01

Ma non scherziamo. Sapete cosa se ne faranno delle nostre letteracce? A proposito, proprio oggi ho telefonato alla Finanza per segnalare un venditore di frutta che faceva il furbo con gli scontrini e sapete cosa mi hanno risposto? Di andare personalmente a fare denuncia in un unica sede della nostra citta' o di mandare una letteraccia raccomandata. Viva l'Italia cosi' ben rappresentata da questa massa di presuntuosi incapaci e ladri supportati dal nostro grandissimo presidente astrale.

Giulio42

Mar, 24/07/2012 - 17:05

Scasate, ma con 2000 miliardi di debito pubblico in costante aumento cosa vi aspettate? Chiediamoci perchè tutte le riforme fatte non sono servite, chi specula su di noi, sa che se non si chiude la falla macroscopica del nostro sistema politico e della PA l' Italia non può salvarsi.Le vere riforme, Monti non le ha fatte e non mi interessa sapere se era sotto schiaffo dei politici. E' stato chiamato per riformare il paese non per strozzarlo con le tasse, se non era possibile, doveva dimettersi.

roliboni258

Mar, 24/07/2012 - 17:20

il nostro presidente sicuramente conosce quel tipo,e mi sorge un dubbio,hanno fatto le scarpe a Berlusca

duball

Mar, 24/07/2012 - 17:42

sacrosante domande. Pero' ero meglio cominciare martellare un po' prima,magari un annetto fa'.Adesso bisogna insistere pero'.

mister1

Mar, 24/07/2012 - 18:03

con 2000 miliardi di debito che sottolineo NON SI RESTRINGE , e con una economia che invece probabilmente SI RESTRINGE , avete tanti dubbi sul downgrade ??? Ma chi è quel pirla che va a comprare debito italiano considerando la serietà dei politici e della pubblica amministrazione in italia ??? abbiamo tante qualità cari miei ma abbiamo anche il doppio di nei.

Ritratto di marinogorsini

marinogorsini

Mar, 24/07/2012 - 19:30

ancora vi chiedete ki???? ma è esatto un anno ke i detentori dei grandi capitali usa debbono uccidere l'euro per evitare che i cinos spostino appunto su euro lo ke tiengono in dollari facendo fallire gli usa!!!!

duxducis

Mar, 24/07/2012 - 21:13

Vi rispondo io. Moody's ha un sistema molto buono per fare il rating e per calcolare la probabilita' di default. Si basa su un database molto esteso che tiene in conto dei dati macroeconomici, delle entrate e uscite delle aziende, delle correlazioni tra i fenomeni e cosi' via. Qualche volta puo' anche sbagliare, ma nel caso del downgrade della Germania ci prende alla grande. Anzi dovete ringraziare quelli di Moody's che hanno cercato di far capire ai nostri burocrati che quello che stanno facendo non ha nessun senso. Se hai pochi soldi e li butti in un pozzo nero, non e' che poi puoi pretendere che le agenzie di rating suggeriscono di investire da te. L'Europa sta sbagliando a gestire la propria ricchezza da diversi anni, forse di proposito in modo che qualche potente possa nascondersi un tesoro alle Cayman, ora ci sono poche risorse e se non si smette di sprecare/rubare alla fine o stampi(svaluti) o fallisci. Moody's andrebbe ringraziata per l'aiuto che sta dando ai popoli. Il problema sono i nostri governanti che ci stanno spellando vivi e buttano nel cestino come se niente fosse i nostri sforzi.

Ritratto di gian td5

gian td5

Mar, 24/07/2012 - 21:48

Chiedere a Monti informazioni su Moody's equivale a chiedere a Totò Riina notizie sulla mafia, entrambi sanno ed i motivi che li spingono a tacere non sono molto dissimili.

ebiolli

Mar, 24/07/2012 - 22:11

SVEGLIA ITALIANI. BASTA FARCI PRENDERE PER I FONDELLI DAI TEDESCHI E CO. E' ORA DI RIALZARE LA TESTA. SIAMO STUFI DI PAGARE PER GLI ALTRI E DI FARCI PRENDERE POI IN GIRO. BISOGNA UNIRSI E FARE FRONTE COMUNE. IL TEMPO PER LE BEGHE DI QUARTIERE E' FINITO, CHI NON STA CON L'ITALIA, SE NE PUO' ANDARE, NOI SIAMO PRONTI A FARE FRONTE.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mer, 25/07/2012 - 00:52

Cosa se ne deduce dalla sigla DH? Che sono i crucchi a romperci le scatole? Ma di che razza di Europa facciamo parte? Di quella dei furbacchioni che ci fregano?

soldellavvenire

Mer, 25/07/2012 - 07:36

piano con le domande, potreste scoprire che il vostro boss è (a propria insaputa, naturalmente) azionista di molte banche d'affari citate tra quelle responsabili delle azioni di moody's pensate che io stesso ho scoperto che ne iprodotti finanziari che la mia banca mi propina vi erano titoli (a mia insaputa, naturalmente), goldman, jpmorgan, ecc. donque, sono stato (a mia insaputa, naturalmente) azionista di quelli che mi tirano il collo! basterebbe che tutti gli europei VENDESSERO le proprie quote e costoro il downgrade se lo darebbero a sè ripeto: non fate domande di cui non vorreste conoscere la risposta

ntn59

Mer, 25/07/2012 - 08:37

Si, scrivete all'agenzia e nel frattempo il vostro PDL continua ad appoggiare il fallimentare governo Monti...sapete quanto glie ne importa al popolo se scrivete all'Agenzia?

Sapere Aude

Mer, 25/07/2012 - 09:11

E' quasi una certezza che gli azionisti di Moody's hanno le mani sporche di marmellata... ma una massaia sa tenerla sottochiave. Una riflessione su come è stata gestita casa Italia non lascia dubbi che i monelli abbiano pianificato la bravata. E volete denunciarli? Siamo seri...

Ritratto di Baliano

Baliano

Mer, 25/07/2012 - 09:52

Moody's non risponde? Ma perché la Ns-vostra classe politica lo fa? -- Ma per favore, non usiamo le agenzie di rating come foglia di fico: Prima alla sbarra tutti i Ns-vostri pirana e pescecani, mascherati da politici, poi giudichiamo chi ci giudica.

Emigrante75

Mer, 25/07/2012 - 09:58

Mi sembra abbastanza logico che non rispondano. La domenda mi pare inutile. Soprattutto perchè suggerisce che qualcuno al Giornale pensa di capire meglio di loro come fare una valutazione. Come diceva mio nonno "a ciascuno il suo mestiere".

angelo.p

Mer, 25/07/2012 - 10:28

Abbiamo una sola via di uscita.Un vaffa a tutte le agenzie Moody's e compagni;riacquistare la nostra autonomia;bloccare il tasso di interesse sui titoli e se non li comprano ristampare moneta per finanziare una solida ripresa economica che salverà veramente l'ITALIA.

del-trentasei

Mer, 25/07/2012 - 10:48

Moodys non è altro che un mezzo di speculazione sotto controllo dei grandi fondi d'investimenti dei pensionati. In Europa, a questi fa gola l'Italia, l'unica nazione dell'UE dove la gente non è profondamente indebitata. Da generazioni c'è un patrimonio d'immobili, ed ora, quel disastro di Monti, anziché scovare le ricchezze della propria casta, ha con l'IMU, venduto i nostri risparmi agli speculatori internazionali. Ora Berlusconi è riuscito a fermarlo.

del-trentasei

Mer, 25/07/2012 - 10:49

Moodys non è altro che un mezzo di speculazione sotto controllo dei grandi fondi d'investimenti dei pensionati. In Europa, a questi fa gola l'Italia, l'unica nazione dell'UE dove la gente non è profondamente indebitata. Da generazioni c'è un patrimonio d'immobili, ed ora, quel disastro di Monti, anziché scovare le ricchezze della propria casta, ha con l'IMU, venduto i nostri risparmi agli speculatori internazionali. Ora Berlusconi è riuscito a fermarlo.

Ritratto di Annagil

Annagil

Mer, 25/07/2012 - 11:12

Visto il tema, il racconto di un ex dipendente di una agenzia di rating (non Moody's) può interessare: http://www.guardian.co.uk/commentisfree/joris-luyendijk-banking-blog/2012/jul/24/rating-agency-worker-voice-of-finance

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Mer, 25/07/2012 - 11:32

Egregio del-trentasei, lei ha probabilmente mille ragioni. Solo non vedo come Berlusconi sia riuscito a fermarlo... Conmtinua a sostenere imperterrito per (ir)responsabilitá un finto ed illegittimo presidente del consiglio (in minuscolo voluto) come se fosse il salvatore e non l'affossatore degli italiani...

armando.milost

Mer, 25/07/2012 - 11:41

Perchè l'Europa da tanta importanza a questi ratings? Penso che di burocrati ben pagati l'Europa ne è piena. Aam31

Ritratto di wtrading

wtrading

Mer, 25/07/2012 - 12:10

Mi sembra talmente inutile stare qui ad arrovellarsi. Sappiamo benissimo come stanno le cose. In altri tempi i POPOLI avrebbero tagliato le teste a questi criminali. A cominciare dal Sig. Mario Monti Ill.mo Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana ( NON ELETTO DAL POPOLO ), il quale , PER PRIMO, dovrebbe sentire il bisogno morale di dare delle risposte agli Italiani. Ma,siccome sa benissimo che è finita l'era delle rivolte popolari, se ne sbatte altamente i coglioni e difende questi delinquenti finanziari internazionali, o per meglio dire ubbidisce agli ordini che gli stessi gli danno. Qui i casi sono due : a) Li lasciamo operare in pace e finiamo tutti in miseria 2) Ci ribelliamo fortemente esprimendo in modo deciso e organizzato, il nostro parere. Non bisogna assolutamente lasciarli continuare. Il Paese è nostro non di questa massa di delinquenti capaci solamente di spolpare i Paesi e ridurli per loro interesse e potere, alla miseria e alla schiavitù finanziaria. RIBELLIAMOCI finchè siamo ancora in tempo. !!

Ritratto di wtrading

wtrading

Mer, 25/07/2012 - 12:11

Mi sembra talmente inutile stare qui ad arrovellarsi. Sappiamo benissimo come stanno le cose. In altri tempi i POPOLI avrebbero tagliato le teste a questi criminali. A cominciare dal Sig. Mario Monti Ill.mo Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana ( NON ELETTO DAL POPOLO ), il quale , PER PRIMO, dovrebbe sentire il bisogno morale di dare delle risposte agli Italiani. Ma,siccome sa benissimo che è finita l'era delle rivolte popolari, se ne sbatte altamente i coglioni e difende questi delinquenti finanziari internazionali, o per meglio dire ubbidisce agli ordini che gli stessi gli danno. Qui i casi sono due : a) Li lasciamo operare in pace e finiamo tutti in miseria 2) Ci ribelliamo fortemente esprimendo in modo deciso e organizzato, il nostro parere. Non bisogna assolutamente lasciarli continuare. Il Paese è nostro non di questa massa di delinquenti capaci solamente di spolpare i Paesi e ridurli per loro interesse e potere, alla miseria e alla schiavitù finanziaria. RIBELLIAMOCI finchè siamo ancora in tempo. !!

Ritratto di enzo33

enzo33

Mer, 25/07/2012 - 12:28

Gentile direttore Mi saprebbe per caso dire dove si nasconde quel pseudo filosofo che aveva vaticinato che all'uscita dal governo di Berlusconi, lo spread sarebbe sceso a duecento? Niente paura, gli voglio solo ricordare Eduardo:Prrrrrrrr un caro saluto: enzo33

alessandro49

Mer, 25/07/2012 - 12:51

Francamente ritengo inutile questo tipo di azione non fosse altro che la risposta la conosciamo, la sappiamo tutti bene e se qualcuno mancasse all'appello, sarebbe compito di una stampa più concreta e corretta contribuire a metterlo a conoscenza dei fatti. Sembra, però, che nessuno della carta stampata e non, ne abbia voglia. Moody's c'è da tempo ed ha sempre emesso verdetti che a seconda dei casi, meglio dire, a seconda di chi fosse al governo, sono stati super-considerati o buttati, piè pari, alle ortiche. Parlo ovviamente della nostra nazione. Oggi io farei un appello accorato al nostro Capo dello Stato, non solo come Istituzione, ma anche e maggiormente come "nonno", come persona ricca di esperienza e buonsenso capace di consigliare e di essere seguito per il carattere autorevole delle Sue parole che gli deriva da questo doppio ruolo. Caro Presidente Napolitano, se la prospettiva (in altra lingua outlook)della nostra Italia è giudicata negativamente e, stando a quello che succede, sembra che tale giudizio sia tanto autorevole da imporsi al mondo intero, per la proprietà "transitiva" da una parte e per quella “commutativa” dall’altra oggi possiamo affermare, senza pericolo di cadere in errore, che nulla è cambiato se non i nomi di chi ci governa e del Capo del Governo, ma in compenso siamo più poveri, abbiamo sempre meno fiducia nelle istituzioni,e rimaniamo attoniti in attesa di conoscere le altre sorprese, che sicuramente avrà in serbo chi di dovere e che quanto prima ci propinerà, che comunque è abbastanza prevedibile, toglierà ai poveri per darlo ai ricchi, perché Presidente fino ad oggi è stato così! L’equità il Prof. Monti non sa neanche cosa sia. Devo dire con sommo rammarico che anche tutta questa autorevolezza non ce la vedo. Ci trattano peggio di prima!. Mi permetto dire che una situazione del genere: una nazione, l’Italia, giudicata per il presente e per il futuro negativamente porta a fare una unica considerazione: la classe dirigente, dal primo all’ultimo non è stata, non è e non sarà in grado di ridare a chi ci giudica la giusta fiducia. Pertanto è necessario un ricambio totale della classe politica. Lei Presidente, dovrebbe prendere il coraggio a due mani, sciogliere il Parlamento (anche nella situazione attuale con un Porcellum a disposizione per le elezioni), indire nuove elezioni e annunciare al mondo intero che dopo le elezioni anche Ella si dimetterà. Penso che sia l’unica via d’uscita ad una situazione divenuta oramai insostenibile. Ritengo che notizie del genere darebbero ossigeno e farebbero riacquistare autorevolezza e credibilità alla nostra amata Italia. Lei divrebbe sacrificarsi per il bene dell’Italia. Il Prof. Monti ha dimostrato di essere un ottimo contabile e infatti a cercato di mettere a posto i conti. Oggi si auto-incensa definendosi statista con l’unica eccezione che pensa al futuro, detto da Lui non molto prossimo, e resta a guardare contribuendo fattivamente alla distruzione del presente. Mi riallaccio al discorso delle elezioni affermando, so essere una utopia, che, ovviamente, nessun personaggio attualmente presente in Parlamento dovrebbe ripresentarsi per mancanza di credibilità nel mondo e quindi impossibilitato a rappresentare l’Italia al di fuori dei nostri confini. Tutto cambierebbe, invece, se finalmente con coraggio dicessimo al mondo che da domani l’Italia esce dall’eurozona, si riappropria della propria sovranità e ricomincia il proprio cammino che sarà lungo, difficoltoso ma con qualche prospettiva. Almeno lo facciamo con qualcosa in tasca, fra non molto ci ritroveremo realmente “cornuti e mazziati”.

Ritratto di scriba

scriba

Mer, 25/07/2012 - 13:59

PISTOLA FUMANTE. Moody's, più delle sue sorelle, pare essere in guerra personale con l' Europa intera e la sua strategia bellica si orienta, come è logico, sui punti deboli di essa: Spagna e Italia con addentellati vari. L' incursione di guastatori sul quarto reich è stata più un diversivo che altro, un' esca per abbocconi accecati dall'odio verso la Kulona. Il vero obiettivo delle pistole fumanti o agenzie di rating, è quello di impedire la nascita degli Stati Uniti d' Europa che oscurerebbero lo strapotere economico degli USA. Obama il moro vuole essere rieletto e non può presentarsi alle urne in terza posizione dopo Cina ed Europa, ergo servono le pistole fumanti per ammazzare a colpi di spread la rivale. Se fosse questione solo di debito pubblico gli Usa sarebbero già morti, ma loro sono liberi di stampare moneta e di difendersi. Noi no, siamo sotto il tacco a spillo della Kulona.