Spunta il lodo Buemi: "Berlusconi decada dopo l'interdizione"

Il senatore socialista propone di rimandare il voto della Giunta per le elezioni: "Aspettiamo che si esprima la Corte d'Appello di Milano sull'interdizione". Il Pd boccia la proposta

"Silvio Berlusconi sia dichiarato decaduto dalla Giunta per le elezioni perché interdetto dai pubblici uffici con una sentenza passata in giudicato, non per le norme contenute nella legge Severino che potrebbe essere impugnata". A lanciare la proposta nel corso della riunione di oggi il socialista Enrico Buemi convinto che questa possa essere l'unica strada per riuscire ad uscire dallo scontro tra le opposte posizioni. "La mia proposta - ha spiegato il senatore - ha avuto apprezzamenti inaspettati anche dal Movimento 5 Stelle".

Secondo Buemi, la Giunta per le elezioni chiamata a decidere sulla decadenza del Cavaliere da senatore dovrebbe seguire una diversa procedura che, però manterrebbe inalterati i tempi. Con una differenza sostanziale: l’effetto dell’operatività della decisione della Giunta rimarrebbe sospeso fino alla sentenza della Corte d’Appello di Milano, chiamata a rideterminare gli anni di interdizione dalla stessa Cassazione. Sentenza che, come diretta conseguenza, comporterà la comunicazione all'Aula di Palazzo Madama della cancellazione di Berlusconi dalle liste elettorali. La proposta di Buemi è dunque di posporre la questione dell’incandidabilità a quella della interdizione facendola valutare, a norma di regolamento, a un comitato ristretto della Giunta presieduto dalla vicepresidente Stefania Pezzopane. Poi, nella seduta della Giunta alla quale il comitato riferirà ad horas, tutti i componenti potrebbero votare la decadenza del leader del Pdl in seguito alla sua interdizione "con efficacia differita al momento in cui il segretario comunale del Comune di Milano comunicherà al presidente del Senato che ha cancellato dalle liste elettorali il senatore Berlusconi". "Se l’unanimità rappresenta una garanzia, politica prima ancora che giuridica, avremo tutti incassato equamente la nostra porzione di risultato - ha fatto notare il socialita Buemi ai senatori della Giunta - e, chissà, anche la possibilità che in assemblea la proposta della Giunta passi senza alcun voto".

"Siamo tutti concordi, credo, nella difesa dell’autonomia del Parlamento", ha assicurato Buemi sottolineando le difficoltà a digerire le "ingerenze che provengono dalle norme contenute nella legge Severino". Secondo l'esponente socialista, oltre ad avere "supporti giuridici inconfutabili", la proposta sottoposta in mattinata ha anche "un obiettivo politico. Le sentenze vanno eseguite, rispettando la legge".

Il Pd ha bocciato il lodo Buemi. "Il cosiddetto lodo Buemi non ha alcuna ragion d’essere, non vi sono strade alternative rispetto al percorso stabilito in Giunta. Si tratta di una soluzione impraticabile", ha detto Danilo Leva, presidente Forum Giustizia del Partito Democratico. Che poi ha aggiunto: "La decadenza, conseguenza della incandidabilità ai sensi della Legge Severino, non è una pena accessoria di natura penale, come invece l’interdizione dai pubblici uffici che la Corte d’Appello è chiamata a rideterminare il 18 ottobre a seguito della sentenza della Cassazione, quindi si tratta di due strade completamente diverse nonché di condizioni giuridiche completamente differenti. È un dato incontrovertibile su cui spero non si cerchi di alimentare ulteriori polemiche nè imbastire inaccettabili tentativi dilatori".

Commenti

cast49

Mar, 17/09/2013 - 12:03

E PERCHE' NON ASPETTARE CHE LA SENTENZA VENGA GIUDICATA GIUSTA, VISTO CHE CI SONO ALTRE CARTE DA LEGGERE, E SONO QUELLE SVIZZERE?

ccappai

Mar, 17/09/2013 - 12:04

Una scelta di questo tipo sarebbe grave, anzi gravissima. La questione non è la decadenza o meno di Berlusconi. E' evidente che in un modo o nell'altro ci sarà. In gioco c'è molto di più. Ovvero, la legge è uguale per tutti? Oppure è applicabile solo per determinati personaggi e per altri no. Non si può far finta del fatto che tutto sto casino lo abbiamo perché è il signor Berlusconi a dover essere giudicato. Fosse stato un altro Senatore a quest'ora avremo già chiuso il caso. Questa particolarità Berlusconiana è il problema. Bisogna evitarlo

Totonno58

Mar, 17/09/2013 - 12:31

Mi sembra ragionevole...se Berlusconi venisse interdetto dai pubblici uffici vogliamo continuare a tenerlo in Parlamento a scaldare la sedia (che poi lo stia facendo da 20 anni è un altro discorso...)?!?

Atlantico

Mar, 17/09/2013 - 12:46

Berlusconi vuole evitare appunto che la decadenza sia proclamata dal Senato: la vice come una diminuito insopportabile ( come se la sentenza di condanna definitiva e non impugnabile non lo fosse ... ). Tutto sommato, l'idea di Buemi almeno ha il pregio di farla finita con una storia inutile e perditempo che da mesi blocca tutto solo per i problemi dell'Unto dal Signore. Sono i frutti avvelenati della fase crepuscolare del ventennio a colori. Prima la finiamo tutti e prima l'Italia potrà concentrarsi sui problemi di tutti gli italiani lasciando il il miliardario ottantenne a pensare ai suoi problemi. A noi che ce ne frega ?

liberitutti

Mar, 17/09/2013 - 13:05

cast49: Perchè le rogatorie con la svizzera son più difficili per colpa sua.. e ora non rompa.

unosolo

Mar, 17/09/2013 - 13:13

allora non ha capito che si deve agire subito altrimenti decadono tutti i castelli teorici del teorema messo in piedi , la sx non tornerà dietro si deve sbrigare la questione subito pena la sparizione anche del PD come avvenuto per il PCI , poveri e di vista corta , ossessionati da un grande Leader , poveracci non hanno mai avuto un leader che durasse due anni , eppure ne hanno provati ma esistevano ombre che sono svanite , la copertura l'hanno sempre avuta e se la sono sempre cavata , oggi fremono , il ritardo potrebbe far scoprire il sistema montato per eliminare politicamente un Leader unico in campo. il ritardo potrebbe far scoprire altri giri viziosi di cui ancora ignoriamo .questo è un governo ( secondo governo ) del capo se cade deve cadere anche il capo-.

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Mar, 17/09/2013 - 13:18

cast49: e chi dovrebbe giudicarla giusta? I gradi di giudizio sono finiti lo vuoi capire?

Ritratto di IoSperiamoCheMeLaCavo

IoSperiamoCheMe...

Mar, 17/09/2013 - 13:22

@cast49 Perché una sentenza passata in giudicato non può essere più modificata. L'unica possibilità é quella di richiedere di rifare il processo sulla base di prove nuove che dimostrino che quelle utilizzate non siano valide. Le carte svizzere qualora avessero questo requisito saranno sicuramente usate dai difensori di Berlusconi e se ciò non é ancora avvenuto, magari, é perché nel processo Mediaset non hanno un importanza da poter rifare il processo. Il fatto stesso che i difensori di Berlusconi non abbiano intrapreso nessuna iniziativa contro la sentenza fa capire che margini di azioni legali non ce ne sono, a parte richiedere l'inconsituzionalità della Severino o la non applicabilità della stessa a Berlusconi. Il che non cambierebbe la sostanza della sua incandidabilità visto che c'é la pena dell'interdizione dai pubblici uffici che impedirebbe a Berlusconi di candidarsi alle prossime elezioni per il perido di tempo definito dalla corte d'appello di Milano.

Massimo Bocci

Mar, 17/09/2013 - 13:30

Almeno avrà un originale del TRUFFA ISTITUZIONALE!! Non parliamo di democrazia, cosa mai vista qui,nel regime, dunque con un'altro giudizio di PARTE INTERESSATA!!!! Perché il concetto REGIME,FALSIFICATORIO,COMUNISTA....come da idea originale di Lenin: "la menzogna in bocca a un comunista è una verità rivoluzionaria" figuratevi una sentenza,emessa da pari (regime??) per tre volte come il Nazareno, come disse "la verità vi renderà liberi" ora si capisce perché il regime non la bazzica MAI, non vorrebbero che gli si SFASCIASSE o REGIME TRUFFA47 dei senza vincolo e vergogna; Quando si dice democratici (DELLA MINCHIA), è un titolo onorifico più che meritato meritato, guadagnato, con la fedeltà di servi PRONI!!!! Non è mica per caso che i comunisti seguono sempre, fedeli e proni le direttive dei CAPI...BASTONE!!! Perché a certe menti se non si dice per filo e per segno cosa fare,come votare,(controllandoli,cosa gli fanno fare la prova dell'impronta digitale sulla scheda,la foto o come facevano con Stalin le PREVOTATE!!! Cosa dire più di simili democratici,che ha forza di cambiar nome non sanno più nemmeno per chi MISTIFICANO, a tipi così si potrebbero confondere e votare LIBERAMENTE!!!! Bestemmia in un regime!!!!

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Mar, 17/09/2013 - 13:40

Con, una giustizia che é al 158 posto nel Mondo le sentenze da essa emesse non valgono un caxxo, quando una giustizia é cieca da un occhio é non vede gli scandali causati dai Komunisti che rubano 100ia di miliardi di euro senza mai essere ne puniti e neppure processati; che valore Hanno le sentenze se questa giustizia dá sentenze ad partitum?; É DIFENDE UN PARTITO CHE É IL PIU CORROTTO D;ITALIA?!.

ciannosecco

Mar, 17/09/2013 - 13:51

"IoSperiamoCheMe..."Lei è stato abbastanza impreciso,non solo la sentenza può essere riformata ai sensi dell'art.625-bis e 630 del Codice di Procedura Penale,ma la Corte Europea dei Diritti dell'uomo può imporre ad uno Stato Europeo, la revisione straordinaria di un Processo Penale ,anche solo per manifesta imparzialità dei Magistrati.La Corte di Strasburgo, appunto, ha affermato che per imparzialità debba intendersi l’assenza di pregiudizi o pre-concetti, anche meramente apparenti.Lei l'ha ascoltata l'intervista del Giudice Esposito?Saluti.

ale76

Mar, 17/09/2013 - 13:57

A chi chiedere se non ad un socialista come salvare un ladro...

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Mar, 17/09/2013 - 14:13

I soliti caproni. La gente non vuole aspettare più. O si salva o sparisce. Aspettiamo cosa!!

liberitutti

Mar, 17/09/2013 - 14:24

ciannosecco: la corte UE già ci sta multando (dal 1999!) perchè Rete4 non è sul satellite.. come vede il suo amato la tiene in grande considerazione....

EL LOCO

Mar, 17/09/2013 - 14:28

...ma ancora?? i giudici, di fatto, sono al potere. i politici sono solamente dei burattini in loro mano. tutti i politici dal primo all'ultimo nessuno escluso. il politico, il sincalista (e anche ovviamente il giornalista) che si adeguoa, oppure LECCA meglio si trova a gestire, sotto controllo,il suo piccolo orticello. senza far riferimento a caso specifico berlusconi, guardate l'ilva. il tribunale di taranto fino a qualche anno fa era un'isola ecologica dove cinguettavano gli uccellini e le marmotte facevano capolino dalle loro tane. l'erba verde cresceva nel prato antistante poi all'improvviso si sono accorti il potere giudiziario si è accorto che l'ilva inquinava. ma i sindacati dove erano?

Ritratto di leopardi50

leopardi50

Mar, 17/09/2013 - 14:53

La corte di appello di Milano dovrà solo ricalcolare la pena accessoria dell'interdizione dai pubblici uffici, in quanto la Cassazione ha considerato eccessiva la precedente condanna. In ogni caso la condanna per frode fiscale è acclarata e, si spera, i delinquenti (così è chiamato chi commette reato alias delinque) dovrebbero uscire dal Parlamento. Concordo sul fatto che non è l'unico ad aver commesso reati ma intanto cominciamo a fare pulizia, anche per dare un segnale forte di rispetto delle leggi. Anche se per la maggior parte dei devoti di Sua Emittenza questo è argomento irricevibile.

Ritratto di leopardi50

leopardi50

Mar, 17/09/2013 - 14:53

La corte di appello di Milano dovrà solo ricalcolare la pena accessoria dell'interdizione dai pubblici uffici, in quanto la Cassazione ha considerato eccessiva la precedente condanna. In ogni caso la condanna per frode fiscale è acclarata e, si spera, i delinquenti (così è chiamato chi commette reato alias delinque) dovrebbero uscire dal Parlamento. Concordo sul fatto che non è l'unico ad aver commesso reati ma intanto cominciamo a fare pulizia, anche per dare un segnale forte di rispetto delle leggi. Anche se per la maggior parte dei devoti di Sua Emittenza questo è argomento irricevibile.

minestrone

Mar, 17/09/2013 - 15:05

bocciato!

bruna.amorosi

Mar, 17/09/2013 - 15:08

mi stò domandando seriamente come faranno a vivere questi che scrivono commenti così astiosi verso BERLUSCONI quando lui almeno in SENATO per il momento non ci sarà ,come faranno a vivere se sono capaci di respirare solo per dire l'odio che provano verso una persona che non riescono ad arrivare dove è arrivato lui ..

minestrone

Mar, 17/09/2013 - 15:14

che botte da orbi!

Lino1234

Mar, 17/09/2013 - 15:17

Ho capito. Colui che si posta luigipiso in realtà si chiama "Gente" di nome o di cognome. Infatti quando scrive lo fa sempre come se "gente" sia lui stesso. A conferma, si legga il post, poco sopra, dove scrive : ..."la gente non vuole aspettare più. O si salva o sparisce"... a chi si riferisce poi bisogna solo intuirlo. Lui sa scrivere come può, poveretto. Saluti. Lino. W Silvio.

minestrone

Mar, 17/09/2013 - 15:19

Lodo Mondadori down!Pagare please...

Ritratto di IoSperiamoCheMeLaCavo

IoSperiamoCheMe...

Mar, 17/09/2013 - 15:33

@ciannosecco la mia risposta a cast49 era collegata alle carte svizzere e mi riferivo sollo all'ordinamento giuridico italiano. Lei ne sa più di me riguardo al c.p.p. (non ho nessuna nozione specifica di legge o c.p.p.) ma i due art. che lei ha citato il 630 é quello a cui facevo riferimento io e mi pare di capire che solo il comma c) sembrerebbe applicabile alla sentenza di Berlusconi, mentre l'art 625-bis se fosse applicabile, mi aspetto che i difensori di Berlusconi se ne avvarrebbero al più presto possibile. Non stavo mostrando o facendo una lezione sulle mie conoscenze a livello di codice di procedura penale, sono abbastanza ignorante in materia, ma semplicemente volevo far notare che le carte Svizzere evidentemente non rientrano in nessuno degli art. del c.p.p. italiano che permetterebbe ai difensori di Berlusconi di ottenere la cancellazione della sentenza o la revisione del processo, altrimenti l'avrebbero già fatto. Riguardo il ricorso alla corte europea fatto da Berlsuconi se non sbaglio, ma non l'ho letto, é contro la legge Severino e non la sentenza definitiva della cassazione.

Ritratto di leopardi50

leopardi50

Mar, 17/09/2013 - 15:39

@bruna.amorosi - 15:08 - Prima di porsi certi quesiti farebbe bene a scrollarsi di dosso la dottrina e i pregiudizi maturati in questi anni. La storiella del PdL come partito dell'amore non se la beve nemmeno Ilona Staller.

ciannosecco

Mar, 17/09/2013 - 15:50

"IoSperiamoCheMe.."Infatti le ho fatto notare che non ci sono solo le carte Svizzere,da lei erroneamente considerati ininfluenti,dato che,il coimputato per lo stesso procedimento,Agrama,potrebbe benissimo utilizzarle.Saluti.

linoalo1

Mar, 17/09/2013 - 16:17

Finalmente gli Ignorantoni ed Invidiosi Comunisti,elimineranno Berlusconi!E poi,come faranno a vivere se non hanno un bersaglio fisso come Berlusconi?Non ditemi che,finalmente,penseranno agli Italiani!!Negli ultimi 20 anni,hanno pensato ad un solo Italiano!Non vorrei che pensare a più di un Italiano,li facesse impazzire più di quanto lo sono già!Lino.

tiptap

Mar, 17/09/2013 - 17:10

Berlusconi è la piú grande spina nel fianco del comunismo: per questo ogni volta che c'è un articolo "importante" subito parte l'ordine di scuderia ai "compagni": andate a spargere zizzania, offese, bugie, provocazioni, soprattutto nei commenti del Giornale... E' una tattica per sfiancare le persone che ancora non cedono al lavaggio del cervello di staliniana memoria... Ma quelli che sono arrivati fin qui (nell'orrore del presente regime) con gli occhi aperti, come noi, sono i piú resistenti, sapete? Noi stimiamo troppo la libertà, ma quella vera, cioè quella di fare il bene. Ormai sembra che l'unico ad opporsi al comunismo sia Berlusconi. Perciò non ci interessa cosa fa nella sua vita privata: ci interessa che continui ad opporsi al sistema di potere della sinistra, che è al servizio della massoneria comunista internazionale, cioè quella che ci vuole schiavi.