Oscura Vendola e sgrida Grillo Boldrini star della piazza rossa

Il 25 aprile ricordato con la solita «liturgia» ma questa volta senza contestazioni. La presidente della Camera arriva in piazza cantando «Bella ciao» coi partigiani

Nella sinistra (estrema) è nata una stella. E chissà se questo sarà un bene per questo nostro disgraziato Paese. Perché più che nell'aula di Montecitorio dove per giorni ha letto in diretta tivù migliaia di bigliettini per eleggere il presidente della Repubblica, l'astro di Laura Boldrini ha cominciato a splendere ieri in piazza Duomo sfilando nel corteo per il 25 aprile.

Altera quanto basta e perfettamente a suo agio nell'abbraccio di una folla osannante con la quale ha cantato Bella ciao, è riuscita nell'impresa di oscurare quel genio del populismo che è Nichi Vendola. Fino a oggi il mentore politico che le ha fatto scalare la presidenza della Camera, da domani si vedrà. Perché lei, rossa più del fuoco e velenosissima, già nel discorso ufficiale dal palco ha fatto capire di non aver più bisogno di precettori. E impugnata la penna (ovviamente vermiglia) ha fatto la sua bella lezione da brava maestrina.

«Questa festa è più viva che mai», il suo schiaffone a Beppe Grillo reo di aver twittato che «con la nomina a presidente del consiglio di un membro di Bildeberg il 25 aprile è morto». Sgarbo non gradito dai capigruppo regionale e comunale Cinque stelle Silvana Carcano e Mattia Calise che abbandonano irritati il palco. «Non è stato un discorso super partes. Nella festa di tutti gli italiani, lei ha iniziato il discorso attaccando Beppe Grillo senza capire il senso del post». E così dopo aver trasformato l'elezione del capo dello Stato in un congresso del Pd per decidere se a comandare debba essere Bersani o D'Alema, ora per la sinistra anche il 25 aprile è una resa dei conti tra grillini e vendoliani per la patente di democratico doc.

Ma il secondo schiaffone della Boldrini va a quella politica (ma, presidente Boldrini, ci sono anche tanti storici) «che affermano che ci sia un Fascismo buono e uno cattivo». Non sia mai. «Queste - censura lei - sono idee completamente sbagliate, bisogna dire che non è mai esistito un Fascismo buono». Molti applaudono, non Vendola alle sue spalle. E lei alza il tiro chiedendo «l'abolizione del segreto di Stato per le stragi di mafia e terrorismo. In un Paese civile verità e giustizia non si possono barattare».

In piazza le bandiere del Pd che non raccolgono tutte le contestazioni che gli stessi dirigenti si sarebbero aspettati. Qualche fischio e alcuni contestatori che maledicono il «governissimo» con Silvio Berlusconi. Ci pensa il servizio d'ordine. Ma non tanta roba, perché evidentemente il potere piace anche al popolo della sinistra e non è questo il momento di fare storie.

Assente il governatore leghista Roberto Maroni a Roma per le consultazioni sul governo, questa volta non fischiano nemmeno il presidente della Provincia Guido Podestà che sfila con la brigata ebraica. Poi il sindaco Giuliano Pisapia ospita la Boldrini a Palazzo Marino. Perché in piazza e nei palazzi la sinistra più di moda oggi è quella rossa di Nichi Vendola.

Commenti

max.cerri.79

Ven, 26/04/2013 - 08:47

Bel paese... si vive ricordando un passato scritto dai vincitori e non si pensa al futuro

rancarani.giacinto

Ven, 26/04/2013 - 09:01

pisapippa e la boldrina, aizzano i malumori fra destra e sinistra con il loro comportamento. Dopo più di 70 anni ancora ci sono queste divisioni tra il popolo italiano. In un momento difficile è assurdo andare in piazza e cantare "bella ciao.." è proprio vero prendono troppi soldi e non hanno null'altro da pensare.Quando capiranno che ora di cessare questi atteggiamenti?Cordialità

rancarani.giacinto

Ven, 26/04/2013 - 09:03

Vendolini il ...... in piazza aMilano, cosa ci fa? Perchè non rimane nella sua regione disastrata a fare il governatore???? ma va a ciapa i ratt. Cordialità

Ritratto di alejob

alejob

Ven, 26/04/2013 - 12:10

Italiani, vi ricordate quando il Pisapia ha vinto le elezioni a Milano cosa disse il Vendola, alzando le braccia ? "Venite venite stranieri, siamo tutti fratelli". Il problema è che questo energumeno, può dire venite venite, ma se li deve anche mantenere e non darli in pasto alla comunità. Queste teste di legno che fanno politica e voglio sedere al governo di un paese, non si accorgono che fuori della loro porta annno la peggior feccia che fanno da padroni, senza chiamare altri.

Ritratto di alejob

alejob

Ven, 26/04/2013 - 12:16

Quando la Boldrini ha iniziato a cantare "Bella Ciao" perchè non ha invitato anche quei signori partigiani Friulani, che finita la guerra sono spariti nelle Americhe, perchè se qualcuno li trovava, li facevano a pezzi. Dov'eri tu Boldrini, per ineggiare certi personaggi, é meglio che tieni la bocca chiusa.

fabio tincati

Ven, 26/04/2013 - 13:39

il fascismo fu il meno peggio delle tre dittature del 900,solo perchè indicò nel comunismo il nemico,il nazismo odiava il comunismo anche se ne fu alleato,ma non ammetteva idee diverse,il comunismo odiava delle forme assolute :i padroni,i capitalisti ,i kulaki,in pratica tutti quelli che non erano loro.Quindi bastava accusare qualcuno di esserlo per demonizzarlo.E' ridicolo e stupido ,oggi a 68 anni dalla fine della guerra continuare a tenere l'Italia divisa in buoni e cattivi(è come se nel 1986 si fosse festeggiato la fine della prima guerra mondiale)La verità è che questi sono dei cialtroni poco istruiti bravi nella demagogia dei quacquaraquà,dalle idee espresse dalla signora Boldrini e da quelle del sig. Pisapia si capisce la modestia della loro istruzione e capacità.Hanno bisogno di un nemico altrementi non hanno argomenti

Ritratto di nuvmar

nuvmar

Ven, 26/04/2013 - 16:11

max cerri 79, ci vorresti dire che l'ultima guerra l'hanno vinta i rossi? Le tue conclusioni sono la pura realtà, a patto che cambi la definizione del cantastorie che ha riportato il racconto circa il ventennio; CANTASTORIE appunto, venuto fuori dal nascondiglio con la bandiera ( ed il motto ) del vincitore!!!

Baloo

Sab, 27/04/2013 - 07:34

Con quella splendida faccia,la Boldrini può dire ciò che vuole!!! Anche cantare o bella ciao!LA giusta critica politica non scada nel pettegolezzo!

LAMBRO

Sab, 27/04/2013 - 11:42

Cara e bella signora, se da una occhiata alla storia si accorgerà che in un certo periodo il PNF (partito nazionale fascista ha realizzato un programma prettamente sociale e socialista (IRI-Istituto della Ricostruzione Italiana/INPS-vivo ancora oggi/ Bonifica Pontina / Leggi sindacali 1934 ecc). Questo non giustifica le nefandezze della guerra e delle leggi razziali al seguito di un Pazzo ; pazzo che era in perversa compagnia anche ad Est. Come non dobbiamo dimenticare le tragedie così non possiamo oscurare la storia , anche se scritta dai vincitori, di cui raccogliamo ancora oggi diversi benefici strutturali. Continui a pensare agli Italiani tutti senza distinzioni. Grazie

piedilucy

Dom, 28/04/2013 - 00:14

povera demente che difende i rom, i sinti, e gli immigrati clandestini pensa agli italiani perchè la rivolta è vicina, e poi con la rivolta per fame chissa che non ci sia anche una pulizia etnica e politica

piedilucy

Dom, 28/04/2013 - 00:19

lambro sono d'accordo per ogni parola si da il caso che quando c'era il PNF stranamente si mangiava ora c'è il pd e gli italiani crepano di fame gli immigrati lavorano, magnano, e hanno case popolari...posso andare all'estero e tornare come sinti o rom?