Ecco la Centrale «dignitosa» di Sala

Pochi giorni fa il sindaco aveva promosso la stazione. Le foto lo smentiscono

Sono passati pochi giorni, da quando il sindaco Beppe sala ha visitato l'hub di via Sammartini, accanto alla stazione Centrale, dove vengono accolti i profughi che arrivano a Milano. Dieci giorni per l'esattezza. «Siamo qui - aveva detto in una diretta web a fine sopralluogo -. C'è tanto da fare ma mi pare che la situazione non solo sia sotto controllo ma molto dignitosa. Inviterei i milanesi a farsi quattro passi qua dietro perché si può fare molto per gli altri. Sono arrivate tonnellate di vestiario, oggi seicento pasti. Questa è la grande Milano e andiamo avanti». Ieri, alle 7 del mattino, la fotografia degli spazi davanti alla centrale racconta una realtà molto meno «dignitosa».

Sono le immagini che il Giornale pubblica in questa pagina e che ancora una volta vedono decine di disperati accampati tra le aiuole, negli angoli più riparati della stazione, su giacigli di fortuna avvolti in coperte o sacchi a pelo. La chiamano «emergenza» migranti, ormai è la quotidianità.

«Come ogni mattina la situazione delle aree intorno alla Stazione Centrale è semplicemente indecente - attacca Silvia Sardone, consigliere comunale di Forza Italia -. Centinaia di richiedenti asilo, clandestini e sbandati dormono nelle aiuole in Piazza Duca d'Aosta e Luigi di Savoia offrendo uno scenario francamente vergognoso della nostra città». «Sala pochi giorni fa commentando la realtà qui e in Via Sammartini aveva parlato di situazione sotto controllo e dignitosa e Majorino ogni giorno si vanta del modello di accoglienza in salsa meneghina - insiste Sardone -. Ebbene queste scene nulla hanno di dignitoso, qui l'accoglienza è imbarazzante e soprattutto non è una situazione sotto controllo senza dimenticare l'estremo degrado che squalifica l'intera città regalando a turisti e pendolari ricordi sicuramente spiacevoli». «Chiunque si avvicini in Centrale alle 7 di mattina - conclude il consigliere azzurro - vedrà scene difficilmente dimenticabili. È francamente assurdo che il Comune non abbia pensato a come evitare queste scene da campo profughi in Centrale. Possibile che tutto questo venga ridimensionato a situazione sotto controllo e dignitosa?».