"I mariti non le fanno andare". Meno donne migranti a scuola di italiano

Il calo delle iscrizioni alla scuola di italiano per sole donne sarebbe dovuto all'opposizione dei mariti: "Si oppongono e costringono le donne a rimanere a casa"

Parrocchie, comunità, fondazioni, comitati di quartire. Sempre più enti organizzano scuole di italiano per stranieri, per la maggior parte gratuiti, per permettere ai migranti di imparare la lingua e integrarsi di più con la cultura del Paese nel quale arrivano.

Alla Scuola Francesca Amoni, in via Marsala a Milano, i corsi di italiano sono iniziati 6 anni fa, quando è stata aperta la Casa delle donne. È una scuola che ospita solo donne, per permettere loro di condividere forme di intimità e aprirsi maggiormente durante le lezioni. Qui arrivano ragazze da ogni parte del mondo, molte delle quali erano destinate alla prostituzione, ma che ora cercano di rifarsi una vita.

Ma spesso, a mettersi di traverso, non sono scafisti che vogliono venderle al miglior offerente o comunità che non le accolgono. Il vero ostacolo, spesso sono i mariti. "Capisci il loro disagio - spiega al Corriere della Sera la presidente Roberta Larghi - i mariti le costringono a restare a casa".

Non è facile allargare le classi, dicono, e le iscrizioni sono in calo: "Cerchiamo di comunicare la possibilità che hanno ma qualche giorno fa all’Asl non hanno accettato i nostri volantini perché non abbiamo il logo del Comune o della Regione. Al mercato di via Eustachi ho dato il volantino a una venditrice velata che aveva un banchetto. Il marito mi ha cacciato".

La scuola, inoltre, oltre all'insegnamento dell'italiano, offre anche corsi di musica, laboratori di sartoria e gite scolastiche. Un modo per aiutare le donne migranti ad inserirsi nella comunità, che spesso viene vanificato, dall'opposizione dei mariti.

Commenti

aswini

Mar, 15/10/2019 - 11:15

si stanno integrando alla grande, cioà vogliono integrare noi al loro sistema di vita

Carlo56

Mar, 15/10/2019 - 11:24

Solo le persone che hanno diritto all'asilo devono essere integrate. Gli altri non devono frequentare i corsi di italiano o essere integrati. L'unica cosa è il viaggio verso casa.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 15/10/2019 - 11:26

Quelle del:"l'utero è mio e lo gestisco io" non hanno nulla da dire?

veromario

Mar, 15/10/2019 - 11:29

gente indegna di essere ospite nel nostro paese,fanno pena.

venco

Mar, 15/10/2019 - 11:34

Il futuro dei migranti dev'essere il ritorno al loro paese. Li abbiamo raccolti come profughi vero? allora quando finiscono le "guerre" nei loro paesi se ne devono tornare a casa.

Ritratto di bandog

bandog

Mar, 15/10/2019 - 11:40

è cosa buona e giusta!diversamente potrebbero,vedendo come si comportano i decadenti autoctoni,ribellarsi!inshallah e salutatemelo visto che è al bar!!

Ritratto di corsarotemplare

corsarotemplare

Mar, 15/10/2019 - 12:02

...ma come ?! ...non sono intregrati ??? alla faccia dei pagliacci che ci credono !!!

ziobeppe1951

Mar, 15/10/2019 - 12:06

A quanto pare l’utero lo gestiscono i maschi

Ritratto di frank60

frank60

Mar, 15/10/2019 - 12:18

Loro non si devo integrare...siamo noi che dobbiamo integrarsi!

andy15

Mar, 15/10/2019 - 12:23

Pure questo e' solo l'antipasto. Vedi articolo sui disordini nel campo "profughi" a Samos.

Ritratto di Artù007

Artù007

Mar, 15/10/2019 - 12:41

Ma andate ad aiutare i poveri pensionati e disoccupati italiani...che meritano di più ...di questi musulmani!!! Volete capirlo che non vogliono integrarsi....quindi sciò tornate a casa vostra!!!!

Ezeckiel

Mar, 15/10/2019 - 12:50

Fate un giro per i centri culturali islamici (vedi moschee) e leggete i cartelli e volantini appesi ai cancelli o in bacheca,corsi di italiano corsi di arabo per arabi e italiani. Parola d'ordine: evitare che le donne si integrino,e che i bambini dimentichino la loro origine.ma tenere una facciata diversa in modo da continuare a prendere sussidi fondi statali ecc.ecc.

Korgek

Mar, 15/10/2019 - 13:14

Nell'articolo non è scritto ma è chiaro che si faccia riferimento alle donne islamiche. Qualcuno crede ancora nella moderazione di questa gente. Per carità se un giorno diventeranno davvero moderati e integrati ben venga, ma se stiamo a guardare la realtà campa cavallo.

Malacappa

Mar, 15/10/2019 - 14:20

Eh bhe' e' la loro cultura,cacciamoli donne e uomini

perseveranza

Mar, 15/10/2019 - 14:29

Integrazione impossibile. Inutile raccontare favole e storielle, non c'è nulla da fare. Distruggeranno la nostra società. Grazie a sinistra, buonisti e cattobergogliani.