Se Clooney se ne va, il Lago di Como ci rimette 130 milioni di euro

Lui minaccia di vendere la villa di Laglio, ma tra indotto economico e marketing territoriale la presenza della star hollywoodiana vale oro per l'area turistica lombarda

Più che un vip ormai è un marchio, almeno per quella zona relativamente piccola ma attraente che è il Lago di Como. Secondo i calcoli, se George Clooney vendesse la villa di Laglio, come ha detto di voler fare a causa dei troppi paparazzi, e abbandonasse il lago, quest'ultimo non farebbe per nulla un buon affare. Ci rimetterebbe infatti ben 130 milioni di euro. Tanto vale l' "indotto" della presenza della star di Hollywood nell'area turistica lombarda.
I danni per il brand, del lago ma anche dei territori vicini, non sarebbero solo di immagine. Sarebbero monetizzabili e ingenti, stando alle valutazioni dell'Ufficio Studi della Camera di commercio di Monza e Brianza. Il ritorno legato all'attore riguarda l'indotto in campo economico, i valori immobiliari e la reputazione aumentata grazie al binomio Laglio-Clooney, determinante per il marketing del territorio.
Le stime sono relative al progetto Eri (Economic Reputation Index) e partono da Anholt Brand Index su dati Registro imprese, Istat, Agenzia delle entrate e Banca d'Italia. La ricerca ha calcolato alcuni parametri di vivacità economica e imprenditoriale e ha preso in considerazione il valore economico del territorio oltre alla riconoscibilità dei luoghi e dei personaggi. Emerge inoltre che la Grande Brianza (tra Como, Lecco e Monza) grazie al Lago di Como registra una percentuale di turisti stranieri sia per arrivi sia per presenze superiore a quella degli altri territori lombardi. Cioè il 57,2 per cento degli arrivi stranieri e il 64,1 per cento delle presenze (nelle altre province lombarde le percentuali sono rispettivamente del 50,5% e del 55,9%). E si concentra nella Grande Brianza il 16 per cento della ricettività lombarda, tra strutture alberghiere ed extra-alberghiere. Anche per merito dell'effetto George. Sempre che duri.

Commenti

Beaufou

Mar, 14/07/2015 - 09:11

Per me l'"Economic Reputation Index" è una bufala, e il voler a tutti i costi monetizzare la presenza di vere o presunte celebrità un modo come un altro per farsi pubblicità, e farla all'interessato. Che magari, dal canto suo, pensa di poter forse monetizzare almeno una parte dei presunti centotrenta milioni,sotto forma di sconti o agevolazioni fiscali, gabbando tutti quanti...Ahahah. Materia affascinante, l'economia.

Roberto Casnati

Mar, 14/07/2015 - 12:50

Una delle più grosse IDIOZIE che siano mai state scritte!

Tino Gianbattis...

Mar, 14/07/2015 - 15:01

Ma figuriamoci chissenefrega abbiamo avuto di meglio e di più

unz

Mer, 15/07/2015 - 00:07

sticazzi

doctorm2

Mer, 15/07/2015 - 09:41

I signori del progetto ERI vengono perfino pagati per dire scemenze a tutto tondo di questo genere ? Se Clooney se n e andasse almeno a Laglio si starebbe meglio soprattutto per i parcheggi e per la fine dell'insopportabile presenza dell'attore, che ha sinceramente rotto le scatole a tutti i residenti del paese....

bimbo

Mer, 15/07/2015 - 13:16

Mi spiace che venda ma ultimamente lo fanno tutti..

bimbo

Mer, 15/07/2015 - 13:19

Già ed è anche un brutto periodo per vendere, magari se la villa da in affitto potrebbe essere una soluzione ideale per Clooney ??