Dopo la strage a Charlie Hebdo, il vignettista Luz lascia la redazione

A settembre smetterà di lavorare per la rivista. "Convocare i morti, chiedersi cosa avrebbero fatto Charb, Cabu, Honorè, Tignous è massacrante"

L'attacco contro la sua rivista è stato troppo. Le vittime cadute nella redazione di Charlie Hebdo pesano tremendamente, abbastanza da convincere il vignettista Luz, tra le firme più prestigiose, ad abbandonare il suo lavoro.

Dietro la sua scelta ci sono molte considerazioni. Un po' "la paura di cadere in errore", un po' l'attualità che sembra non essere più interessante. In una intervista concessa al quotidiano Libération, il vignettista spiega che l'addio avverrà a settembre. Una scelta personale, perché "riprendere il controllo" è diventato ormai un'ossessione.

Renald Luzier, questo al secolo il nome del fumettista, lascia per ricostruire la sua esistenza. Dopo avere assistito alla morte dei colleghi e dopo avere disegnato la copertina del numero dopo la strage, quel Maometto con la lacrima in volto e un fumetto: "Tutto è perdonato".

Dopo la strage in redazione "c’è stata la volontà collettiva di andare veloci - racconta Lux a Libé -. Anche se io avevo bisogno di tempo, ho seguito per solidarietà, per non lasciare gli altri da soli. Solo che a un certo punto, è stato un carico troppo pesante da portare".

Il vignettista non se la sente più di lavorare sull'attualità, lo aveva già detto alla stampa francese. E il carico di lavorare, dopo l'eccidio delle matite di Charlie Hebdo è diventato troppo, in tutti i sensi. "Passare notti insonni e convocare i morti, chiedersi cosa avrebbero fatto Charb, Cabu, Honorè, Tignous è massacrante".

La crisi interna non è soltanto la crisi personale di Luz. È anche quella di una rivista che dopo i fatti di Parigi deve rinascere. Di pochi giorni fa la notizia che Zineb El Rhazoui, giornalista franco-marocchina scampata per un caso alla strage, rischia il licenziamento. Le ragioni non sono del tutto chiare, ma lei parla di una "misura punitiva" e chiede un Charlie nuovo. "Stiamo tutti gestendo il dopo attentato".

Commenti
Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 19/05/2015 - 11:32

Tanto casino, all'epoca, per cosa? Un pugno di mosche. Così almeno stanno a dimostrare i fatti. Le minacce ai superstiti hanno, evidentemente, raggiunto lo scopo prefisso. I caproni fanatici hanno vinto. Su tutta la linea. Allah, come al solito, è sempre al bar. E da lì sorveglia le eventuali trasgressioni degli infedeli. Povero, povero occidente senza anticorpi e senza midollo!

Ritratto di mario_caio

mario_caio

Mar, 19/05/2015 - 13:34

Chi non ha mai avuto nulla di sacro, o forse l'ha perso, e quindi si nutre di profano, faccia dell'ironia solo su quello, non disturba nessuno e rispetta tutti. E' un concetto elementare ma a quanto pare indigesto a molti.

Ritratto di stock47

stock47

Mar, 19/05/2015 - 16:20

Motivazioni che poggiano sulla paura. Certamente poteva anche non condividere la linea editoriale della sua ex rivista ma lavorarci lo stesso per poter lavorare. Di certo portare avanti una campagna satirica che non lo riguarda profondamente o di cu ha paura per le conseguenze, è cosa umana. Luz, dimentica, comunque che l'islam non dimentica, anche se lui abbandona, per loro lui è già segnato per sempre. L'azione dei due islamici ha raggiunto l'obiettivo che si prefiggevano, di là dei morti, mettere paura all'occidente e alla Francia in particolare.