Ecco come l'Onu farà naufragare l'intervento nel Mediterraneo

La Mogherini alle Nazioni Unite: "Non rimanderemo nessuno indietro". E spinge per l'azione in Libia. Tra gli scogli da superare il "niet" russo e le minacce dei trafficanti

La chiamano operazione diplomatica, ma è una missione suicida. Eppure il kamikaze di turno, l'Alto Rappresentante per la Sicurezza e la Politica estera dell'Unione Europea Federica Mogherini, non sembra farci caso. Da ieri Lady Pesc è al Consiglio di Sicurezza dell'Onu dove lavora a una risoluzione per un intervento militare sotto guida italiana contro i trafficanti di uomini attivi in Libia. Ieri a New York l'ex titolare della Farnesina ha invocato «una risposta eccezionale, immediata e coordinata» per un'emergenza che non è solo umanitaria, «ma anche una crisi di sicurezza». Due gli hashtag : insieme e subito. L'illusione è che nel giro di pochi giorni la proposta europea possa trasformarsi nel testo di una risoluzione delle Nazioni Unite e che possa essere approvata al più presto. Il piano Ue verrà comunque sottoposto al Consiglio europeo del prossimo 18 maggio, e in quella sede c'è già «la possibilità di prendere subito la prima decisione». Certo, meglio sarebbe avere il consenso all'operazione di un governo di unità nazionale: «Ma non possiamo aspettare per combattere i trafficanti e per salvare le vite umane». Ciò che per Lady resta una priorità: «Migranti e profughi non saranno rimandati indietro. La Convenzione di Ginevra sarà pienamente rispettata». E stuzzicano l'Europa anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella («I profughi cercano l'arrivo nella Ue, e nessuno può negare che l'Unione può assorbirli senza pesi né traumi»), e il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni («una condivisione dell'accoglienza sulla base di un sistema di quote sarebbe un principio giusto»). Peccato che sulla strada dell'inesperta Mogherini (e dell'Italia) ci siano superare cinque scogli che rischierebbero di far naufragare anche i più scafati capitani della diplomazia internazionale.

A Il niet russo

La Russia di Vladimir Putin è al momento lo scoglio più insidioso. Per ottenere il via libera alla risoluzione Lady Pesc deve garantirsi il consenso dei cinque membri permanenti (Usa, Russia, Cina, Francia, Inghilterra) detentori del diritto di veto. Un consenso che la Russia non concederà facilmente. Soprattutto dopo il tentativo dei leader europei di isolare Putin, disertando le celebrazioni di Mosca per il 70° anniversario della vittoria russa nella Seconda guerra mondiale. Putin, tra l'altro, non ha digerito neppure la «beffa» del 2011, quando Parigi dribblò il veto di Mosca promettendo all'allora presidente Dmitrij Medveded di non far cadere Muhammar Gheddafi.

B Gli scogli libici

Qualsiasi «risoluzione» basata sull'articolo 7 dello Statuto Onu che regola gli interventi armati richiede un'esplicita richiesta dei governi interessati. Il governo e il parlamento di Tobruk, gli unici riconosciuti dalla comunità internazionale, si oppongono a qualsiasi operazione internazionale sui territori libici. Il «no» all'intervento straniero - ribadito nella recente intervista al Giornale dal generale Khalifa Haftar, capo di stato maggiore di Tobruk - è l'unica cosa su cui concorda anche la coalizione islamista che controlla Tripoli e le zone costiere di Zwara e Misurata da dove salpano gran parte dei barconi

C Le secche dell'Onu

Il «no» libico potrebbe venir aggirato seguendo la falsariga del 2011 quando l'Onu autorizzò il bombardamento dell'esercito di Gheddafi con la scusa di proteggere i civili. Stavolta il pretesto rischia però di rivelarsi ancor più labile perché non esistono flotte di barconi custodite in basi gestite esclusivamente dai trafficanti di uomini. Le imbarcazioni usate dai migranti spesso vengono acquistate all'ultimo minuto da pescatori libici o tunisini. E gli scafisti sono spesso semplici pescatori «arruolati» per l'occasione. Per questo il dibattito sui rischi connessi alla distruzione dei barconi e sulle perdite collaterali di civili ingaggiati saltuariamente dai trafficanti rischia di far arenare la risoluzione ancor prima del voto.

D Le rappresaglie dei trafficanti

Le organizzazioni criminali potrebbero rispondere alla distruzione dei barconi mettendo a segno delle rappresaglie contro gli stessi migranti che la risoluzione Onu punta a difendere. Per garantirne l'incolumità bisognerebbe pensare alla creazione di campi Onu protetti da forze multinazionali dove ospitare e proteggere i migranti presenti in Libia. Nessun paese, Italia compresa, è però disposto ad inviare truppe di terra sul suolo libico.

E Gli «amici» inaffidabili

L'Italia non è rappresentata al Consiglio di Sicurezza. Per questo risoluzione scritta dal nostro paese deve tener conto delle esigenze della Francia e di quell'Inghilterra a cui abbiamo chiesto di farsi carico della presentazione ufficiale del documento. L'Italia è dunque costretta a preparare un intervento militare affidandosi a due «alleati» che sono, attraverso Total e e Bp, i nostri più spregiudicati concorrenti nella cosa al gas e al petrolio libico. Due concorrenti protagonisti, quattro anni fa, di un intervento rivolto anche a troncare i rapporti preferenziali tra Roma e Tripoli e a sottrarci il controllo di una parte delle nostre risorse energetiche. Anche stavolta rischiamo dunque di ritrovarci protagonisti di un intervento frutto di compromessi estremamente pericolosi. E come garanzia ci resta soltanto la regia di Federica Mogherini, un ex ministro degli esteri che durante il mandato alla Farnesina ha dimostrato ben poca sensibilità per gli interessi nazionali in Libia.

Commenti

Altoviti

Mar, 12/05/2015 - 13:38

Mettiamo subito la Mogherini agli arresti! Questi governanti italiani sono pericolosi per tutto i continente! Anche Matarella, un altro bel acquisto!

Altoviti

Mar, 12/05/2015 - 13:42

Perché non si come nel calcio: andare ad acquisire i migliori governanti là dove sono? Con quella squadra di perdenti che l'Italia si ritrova non possiamo certe competere, è ovvio che con questi non conteremo mai niente nel mondo. E poi queste Nazioni Unite sono diventate il braccio armato dei nemici della cultura occidentale vera.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 12/05/2015 - 14:26

Ovvero: Vi attendiamo con ansia. Affrettatevi a venire.

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 12/05/2015 - 14:37

Chiacchiere, solo chiacchiere. Mogherini come il suo capo e maestro: chiacchiere. Si discute con la UE, si va all'ONU, ma il risultato non cambia; sono fatti nostri, ed a molti di "noi" fa comodo così: piatto ricco mi ci ficco, solo che non è come a poker, dato che non si rischia nulla di proprio e arrivano tanti soldini da far girare sulla pelle degli africani in fuga verso la speranza, ma è solo un'illusione.

Tuthankamon

Mar, 12/05/2015 - 14:39

L'ONU per la sua composizione non puo' avere alcun interesse a fermare questi flussi. Chi ha orecchie ... Occorre convincersi che siamo soli! Per conseguenza, la questione e' interesse primario della sicurezza nazionale e NON puo' essere risolta con dialoghi inutili o per via giudiziaria o simili. Deve essere affrontata con tutti mezzi di uno stato sovrano! Perfino la Chiesa deve starne fuori. Se questi politici non vogliono o non possono, si tolgano di mezzo!!

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 12/05/2015 - 14:42

Sono perfettamente d'accordo colla signorina mogherini che bisogna salvare le vite umane,ma non credo sia giusto farlo mettendo in pericolo le vite dei nostri concittadini.Solo il papa può fare il discorso dell'accoglienza,ma parla per la futura "vita".

Ritratto di pascariello

pascariello

Mar, 12/05/2015 - 14:43

Mi piacerebbe sapere quale caxxo di autorizzazione dell' ONU avessero i criminali Sarkozi e Cameron quando hanno attaccato la Libia e assassinato Gheddafi per coprire le loro porcherie e scippare i contratti alle imprese Italiane !

Klotz1960

Mar, 12/05/2015 - 14:54

Parliamoci chiaro: non e' colpa ne'dell'ONU e ne'dell'UE, ma solo NOSTRA, in quanto con i piagnucolii notoriamente non si ottiene NULLA. Se tutto questo fosse successo a Francia, Spagna o Turchia, ci sarebbero gia'le navi militari schierate.

zucca100

Mar, 12/05/2015 - 14:54

Mi spiegate perché' il vostro amico Putin e' contrario alla risoluzione ONU? Non gli va bene distruggere i barconi degli scafisti?

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Mar, 12/05/2015 - 15:00

Lady Pescivendola dimissioni immediate! Meno male c'è Putin che ancora ha del sale in testa.

aitanhouse

Mar, 12/05/2015 - 15:01

quadro completo e realistico....ma chi se ne frega? il partito del nulla con i suoi geniali componenti deve solo salvare gli interessi degli affiliati ,dell'europa e di se stessi. gli italiani? gente che non conta, quattro pecore che si lasciano comprare per 80€ ed ascoltano a bocca aperta l'ultimo strillone imbonitore e poi....poi si lasciano fregare dalle tasche quei soldi che la consulta ha deliberato, mentre sopportano che le caste non si lasciano scappare neppure un cent.....

agosvac

Mar, 12/05/2015 - 15:01

Il problema dell'ONU è sempre lo stesso: a loro di quel che succede nel mondo reale non gliene importa un bel niente! Vivono da nababbi con i soldini che prendono dagli stati membri ed a questo non vogliono rinunciare. Viaggiano tutti in top class, vivono in alberghi come minimo a cinque stelle se non di più. Cosa gliene frega degli immigrati e delle nazioni costrette a riceverli??? L'ONU è un parassita che succhia il sangue delle nazioni. Tra l'altro il segretario dell'ONU non è che sia eletto dai cittadini degli stati membri, è eletto dai politici. Pertanto non ha alcuna validità. Se non ci si decide a modificare integralmente questa organizzazione di parassiti, il modo resterà quello che è: una vera schifezza!!!

Ritratto di Scassa

Scassa

Mar, 12/05/2015 - 15:10

scassa martedì 12 maggio 2015 Se ben ricordo ,la Convenzione di Ginevra si applica tra sottoscrittori belligeranti ,e non mi risulta che siamo in guerra contro chicchessia ,siamo invece invasi ,vessati,derubati ,sfruttati da torme di desperados ,del quale quantitativo l'80% è fasullo ,ma rende di più del traffico di droga ! Quindi un paese degno della maiuscola ,manda la Mogherini a ......e al suo posto insedia non un comunista ,non un ...mo cristiano ,non un dirigente coop ,cioè una persona onesta istruita,provvista di cervello e senza Loden !!! Forse allora ,è solo forse,otterrà qualche cosa di giusto per il paese ! Fino a quel giorno urto,o vaselina,,almeno fino a che la sinistra non aggiunga una sovrattassa sui lubrificanti introduttivi !!!!!!!!!!!scassa.

Ritratto di alejob

alejob

Mar, 12/05/2015 - 15:20

commentatori, questo accade quando ci sono troppi a comandare. Noi Italiani, purtroppo non comandiamo e non contiamo niente da nessuna parte, perchè abbiamo fatto la parte sempre da fanfaroni. Ora abbiamo un governo che è più che una fanfara e nessun Europeo o mondiale le da retta. Bisogna prendere le redini in mano e mettere al muro un paio o più di scafisti e cosi questi signori sanno cosa vanno incontro quando vengono catturati. Inquanto agli immigrati, aiutarli a casa loro, ma non a progredire per acquistare armi e farsi la guerra.

beale

Mar, 12/05/2015 - 15:25

Baki, dov'è Baki?? Solerte nell'appoggiare l'uccisione di Gheddafi, nel revocare alla di lui figlia il mandato di alto rappresentante ONU, quanto oggi inerte nel ventilare almeno qualche iniziativa. Che prenda ordini da Barack????

zucca100

Mar, 12/05/2015 - 15:25

Caro agosvac, secondo te dovremmo eleggere il segretario dell'ONU? E perché mai? Non è un organo legislativo di un singolo stato

Tuthankamon

Mar, 12/05/2015 - 15:27

Pascariello, LE risoluzionI ONU, Sarkozy (e Cameron),LE hanno avutE in pochi giorni. Questo la dice lunga fino a dove si erano spinti. Tra l'altro contenevano delle frottole palesi, ma erano volute da loro con l'appoggio di Obama!

NON RASSEGNATO

Mar, 12/05/2015 - 15:56

Un intervento "militare" a guida italiana? Siamo alle barzellette. Di militare abbiamo già il servizio traghetto ed è l'unica cosa che continueremo a fare se non a incrementare..

Ritratto di gabrichan46

gabrichan46

Mar, 12/05/2015 - 16:42

Adesso l'ONU ice le stesse cose che Salvini va dicendo da mesi. L'altro giorno a Roma, il sindaco Marino a mandato le ruspe a ponte Mammolo. Hanno spianato il campo clandestini senza pensare all'alternativa pe la gente. Qualcuno gli avrà riferito, male, i discorsi di Salvini. Lui parlava di spianare i campi abusivi, DOPO, aver tolto la gente da dentro. Chi lo ha consigliato a Marino, Alba Parietti?

elpaso21

Mar, 12/05/2015 - 17:06

I casi sono due: o è una presa in giro (vedi alla voce Berlusconi), oppure è una cosa seria. Vediamo come si mettono le cose prima di parlare.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 12/05/2015 - 17:14

Salvini fa paura ai trinariciuti,sta dicendo quello che la gente normale dice da tanto tempo.

sniper21

Mar, 12/05/2015 - 17:18

ONU organo inutile per eccellenza creato da associazioni segrete di cui si evincono i tre fratelli fondatori: Roosevelt, Truman e Churchill e il suo scopo è: Siamo l'onu e assicureremo sempre la pace in ogni paese purchè abbia petrolio o diamanti o altre robe sbrilluccicose.

marinaio

Mar, 12/05/2015 - 17:21

Ma mi spiegate a cosa mai è servita l'ONU, a parte i miliardi di dollari che ingurgita ogni anno, solo per pagare lautamente i propri dipendenti? Ricordo che fra questi c'era anche la Boldrini che aveva il solo compito di farsi fotografare con alle spalle un campo profughi per poi tornarsene nel suo albergo di lusso.

Opaline67

Mar, 12/05/2015 - 17:27

In questo governo del menga nessuno ha né le palle, né la dignità, né, men che mai, l'interesse per prendere decisioni drastiche che non debbano rendere conto a Onu, Unioni Europee e organismi perversi vari. Intanto la tanto paventata invasione che andrà a mettere fine a ciò che resta della nostra cultura si sta compiendo in pieno

Ritratto di brigante_garganico

brigante_garganico

Mer, 13/05/2015 - 15:24

La UE è un' organizzazione massonica... L' ONU è, parimenti, un' organizzazione massonica... E l' Ih-taglia è governata da dementi !

seccatissimo

Lun, 29/06/2015 - 01:18

Il presidente della Repubblica italiana, Sergio Mattarella, afferma: «I profughi(*) cercano l'arrivo nella Ue, e nessuno può negare che l'Unione può assorbirli senza pesi né traumi»! Ma questo qui dove è che lo hanno trovato! (*): Ma sto tizio che fa lo gnorri, non ha ancora capito che quelli che lui chiama profughi in realtà non lo sono ed invece sono solo numerosissimi clandestini invasori economici, senza alcun titolo per essere considerati effettivi profughi? E se anche fossero tutti effettivi profughi, tutti quelli che arrivano dall'Africa o anche da altri luoghi, sto tizio ci dovrebbe spiegare perché dovremmo accoglierli e quale secondo lui sarebbe il limite massimo di persone da accogliere tenendo conto che nel mondo di miserabili disgraziati che vorrebbero venire in Italia rispettivamente in Europa ve ne sono centinaia di milioni se non forse addirittura oltre un miliardo! Roba da matti! Ma pensa tu in quali mani siamo finiti !!!!!!!!!!