I cinque nemici di Salvini che vogliono frenare la corsa al voto

Grillo, Renzi, Mattarella, l'Unione Europea e il Vaticano. Ecco chi e perché non vuole le urne e, quindi, che Matteo Salvini salga a Palazzo Chigi

Riduzione del numero dei parlamentari, aumento dell’Iva e finanziaria. Il cosiddetto “partito del non voto” ha già messo sul tavolo tutti gli alibi migliori per posticipare il più possibile il ritorno alle urne. Ma chi sono i protagonisti in campo da cui si deve guardare Matteo Salvini?

L'apertura di Beppe Grillo al Pd

I primi due sono usciti allo scoperto nel giro di 48 ore e si chiamano Beppe Grillo e Matteo Renzi, una coppia davvero improbabile. Il primo ha dato via libera ai vertici del Movimento di impedire a ogni costo il voto. "C'è Matteo Salvini che immagina il Movimento come qualcosa che vive solo grazie a lui! Ma siamo diventati scemi? Altro che elezioni, salviamo il paese dal restyling in grigioverde dell’establishment, che lo sta avvolgendo!", ha scritto ieri il fondatore del M5S dal suo “santo blog” dove ha avuto inizio l’avventura dei pentastellati. Dopo il sì alla Tav (che arriva dopo il sì al Tap e all’Ilva) il rischio che il Movimento scenda sotto il 10% è sempre più alto. O di sicuro, dopo il voto, il M5S si ritroverebbe a passare dal primo al terzo partito, decretando così ufficialmente la sua ininfluenza in Parlamento.

Le mosse di Matteo Renzi

Il secondo attore in campo, Matteo Renzi, è venuto allo scoperto oggi con un’intervista al Corriere della Sera nella quale, dopo le smentite di rito dei giorni scorsi, ha lancitato l’idea del “governo istituzionale”. Un esecutivo “che permetta agli italiani di votare il referendum sulla riduzione dei parlamentari, che eviti l'aumento dell'Iva, che gestisca le elezioni senza strumentalizzazioni”. I motivi di una tale e repentina giravolta dell’ex premier che ha sempre accusato il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, di voler “inciuciare” con i grillini sono abbastanza noti e chiari. Che in Renzi la tentazione di lasciare il Pd per dar vita a un partito di “ispirazione macroniana” è cosa arcinota. Ma quel che è rimasto fuori dai radar degli osservatori politici è la nascita di circa mille “comitati di azione civica” che, ufficialmente, vengono presentanti come una normale iniziativa d’opposizione di un importante esponente del Pd. In realtà basta visitare il sito per capire che sono l’embrione di un nuovo partito: “I Comitati Azione Civile sono un movimento dal basso: mettono assieme persone che hanno voglia di agire, di dimostrare che un'altra strada è possibile contro questo governo”. Nella testa di Renzi, probabilmente, c’era la volontà di inaugurare questo movimento con la prossima Leopolda ma la mossa di Salvini lo ha costretto a cambiare tattica.

Che fare, dunque? Prima di tutto impedire le elezioni in autunno. Come? Ergendosi come leader del fronte “tutti contro Salvini” facendo leva sulla presa che Renzi ha ancora sui parlamentari Pd. Secondo il Corriere della Sera, l’ex premier controlla ancora 35-40 senatori (su 51) e 60-65 deputati (su 111). Gli attuali gruppi parlamentari sono, infatti, espressione della seconda segreteria renziana e, pertanto, andare a elezioni vorrebbe dire lasciare all’attuale segretario la possibilità di “epurare” i fedelissimi dell’ex premier. Luca Lotti, già autosospeso dal partito, sarebbe il primo della lista e Maria Elena Boschi, considerata la principale causa della debaclé elettorale di un anno fa, sarebbe la seconda. Oltre ai renziani poco desiderosi di abbandonare le loro poltrone, in Parlamento c’è anche una nutrita pattuglia, soprattutto tra le file del M5S, di parlamentari che sono alla loro prima esperienza e che, sondaggi alla mano, difficilmente verrebbero rieletti. Sono, perciò, prontissimi ad allearsi anche col Pd.

Mattarella, Ue e Vaticano: tutti contro Salvini

Il terzo “nemico” di Salvini è senza dubbio Sergio Mattarella. Il Capo dello Stato, per ora, è rimasto silente anche se, in vario modo, ha lasciato intendere che, in caso di voto anticipato, non vi può essere un esecutivo con Matteo Salvini al Viminale. La “macchina elettorale” non può guidarla chi ha causato la crisi, è il ragionamento. Ma non solo. Nei mesi che hanno preceduto la nascita del governo Conte, il leader della Lega ha ripetuto più volte di non aver preteso che Mattarella gli affidasse l’incarico di formare un governo perché, senza i numeri sufficienti in Parlamento, non glielo avrebbe dato. Il Presidente della Repubblica, all’epoca, fece delle consultazioni a oltranza pur di non far ripiombare il Paese al voto. Figuriamoci se, ora, con la finanziaria da presentare nel giro di pochissimi mesi e, con all’orizzonte la possibilità di un governo Pd-M5S, decreta la fine anticipata della legislatura?

Gli ultimi due antagonisti di Salvini sono “esterni”: l’Unione Europea e il Vaticano. Entrambi vedono come fumo negli occhi la possibilità la vittoria di un sovranista come Salvini che, pur di attuare la flat tax, è pronto allo scontro totale con Bruxelles, lasciando sul campo anche l’ipotesi di un’uscita dell’Italia dell’euro. In una recente intervista a La Stampa il Papa, dopo aver ribadito le sue posizioni pro-migranti, si è scagliato contro il sovranismo, definito come "un'esagerazione che finisce male sempre" e che "porta alle guerre". Insomma, Salvini è accerchiato da più fronti e, per lui, ottenere le elezioni anticipate, ogni giorno che passa, è sempre più difficile.

Commenti
Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 11/08/2019 - 22:55

Meglio cosi, vorra dire che poi quando per forza si dovranno tenere le elezioni, si prendera il 60% da solo, tanto il Comandante e giovane e puo aspettare che l'Italia vada anche a REMENGO!!!! AUGH

VittorioMar

Dom, 11/08/2019 - 23:00

...avete DIMENTICATO L'ONU e gli SPECULATORI FINANZIARI...!!

Alessio2012

Dom, 11/08/2019 - 23:01

SALVINI HA TOPPATO! POTEVA DIRE SI' ALLA TAV... MA POI NON HO CAPITO PERCHE' SI E' DIVISO... MAH.

d'annunzianof

Dom, 11/08/2019 - 23:06

Dopo le elezioni faremo i conti con i nostri 'amici vicini e lontani'. Vedremo se pantalone avra` la voglia di sborsare a ufo continuamente

Ritratto di jasper

jasper

Dom, 11/08/2019 - 23:41

Solo i tiranni e i dittatori hanno paura delle urne. Le urne sono il massimo simobolo della democrazia.

Ritratto di pumpernickel

pumpernickel

Dom, 11/08/2019 - 23:41

Se si va ad elezioni Salvini vince. Altrimenti, mettono su un governo PD-5S che non riuscirà a gestire alcunchè, oltre a fagocitare i 5S e incrementare la rabbia degli Italiani, e Salvini di riflesso vince.

roberto zanella

Lun, 12/08/2019 - 00:21

RENZI è UN PROBLEMA PD GRILLO E I SUOI NON DURERANNO MOLTO MATTARELLA PREPARARSI A MANDARLO IN PENSIONE BERGOGLIO, RIVEDERE TOTALMENTE IL CONCORDATO E FARE PAGARE TUTTE LE TASSE AL VATICANO UNIONE EUROPEA, ANDARE CON USA E GB

Ritratto di mina2612

mina2612

Lun, 12/08/2019 - 00:29

Io, berlusconiana, dò ragione a quei cinque: come si può pensare di andare adesso al voto? O c'è dietro un grossissimo manovratore che vuole giocare sulla pelle degli italiani, inutili idioti,... o Salvini si è bruciato il cervello a Milano Marittima.

Ritratto di Zaakli

Zaakli

Lun, 12/08/2019 - 00:34

Oramai dovrebbe esser chiara la situazione, ovvero: bisogna scegliere tra l''Europa dei burocrati asserviti a poteri forti, e al punto, neanche tanto più occulti che sfrutta e vuole continuare a sfruttare anche i propri appartenenti e l'altra che, all'opposto, vuole ripartire dalle gente comune stanca, semplicemente, di quanto sopra. Quindi, si spera che le reazioni saranno conseguenti e siccome la gente è, appunto, stanca non sarà facile continuare con questa operazioni subdola di alienazione da se stessi!!! Questo è se ci pare...

Ritratto di wilegio

wilegio

Lun, 12/08/2019 - 00:38

L'Italia è con lui. Gli Italiani sono con lui. Adesso staremo a vedere...

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 12/08/2019 - 01:14

Beppe Grillo non conta niente. Renzi é un cavallo zoppo, politicamente superato dai fatti e politicamente sminuito dai suoi stessi difetti. L'Unione Europea può anche continuare a fare la guerra all'Italia, ma non può bocciare ciò decide il nostro Parlamento. Il Vaticano non conta nulla, tanto é vero che la sua politica ha fatto scappare dalle chiese milioni di Italiani, fra i quali anch'io. Resta solo un possibile "ostacolo" per Salvini ed il centro destra: il Presidente Mattarella. Non lo conosco di persona, ma credo di aver capito chi Egli sia: un gentiluomo che farà ciò che ritiene giusto nell'interesse dell'Italia. Quindi spero in Salvini e credo nell'onestà di chi dovrà prendere decisioni, anche se difficili. Comunque ogni ostacolo ingiustificato sarà valutato dagli Italiani.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Lun, 12/08/2019 - 01:19

Omettere di dire che democrazia è sovranità del popolo nello Stato e implica sovranità dello Stato, è il punto di chi rema contro la ns. costituzione. Un magistrasto del tribunale di Cassino (ottobre ‘17) ha precisato: «La sovranità non può essere ceduta, ma solo limitata e anche le mere limitazioni hanno ulteriori “limiti”. Fermo il divieto assoluto di cessioni – ha scritto il magistrato – la limitazione della sovranità può avvenire unicamente in condizioni di reciprocità e al fine esclusivo (ogni altra soluzione è espressamente bocciata in seno all’ Assemblea Costituente) di promuovere un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia tra le nazioni». «Limitare significa omettere di esercitare il proprio potere d’ imperio in una determinata materia, oppure di esercitarlo all’ interno di certi limiti generalmente riconosciuti dal diritto internazionale ai fini di pace e cooperazione tra le Nazioni».

roberto010203

Lun, 12/08/2019 - 01:59

E la finanza e Confindustria da che parte stanno? Sono due attori molto più importanti di tutti quelli nominati.

un_infiltrato

Lun, 12/08/2019 - 02:12

Uno contro tutti, vincerà il Capitano. E' l'Italia intera che gli a gran voce di rimette ordine a questo Paese. In cui, per molti versi e ormai da troppo tempo, si è passato il segno.

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Lun, 12/08/2019 - 05:39

Siamo alla frutta. La Repubblica Parlamentare é un'espressione fallita. L'unica cosa é quella di fare , come la Francia, una Repubblica Presidenziale. Ormai l'attuale Costituzione é superata dal tempo e dagli eventi e, la classe politica tutta é del tutto allo sbando, non più credibile , arruffona, impreparata. Qui stanno tutti giocando un gioco molto pericoloso a danno di tutti noi. Non mi soffermo sul m5s, sul Pd, valgono quel che valgono, NIENTE. Mi rivolgo a Salvini della Lega, presentare un compatto centro destra, al di là dei venti sovranisti. bene farebbe ad unirsi a F.I. ed a FDI L'Europa per fortuna esiste, certo ha dei difetti ma questi si possono correggere, uscire significherebbe precipitare in un burrone senza uscita, sarebbe un disastro, basti vedere l'Inghilterra, ci vuole cautela nei rapporti con i partner, basta con le testat contro il muro.

Ritratto di cokieIII

cokieIII

Lun, 12/08/2019 - 06:04

I 5 nemici degli italiani! Inciuciate, inciuciate pure... L'avete gia' fatto dopo l'ultimo governo Berlusconi e salvini e' volato al governo. Rifatelo adesso e alle prossime elezioni prende il triplo dei voti (invece del doppio a settebre)

doctorm2

Lun, 12/08/2019 - 06:10

Il gioco diSalvini è mlto chiaro, visto che le elezioni non leavrà, che con i tempi tecnici della fromazione di un nuovo governo si sarà costretti ad attendere, eventualmente, a lungo, appare chiarissimo che salvini sta usando la tattica di "muoia Sansone con tutti i filstei" poichè il nuovo governo che Mattarella otterrà, sarà la fine definitiva dell'Italia, con provvedimenti che distruggeranno definitivamente le famiglie, lo stato sociale della nazione e porteranno la nazione al completo sfacelo. Quando questo avverrà allora lui si ergerà di nuovoa "salvatore della patria" e allora vedremo se sarà capace di salvare qualcosa tra le macerie di una nazione distrutta. (aumento di IVA, tassa patrimoniale, invasione dei "poveri migranti", ius soli, fine del grandi opere, "decremento felice" ecc. ecc.)

Popi46

Lun, 12/08/2019 - 06:18

Sic stantibus rebus, Salvini è già bello che fregato, e....si è fregato da solo, perché solo uno politicamente sprovveduto poteva pensare di usare la ruspa contro i poteri forti,quelli veri (non prendo in considerazione Grillo- ex presunto comico con ruspa-vaffa e Renzi ex-segretario con truppe residue,buona parlantina, ma tanta fuffa a livello di collaboratori....)

HappyFuture

Lun, 12/08/2019 - 06:45

È Mattarella che decide! Salvini ci tira addosso l'ira dell'ennesimo "governo tecnico" che ci riporta ai tempi di Monti e ci fa "pattumiera d'Europa". No allo sfascio del governo

routier

Lun, 12/08/2019 - 06:59

Ma non si è sempre detto che le votazioni sono il sale della democrazia? Evidentemente a qualcuno piace insipida!

Mauritzss

Lun, 12/08/2019 - 07:18

E che dicono i magnifici 5 sull'invasione dell'Italia ?? . . .

prosecco

Lun, 12/08/2019 - 07:26

Questa è vera follia, Matteo ti costringe ad avere il buon senso.

Duka

Lun, 12/08/2019 - 07:31

Ma il primo nemico è lui stesso. Dal mio punto di vista questa esperienza, chiamiamola così, non doveva nemmeno iniziare; e qui le colpe non sono tutte di Salvini ma a livelli molto più alti. Visto che la frittata è stata consumata, Salvini e la Lega hanno cannato i tempi tecnici con il risultato che i tempi si allungheranno e di molto quindi, a differenza di quanto furbescamente dicono i KOM, la lega perderà una valanga di consensi. E' il gioco dei Komunisti lo capisce un bambino.

mirkobergamo

Lun, 12/08/2019 - 07:31

In pratica, o al governo ci sta anche il pd oppure non se ne fa nulla.....loro comunque ci devono essere sempre....

Ritratto di massacrato

massacrato

Lun, 12/08/2019 - 07:36

5 figure i cui ruoli andrebbero rivisti con dimensionamenti più consoni alla realtà pratica.

mcm3

Lun, 12/08/2019 - 07:47

Riduzione del numero dei parlamentari, aumento dell’Iva e finanziaria, non sono alibi, sono priorita' da cui Salvii scappa, fino ad oggi ha fatto solo campagna elettorale, ma non si possono affrontare questi tre argomenti parlando dalla spiaggia, deve fare proposte serie e realizzabili, lo fara' ??? Non dimentichiamoci che la sua scuola si chiama Berlusconi, solo chiacchiere in campagna elettorale, mai nulla realizzato

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 12/08/2019 - 08:18

Voglio proprio vedere come le "attuali istituzioni"(frutto di decenni di gestione "non attualizzata",di persone in posizioni "non attualizzate"),passerebbero INDENNI,dal mettere in atto un piano di questo tipo,con il 45%(Lega + FdI)di ITALIANI contro!...Non ho ancora capito la posizione di FI....

VittorioMar

Lun, 12/08/2019 - 08:28

..ce ne sono molti di più ..c'è l'ONU...gli SPECULATORI FINANZIARI...i MEDIA ...i Giornaloni ..I giornalistoni tromboni..E QUANTI CE NE SONO...!!!..e PER IL MOMENTO la LEGA E SALVINI RESISTONO..!!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 12/08/2019 - 08:58

Ne mancano tanti altri: Grasso, Fratoianni, Boldrini, "meno" Europa. Tutta la crème di estrema sinistra. Per attaccare ladestra sono compattissimi. Poi, a disastri compiuti si accusano l'un l'altro. Questa è la nostra classe dirigente fa 75 anni. Non chiedetevi opoi perchè l'Italia va sempre male e ha un debito irrisolvibile tra i maggiori al mondo. Sapete pure con quali percentuale i questuanti sopra urlanti hanno contribuito a raggiungere il record. E se ne vantano pure.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 12/08/2019 - 09:22

@VittorioMar - non solo resistono, ma aumentano.

Alfa2020

Lun, 12/08/2019 - 10:37

Certo con il 18% che vi ritrovate e normale che non volete andare al voto non cambia niente L'Italiani lo capiscono dopo avete solo 1% BAY BAY