Liliana Segre: "Sono esausta, ma non mi arrendo"

La senatrice a vita pronta a guidare la commissione contro l'odio: "Sono stata in dubbio, ma ci credo e spero di reggere"

Liliana Segre si dice "esausta" ma non molla: "La tentazione di abbandonare il campo ogni tanto si affaccia. Se a quasi 90 anni finisci bersagliata da insulti, sotto scorta, senza più la vita semplice e riservata di prima, credo sia normale chiedersi 'ma chi me l’ha fatto fare?'. Però dura poco, non sono una che si arrende facilmente". In un'intervista rilasciata al Corriere della Sera ha detto di essere pronta a guidare la commissione contro l'odio: "Se me la propongono, sono dell’idea di dire sì. Sono stata in dubbio e certo il calendario degli anni non va indietro. Ma io credo in questa Commissione, dunque spero di reggere". L'astensione del centrodestra lo scorso 30 ottobre, lo striscione di Forza Nuova esposto a Milano vicino al teatro in cui stava parlando, l'assegnazione della scorta, i messaggi d'odio e le polemiche: "Troppa esposizione, troppo odio, troppe polemiche, troppa popolarità, troppo tutto. Alla mia età mi trovo a condurre un’esistenza che non avrei mai immaginato".

La senatrice a vita ha risposto duramente a chi critica la sua commissione, giudicata da molti un "bavaglio" alle opinioni contrastanti: "Sono arrivati al paradosso di ribattezzarla con tono demonizzante “Commissione Segre-Boldrini” gli stessi partiti che nella passata legislatura, alla Camera, avevano approvato all’unanimità le conclusioni della Commissione Jo Cox, cioè la vera 'Commissione Boldrini'. Siamo seri". Ha precisato che la commissione "non può giudicare né censurare nessuno e non può cambiare le leggi", ma si tratterebbe solo di "studiare un fenomeno, avanzare proposte su un problema per cui tutti, anche gli esponenti dell’opposizione quando parlano a telecamere spente, si dichiarano allarmati".

La scorta

La sopravvissuta ad Auschwitz-Birkenau ha spiegato che la scorta non è stata richiesta dai suoi famigliari, ma il Comitato per la sicurezza e l'ordine pubblico della Prefettura di Milano ha ritenuto di garantirle una tutela. E tale assegnazione l'ha fatta rimanere di stucco: "A quasi 90 anni e per la sola colpa di essere una sopravvissuta alla Shoah e di esporre pacatamente i miei convincimenti, c’è bisogno che sia tutelata la mia sicurezza". La Segre ha colto l'occasione per ringraziare i carabinieri che la scortano: "È certo un condizionamento nella vita privata e mi disturba l’idea di essere un peso per lo Stato, però i carabinieri che mi accompagnano sono ragazzi meravigliosi che mi hanno adottata come una nonna, non solo con professionalità, ma anche con affetto".

I messaggi di odio

Sono inoltre emersi dubbi anche sul numero di messaggi di odio ricevuti dalla senatrice ogni giorno, inizialmente stimati sui 200: "Sapevo poco di questi messaggi perché non sono iscritta ai social network e i miei figli avevano deciso di risparmiarmi tali miserie. Dopo il rapporto dell’Osservatorio antisemitismo del Centro di documentazione ebraica contemporanea, ho dovuto occuparmene ed è stato molto sgradevole. Per le oscenità che ho dovuto vedere". E proprio sul numero dei 200 "si è scatenata una campagna negazionista in cui non solo veniva contestato quel numero, ma l’esistenza stessa delle espressioni di odio". E a suo giudizio lo scopo sarebbe quello di "far passare tutti per visionari o speculatori".

La Segre ha fatto sapere che gli insulti ricevuti sono una valanga: "Nessuno può dare numeri attendibili perché occorrerebbe monitorare milioni di pagine Facebook, Twitter, Instagram, siti, blog. Quello che emerge è un campione, la punta dell’iceberg. Sono stati registrati picchi in corrispondenza di una mia maggiore esposizione". Provando a spiegare anche il meccanismo: "Qualcuno inizia postando un attacco contro di me spesso veemente, non necessariamente di cattivo gusto, ma da lì parte la ridda dei commenti che si trasforma in una gara di esternazioni triviali, truci, immonde: decine, a volte centinaia, sotto ogni singolo post. Abbondano gli auguri di morte, gli insulti, il rammarico perché 'i nazisti non hanno finito il lavoro', l’accusa di essere una vecchia rimbambita e manovrata 'dai comunisti'". Ma non mancano anche riferimenti più specifici: "Parli così fino a quando non trovi un immigrato che ti stupra vecchiaccia", "Spero che la casa ti venga svaligata dagli zingari", "Un’altra da mantenere...", "Complice della Shoah dei palestinesi".

Cittadinanza onoraria

Crescono sempre di più i Comuni che vogliono darle la cittadinanza onoraria: "Mi dicono che alcune iniziative hanno risvolti strumentali. Io non me ne curo, presumo la buona fede. Così fin qui le ho accolte onorata, preoccupandomi solo - per non apparire maleducata - di avvisare che, alla mia età, non posso andare a ricevere gli attestati. Però anche questo sta diventando un nuovo terreno di battaglia di cui farei a meno". A Biella Ezio Greggio ha rinunciato dopo che le era stata negata: "Avere creato imbarazzo a quelle giunte mi dispiace. Il caso di Biella è stato però l’occasione di ricevere un fiore raro come il gesto di Greggio, che è molto più di una cittadinanza".

Ma a Napoli è stata proprio la senatrice a fare un passo indietro: "In quel caso non c’è stata una proposta dell’amministrazione comunale, ma la strumentalizzazione di un’assessora. Per rispondere alle critiche sulle sue dichiarazioni di odio verso Israele, ha detto: 'Allora facciamo la Segre cittadina onoraria'". Ha comunque sottolineato il proprio attaccamento alla città, "la prima italiana insorta contro i nazisti, ma non mi presto come scudo umano per levare dall’imbarazzo l’assessora".

L'allarme

Liliana Segre non si è pentita di aver votato la fiducia al governo giallorosso: "Non faccio parte della maggioranza, sono indipendente e decido volta per volta. Avrei preferito confermare l’astensione come per il primo governo Conte, ma ho sentito dentro di me un campanello d’allarme e ho deciso in coscienza per l’interesse del Paese". E il rischio è rappresentato da "un clima parossistico di continue forzature, con le emergenze artefatte a ogni arrivo di poche decine di disgraziati, con l’invocazione dei pieni poteri, con la preparazione di una specie di crociata. Credo che anche chi ha creato quel clima si sia poi reso conto di avere esagerato". Non ha voluto far emergere dettagli sull'incontro con Matteo Salvini: "Non voglio dire nulla perché ci siamo impegnati entrambi alla riservatezza per evitare strumentalizzazioni politiche. In ogni caso incontrarsi e parlarsi, a maggior ragione tra due colleghi senatori e concittadini milanesi, più che un gesto di civiltà dovrebbe essere considerato un fatto normale".

Nella giornata di ieri, giovedì 21 novembre, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha fatto visita al Memoriale della Shoah di Milano: "Il premier ha voluto vedere tutto e ha sforato di almeno mezz’ora sui suoi programmi perché si è fatto spiegare ogni dettaglio".

Infine la senatrice ha rifiutato la proposta avanzata da Lucia Annunziata relativa alla candidatura a presidente della Repubblica: "Mi sono trovata, mio malgrado, ad essere già una figura sulla quale si concentrano fin troppi significati simbolici. Non è il caso di aggiungerne altri e di coinvolgermi in ambiti impropri". Il ruolo del capo dello Stato deve essere infatti quello di un arbitro "che abbia le energie per correre in mezzo al campo e che soprattutto abbia una sopraffina sapienza politica ed istituzionale, come il presidente Mattarella. Non una novantenne arrivata come una marziana sulla scena politica".

Commenti

steacanessa

Ven, 22/11/2019 - 11:20

Provo tenerezza e solidarietà per la Signora Segre, ma mi chiedo cosa possa sperare dall’impegno politico. Sarà utilizzata per meschini propositi sinistri e poi buttata.

graffio2018

Ven, 22/11/2019 - 11:21

a quando la commissione per Salvini, ogni giorno minacciato di morte??

Rossana Rossi

Ven, 22/11/2019 - 11:45

Si occuperà anche dell'odio dilagante contro Salvini?.......ne dubito.....

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 22/11/2019 - 11:51

la commissione o è oggettiva oppure un'altra trovata sinistroide per ammutolire l'opposizione!!

Trinky

Ven, 22/11/2019 - 12:02

Si occuperà di far nominare senatori a vita tutti i reduci dai campi di concentramento e dalle foibe con stipendio di 20.000 euro al mese come lei?

giangar

Ven, 22/11/2019 - 12:12

Si moltiplicano le attestazioni di stima anche da parte di comuni italiani, inclusi quelli ad amministrazione leghista, verso questa grande donna che attestano l'alto valore della sua testimonianza e confermano la bontà della scelta di chi l'ha voluta senatore a vita.

Ritratto di repvbbliQetta...

repvbbliQetta...

Ven, 22/11/2019 - 12:14

ma quale cittadinanza onoraria, SANTA SUBITO

buonaparte

Ven, 22/11/2019 - 12:56

COME MAI NON SI PARLA DELL'ITALIANO CHE HA SALVATO PIU EBREI AL MONDO - 10.150 .. PER LUI IN ISRAELE HANNO FATTO UN BOSCO PER RICONOSCENZA CON 10150 ALBERI CHE CERANO AI TEMPI DI GESU . TANTI ALBERI QUANTI SONO GLI EBREI SALVATI DA QUESTO GRANDE UOMO. PENSATE QUANTO VALE LA TERRA IN ISRAELE - VALE SANGUE- E CAPIRETE CHE GRANDE OMAGGIO GLI HANNO FATTO .. E QUI IN ITALIA NESSUNA CITTADINANZA ? VERGOGNOSI .LA PERSONA CON CUI HA SALVATO GLI EBREI -WALLEMBERG- è CITTADINO ONORARIO IN USA E CANADA . I RUSSI COMUNISTI LO CATTURARONO E LO UCCISERO,. MEDIATE GENTE E STUDIATE LA VERA STORIA .

agosvac

Ven, 22/11/2019 - 13:17

Se si trattasse di una buona causa , sarebbe encomiabile. Purtroppo non riesce a capire che è stata strumentalizzata e che questa commissione servirebbe a ben altro che all'antisemitismo che, tra l'altro, in Italia non è mai esistito. Se, infatti, fosse esistito, non si capisce come mai una donna intelligente come la signora Segre sia rimasta tantissimi anni in Italia invece di andarsene in Israele.

8

Ven, 22/11/2019 - 13:29

Se gli argomenti hanno la forza della verità, la Dignità può celarsi dietro un onorevole silenzio. Nel caso specifico una torta di mele o un lavoro a maglia.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Ven, 22/11/2019 - 13:53

Beh dovrebbe pure ringraziare gli italiani che le pagano gli stipendi sa senatrice a vita,tutti gli italiani contribuiscono con piacere visto il dolore del suo passato,ma tutti e non una sola parte politica.

valerie1972

Ven, 22/11/2019 - 13:55

Certo, certo, la commissione non censura nessuno e non cambia le leggi, studierà i fenomeni che le pare vedendo quello che le pare. Ti crediamo sulla parola e dormiremo tutti sonni tranquilli, tanto che pericolo c'è? Siamo in democrazia, no? E sappiamo che la volontà democratica e i responsi elettorali per voi e i vostri scagnozzi in piazza sono cose sacre e inviolabili, giusto?

Ritratto di Giusto1910R

Giusto1910R

Ven, 22/11/2019 - 14:06

Sono certo che l'integrità intellettuale e la forza morale della Senatrice a Vita Liliana Segre arriverà fino al punto di argomentare e commentare le frasi dell'illustre politologa ebrea Hannah Arendt quando riportò in uno dei suoi libri le parole di un noto sionista:“Il guaio è che il sionismo ha spesso pensato e detto che il male dell’antisemitismo era necessario per il bene del popolo ebraico".

Dordolio

Ven, 22/11/2019 - 14:10

Buonaparte... dell'Italiano a cui lei accenna (GIORGIO PERLASCA) nessuno parla perchè era di destra. L'ho conosciuto e frequentato. Era stato volontario in Spagna con i Nazionalisti e non credo abbia cambiato idea politica negli anni. Infatti era abbonato al Secolo d'Italia e il suo abbonamento lo seguivo io. E suo figlio fu consigliere comunale per il MSI-DN. Chiaro il discorso? Ci sarebbe poi altro da dire, ma me ne astengo, essendo troppo politicamente scorretto. Lo si potrebbe comunque trovare scritto proprio su questo giornale, pubblicato nell'agosto di molti anni fa. Quando - forse - certe cose si potevano dire e scrivere. Ora no. Con certe "commissioni" in preparazione è meglio tacere.

Calmapiatta

Ven, 22/11/2019 - 14:10

"non può giudicare né censurare nessuno e non può cambiare le leggi", ma si tratterebbe solo di "studiare un fenomeno, avanzare proposte..." Di fatto, allora, è una commissione che non serve a nulla, non risolve nulla e che non ha alcun impato sulla realtà. Quindi, a cosa serve?

Dordolio

Ven, 22/11/2019 - 14:21

Credo non ci sia giorno in cui la Segre non appaia in qualche circostanza pubblica. L'ho vista nei giorni scorsi illustrare a Conte il famoso "treno della memoria" ad esempio. Sempre tirata di qua e di là ci credo che sia esausta. Impegnata poi a ripetere cose notissime, che riproposte in continuazione ti fanno cambiar canale o svicolare da celebrazioni (a meno che tu non sia COSTRETTO a parteciparvi come spesso penso sia). Guardate che è una donna anziana la Segre. Va tutelata e protetta. A meno che - conoscendovi - già non prepariate il suo funerale e successiva esaltazione mediatica perenne. Imputando la sua dipartita ad un nazifascismo morto e sepolto. E non invece alla pressione e compressione mediatica a cui stiamo assistendo.

lento

Ven, 22/11/2019 - 14:37

i sentimenti di una persona non si comandano.... mai.

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Ven, 22/11/2019 - 16:06

@bonaparte Il merito di uomo non si calcola solo sulla base del suo rapporto con gli ebrei. Se non sbaglio Perlasca utilizzò soldi pubblici avuti in affidamento per l'acquisto di viveri destinati ai civili italiani per le sue opere buone. Qualche ebreo ha potuto lasciare l'Ungheria, ma qualche italiano è morto di fame in patria.

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 22/11/2019 - 17:26

Da una donna che viene da un popolo che é stato molto odiato ci vuole molta personalità per essere generosa verso tutti. Spero che riesca nel suo "progetto", ma non le sarà facile. Auguri.

killkoms

Ven, 22/11/2019 - 17:32

è triste che all'età che ha e cojn quello che ha passato si presti a delle speculazioni!

buonaparte

Ven, 22/11/2019 - 18:28

QUINTUS BALLE .. I SOLDI CHE LUI UTILIZZò ERANO SPAGNOLI CHE LUI TROVò NELLA AMBASCIATA SPAGNOLA LO DICONO ANCHE NEL FILM .. QUESTA è STATA UNA DELLE TANTE CALUNNIE MESSE IN GIRO DAI COMUNISTI CON I SUOI FALSI STORICI E GIORNALISTI CHE NON POTEVANO SOPPORTARE CHE L'UOMO AL MONDO CHE HA SALVATO PIU EBREI FOSSE UN FERVENTE FASCISTA. CADEVA IL LORO TEOREMA CHE SPACCIANO ANCORA OGGI DEI FASCISTI ASSASSINI DEGLI EBREI. RICORDO CHE MORIRONO 6219 EBREI ITALIANI E SOLO LUI NE HA SALVATI 10150 EBREI .. QUASI IL DOPPIO .PENSA CHE DOPO CHE TUTTO IL MONDO LO AVEVA PREMIATO LO HA DOVUTO PREMIARE ANCHE L'ITALIA CON NAPOLITANO - FASCISTA DEI GUF PADOVANI -EBBENE NON LO ANDARONO NEMMENO A PRENDER CON TUTTE LE AUTO BLU E LA CERIMONIA FU FATTA CON IL SOLO NAPOLITANO IN UNA STANZETTA IMPEDENDO ANCHE L'ENTRATA DEI FOTOGRAFI E DOPO 4 MESI LI CHIESERO IL COSTO DELLA ONORIFICENZA . INFORMATI ANCHE DI QUESTA VERGOGNA COME QUELLA CHE HAI DETTO TU