L'ultimatum di Di Maio: "O governo Conte o voto". E poi incontra Mattarella

Luigi di Maio risponde a Matteo Salvini: "oi siamo stati responsabili e chiamiamo tutti alla responsabilità. O governo Conte o voto subito"

Di Maio risponde a Salvini a stretto giro in un'infinita tenlenovela. Ieri il capo politico del Movimento Cinque Stella aveva cercato di sparigliare le carte lanciando un messaggio di collaborazione al Colle dopo il "no" a Savona, il naufragio del governo Conte e gli attacchi a Mattarella con tanto di richieste di impeachment. Ma stamattina il grillino è stato gelato dal leader della Lega che da Pisa ha chiuso la strada ad un possibile, e in qualche modo inatteso, ritorno in campo dell'esecutivo giallo-verde.

Mentre Cottarelli sta ancora lavorando sulla squadra dei ministri, in attesa - pare - di capire se ci saranno sviluppi per la nascita di un governo politico. Salvini, però,è stato chiaro: "Riaprire a chi? A che cosa? - ha detto il leghista - Non è che siamo al mercato". Nessuna ipotesi, dunque, di tornare al Quirinale: "L'unica cosa da fare a questo punto è chiedere al presidente della Repubblica la data delle elezioni, prendere una marea di voti e governare per conto nostro". In fondo anche stamattina Centinaio aveva confermato che la Lega avrebbe comunque continuato a proporre Paolo Savona come ministro dell'Economia. E Giancarlo Giorgetti, braccio destro del segretario del Carroccio, ha ribadito che "è difficile che maturi perchè se non c'erano le condizioni tre giorni fa è difficile che ci siano adesso". La Lega punta al voto a settembre perché, è il ragionamento del leader leghista, "ci sono le sacrosante ferie" e non si può "votare a Ferragosto".

A fronte della chiusura della Lega, a Di Maio non resta che giocare anche lui la carta del voto. "Noi siamo stati responsabili e chiamiamo tutti alla responsabilità - ha detto il capo politico M5S a Montecitorio - Crediamo che il più grande errore sia stato quello di respingere il Governo del cambiamento 48 ore fa. Ora ci sono due strade: o far partire il Governo Conte con una soluzione ragionevole o si va al voto subito". Le trattative comunque continuano. Tanto che Di Maio è appena stato a colloquio al Colle da Mattarella.

E per scongiurare un possibile asse tra Lega e M5S alle prossime elezioni, il grillino ci tiene a precisare che con il Carroccio "non abbiamo fatto una alleanza e non stiamo facendo un'alleanza. Abbiamo portato avanti un contratto di governo in cui abbiamo messo i punti sui quali eravamo d'accordo. Il M5s alle elezioni è sempre andato da solo, noi e la Lega siamo forze politiche alternative e io spero di avere l'autonomia per governare da solo, anche perché le percentuali cambieranno".

Commenti

compitese

Mer, 30/05/2018 - 12:11

Tempo scaduto! Tutti a fare la doccia!

Ritratto di huckleberry10

huckleberry10

Mer, 30/05/2018 - 12:28

Di Maio o il capo politico, questa è la roboante denominazione con la quale in personaggio è solito farsi chiamare, ormai si è ampiamente squalificato a forza di continue giravolte, di prese di posizioni contraddittorie ed antinomiche assunte a brevissima distanza. Il leader dei 5 Stelle ora desta al essenzialmente tenerezza e compatimento.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mer, 30/05/2018 - 12:51

Ma piantala.fai una cosa seria, riunisci il tuo partito e discutete-se ne siete capaci- prima di lanciarvi in dichiarazioni che durano mezz'ora prima di nebulizzarsi.ragionateci sopra-se ne siete capaci- prima di parlare e prendere una posizione.E la stessa cosa vale per i tuoi "colleghi" salvini,meloni e renzi, tutti ormai presi dal dover commentare ogni dieci minuti via social.Questa non è politica, questo è dilettantismo allo stato puro.Imparate a stare al mondo.

Ritratto di MyriamZ.

MyriamZ.

Mer, 30/05/2018 - 12:51

Voto e punto. Paura? E non rompete le scatole durante l'estate. Mattarella ha voluto la bicicletta e ora pedala, come il PD e compagnia bella, sulla nostra pelle.

greg

Mer, 30/05/2018 - 12:57

La disperazione di DI MAI che vede sempre più lontano il suo sogno onirico di diventare PdC. lo aveva promesso alla sua famiglia, sarebbe diventato il blasone per un futuro titolo di barone meridionale, lo aveva promesso a tutta la guapperia napoletana, lo aveva promesso a tutti gli scansafatiche del meridione che nella promessa del reddito di cittadinanza ci avevano già fatto conto per poi vivere in perenne vacanza dal lavoro (quella brutta cosa lì che ti costringe anche a sudare!!!). Lui che sarebbe diventato il divo di tutte le trasmissioni TV, con interviste anche al cesso, il suo ufficio, e forse aveva fatto anche un pensierino a diventare anche un attore, alla maniera di Reagan, immortalato per i posteri a venire. Peccato DI MAI, ma mi sa che non diventerai DI MAI più del guappetto che sei

manson

Mer, 30/05/2018 - 13:41

Basta al voto immediatamente, l'unico modo per evitare il voto: Mozzarella si scusa nomina i ministri senza cambiare una virgola e da le dimissioni

schiacciarayban

Mer, 30/05/2018 - 13:51

Di Maio quanti ultimatum hai dato ultimamente? Ormai fai solo ridere. Torna a vendere patatine.

Ritratto di giovinap

giovinap

Mer, 30/05/2018 - 14:08

greg, di maio sarà anche un "guappo" napoletano, tu sicuramente sei un idiota cialtrone! che sta aspettando la flat tax, che è il reddito di cittadinanza dei patani evasori fiscali come te. fattene una ragione, salvini è lo zerbino di di maio!

salvatore40

Mer, 30/05/2018 - 14:25

Il Cavaliere si proponga come Salvator Patriae !

Popi46

Mer, 30/05/2018 - 14:42

Beh, col suo faccino dall’espressione fissa,il collo della camicia inamidato, il nodo della cravatta impeccabile, l’eloquio di uno che recita a memoria un copione scritto,ben si presta per essere il protagonista della telenovela infinitamente immobile in onda da cinquanta puntate...

Ritratto di Camaleonte48

Camaleonte48

Mer, 30/05/2018 - 15:06

Caro Luigi Di Maio talvolta nella vita bisogna anche saper tacere per evitare ulteriori complicazioni.

Pinozzo

Mer, 30/05/2018 - 15:07

La cosa incredibile e' che in italia due italiani su tre credono davvero che con le pezze al c**o come siamo possiamo permetterci due cose che non ha nessuno dei paesi piu' ricchi di noi, la flat tax e il reddito di cittadinanza.

Antonio Chichierchia

Mer, 30/05/2018 - 15:43

Silvio for President !!

abocca55

Mer, 30/05/2018 - 16:22

I due bulli si azzufferanno come due galli da combattimento. Nal mentre uscirà dalla migliore Italia un uomo di prestigio che saprà salvarci dal baratro dell'ignoranza e dell'impotenza che ci affligge.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mer, 30/05/2018 - 17:45

O Conte o voto (lui), o Savona o voto (Salvini). Silvio in mezzo al guado comunque!

greg

Mer, 30/05/2018 - 17:47

GIOVINAP - che suona tanto come un poveraccio di Giovinazzo, Puglia, attratto dalle promesse di prendere soldi, dello stato, senza lavorare, grazie al guappo (di sinistra) che promette ciò che non potrà mai dare e con sodi che non ha. Circa me, io sono un imprenditore di successo. Le mie macchine lavorano nei cantieri di mezzo mondo, non vivo più in Italia dal 2006 quando me ne andai nauseato dai brogli della sinistra prodiana che voleva il potere di gestire i soldi dello stato per metterseli in tasca, cosa che il farfuglione scandianese fa da una vita. Io non ho bisogno della flat tax perchè le tasse le ho sempre pagate, in Italia, e le pago ora nei due paesi dove ho residenza e fabbriche, Stati Uniti e Australia, dove vivono tanti meridionali italiani, bravissima gente e grandi lavoratori che si vergognano di Di Maio e Di Battista, per non parlare di Grillo, il buffone assassino

Ritratto di LEGIONECRISTIANA

LEGIONECRISTIANA

Mer, 30/05/2018 - 18:12

Mamma mia, quando parla Di Maio tremano tutti! Che paura che fa.

Ritratto di Solo contro tutti

Solo contro tutti

Mer, 30/05/2018 - 18:26

@huckleberry10 La definizione di "capo politico" è prevista dal rosatellum. Non è "la roboante denominazione con la quale in personaggio è solito farsi chiamare". Studia, capra! P.S. Non le fornisco neanche i riferimenti normativi, se li trovi da sè.