Migranti, l'Ue dà fondi extra (ma solo a Spagna e Grecia)

La Commissione assegna 45,6 milioni di euro supplementari a Madrid e Atene per far fronte alle "sfide" presentate dai migranti

Dopo il Consiglio Europeo sui migranti, a Bruxelles si cerca ancora di mettere ordine alla confusa situazione politica nella speranza di evitare che l'Ue cada sotto i colpi dei partiti contrari "all'invasione".

Sul tema migranti, infatti, sta rischiando di sfaldarsi la Germania di Angela Merkel. Ed è sul controllo delle frontiere che Marcon, Conte e la Spagna sono arrivati ai ferri corti la scorsa settimana. Il vertice Ue si è chiuso con un accordo debole, fatto di molti "condizionali" e poche certezze. Tanto che, subito dopo la lunga trattativa notturna, il presidente francese e il premier italiano hanno avuto uno scontro a distanza, tra affermazioni e smentite, su chi dovrà aprire i nuovi centri di accoglienza per i profughi.

In tutto questo caos politico, con l'Italia che era andata a Bruxelles per chiede maggior sostegno (ricevendo grandi rassicurazioni), la Commissione europea ha deciso di assegnare un bonus extra ad alcuni Stati membri per far fronte alle "sfide migratorie". E a chi ha deciso di affidarli? Al Belpaese, che negli ultimi due anni (2015-2017) ha visto sbarcare sulle proprie coste 300mila immigrati? Macché: solo a Spagna e Grecia, che intascheranno 45,6 milioni di euro (da dividere).

Briciole, per carità. Ma in politica, spesso, quello che conta è il gesto. E quella dell'Ue non sembra certo una mano tesa verso l'Italia. "La Commissione continua a rispettare l'impegno di sostenere gli Stati membri sotto pressione - , ha detto Dimitris Avramopoulos, commissario Ue per la migrazione - la Spagna ha visto aumentare il numero degli arrivi durante lo scorso anno e dobbiamo rafforzare il nostro sostegno per aiutare a gestire tali cifre e rimpatriare coloro che non hanno il diritto di rimanere". Ecco spiegati i nuovi fondi in arrivo. E Atene? Sebbene "l'accordo Ue-Turchia ha contribuito notevolmente a ridurre il numero di arrivi in Grecia", dice Avramopulos, "il paese sta ancora affrontando forti pressioni migratorie, in particolare sulle isole". Quindi ben vengano altri soldini.

Eppure i numeri dicono che negli ultimi tre anni è stata l'Italia quella che ha accolto più migranti. Nel 2018 i tre Paesi sono sostanzialmente pari, con 17mila arrivi in Spagna, 13mila in Grecia e 16mila in Sicilia. Ma nei due anni precedenti (2016 e 2017) la bilancia pende tutta dal lato del Belpaese. Mentre Madrid si è fatta carico di appena 42mila stranieri e gli ellenici si sono fermati a 203mila, Roma ha visto passare dai suoi porti oltre 300mila richiedenti asilo. Ora: passi pure Atene, che nel 2015 ha dovuto affrontare l'afflusso di quasi un milione di profughi; ma perché coinvolgere la Spagna nel bonus extra ed escludere l'Italia? Chissà.

I due Stati, dunque, per far fronte alle "sfide migratorie che devono affrontare" riceveranno 45,6 milioni di euro. Di questi, 25,6 andranno a Madrid per migliorare le capacità di accoglienza lungo la costa meridionale, a Ceuta e Melilla, e per intervenire in maniera più efficace nell'ambito dei rimpatri. Mentre i 20 milioni destinati ad Atene finiranno all'Unhcr che dovrà utilizzarli per migliorare le condizioni di accoglienza nell'isola di Lesbo. E l'Italia? Nisba.

Commenti
Ritratto di roberto-sixty-four

roberto-sixty-four

Lun, 02/07/2018 - 14:48

Se per "Far fronte alle sfide migraorie", si intende spese di vitto alloggio e altro, meglio cosi', non siamo evidentemente tenuti ad affrontarle. Avanti cosi' Matteo! Porti chiusi ai clandestini.

Ritratto di Antipupazzo

Antipupazzo

Lun, 02/07/2018 - 14:54

Beneee, così ora non siamo più tenuti ad accoglierli. Vadano pure in Spagna e Gracia (ultimi due paesi comunisti in Europa. Ce ne faremo una ragione.

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Lun, 02/07/2018 - 14:54

All'Italia niente fondi? Bene, una ragione in più per non accoglie nemmeno un clandestino!

Gianni11

Lun, 02/07/2018 - 14:55

BENE! Non vogliamo ne i soldi ne gli invasori. Se li tengano tutti loro.

steacanessa

Lun, 02/07/2018 - 14:56

Una botta di orgoglio! Acquistiamo noi privati il debito pubblico circolante all’estero e diamo l’addio all’espressione geografica chiamata europa!

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Lun, 02/07/2018 - 14:57

Ma che cavolo di elemosina è 45 milioni di € quando l'Italia versa all'UE miliardi di €uro all'anno ?!? (14 miliardi per l'esattezza, nell'anno 2015, fonte dati EUROSTAT e Com.UE, con ritorno di fondi europei per 12 miliardi - SIAMO QUINDI IN DEFICIT DI 2 MILIARDI di €). Per che cosa poi? per farci riempire di migranti? o per vedere penalizzate le nostre AGRICOLTURA e PESCA MARITTIMA ?!? Ma chi è quel genio che ha governato l'ITA dal 2013 al 2017, per vedere realizzato questo ?!? C'è da crederci che in EUROPA non vogliono mollare l'Italia, facciamo loro TROPPO COMODO !!! MA LA VERA DOMANDA E' : PER QUANTO TEMPO ANCORA NOI ITALIANI DIMOSTREREMO DI ESSERE COSI' SCIOCCHI ???

Libertà75

Lun, 02/07/2018 - 15:01

ottimo, vuol dire che la UE riconosce all'Italia il diritto di difendere i propri confini... purtroppo il tutto è un circolo vizioso, con il rischio che il più intelligente sbanchi il tavolo... e indovinate un po' chi è il più intelligente al momento?

Fearlessjohn

Lun, 02/07/2018 - 15:02

Speriamo che le porcate dell'EU arrivino fino a darci l'opportunità di levare le ancore e andarcene senza pagare pegno. Non credo manchi molto e se capiterà l'occasione sono sicuro che Salvini non se la lascerà scappare.

cangurino

Lun, 02/07/2018 - 15:03

come giustamente dice Di Maio, l'Italia versa nelle casse della UE venti e rotti miliardi di euro l'anno. Basterà trattenere la giusta quota che vada a coprire il costo dell'accoglienza, in attesa di rispedire le risorse al loro paese, dove diverranno realmente risorse e non dilapidazione di nostre tasse. Diciamo che 5 miliardi sono la cifra giusta da trattenere.

Tip74Tap

Lun, 02/07/2018 - 15:05

Considerando che i rappresentanti del PD che presero il 40% dei voti (mi pare fosse il Partito Europeo più rappresentativo) sono contro questo Governo mi vien da pensare che questa esclusione sia frutto del loro sacco.

DRAGONI

Lun, 02/07/2018 - 15:06

URGE USCIRE DA UNA ASSOCIAZIONE OSTILE ALL'ITALIA!!!

Scirocco

Lun, 02/07/2018 - 15:07

Meglio!!! Almeno in questo modo non avremo più soldi per pagare le cooperative e le onlus che fanno a gara per prendere gli immigrati con l'unico scopo di beccare la prebenda giornaliera e nel giro di poco, grazie anche al gran lavoro del Ministro degli Interni,di clandestini non ne arriveranno più e da nessuna parte del mondo.

GiovannixGiornale

Lun, 02/07/2018 - 15:07

Ottimo, loro si tengono questi spiccioli e noi ci teniamo i porti chiusi.

Ritratto di karmine56

karmine56

Lun, 02/07/2018 - 15:10

Grazie ue, mi hai tolto il peso dell'accoglienza.

ESILIATO

Lun, 02/07/2018 - 15:11

Ora se ci accusano di non dare rifugio ai clandestini che cercano di entrare nel nostro territorio possiamo giustamente dire " non abbiamo i fondi e l'Europa non gli ha stanziati per noi" capitolo chiuso.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Lun, 02/07/2018 - 15:11

PERFETTO! Si vendano loro, per 30 denari!

sgarbistefano

Lun, 02/07/2018 - 15:13

Cosa dovevamo aspettarci? la Spagna è da sempre asservita agli interessi della Germania (e così, ad esempio, ha salvato le proprie banche senza far pagare pegno ai risparimatori). La Grecia, dopo il "trattamento" subito dalla Troika, sembra affetta da "sindrome di stoccolma". L'Italia? E' considerata come da sempre, storicamente: paese di secondo rango, che non deve neppure osare trattare alla pari con i "grandi". I pochi milioni destinati a Grecia e Spagna, più che uno "schiaffo" a Conte, sono un piccolo premio alla "fedeltà canina" mostrata da questi due paesi all'asse franco-tedesco, durante l'ultimo vertice europeo.

audace

Lun, 02/07/2018 - 15:20

Felice per la notizia, che accolgano Spagna e Grecia ….

Ritratto di LadyCassandra

LadyCassandra

Lun, 02/07/2018 - 15:25

In realtà i soldi alla Spagna e Grecia li stiamo dando noi che siamo contribuenti netti, infatti la Spagna versa all'UE 9,564 miliardi e ne RICEVE 11,593 cioè RICEVE più di quello che PAGA e i soldi che riceve vengono dalle tasse pagate dai cittadini dei paesi che sono invece contribuenti netti, o meglio contribuenti FESSI come noi. Stessa cosa dicesi per la Grecia che versa 1,509 miliardi e ne RICEVE 5,850. Il nostro controllo su come l'UE spende i nostri soldi è ZERO e il risultato è che DOBBIAMO PAGARE con soldi europei per mantere i clandestini altrui oltre a mantenere i nostri con i soldi italiani.. Quando ci decideremo ad uscire da questa macchina infernale chiamata UE sarà sempre tardi.

Albius50

Lun, 02/07/2018 - 15:32

Quando entro in un supermercato ormai ESCLUDO QUALSIASI PRODOTTO FRANCESE, SPAGNOLO E TEDESCO, la mia auto è una HUNDAY da quando queste nazioni con un bel colpo di mano anno escluso la FIAT, LA RETE E DI FASTWEB che è Svizzera dobbiamo soffrire all'inizio ma poi raccoglieremo i frutti.

manson

Lun, 02/07/2018 - 15:34

bene: ora abbiamo un appiglio in più per rifiutare qualsiasi clandestino che tramite ong o per conto suo cerca di intrufolarsi in Italia per puppare. Cerchiamo anche di mandare meno soldi all'Europa fino a quando i 600.000 impestati clandestini non saranno cacciati

kaka

Lun, 02/07/2018 - 15:44

steacanessa 14.56 Sono d'accordo, anzi, ieri leggevo un articolo dove si prospettava che l'emissione mensile dei titoli di stato, anziché venderli all'estero, si potrebbero piazzare ad acquirenti italiani, famiglie e risparmiatori ad un tasso di interesse dignitoso, andrebbero a ruba. Molti compatrioti, da anni hanno deciso di tenere il contante sotto il materasso in quanto, lasciandoli in banca, sono continuamente a rischio, da quando il Sig. AMATO ed altri filibustieri, durante un weekend, ci tassavano anche in modo retroattivo derubando i nostri risparmi.

Ritratto di babbone

babbone

Lun, 02/07/2018 - 15:46

Matteo continua così, con i porti chiusi non abbiamo bisogno di denaro per affrontare il problema.

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Lun, 02/07/2018 - 16:22

A BRUXELLES C'E' UN'IMMONDA ACCOZZAGLIA DI PARASSITI CHE COSPIRE PER DISTRUGGERE I POPOLI EUROPEI. SOLE LE DESTRE DURE E PURE DARANNO A NOSTRI STATI LA FORZA PER CACCIARE VIA QUESTA MARMAGLIA PAGATA DA CHI LUCRA SUL TRAFFICO DEI CLANDESTINI !!!

cangurino

Lun, 02/07/2018 - 17:11

@Albius50, concordo. Anche mia moglie, quando va a fare la spesa, compra se possibile prodotti italiani. soprattutto alimentari, come frutta e verdura, riso, pasta, olio. Purtroppo non sempre l'etichetta è chiara, ma basta prenderci la mano e la soddisfazione è massima. Mi auguro che il governo faccia qualche campagna di sensibilizzazione sul prodotto italiano, dove molti pesticidi e concimi chimici devono essere controllati.

CidCampeador

Lun, 02/07/2018 - 19:10

bene niente piu contributi all'europa

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 02/07/2018 - 19:42

Usciamo subito, con tutti i miliardi che versiamo...per poi ricevere solo schiaffoni da 4 ciarlatani social-komunisti. Meglio andarsene che aver a che fare con gentaglia simile.

Maura S.

Lun, 02/07/2018 - 19:52

E un bene, così ne siamo esonerati.

elpaso21

Lun, 02/07/2018 - 19:52

Ma questa Commissione europea chi è che l'ha eletta?? Da dove salta fuori?? E' forse stata creata in base ad un accordo-capestro firmato da Berlusconi o da Renzi senza neanche leggerlo??

elpaso21

Lun, 02/07/2018 - 19:55

L'Europa deve essere fondata soltanto su un accordo monetario che permetta di avere l'Euro come moneta comune. Tutto il resto è una presa in giro.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Lun, 02/07/2018 - 20:16

Perchéé prima i fondi "Extra" glie li dava ai comunisti italiani, con versamenti estero su estero.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mar, 03/07/2018 - 07:08

LadyCassandra - 15:25 In effetti .. A noi non torna mai quello che abbiamo annualmente versato: poco ma sicuro.