Pensionati d'oro contro Di Maio: "Nessuna lezione da un evasore"

Mobilitazione a Milano: "Noi abbiamo sempre pagato tutti i contributi" Ma il vicepremier tira dritto: "Tagli del 40% e stop alle rivalutazioni"

Milano Per la prima volta hanno deciso di unirsi. Compatti. È la rivoluzione degli ex. Magistrati, avvocati, diplomatici, militari, medici, dirigenti, tutti insieme per dire no a Luigi Di Maio e «al suo governo di incapaci» che vuole mettere le mani in tasca agli unici che nella loro carriera hanno mai mancato di onestà nei confronti dello Stato. «E questo è inaccettabile, oggi non si parla più di contrasto all'evasione fiscale, perché è più facile scovare i pensionati, i cui redditi sono negli elenchi dell'anagrafe tributaria e che hanno fatto i loro doveri di contribuenti», tuona Giorgio Ambrogioni, presidente di Cida, la confederazione dei dirigenti e delle alte professionalità, aprendo i lavori del convegno «Non c'è equità senza merito», al teatro Nuovo di Piazza San Babila a Milano, che ha visto insieme tutte le associazioni più rappresentative della dirigenza, pubblica e privata. In tutto 850mila associati che rappresentano meno del 4% dei pensionati ma, guarda un po', da sempre i più vessati.

L'assemblea (oltre mille delegati) ha approvato una mozione, inviata anche a Sergio Mattarella, per ottenere da Di Maio un confronto contro una legge «frutto di speculazioni ideologiche, di rancori personali, di invidia sociale portata a metodo di governo». Ma non chiamateli «pensionati d'oro» termine che a loro sta altamente antipatico: «Semmai siamo contributori d'oro! Non è accettabile che siamo sempre gli unici a rispondere agli appelli di solidarietà», dice Guido Carella, presidente di ManagerItalia. «Perché quello che abbiamo oggi ce lo siamo guadagnato fino all'ultimo centesimo - dice Eros Andronaco, vicepresidente di Federmanager - Le pensioni che percepiamo ce le siamo guadagnate attraverso responsabilità e sacrifici, versando contributi enormi. I nostri stipendi erano alti? Certo. Perché alte erano le nostre responsabilità. Le nostre pensioni sono più elevate di altre? Ovvio. Perché noi abbiamo sempre versato contributi altissimi e agito alla luce del sole. Avete bisogno di fare cassa? Rivolgetevi ai disonesti e al lavoro sommerso. Premiare i disonesti o i nullafacenti con il reddito di cittadinanza a danno di chi si è sempre comportato lealmente lavorando tutta la vita, è inaccettabile. Siamo stanchi di vedere governi che ci mettono le mani in tasca: negli ultimi anni le nostre pensioni si sono impoverite del 20%».

È la spina dorsale della nostra economia a parlare. Per loro equità non significa egualitarismo, termine caro ai comunisti per i quali tutti sono uguali e che odiano chi produce ricchezza perché non lo sanno fare loro. No, non siamo tutti uguali, per fortuna, come vorrebbe farci credere Di Maio. Che proprio ieri, facendo imbufalire ancora di più gli ex dirigenti, se ne infischia: «Recupereremo ancora più soldi dalle pensioni d'oro. Non solo tagliando del 40% quelle sopra i 4.000 euro ma non gli facciamo nemmeno l'adeguamento all'inflazione, così ci restituiscono anche i soldi che in questi anni hanno preso ingiustamente». «È guerra e la porteremo avanti in tutte le sedi, nei tribunali, compresa la Corte costituzionale - replica Ambrogioni - Ci trasferiremo nei Paesi con sistemi fiscali più favorevoli e utilizzeremo l'arma del voto».

E c'è chi come il professor Michele Poerio, presidente di Federspev e del Forum nazionale dei pensionati, chiama Di Maio «Robin Hood da strapazzo. Essere apostrofato come parassita da questo ragazzotto non lo tollero e non escludo una denuncia per diffamazione aggravata. Quello che ci sta facendo è un esproprio di sovietica memoria, una rapina di Stato. Se sarà necessario indosseremo i gilet gialli anche noi e bloccheremo i consumi. Per questo Natale ho chiesto alla mia famiglia di non comperare regali».

Sergio Barbieri fa il medico, ed è vicepresidente del Cimo: «Siamo alla follia, il padre di Di Maio non paga i contributi ai propri dipendenti e dobbiamo farlo noi? Noi abbiamo sempre pagato le tasse e in questa platea nessuno è un evasore. Cosa che non si può dire del papà del ministro del Lavoro che non ha mai lavorato nella sua vita». E che ora vorrebbe togliere le pensioni agli unici che sostengono le colonne del Paese.

Commenti
Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Sab, 15/12/2018 - 09:38

IO SPERO CHE QUESTE FACCE DI TOLLA (persone sfrontate ed impudenti) si osservino in questa foto che li ritrae in tutta la loro spregevole tracotanza crassa. L'Italia è pronta a giocarsi le palle che le loro pensioni d'oro sono frutto di criminogeno operato. EPPOI, ci chiediamo tutti, con le fortune accumulate nel corso delle loro indecenti vite, quale necessità hanno di difendersi dal taglio che verrebbe praticato all'indecoroso furto legalizzato che praticano ??? Le pensioni medie si aggirano intorno ai millecinquecento euro, perchè loro soffrirebbero se anzichè incassare settemila, diecimila euro al mese, ne prendessero la metà o poco meno ??? CREDIAMO TUTTI INVECE CHE LA PENSIONE ALTA, PIU' CHE ESSERE UTILE PER SPENDERLA, E' IMPORTANTE QUALE STATUS SIMBOL, PER ESALTARSI AL MASSIMO NEL RITENERSI MERITEVOLI DI UN VALORE ECONOMICO ELEVATO. COME LE MEDAGLIE SUL PETTO DEI GENERALI. NON SONO UN 5S, MA QUANDO CE VO' CE VO'. -9,38 - 15.12.2018

HARIES

Sab, 15/12/2018 - 09:43

Lezione o non lezione, VIVA DI MAIO! Ci voleva un ministro giovane a fare una bella pulizia di questi magia franchi a tradimento! Il problema sarà comunque che per fare un lavoro completo, dopo decine di anni di disastri fatti dai governi precedenti, non basterà la completa legislatura di questo Governo. Mi auguro che possa esserci poi un Governo Bis, sempre capitanato da Conte. AVANTI TUTTA!

Franz Canadese

Sab, 15/12/2018 - 09:54

Il titolo e' un attimo "forte": "Nessuna lezione da un evasore". Comunque non si dice forse che le colpe dei padri ricadono sui figli?

Giuscali

Sab, 15/12/2018 - 10:07

quando ero bambino si diceva che i comunisti mangiavano i bambini. Era un modo per dire che il comunismo non riconosce la proprietà privata, che tutti sono senza proprietà e a camparti ci pensa lo stato. Non è questo il comportamento dei 5 stelle? per adesso siamo solo all'inizio. Che strano: L'accento di quasi tutti i politici 5 stelle, è siciliano e napoletano! Come i prefetti di 30 anni fa. Chissa perché?

luigirossi

Sab, 15/12/2018 - 10:09

Andate a cagare

rosolina

Sab, 15/12/2018 - 10:12

A Di Maio non pagherei niente (non solo per la sua grammatica italiana personale, ma per il doppio linguaggio che parla...non vorrei avesse la lingua biforcuta come il comico che l'ha lanciato), ma a ben pochi dottori comunque darei un baffo di nulla: vai da loro, poi esci e li senti che ne dicono di tutti i colori...salvo poi meravigliarsi che vengano presi a legnate. Questo a parte il fatto che devi raccomandarti a tutti i santi prima di farti visitare e sperare che "ci becchi" I soldi che prendete li avete spillati ai pazienti, al popolo

Ritratto di giovinap

giovinap

Sab, 15/12/2018 - 10:42

metteteli a pane e acqua!

gabriella.trasmondi

Sab, 15/12/2018 - 10:42

parassiti spregevoli che manco si vergognano.

giluca

Sab, 15/12/2018 - 10:51

Sono la vergogna dell'Italia, dovessero dire la verità su come percepiscono le pensioni così alte. Non solo perchè hanno versato tanto, ma anche perchè cerano ai tempi dei fondi che con poche lire di versamento gli hanno fatto fruttare una pensione da Beati. Un semplice autista ATM, con il fondo ROMA che oggi non hanno più, Percepisce una pensione di 1700,00/1800,00 quello che scrivo è certezza. Figuriamoci questi che sono la elite. Pensino alle persone che vivono nelle auto o sotto i ponti. Brutti egoisti.

Alessio2012

Sab, 15/12/2018 - 10:51

GIGGINO HA ALLE SPALLE TRAVAGLIO (CHE PERSINO IMITA NEI MOVIMENTI) E I SUOI PM... SE COSI' NON FOSSE NON FAREBBE TANTO IL GALLETTO E SE LA FAREBBE NELLE MUTANDE...

Ritratto di pediculus

pediculus

Sab, 15/12/2018 - 10:57

Governo del cambiamento ? Ma dai,....è chiaramente il governo dei parassiti nullafacenti, delle speculazioni ideologiche, dei rancori personali e dell'invidia sociale portata a metodo di governo!

philwoody52

Sab, 15/12/2018 - 11:01

harries, dire meno male che c'è il bibitaro che non ha fatto una mazza nella sua vita , tranne vincere alla lotteria della politca, fottendosi piu di 20000 euro al mese per sparare cxxxxxe, è un obbrobio. i signori nelle foto sono persono che se la sono sudata, pagando fior di contributi. esaltare questa nullità, che per pagare i fannulloni, vuole togliere a chi si è fatto un mazzo nella vita, è una operazione schifosa. quello che deve tagliare il bibitato è il suo favoloso stipendio.

Oberdan_68

Sab, 15/12/2018 - 11:40

Quanti messaggi sgangherati.. "la vergogna dell'Italia", "parassiti spregevoli", "persone sfrontate ed impudenti" ... neanche sull'Unità negli anni 70 si leggeva certa robaccia da bolscevichi trogloditi

cir

Sab, 15/12/2018 - 11:52

eppure un modo per non dare piu' la pensione a questi personaggi esiste....

Ritratto di antonio4747

antonio4747

Sab, 15/12/2018 - 11:53

Leggendo alcuni commenti ,scritti in modo signorile,educato e civile, ben si comprende chi veramente siano i cittadini che hanno votato per il movimento che, grazie a Salvini, sgoverna l'Italia. Queste persone non hanno compreso il concetto di democrazia, che vale solo per quello che loro pensano e scrivono, ma non per gli altri che non possono riunirsi per tutelare i loro diritti. Nessuno dei pensionati in questione ha truffato nulla, sono in pensione grazie a Leggi dello Stato italiano e grazie ai contrbuti che loro,sì, hanno versato lungo la vita lavorativa. Di Maio studi e si legga queste leggi e poi parli. Ciò detto resta solo una speranza ,che Salvini si ravveda e mandi tutti a casa, togliendo la fiducia a questo sgoverno.

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 15/12/2018 - 12:07

Questi hanno versato 10 e prendono 50. E hanno il coraggio di parlare.

giolio

Sab, 15/12/2018 - 12:12

io gli toglierei l‘80 % . ma lo sanno questi sanguisuga ,che con il debito che abbiamo ( 34mila Euro a testa incluso i neonati che vengono oggi al mondo) l‘Italia non deve ...piú pagare pensioni vergognose .Altro che diritti acquisiti . Il massimo deve essere 3 mila euro per cranio. PUNTOEBASTA !!!!!

venco

Sab, 15/12/2018 - 12:46

Pensionati d'oro quasi tutti ex dipendenti pubblici si sappi.

jaguar

Sab, 15/12/2018 - 13:02

Adesso nascerà una nuova associazione, quella dei pensionati d'oro uniti contro il governo.

Lexius

Sab, 15/12/2018 - 13:02

Si dice che non verranno "tagliati" coloro che hanno versato sempre forti contributi, escludendo quindi magistrati, prefetti, docenti universitari, primari, generali, ecc.; tuttavia si dovrebbe rivedere la promozione automatica (unico caso nella pubblica amministrazione) dei magistrati, la promozione ad hoc per il solo ultimo periodo (talvolta l'ultimo giorno)di lavoro di pseudodirigenti(pubblici e privati) o pseudogenerali, l'"ausiliaria" di alti gradi militari (stipendio percepito solo per essere disponibili ad -improbabile -richiamo in servizio).

silvano45

Sab, 15/12/2018 - 13:06

Sappiamo come andrà a finire molti di questi signori hanno ricevuto in stipendi e pensioni non commisurati al loro lavoro e alla situazione del paese neppure il presidente degli Stati uniti riceve tanto..nonostante questo saranno i magistrati che hanno accettato il taglio di adeguamento per pensioni di modesta entità a bocciare questa legge ed è facile capirne il motivo........

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Sab, 15/12/2018 - 13:37

fossero tutti ex politici, babypensionati e manager di aziende statali andate in malora allora sì che meriterebbero una aggiustata. ma così a caso no anzi, dovrebbero ridare alla gente i soldi decurtati gli anni passati. e provvedere a impostare qualcosa di costruttivo per fare soldi invece di tirarli via alla gente.

FrancoM

Sab, 15/12/2018 - 13:56

Leggo tanti sciocchi commenti da comunisti chevogliono equalizzare le retribuzioni e mai parlano dei pensionati baby, dei falsi invalidi e dei pensinati sindacalisti. I parassiti ricevono servizi in misura molto superiore di quanto pagano, vociano invece di ringraziare chi ha prodotto reddito e che ha consentito un tenore di vita migliore alla maggioranza. Continuate così, chi produce reddito si stuferà, venderà, se ne andrà in paesi migliori: vi lascierà alla mercè di multinazionali che arraffano e vi buttano poi nel cesso.

Uncompromising

Sab, 15/12/2018 - 14:45

@philwoody52 11:01 : sono d'accordo con Lei. Io non percepirò MAI la pensione che ricevono i signori nella foto, ma davvero non capisco perché dovrei detestarli, se nella vita hanno avuto un successo meritato nel proprio campo e ne hanno beneficiato. Quelli che ce l'hanno fatta, onestamente e con sacrifici, vanno insultati, mentre invece i lazzaroni vanno portati in palmo di mano ? A leggere alcuni commenti, parrebbe di sì.

8

Sab, 15/12/2018 - 14:52

"I loro stipendi erano alti perché alte erano le loro responsabilità" ? Maggiore è la responsabilità, maggiore è la pena. I risultati del loro lavoro è palpabile a livello nazionale. Magistrati, avvocati, diplomatici, militari, medici, dirigenti & politici

kobler

Sab, 15/12/2018 - 15:10

Associati a delinquere Inc. Se avessero pagato il giusto non sarebbero là a denigrare. Spero che Di Maio li porti in tribunale oltre che per non aver versato anche per dichiarazini pubbliche mendaci. E' ora di cambiare i ruoli!

kobler

Sab, 15/12/2018 - 15:15

@Oberdan_68: Sull'Unità anni 70 ti arrestavano solo se pensavi di scriverle! Forse lei non accetta i tempi che cambiano

cir

Sab, 15/12/2018 - 15:31

giolio : sante parole.

frabelli1

Sab, 15/12/2018 - 15:33

Trovo grave ed iniquo che si vogliano tagliare le pensioni a chi ha versato fio di contributi e pagato tutte le tasse al fisco. Perché queste sono persone a reddito fisso, dove dalla fonte venivano fatti i relativi prelievi su tasse e persone. Perché quindi tagliare ciò che di diritto spetta loro? Perché ad altri non arrivano? Ma hanno lavorato regolarmente? Pagato la pensione e le tasse oppure hanno intascato in nero? Sentire da chi ha lavorato e dato lavoro in nero, non pagando le tasse, che vuole imporre a chi è in regola di limitare ciò che li è dovuto è vergognoso. Io non sono un pensionato "d'oro" ma li difeso perché è ciò che spetta loro.

frabelli1

Sab, 15/12/2018 - 15:36

@Dario Maggiulli e "Facce di folla" hanno versato la loro pensione, pagando sempre tutte le tasse, al contrario di DiMaio&family. Loro lavoravano e davano lavoro in nero, non pagando i contributi e non pagando le tasse, mentre questa gente le tasse le ha pagate subito, alla fonte ed ha versato i propri contributi. Lei se non ha lavorato o ha preferito non versare perché gli faceva più comodo e non prende quella pensione, ci pensi è lei che ha evaso non loro.

cir

Sab, 15/12/2018 - 15:41

silvano45 non darlo per scontato. le leggi le fa il parlamento . altrimenti saremmo ancora fermi all editto di CARLO MAGNO.

maurizio-macold

Sab, 15/12/2018 - 15:46

Signor HARIES (9:43), io mi auguro che Di Maio paghi le sue malefatte in termini di lavoro nero e voto di scambio (vedi condono edilizio ai suoi amici ischitani) e sparisca dalla vita politica. Per il resto un taglio alle pensioni sopra i 4000 euro netti mi sembra doveroso.

Ritratto di niki 75

niki 75

Sab, 15/12/2018 - 15:49

Nello scorrere i vari commenti è facile dedurre che, la maggior parte di essi, è dettato dall'odio di classe, dall'invidia e da un mal celato senso di caccia alle streghe. Infatti non ci si rende conto che sulla parte più alta di siffatte pensioni lo Stato con l'Irpef, le Regioni ed i Comuni con le addizionali trattengono, già prima di erogarle, circa il 45% (dico quarantacinque per cento) dell'ammontare.

Davons

Sab, 15/12/2018 - 16:19

Allora vediamo: un autonomo, imprenditore, professionista, paga i contributi INPS e delle casse professionali alienando parte del reddito prodotto con la sua attività. SONO SOLDI SUOI, dunque intoccabili. Un dipendente di un'azienda privata ha parte del suo stipendio che viene trattenuto dall'Azienda e versato all'INPS. SONO SOLDI SUOI, coperti dal valore aggiunto dell'attività dell'Impresa. Un dipendente dello Stato, parastato, partecipate, assistite, integrate, locali e tutta la parafernalia pubblica, ha stipendi che non hanno un riscontro di valori valutabili in produzione o servizi che sono frutto di posizioni di casta o corporazione, gonfiati in un ginepraio di leggine, favori, accordi sindacali e/o politici, consuetudini, privilegi.I versamenti SONO SOLDI NOSTRI e quando sono stati elargiti con criteri di casta o privilegio, vanno resi. Fine.

oracolodidelfo

Sab, 15/12/2018 - 16:26

Si vede il risultato delle loro alte responsabilità....nei diversi ambiti. Hanno portato l'Italia e gli italiani allo sfascio. Spudorati e arroganti. Non sanno che ormai sul web è possibile rintracciare il loro operato e rendersi conto di tutte le loro incapacità, bugie, fallimenti. Inoltre, si guardano bene dal dire che verranno tagliate solo quelle pensioni che non hanno adeguati contributi versati, come si affanna a dire DiMaio ad es.in TV tipo Wl'Italia, Piazza Pulita ecc. Fanno pensare le dichiarazioni del Prof. Poerio...altro che indossare gielt gialli, indossate gilet rossi, come dovrebbero diventare le vostre facce..rosse per la vergogna!

Pigi

Sab, 15/12/2018 - 16:41

L'Italia spende troppo in pensioni maturate in altri periodi. Non è odio di classe, perché si tratta di gente che vive a carico dell'erario pubblico. La burocrazia autoreferenziale vorrebbe rendere autoreferenziali anche gli emolumenti, stipendi e pensioni e, purtroppo, abbiamo sotto gli occhi a cosa porta: LA GRECIA. Stipendi e pensioni pagati dall'erario devono essere proporzionati a quanto il paese produce e può permettersi, e quello che fosse maturato in seguito a vecchie normative sconsiderate va rivisto e ridotto.

cir

Sab, 15/12/2018 - 17:06

maurizio-macold ; prima di dare del lestofante a DI MAIO si ricordi che senza di lui nessuno avrebbe fatto la proposta che lei si auspica.

peter46

Sab, 15/12/2018 - 17:18

oracolodidelfo...signora cara,vuol dire che i 5ms ci hanno già portato allo sfascio e per non farsi riconoscere i legaioli loro alleati da parte dx hanno aggiunto una s per non sembrare fascio il loro operato?Ma la pensione l'ha ricevuta sto mese?E la tredicesima(ca...volo hanno financo pagato la 14° prima della 13°,ed appena insediati)anche?Certamente sì...che ca...volo di sfascio è se ci hanno dato il dovuto in virtù di quel che avevamo versato?Si preoccupi quando il 2 di ogni mese non arriva un bel niente.

giluca

Sab, 15/12/2018 - 17:37

A chi sostiene che alcune risposte sono dettate solo dall'invidia, rispondo non è vero. L'invidia non centra, centrano solo i privilegi avuti negli anni precedenti che i lavoratori Statali, pubblici e parastatali hanno avuto. Ricordo solo un fatto a tutti, nel Comune di Milano un bidello poteva andare in pensione dopo 21 anni di servizio, con un milione al mese. Questa è la disuguaglianza tra pubblico e privato. Io dopo 38 anni di lavoro dipendente e in proprio, con 55 anni di età devo per forza andare in pensione dopo i 60 pagando più di quarantanni di contributi, se tutto va bene. Sia con legge Fornero o quota cento e con pensione tagliata. Non mi sembra assolutamente giusto che questi si lamentano...ma non tutti la vediamo allo stesso modo.

Alessio2012

Sab, 15/12/2018 - 18:12

Gli italiani si odiano l'uno con l'altro, è inutile negarlo. Preferiscono regalare tutto agli africani...

cir

Sab, 15/12/2018 - 18:23

giluca . anche nel privato ci sono diseguaglianze spaventose. ma i difensori delle pensioni alte ritengono che sono straguadagnate. Dall' usciere di montecitorio e del senato , a quelli che stanno impalati alle spalle dei presidenti della camera , ai barbieri e baristi a 150.000 euro all' anno vogliamo negargli la giusta pensione ?

oracolodidelfo

Sab, 15/12/2018 - 19:06

peter46 17,18 - illustre carissimo, la prego cortesemente scrivere in italiano comprensibile. Lei, è per caso Juncker sotto mentite spoglie che scrive....dopo pranzo?.......In tal caso può rispondermi anche in francese o inglese.....

oracolodidelfo

Sab, 15/12/2018 - 19:07

Quale commento duplicato?

mariod6

Sab, 15/12/2018 - 19:08

Ripeto : Siete una massa di ipocriti. I vostri contributi, specialmente nella PA sono solo figurativi, nei sindacati sono solo figurativi e la maggior parte dei dirigenti ha sempre avuto incarichi multipli e gettoni di presenza non soggetti a tassazione. Per non parlare dei parlamentari e dei politici di professione. Tutti i pensionati di queste categorie hanno già incassato più soldi di quelli pagati in contributi e Boeri continua a fare casino perché dice che i fondi non gli bastano. Buffoni siete e buffoni rimarrete sempre.

peter46

Sab, 15/12/2018 - 23:12

oracolodidelfo...ha 'preso sto giro' di non voler comprendere e...le faccio lo 'spelling',anzi no,le domando solamente:ha preso la pensione e anche la tredicesima,o no?Certamente sì,che altrimenti indossiamo i gilet gialli casomai,dunque che SFASCIO hanno fatto finora se abbiamo ricevuto il dovuto anche sto mese?NB:Quando ha voglia di leggermi,badi alla sostanza del mio dire.

oracolodidelfo

Sab, 15/12/2018 - 23:40

peter46 23,12 - quando ha voglia di leggermi.....badi a capire ciò che scrivo.

cir

Lun, 17/12/2018 - 19:15

Davons : la cavolata del secolo ..bravo !!!