Le priorità del Salvini ministro: meno migranti e più espulsioni

Matteo Salvini ha giurato da ministro degli Interni. Continuerà a guidare la Lega come segretario. E sullo spostamento di Savona agli Affari Ue: "Due passi in avanti"

Matteo Salvini è ufficialmente ministro dell'Interno. Ha giurato nelle mani di Sergio Mattarella (guarda qui il video) e ora prenderà "possesso" del Viminale prendendo il posto di Marco Minniti. I temi sul tavolo sono ovviamente due: sicurezza e immigrazione. Non solo. Il segretario si è subito insediato al Viminale dove è andato a prendere possesso della sua scrivania e ha incontrato i capi Dipartimento del ministero, tra i quali il Capo della Polizia, Franco Gabrielli.

Sul suo programma da neo-ministro, il neo-ministro è stato chiaro: "Il contrasto alle mafie, i beni confiscati, la presenza e l'organico delle forze di polizia sul territorio, i minori e le assunzioni". Insomma: sicurezza e immigrazione. Partendo dal vertice dei ministri dell'Interno Ue che si terrà a Lussemburgo il 4 e il 5 giugno in cui Salvini è pronto a dare battaglia. "Le modifiche ai regolamenti di Dublino sono peggiorative per l'Italia - ha detto - quindi se ci sarò, o chiunque ci sarà al posto mio, porterà una voce contraria dell'Italia a una riforma che invece di aiutarci a condividere il problema continua a stressare sull'Italia il problema immigrazione. Quindi, se ci sono è per dire no".

In fondo lo aveva annunciato già stamattina prima di salire al Quirinale per la cerimonia ufficiale che avrebbe tagliato i costi dell'accoglienza degli immigrati. "Sono troppi cinque miliardi per i profughi", aveva detto. E lo stesso ha ribadito appena uscito dal Palazzo dei Papi prima di dirigersi a piedi verso Palazzo Chigi: "Vediamo di dargli una sforbiciata". E poi ha dettato subito la linea per le prime azioni di governo per cui dice di avere "diverse idee in testa": "La questione immigrazione è ancora calda e chiederò come riuscire a migliorare sulla diminuzione del numero degli arrivi e l'aumento delle espulsioni".

Alla ressa di cronisti accorsi per raccogliere le sue prime dichiarazioni da ministro, Salvini ha chiesto di farlo arrivare "in ufficio" per iniziare a lavorare. Al Viminale, infatti, ci andrà già da stasera e non da lunedì. I temi sul tavolo sono diversi. A sorprendere sono le parole sui prefetti che, secondo la legge, sono i rappresentati del governo (e del Viminale) sul territorio. Quella del segretario del Carroccio è una apertura al dialogo con i sindaci: "Ci son prefetti molto in gamba - ha detto - Cercherò di incontrarli tutti" ma "un Paese moderno e federale punta tutto sui sindaci". "Era Luigi Einaudi - ha ricordato- che scriveva 'via i prefetti perché laddove c'è il prefetto non c'è democrazià. Ovviamente è passato un pò di tempo e io penso che l'Italia debba avviarsi verso una struttura sempre più vicina ai territori, alle comunità, alle autonomie, alle regioni". Negli anni passati sono stati molti gli scontri tra i primi cittadini della Lega e i prefetti soprattutto sul tema dell'immigrazione. Come noto, infatti, sono i prefetti a emettere i bandi per l'accoglienza e a distribuire i richiedenti asilo nei Comuni in cui le cooperative aprono i centri profughi.

In molti ora si chiedono quale sarà il primo provvedimento che porterà la firma del segretario leghista. "Ve lo comunicheremo", fa sapere il diretto interessaro che però non limita le possibilità alla sola sicurezza e immigrazione. "C'è anche tutto il dossier sui beni confiscati e sequestrati ai mafiosi - ha spiegato Salvini - Maroni cominciò molto bene. Se lo Stato riuscirà a gestire sempre meglio, garantendo posti di lavoro, beni e aziende confiscate alla mafia qualcuno si renderà conto che è sempre meglio lo Stato della mafia".

Bisognerà attendere. Di certo al momento c'è che dopo 88 giorni di trattative, contratti scritti al tavolo con i Cinque Stelle e lo scontro istituzionale con Mattarella, alla fine si è arrivati alla formazione del governo Conte. L'ultimo colpo di reni ha "costretto" Salvini ad uscire dal bivio e accettare lo spostamento di Paolo Savona, nome inviso al Colle, dalla casella dell'Economia a quella degli Affari europei. A chi ci ha letto una retrocessione delle posizioni leghiste che domenica scorsa avevano fatto saltare il tavolo sul nome dell'economista, il segretario del Carroccio risponde che in realtà si tratta di "due passi in avanti": "Non solo c'è Savona alle politiche comunitarie, e per ricontattare alcune regole quello è il ministero giusto, ma c'è anche un ministro dell'Economia in perfetta sintonia con Savona. Non è stato fatto un passo indietro, si è raddoppiato". E in effetti le posizioni di Giovanni Tria su flat tax, euro e Germania sono vicine a quelle del professore eurocritico. L'Europa è avvisata: "In Ue - ha detto il neo ministro Fontana - saremo fratelli e non sudditi".

Commenti

elpaso21

Ven, 01/06/2018 - 18:24

Mi aspetto grandi cose.

istituto

Ven, 01/06/2018 - 18:32

ELIMINARE IMMEDIATAMENTE I PERMESSI UMANITARI CHE SONO IL TRUCCO DEI SINISTRI PER FAR RIMANERE IN ITALIA CHI NON OTTIENE LO STATUS DI RIFUGIATO. PERMESSI UMANITARI CHE CI COSTANO UNA BARCATA DI SOLDI. Grazie Ministro.

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Ven, 01/06/2018 - 18:46

Continuate a trattarlo male, ma state attenti, anche il miglior amico dell'uomo qualche volta si rivolta e morsica.

Ritratto di Ratiosemper

Ratiosemper

Ven, 01/06/2018 - 18:53

Meno migranti, più espulsioni e niente prefetti. Lo ricordo a Salvini perché tutto deve avere un senso e, in primis, un autonomista al governo.

venco

Ven, 01/06/2018 - 18:53

I migranti vanno mantenuti, ma non devono circolare liberi nel nostro territorio, non ne hanno diritto in quanto entrati clandestini, e al primo arresto vanno tenuti in galera fin che non vengono accolti nel loro paese, non vanno giudicati alla pari dei cittadini.

ammazzalupi

Ven, 01/06/2018 - 19:03

Komunisti... Kienge... Mattarella... Germania... AVETE CAPITO? La musica è cambiata. Siano aperte le danze...!!!

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Ven, 01/06/2018 - 19:27

Il prefetto Morcone alla nuova prefettura di Trepalle , comune più alto d'Italia, 2061 mt, totalmente ad impatto ambientale zero, dove ci si scalda grazie al calore di buoi ed asinelli.

Ritratto di moshe

moshe

Ven, 01/06/2018 - 19:38

"Meno migranti e più rimpatri" ... ... ... e passare sopra a tutto ed a tutti per raggiungere l'obbiettivo !!!!!

eso71

Ven, 01/06/2018 - 19:49

FATTI NON PAROLE! E non numeri sparati nei talk show, la gente deve percepirlo nella vita reale!

Ritratto di elio2

elio2

Ven, 01/06/2018 - 20:10

Bravo Salvini. La risposta è semplice, le navi della nostra guardia costiera controllano solo le nostre acque territoriali e non quelle Libiche, mentre le navi delle finte onlus, se vogliono continuano ad andare su e giù per il mediterraneo, li scaricano poi solo nei porti dove battono bandiera, da noi NO! che è ciò che fanno gli altri Paesi, vedrete che ci penseranno molte volte prima di andare a fare da taxi agli scafisti, se poi se li devono portare a casa loro, mentre coloro che sono già stati espulsi, se li carica su una nave e li si rispediscono da dove sono venuti, senza se e senza ma. Problema risolto.

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Ven, 01/06/2018 - 20:41

Dopo tutto il fiele dei mesi scorsi, ora tutta questa melassa da’ la nausea! Mi domando in cosa siano diversi questi «NUOVI» politici dalla…«CASTA».

apostrofo

Ven, 01/06/2018 - 21:02

In situazioni come queste l'EU ammette che l'Italia non può essere lasciata sola, per questo ci lascia tuti i migranti. Al di la della facezia, è comodo per loro tirar fuori dei soldi e tappare la bocca all'Italia, la quale contro 4 soldi continua a riempirsi di stranieri di ogni provenienza e risma

karpi

Ven, 01/06/2018 - 21:54

Pazzesco!!!! Un evento di rilevanza planetaria, il primo minuto di lavoro di Salvini!!! La prima difficoltà che ha incontrato è stato con la poltrona, non capiva a cosa servisse la levetta che si trova sotto il c..o. Non è abituato con questi strumenti da lavoratori d'ufficio.

Ritratto di onefirsttwo

onefirsttwo

Ven, 01/06/2018 - 22:31

Bene ! : come si dice , auguri e figli maschi ! . Sarebbe meglio però che Salvini si facesse consigliare da qualcuno esperto , che gli renda la strada meno in salita : avrà enormi ostacoli e ostacolatori davanti . Perciò gli offro la mia consulenza a pagamento . Ohè , Salvini , Onefirsttwo è a tua disposizione . Yeeeeeeeeeeeeeeaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh .

karpi

Ven, 01/06/2018 - 23:07

"Meno migranti e più espulsioni". Cioè per i migranti si passa da 5.000.0000 a 4.999.999. E per le espulsioni da 1 a 2. E Salvini potrà orgogliosamente affermare di aver mantenuto le promesse elettorali, con un incredibile risultato per quanto riguarda le espulsioni aumentate del 100%.

ziobeppe1951

Sab, 02/06/2018 - 00:12

Karpi...otelma in confronto a te è un pivello

clamor

Sab, 02/06/2018 - 00:36

Così, giusto per cominciare, come capo della polizia metterei una persona come Bertolaso, dell'attuale non ho nessuna fiducia. Nelle questioni spinose non ha mai difeso i suoi agenti, non i dirigenti, per quelli si è scomodato, ma i semplici agenti.

Divoll

Sab, 02/06/2018 - 00:46

Eliminare il sistema dei ricorsi! Una volta che al migrante sia stato negato l'asilo, fine. Dev'essere espulso e basta. Ma soprattutto andrebbe fatta una grande campagna informativa in Africa: non venite, perche' sarete espulsi e anche se restate non avrete ne' lavoro, ne' casa, ne' la simpatia degli italiani. In altre parole, sforzatevi di migliorare il vostro paese e usate i contraccettivi.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 02/06/2018 - 04:02

Non aspettatevi chissà che, la sx è molto brava a disfare i desideri degli italiani. Troveranno sicuramente le leggi,i codicilli e semmai se non bastasse, manifestazioni di piazza dei più pericolosi dei centri sociali con distruzioni di negozi ed auto. La UE interverrà a sfavore di Salvini.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Sab, 02/06/2018 - 04:05

Quelli che lavorano possono stare.Io mi immagino milioni di islamici con le proprie famiglie che fanno vedere che lavorano ma intanto si moltiplicano a 4 alla volta svuotando il welfare, quello che dovrebbe servire per la previdenza e quindi alla fine la pensione a 60 anni ce la sogneremo.

Ritratto di Nitrogeno

Nitrogeno

Sab, 02/06/2018 - 07:06

Certo il PD e le loro Coop ingrassate dal "migrante", faranno fuoco e fiamme.. e violente piazzate: è loro tradizione. Fa' come hanno fatto, da sempre, i Sinistrati. Comincia con "la "mitraglia" dei Decreti Legge e della Fiducia. Il PdR qualcosa "bloccherà", ma non può fermare la "valanga". Vai Salvini comincia a "sparare alzo zero". Falli schiattare i "comunistoidi" ingrassati più dei suini dal "povero migrante"...i veri poveri, malati e disperati, sono ancora tutti in Africa o nel Medioriente. Aiutali laggiù. Questa è vera Solidarietà Umana. E Cristiana.

bundos

Sab, 02/06/2018 - 07:09

subito un decreto per abolire i finanziamenti pubblici a tutte le ONG,che si autofinanzino da sole,che senso ha dare soldi a loro e poi si mettono contro la Stato,troppo comodo fare accoglienza coi ns. soldi .coi risparmi finanziamo i rimpatri:20.000 al mese e' un buon inizio

Ritratto di Koerentia

Koerentia

Sab, 02/06/2018 - 07:26

Salvini, che e' stato pure EURODEPUTATO dimentica o non sa che i 5 miliardi per i "clandestini" sono dati dall'Europa per la gestione degli immigrati e solo per questo fine. Se Salvini destina questi soldi ad altro uso non verranno elargiti. Questo sara' il governo dell'incapacita'.

Ritratto di venanziolupo

venanziolupo

Sab, 02/06/2018 - 07:58

karpi le ricordo che Salvini non è del PD che manipolano i numeri a seconda della convenienza ... e per quanto riguarda il primo giorno di lavoro le ricordo che quelli del PD suoi dei non hanno ancora iniziato ...

angelovf

Sab, 02/06/2018 - 08:33

Non sarebbe una cattiva idea cambiare anche il capo della polizia, una figura molto fredda verso i propri subalterni, è proveniente dal governo PD.

Ritratto di tulapadula

tulapadula

Sab, 02/06/2018 - 08:45

Qualcuno divrà spiegare a Salvini che i 5 miliardi per la crisi dei migranti ce li da la Comunità Europea. Se li taglia semplicemente non li usa, non è che possa usarli per altri scopi. Dilettanti allo sbaraglio. Temo che di queste uscite (salvo poi accorgersi di non poter fare quello che si dice) ne vedremo tante con questi ministri penta-felpati.

Ritratto di Nitrogeno

Nitrogeno

Sab, 02/06/2018 - 09:33

tulapadula Sab, 02/06/2018 - 08:45.. "File Error" I soldi alla Ue, "appena 15 Miliardi", chi glieli danno gli australiani? Partita di giro si chiama... ma a rimettere: oltre il 25%. E' noto anche a Salvini, tranquillo non dorme appeso alla liana come renzo.

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Sab, 02/06/2018 - 11:04

Fossi leghista, l’euforia della vittoria la lascerei ai salviniani. Salvini s’è presentato al voto col CDX, ma il governo l’ha fatto, da solo, con i 5 stelle, nemici giurati del CDX. Auguri! Ma… Molti commentatori, in questa pagina, paventano ciò che @do-ut-des descrive così: «la sx è molto brava a disfare i desideri degli italiani. Troveranno sicuramente le leggi,i codicilli e semmai se non bastasse, manifestazioni di piazza dei più pericolosi dei centri sociali con distruzioni di negozi ed auto.» Evidentemente non si sono accorti che, il loro idolo, i voti per diventare «leader»(?) li ha presi dall’arcipelago della sinistra estrema, compresi quelli, che in forze nella scuola fin dal sessantotto, preparano i picchiatori dei centri (a)sociali. Si riconoscono più nel kompagno Salvini e i 5 stelle, che nel PD. Devo riconoscere che il nuovo inquilino del Viminale ha talento per infinocchiare i… «rudes», come si direbbe in latino.

Ritratto di Nitrogeno

Nitrogeno

Sab, 02/06/2018 - 14:45

Facciano pure i Sinistri, tornino alle origini..."falce a martello", sanpietrini e qualche molotov, tanto per gradire. Si accomodino, forse stavolta ci rimettono il grugno. A proposito appena possibile, un po' di lavoro ai disoccupati edili. Ristrutturare quelche "bene dello Stato" in disuso,o occupato clandestinamente...Ad esempio le vecchie caserme, si prestano bene per nuove carceri. Altro che "svuotacarceri" e buonismo a gogò e a gratis, attuati dalle mammolette sinistrate.