La regia dei rave alla Sapienza: un centro sociale occupato

Al Tre serrande la vita va avanti come se niente fosse. Gli antagonisti infatti non si fermano davanti a nulla e stanno già pensando a come organizzare il prossimo evento

Quel rave illegale si è preso la vita del 26enne Francesco Ginese, ma al Tre serrande, centro sociale occupato dentro la città universitaria, la vita va avanti come se niente fosse.

Ora è stata aperta un'inchiesta su quella che è solo l'ultima festa illegale alla Sapienza. "Ci voleva il morto", ha commentato al Messaggero qualche studente che non riesce a spiegarsi come tutto ciò sia stato possibile. Bisognerebbe chiederlo agli antagonisti del Tre serrande, "vera cabina di regia delle feste abusive".

Si tratta di una struttura occupata nell'ottobre del 2014 dal gruppo denominato Sapienza clandestina, all'interno del dipartimento di fisiologia e farmacologia. L'occupazione era stata documentata su Youtube da ragazzi che non hanno mai temuto e non temono le denunce.

Gli antagonisti infatti non si fermano davanti a niente e stanno già pensando a come organizzare il prossimo evento. La data è già fissata per 11 luglio, quando viale Regina Elena si trasfomerà in una discoteca.

Come spiega il quotidiano, i leader di Sapienza Clandestina sono quasi tutti schedati dalla Digos per i precedenti penali. Tra questi ci sono anche i 21 indagati, responsabili delle ultime feste abusive con tanto di ticket di ingresso.

Il ministro dell'Interno Matteo Salvini ha dichiarato guerra ai centri sociali. Così come ha fatto il rettore, Eugenio Gaudio al quale viene rimproverato il regolamento per l'organizzazione degli eventi, giudicato troppo duro.

Commenti
Ritratto di hernando45

hernando45

Mar, 25/06/2019 - 17:49

Cosa si aspetta a metterli in GALERAAAA!!! Comandante!!! AMEN.

Trefebbraio

Mar, 25/06/2019 - 19:14

Ma guarda un po! Dei comunisti dietro un fatto di droga, che ci sia un nesso tra essere di sinistra, il fancazzismo sociale, i punkabbestia e lo sballo indotto?

sparviero51

Mar, 25/06/2019 - 19:47

PAESE SEMPRE PIÙ DI MERXA !!!

de barba rossano

Mar, 25/06/2019 - 21:12

Che bella gioventu', una vita spezzata per niente. magari poteva finire anche peggio, con un mix di alcool, droga e pasticche. Vite a perdere.

claudio faleri

Mar, 25/06/2019 - 21:28

gli antagonisti sono dei grandi pezzi di mxxxa, pagati dalla sinistra, devono andare e lavorare basta con i parassiti della politica a lavorare,

claudio faleri

Mar, 25/06/2019 - 21:30

quei bastardi degli antagonisti, sono pagati dalla sinistra

Ritratto di cincirinella

cincirinella

Mar, 25/06/2019 - 21:30

questi li prendi uno ad uno , li porti nelle carceri della cia all'estero e li fai sparire ,tanto nessuno ne sentirà la mancanza

Italianocattolico2

Mar, 25/06/2019 - 21:51

Hanno il beneplacito del PD perché alla Sapienza se non hai la tessera non puoi fare nulla. Zingaretti ed i suoi predecessori hanno sempre coperto le magagne dei centri sociali che fanno da cassa di risonanza e da supporter violenti del partito sia nelle manifestazioni che nelle facoltà. Ma tanto quelli che danno fastidio sono solo quelli di Casa Pound !!! Gli abusivi occupano l'Università e la usano come la loro azienda da soldi, sempre con l'approvazione del partito...!!!

Ritratto di niki 75

niki 75

Mar, 25/06/2019 - 22:03

Certamente non saranno di destra, altrimenti si sarebbe scatenato un putiferio. Pertanto, "così è se vi pare" e tutto continuerà come prima.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 25/06/2019 - 22:05

Solo i sinistri, solo loro...

Ritratto di mina2612

mina2612

Mer, 26/06/2019 - 00:40

Ma qui siamo all'assurdo! Gentaglia che vive illegalmente all'interno di un'Università, con il benestare del rettore, del ministero degli interni, di tutti! ...e ancora oggi ci chiediamo come possa essere accaduto l'omicidio di Marta Russo, ossia il delitto della Sapienza del 1997.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mer, 26/06/2019 - 08:09

Roma il porto delle nebbie.

Tip74Tap

Mer, 26/06/2019 - 09:06

Certi soggetti dovrebbero essere espulsi immediatamente dall'Ateneo con azzeramento di ogni eventuale esame passato e segnalazione sul loro curriculum presso tutti i centri per l'impiego.